Valdemaro II di Danimarca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valdemaro II
Valdemar sejr.jpg
Re di Danimarca
Stemma
In carica 1202 - 1241
Predecessore Canuto VI
Successore Eric IV
Conte di Holstein
In carica 1203 - 1227
Nascita 9 maggio 1170
Morte Vordingborg, 28 marzo 1241
Padre Valdemaro I
Madre Sofia di Minsk
Consorte Richeza di Baviera
Margherita di Boemia
Berengaria del Portogallo
Figli Valdemaro
Eric IV
Abele
Cristoforo I
Sofia

Valdemaro II di Danimarca, detto Valdemaro il conquistatore o Valdemaro il vittorioso, Valdemar Sejr (9 maggio 1170Vordingborg, 28 marzo 1241), fu re di Danimarca dal 1202 sino alla sua morte, e conte di Holstein dal 1203 al 1227. Il soprannome Sejr è un'invenzione successiva e non è stato usato durante l'esistenza del Re.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Egli era il secondogenito di re Valdemaro I e di Sophia di Polack. Nel 1202 l'allora duca Valdemaro, dopo averlo servito per anni, succedette all'anziano fratello Canuto VI, il quale non aveva figli. Egli è annoverato tra i più grandi sovrani di Danimarca. Nel 1204 ottenne il riconoscimento della Norvegia come regno. Nel 1210 cominciò ad estendere l'influenza danese nella crociata contro le ultime tribù pagane sulle opposte rive del Mar Baltico. Il suo merito più importante fu la sottomissione degli Estoni del nord dopo la decisiva battaglia di Lyndanisse che ebbe luogo vicino a Tallinn nel 1219. Secondo la leggenda un panno rosso con una croce bianca cadde dal cielo durante la battaglia, e da quel giorno quel simbolo, chiamato Dannebrog, è la bandiera della Danimarca.

La nazione danese era all'apice della sua grandezza ma nel 1223 Valdemaro venne catturato dal suo vassallo, il conte di Schwerin, il quale lo rilasciò nel 1226, solo a condizione che Valdemaro cedesse la maggior parte delle conquiste in nord Germania. Nel 1227 il Re concluse il trattato con suo nipote Otto I e invase la Germania settentrionale tentando di riconquistare i territori perduti, ma fu sconfitto disastrosamente nella battaglia di Bornöved il 22 luglio 1227. Tale sconfitta segnò la fine della dominazione danese nel Mar Baltico del sud, ma l'Estonia danese fu conservata.

Valdemaro passò il resto della vita codificando la legge che venne completata poco prima della sua morte: il Codice dello Jutland.

Raffigurazione della battaglia di Lyndanisse e della leggenda della nascita del Dannebrog.
Valdemaro II sulle monete dell' epoca

Famiglia[modifica | modifica sorgente]

Dal breve primo matrimonio con Margherita di Boemia, ebbe un figlio, Valdemaro, il quale gli succedette.

Alla morte di Dagmar, al fine di costruire buone relazioni con le Fiandre, un principato importante commercialmente, il re sposò Berengaria di Portogallo, sorella di Ferdinando, conte di Fiandra, nella cui corte l'orfana Berengaria soggiornò fino al matrimonio. Ebbero tre figli, Eric IV di Danimarca, Abel di Danimarca, Cristopher I di Danimarca e una figlia, Sophie.

Le due regine di Valdemaro giocano un ruolo notevole nelle ballate e nei miti danesi: Dagmar come la delicata, devota e popolare moglie ideale e Berengaria come la donna bella e altezzosa; però entrambe le versioni non sono confermate.

Prima del suo matrimonio con Margherita di Boemia, Valdemaro sposò nel 1202 Richeza di Baviera, la figlia del Duca di Sassonia.

Re Valdemaro ebbe anche almeno due figli illegittimi, Canuto, che fu eletto Duca di Reval (Estonia), Lolland e Blekinge, nato da una nobildonna, Helena Guttormsdotter, svedese di nascita e moglie di un importante nobile Danese, e Nicolas, che venne nominato Conte di Halland.

In memoriam[modifica | modifica sorgente]

A causa della sua qualifica di "il re di Dannebrog" e di legislatore, Valdemaro riveste un ruolo centrale nella storia della Danimarca. Ai posteri le guerre civili e la dissoluzione che seguirà dopo la sua morte lo resero l'ultimo sovrano di un periodo d'oro.

Sin dal 1912, il 15 giugno viene ufficialmente chiamato Valdemarstag (il giorno di Valdemaro). La data adesso fa parte del gruppo dei 33 Giorni della Bandiera dove la Dannebrog è innalzata in celebrazione.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine dell'Elefante - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Elefante
Gran Maestro dell'Ordine del Dannebrog - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Dannebrog

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re di Danimarca Successore
Canuto VI 12021241 Eric IV