Sancha del Portogallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beata Sancha del Portogallo
Le tre sorelle beate, Sancha (in cielo), Teresa (al centro) e Mafalda. Dipinto anonimo del XVIII secolo nel Monastero di Lorvao
Le tre sorelle beate, Sancha (in cielo), Teresa (al centro) e Mafalda. Dipinto anonimo del XVIII secolo nel Monastero di Lorvao
Nascita 1178
Morte 1229
Ricorrenza 11 aprile

Sancha Sanchez, detta anche Regina Santa Sancha (Coimbra, 22 aprile 1178Coimbra, 13 marzo 1229), è stata una badessa portoghese, proclamata beata dalla Chiesa cattolica.

Re del Portogallo
della Casa di Borgogna
PortugueseFlag1143.svg

Alfonso I
Sancho I
Alfonso II
Figli
Sancho II
Alfonso III
Figli
Dionigi
Alfonso IV
Pietro
Figli
Ferdinando
Figli
Beatrice
Figli
  • Michele
Modifica

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia del re del Portogallo, Sancho I e di Dolce di Barcellona (1160-1198), figlia della regina di Aragona, Petronilla e del conte di Barcellona, Raimondo Berengario IV[1][2][3].

Fece vita ritirata sin da giovane e presto divenne suora, nel monastero di Celas nella freguesia di Sant'Antonio di Olivais di Coimbra, che lei aveva fondato.
Poi fondò e fu la prima Badessa del convento di Lorvao[1].

Alla morte del padre, nel 1211, Sancha ricevette in eredità il castello di Alenquer, nel distretto di Lisbona, unitamente alla città, con le relative rendite, divenendo la signora di Alenquer[1].
Ma il nuovo re, Alfonso II, rifiutava di consegnargliela, così come rifiutava di consegnare terre e città anche alle altre due sorelle, Mafalda e Teresa. Alfonso temeva che, una volta riconosciuto il diritto di proprietà alle sorelle, eventuali eredi avrebbero poi potuto succedere loro e spezzare l'unità del regno.
Da questo fatto nacque una disputa tra il re e le tre sorelle, che avevano l'appoggio di buona parte della nobiltà; la disputa portò ad un conflitto che vide vincitore il re sui nobili ribelli.La crisi fu risolta, alla morte di Alfonso, nel 1223, dal suo successore, Sancho II, che consentì alle zie di ricevere le rendite, pur mantenendo il controllo di castelli e città.

Finalmente sia Sancha che le sorelle, che erano monache cisterciensi, poterono rientrare nel loro conventi; Sancha passò per il resto dei suoi anni nei due conventi da lei fondati: il monastero di Celas e il convento di Lorvao.
Sancha morì il 13 marzo del 1229 nel monastero di Celas nella freguesia di Santo António dos Olivais di Coimbra. La sua salma fu traslata nel monastero di San Mamede, a Lorvao (Penacova), dove era stata badessa e dove viveva sua sorella Teresa.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 di dicembre del 1705 Sancha fu beatificata da Papa Clemente XI, unitamente a sua sorella Teresa.

È festeggiata dalla Chiesa cattolica l'11 aprile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Portogallo
  2. ^ (EN) Capetingi
  3. ^ (DE) Sancho I di Portogallo genealogie mittelalter

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edgar Prestage, Il Portogallo nel medioevo, in "Storia del mondo medievale", vol. VII, 1999, pp. 576–610

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]