Valdemaro I di Danimarca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valdemaro I
Valdemar 1. den Store.jpg
Re di Danimarca
In carica 1157 - 1182
Predecessore Sweyn III
Successore Canuto VI
Nascita 14 gennaio 1131
Morte 12 maggio 1182
Padre Canuto Lavard
Consorte Sofia di Minsk
Figli Sofia
Canuto VI
Valdemaro II
Margherita
Maria
Ingeburge
Richeza
Elena

Valdemaro I di Danimarca, conosciuto anche come Valdemaro il Grande (14 gennaio 113112 maggio 1182), fu re di Danimarca dal 1157 al 1182.

Era figlio di Canuto Lavard, un principe danese cavalleresco e popolare, figlio primogenito di Eric I di Danimarca, e di Ingeborg, figlia di Mstislav di Kiev. Il padre venne ucciso pochi giorni prima della sua nascita e la madre gli diede il nome del nonno materno, Vlamidiro Monomakh di Kiev.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Statua di Waldemaro il Grande a Ringsted

Essendo uno degli eredi al trono e con i rivali che andavano acquistando rapidamente potere, fu cresciuto alla corte di Asser Rig di Fienneslev, insieme al figlio di quest'ultimo, Absalon, che sarebbe in seguito diventato il suo fidato amico e ministro.

Quando Valdemaro aveva sedici anni il re Erik III abdicò e scoppiò una guerra civile per la successione al trono. I pretendenti erano: Sweyn III Grathe, figlio di Erik II Emune; Canuto (Canuto V Magnussen), figlio del principe Magnus, che era a sua volta figlio di re Niels, e Valdemaro stesso (che deteneva lo Jutland, o almeno lo Jutland meridionale). La guerra civile durò quasi dieci anni.

Nel 1157 il re Sweyn tenne un grande banchetto per Canuto, Absalon e Valdemaro allo scopo di sbarazzarsi di tutti i suoi rivali. Canuto rimase ucciso, ma Absalon e Valdemaro riuscirono a fuggire. Valdemaro tornò nello Jutland. Velocemente Sweyn lanciò un'invasione, ma venne sconfitto da Valdemaro e rimase ucciso durante la battaglia, presumibilmente da un gruppo di contadini che si imbatterono in lui mentre fuggiva dal campo di battaglia.

Valdemaro, essendo sopravvissuto a tutti i suoi rivali, divenne l'unico re di Danimarca.

Nel 1158 Absalon fu eletto vescovo di Roskilde e Valdemaro ne fece il suo amico e consigliere principale. Riorganizzò e ricostruì la distrutta Danimarca. Su istigazione di Absalon dichiarò guerra ai Vendi, che abitavano nella Pomerania e nell'isola di Rügen, nel Baltico. Nel 1168 la capitale dei Vendi, Arkona, fu conquistata ed i Vendi divennero cristiani e soggetti alla sovranità danese. L'influenza danese penetrò in Pomerania.

Il regno di Valdemaro vide la crescita della Danimarca, che raggiunse il suo apice con il suo secondo figlio Valdemaro. Valdemaro I morì nel 1182 e gli succedette il primo figlio Canuto VI.

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica sorgente]

Valdemaro sposò Sofia di Minsk, figlia di Rahvalod Barysavič, duca di Pólacak, dalla quale ebbe:

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine dell'Elefante - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Elefante

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re di Danimarca Successore
Sweyn III 11571182 Canuto VI

Controllo di autorità VIAF: 287589788 LCCN: nr95046175

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie