Dolce di Barcellona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dolce, regina consorte del Portogallo.

Dolce Raimundez, chiamata anche Dolce Berengaria d'Aragona. Dulce in spagnolo, in asturiano, in aragonese, in portoghese e in galiziano, Dolça, in catalano e Dulze in basco (1160Coimbra, 1º settembre 1198), fu regina consorte di Portogallo, dal 1185 al 1198.

Origine[1][2][modifica | modifica wikitesto]

Figlia del conte di Barcellona, Raimondo Berengario IV e della regina di Aragona, Petronilla (figlia del re di Aragona, Ramiro II e Inés di Poitou o Agnese di Poitiers), e quindi sorella del sovrano della corona d'Aragona, Alfonso II.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1175 (secondo le Cronache Lusitane[3], il matrimonio avvenne nel 1174), Dolce sposò l'erede al trono del Portogallo[4], il figlio del re del Portogallo Alfonso I e della principessa Mafalda di Savoia (1125-1158, figlia secondogenita del conte di Savoia Amedeo III e di Mafalda d'Albon), Sancho, che, nel 1185, alla morte del padre, Alfonso il Conquistatore, divenne re del Portogallo e Dolce divenne regina consorte.

Regno d'Aragona
Casa di Navarra
Blason Royaume d'Aragon ancien.svg

Ramiro I
Figli
Sancho I
Pietro I
Figli
  • Pietro
  • Isabella
Alfonso I
Ramiro II
Petronilla con Raimondo Berengario IV di Barcellona
Figli
Modifica

A Dolce spettò la signoria di Alenquer, con le relative rendite.

Dolce morì a Coimbra il 1º settembre del 1198 e a Coimbra fu tumulata nel monastero della Santa Croce[4] dove erano già stati tumulati i suoi suoceri.

Discendenza[1][4][5][modifica | modifica wikitesto]

Dolce diede undici figli a Sancho:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Capetingi
  2. ^ (DE) Petronilla Ramirez genealogie mittelalter
  3. ^ Le Cronache Lusitane è una cronaca della Storia del Portogallo che inizia dalle prime migrazioni dei Visigoti (datate 311), sino al regno di Alfonso I (1139-1185)
  4. ^ a b c (EN) Dinastie reali d'Aragona
  5. ^ (DE) Sancho I di Portogallo genealogie mittelalter

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rafael Altamira, La Spagna (1031-1248), in «Storia del mondo medievale», vol. V, 1999, pp. 865-896
  • Edgar Prestage, "Il Portogallo nel medioevo", in Storia del mondo medievale', vol. VII, 1999, pp. 576-610

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Armoiries Portugal 1180.svg
regina consorte del Portogallo
Successore Flag of Portugal.svg
Mafalda di Savoia 1185 - 1198 Urraca di Castiglia