Castellar (Alpi Marittime)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Castellaro (Francia))
Castellar
comune
Castellar – Stemma
Dati amministrativi
Stato Francia Francia
Regione Blason région fr Provence-Alpes-Côte d'Azur.svg Provenza-Alpi-Costa Azzurra
Dipartimento Nice Arms.svg Alpi Marittime
Arrondissement Nizza
Cantone Mentone Est
Territorio
Coordinate 43°48′N 7°30′E / 43.8°N 7.5°E43.8; 7.5 (Castellar)Coordinate: 43°48′N 7°30′E / 43.8°N 7.5°E43.8; 7.5 (Castellar)
Altitudine 342 m s.l.m.
Superficie 12,27 km²
Abitanti 997[1] (2009)
Densità 81,26 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 06500
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 06035
Nome abitanti Castellarois (FR); Castellaresi (IT)
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Francia
Castellar

Castellar (in italiano, desueto, Castellaro, come in mentonasco) è un comune francese di 997 abitanti, situato nel dipartimento delle Alpi Marittime, nella regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Confina con il territorio italiano.

Lingua[modifica | modifica sorgente]

La lingua parlata è il mentonasco, che prende il nome da Mentone, un idioma gallo-romanzo di transizione tra l'area ligure e quella occitana.

Castellar fa quindi parte della Terra Mentonasca, cosiddetto Paese Mentonasco. Infatti viene chiamata così la regione dove è corrente tale linguaggio.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Il territorio del comune di Castellar appartiene geograficamente alla regione fisica italiana, come tutto l'ex Contado di Nizza.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il primo villaggio di Castellaro[2], detto Castellaro Vecchio, si trovava su uno sperone roccioso situato a nord est del paese attuale.

Il toponimo, o nome del villaggio, appare per la prima volta il 19 gennaio 1258, in un atto di cessione del territorio dal conte di Ventimiglia al conte di Provenza, Carlo I d'Angiò.

Nel 1261, il conte Gugliemo Pietro di Ventimiglia si sposò con Eudossia Lascaris, della famiglia imperiale di Bisanzio, i cui discendenti portarono allora il cognome di Lascaris.

Il castello è citato nel 1302, e sarebbe stato costruito dal municipio di Peglia. Nel 1388, Castellaro fece atto di dedizione a Nizza, e la contea nizzarda passò sotto il controllo dei conti di Savoia, e poi duchi di Savoia.

Essendo diminuite le minacce di aggressioni da parte dei Saraceni, un accordo venne approvato il 30 settembre 1435, tra Luigi ed Enricone Lascaris, signori di Gorbio e di Castellaro, con gli abitanti, indicante: È permesso a quest'ultimi di spostare il villaggio in un luogo più comodo, sulla collina di San Sebastiano, e di costruirvi a loro spese, nello spazio temporale di cinque anni, ventinove case della medesima altezza e larghezza, di fortificarle con una cinta esterna e di abitarle con le loro famiglie, come uomini ligi e soggetti fidi.

Tale fondazione del Nuovo Castellaro spiega la disposizione regolare del villaggio lungo strade diritte e parallele.

I signori di Castellaro appartengono tutti alla famiglia Ventimiglia-Lascaris.

Il comune passò prima alla Contea di Tenda, e poi con i Savoia alla Contea di Nizza, di cui seguì la storia nel Ducato di Savoia, e successivamente nel Regno di Sardegna, di cuì seguì ugualmente la storia, per poi passare infine nel 1860 alla Francia.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ ↑ Guglielmo Stefani, Dizionario generale geografico-statistico degli Stati sardi, Torino, Pomba, 1855, p. 265.
Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia