Castel San Giovanni (Finale Ligure)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castel San Giovanni
Finalborgo (Finale Ligure)-castel San Giovanni (2014)-2.jpg
Ubicazione
Stato attuale Italia Italia
Regione Liguria
Città Finale Ligure
Informazioni generali
Tipo castello-fortezza
Primo proprietario Marchesato di Finale
Termine funzione strategica 1707
Inizio costruzione 1640-1674
Termine costruzione 1644-1678
Costruttore Gaspare Beretta
(progetto seconda riedificazione)
Note proprietà comunale

[senza fonte]

voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il Castel San Giovanni è una fortezza nel comune ligure di Finale Ligure, in provincia di Savona, situata ad un'altitudine di 50 m s.l.m.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

L'attuale Castel San Giovanni fu costruito allo scopo di rafforzare le difese dagli spagnoli dal 1640 al 1644 sui ruderi di un torrione risalente alla metà del XV secolo. Questo torrione (ricordato da Gianmario Filelfo e di cui si ha notizia da un disegno del 1571), costituisce oggi il corpo centrale, a pianta ottagonale, della fortezza.

Molto più recente del vicino Castel Gavone, ne costituiva una difesa avanzata e simultaneamente proteggeva e controllava Finalborgo, la capitale del Marchesato di Finale.

Venne spesso restaurato e ampliato nei suoi settori dagli spagnoli tra il 1674 ed il 1678, guidati dall'ingegnere Gaspare Beretta, che si occuparono del collegamento diretto con il borgo e dei rinforzi delle fortificazioni.

Fu abbandonato nel 1707 e nel 1713 ceduto dall'Austria a Genova, che lo demolì in parte.

Nel 1822 divenne un penitenziario, poi dal 1960 fu incamerato dal demanio e negli ultimi anni interamente restaurato.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Nino Lambroglia, G.A. Silla, I monumenti del Finale, Bordighera, 1951.
  • G.A. Silla, Storia del Finale, Savona, 1946-1965.
  • Mauro Minola, Beppe Ronco, Castelli e Fortezze della Liguria, Genova, Edizioni Servizi Editoriali, 2006, ISBN 88-89384-15-8.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]