Edward Bunker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Sono convinto che chi non legge resta uno stupido. Anche se nella vita sa destreggiarsi, il fatto di non ingerire regolarmente parole scritte lo condanna ineluttabilmente all'ignoranza, indipendentemente dai suoi averi e dalle sue attività. »
(E. Bunker)
Edward "Eddie" Bunker

Edward "Eddie" Bunker (Hollywood, 31 dicembre 1933Burbank, 19 luglio 2005) è stato uno scrittore, sceneggiatore e attore statunitense, con un passato da criminale, che lo ha reso uno dei più importanti autori crime e noir.

Le sue opere sono largamente apprezzate da autori diversi tra loro, come James Ellroy, William Styron, Niccolò Ammaniti, e da molti cineasti, come Quentin Tarantino e Robert De Niro. Fin da piccolo si è dimostrato un bambino brillante ma con molti problemi, passando la sua infanzia in varie famiglie affidatarie e istituzioni. È entrato nel mondo della criminalità fin da giovanissimo ed è entrato e uscito varie volte di prigione. È stato accusato di essere un falsario, di aver commesso crimini come la rapina di banche, anche a mano armata, il traffico di droga e l'estorsione.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Hollywood, fin da ragazzino Eddie conosce il disagio sociale e le difficoltà di inserimento nella società: dopo ripetute fughe, in seguito al divorzio dei genitori, viene affidato al servizio sociale. Poco dopo entra in ospedale psichiatrico e poi in riformatorio. A soli 17 anni stabilisce il poco invidiabile primato di essere il più giovane recluso di tutti i tempi nel famoso carcere di San Quintino. Louise Fazenda, una ex star del cinema muto e moglie del produttore cinematografico Hal B. Wallis, con la quale Bunker aveva stretto amicizia durante il periodo intercorso tra la prima e la seconda reclusione, grazie alla sua influenza riesce a fargli recapitare una macchina da scrivere con cui Bunker scriverà i suoi primi racconti. Il primo romanzo verrà però pubblicato solo nel 1973, No Beast So Fierce (in italiano, Come una bestia feroce), da cui verrà tratto un film con Dustin Hoffman Vigilato speciale.

Gli antenati paterni erano di origine francese; il suo cognome, Bunker, è la forma anglicizzata del nome di origine francese "bon coeur", buon cuore. Nel 1975, dopo una vita passata a entrare e a uscire da prigioni e a infrangere la libertà provvisoria, inizia a trovare non solo il successo letterario, ma anche una vita tranquilla.

Ha più volte dichiarato di essere stato influenzato dalle opere di Dostoevskij, Hemingway, Moravia e Cervantes. L'esperienza carceraria e il suo passato sono alla base dei suoi libri, in cui spesso la violenza e il carcere hanno un ruolo di co-protagonisti. Nel carcere di San Quintino conosce Danny Trejo, che chiamerà anni dopo per il film A trenta secondi dalla fine.

Il cinema[modifica | modifica sorgente]

Eddie Bunker ha lavorato molto anche per il cinema, che gli ha dato la possibilità di sopravvivere fuori dal carcere. Ha scritto diverse sceneggiature per alcuni film, sempre di genere crime o poliziesco, ed ha lavorato come consulente tecnico per alcune altre pellicole (Robert De Niro lo richiese personalmente per aiutarlo nel suo ruolo per Heat - La sfida).

Ha soprattutto avuto una discreta fortuna come attore, ottenendo ruoli più o meno importanti in film come Vigilato speciale, Tango & Cash e Le iene. In quest'ultimo film, diretto da Quentin Tarantino, interpreta la parte di uno dei rapinatori protagonisti della vicenda, Mr. Blue: un ruolo piccolo, quasi un cameo, scritto da Tarantino (accanito fan dei suoi romanzi) apposta per lui, e rimasto la sua immagine più celebre. Altre piccole apparizioni nelle vesti di carcerato sono quella nel film A 30 Secondi Dalla Fine (Runaway Train) di Andrei Konchalovsky del 1985 di cui Bunker ha firmato la sceneggiatura e quella nel film L'altra sporca ultima meta (The Longest Yard) diretto da Peter Segal nel 2005.

I suoi libri hanno dato vita a loro volta ad alcune pellicole: Steve Buscemi ha diretto Animal Factory (nel quale Bunker appare in un cameo), tratto dal suo omonimo romanzo, mentre da Come una bestia feroce è stato tratto il film Vigilato speciale, con Dustin Hoffman e lo stesso Eddie Bunker.

La morte[modifica | modifica sorgente]

Bunker, ammalato di diabete, è morto, all'età di 71 anni, il 19 luglio 2005 a Burbank, California, a seguito di un intervento chirurgico per migliorare la circolazione sanguigna nelle gambe[1].

Opere[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Viene anche citato anche come consulente tecnico alla sceneggiatura per American Heart (1992) e Heat - La sfida (Heat) (1995)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ McLellan, Dennis. Edward Bunker, 71; Ex-Con Wrote Realistic Novels About Crime [obituary]. Los Angeles Times, 24 luglio, 2005.
  2. ^ a b c d e f g h Catalogo SBN. URL consultato il 20 aprile 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 10028457 LCCN: n83013689