Berengaria del Portogallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
ricostruzione del volto della regina Berengaria

Berengaria Sanchez Berenguela anche in spagnolo, in asturiano, in aragonese, in portoghese, in galiziano (in portoghese e galiziano anche Berengária), Berenguera in catalano e Berengaria in basco. Berengaria in latino (Coimbra, 14 dicembre 1194Ringsted, 27 marzo 1221) fu regina consorte di Danimarca dal 1214 alla sua morte.

Origine[1][2][3][modifica | modifica wikitesto]

Figlia del re del Portogallo, Sancho I e di Dolce di Barcellona (1160-1198), figlia della regina di Aragona, Petronilla e del conte di Barcellona, Raimondo Berengario IV.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Berengaria del Portogallo era cugina prima di Berengaria di Navarra, moglie di Riccardo cuor di Leone ed insieme ebbero l'occasione di conoscere il re di Danimarca, Valdemaro II, detto il Conquistatore, fratello di Ingeborg, moglie del re di Francia, Filippo Augusto. Valdemaro, nel 1212, era rimasto vedovo di Margherita di Boemia, detta la Regina Dagmar (ca. 1189-1212), figlia del re di Boemia, Ottocaro I[4].

Secondo gli Annales Ryenses[5] Berengaria, nel maggio del 1214, si sposò con Valdemaro II (1170-1241), figlio del re di Danimarca, Valdemaro il Grande e di Sofia Volodarovna di Novgorod[1].
In un documento del 1216, Berengaria è citata come testimone ed è detta regina di Danimarca[1].

La nuova regina, il cui nome fu cambiato in Bringhenilla, era la seconda moglie del re[1], per il suo aspetto e forse anche per l'altezzosità, non fu ben accetta in Danimarca.
Comunque con Valdemaro le cose andarono bene, gli diede quattro figli e quando morì era in attesa del quinto.

Nel 1219, Valdemaro condusse la vittoriosa campagna di Estonia, dove secondo la leggenda, alla battaglia di Lyndanisse che ebbe luogo vicino a Tallinn un panno rosso con una croce bianca cadde dal cielo durante la battaglia, e da quel giorno quel simbolo, chiamato Dannebrog, divenne la bandiera della Danimarca.

Berengaria morì il primo aprile del 1221, vittima della peste e la morte è riportata negli Annales Ryenses[1][5].
Berengaria fu tumulata nella chiesa di Ringsted[1].

Figli[4][6][7][modifica | modifica wikitesto]

Berengaria diede a Valdemaro il Conquistatore quattro figli:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) Portogallo
  2. ^ (EN) Capetingi
  3. ^ (DE) Sancho I di Portogallo genealogie mittelalter
  4. ^ a b (EN) Danimarca
  5. ^ a b Gli Annales Ryenses sono cronache (annali) scritte nell'abbazia danese di Ryd, che vanno dal leggendario re, Danr all'inizio del XIV secolo, al regno di Eric VI di Danimarca.
  6. ^ (EN) Re di Danimarca-genealogy
  7. ^ (DE) Valdemaro II di Danimarca genealogie mittelalter

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Halvdan Koht, I regni scandinavi fino alla fine del XIII secolo, in «Storia del mondo medievale», vol. V, 1999, pp. 897-929
  • Edgar Prestage,Il Portogallo nel medioevo, in «Storia del mondo medievale», vol. VII, 1999, pp. 576-610

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 45727611