Carcharhinus falciformis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Carcharhinus falciformis
Carcharhinus falciformis off Cuba.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Chondrichthyes
Sottoclasse Elasmobranchii
Ordine Carcharhiniformes
Famiglia Carcharhinidae
Genere Carcharhinus
Specie C. falciformis
Nomenclatura binomiale
Carcharhinus falciformis
Müller & Henle, 1839
Sinonimi

Carcharias falciformis

Areale

Carcharhinus falciformis rangemap.png

Areale confermato (in blu) e presunto (azzurro) del C. falciformis.

Il Carcharhinus falciformis Müller & Henle, 1839 è uno squalo pelagico di grandi dimensioni appartenente al genere Carcharhinus ed alla famiglia Carcharhinidae.

Areale[modifica | modifica sorgente]

Questi squali si incontrano spesso in mare aperto.

Si trovano in tutto il mondo, in mari a temperatura maggiore di 23 °C[1]. Di solito vive al largo, ma si può avvicinare alle coste, specialmente in prossimità di isole oceaniche isolate[1].

Nell'Oceano Atlantico, se ne trovano dallo stato del Massachusetts alla Spagna a nord, e dal Brasile meridionale all'Angola settentrionale a sud. Sono presenti nel Mar Mediterraneo, nel Golfo del Messico, nel Mar dei Caraibi. Abitano inoltre l'intero Oceano Indiano, tanto a sud da raggiungere il Mozambico da un lato e l'Australia occidentale dall'altro. Il Mar Rosso ed il Golfo Persico appartengono anch'essi all'areale. Nell'Oceano Pacifico, a nord l'areale raggiunge Cina e Giappone da un lato, la Baja California ed il Golfo di California dall'altro, a sud si estende dalla zona di Sydney, Australia alla Nuova Zelanda sino al Cile[1][2]. Basandosi su dati storici, quattro differenti popolazioni sono state individuate: atlantica nordoccidentale, pacifica centroccidentale, pacifica orientale e indiana[2].

Habitat[modifica | modifica sorgente]

Vivono principalmente in oceano aperto, e sono più comunemente avvistati nella zona compresa tra la superficie fino alla profondità di 200 metri. Possono spingersi fino a 500 metri di profondità[1], che superano difficilmente[3], anche se un esemplare è stato avvistato addirittura a 4000[4].

Studi specifici compuiti nell'area tropicale pacifica e nel Golfo del Messico nordoccidentale hanno provato che questi squali spendono il 99% del loro tempo al di sopra dei 50 metri di profondità, e l'80-85% del tempo in acque tra i 26 ed i 30 °C; tutto questo indipendentemente dall'ora del giorno o della notte[5][6].

La specie predilige i bordi delle piattaforme continentali ed insulari, al di sopra di barriere coralline profonde e presso isole. Sulle coste dei continenti l'areale si estende molto più a nord ed a sud che in oceano aperto. Può avventurarsi in acque costiere profonde solo 18 metri.[7].

Si muovono molto e migrano, anche se i dettagli del processo di migrazione sono poco noti. Alcuni esemplari sono stati osservati mentre si spostavano anche di 60 km al giorno e coprivano distanze totali fino a 1339 km[8]. Gli esemplari di grandi dimensioni si spostano in genere di più. Nel Pacifico, ma probabilmente anche altrove, spendono i mesi invernali a latitudini più grandi, in modo particolare durante gli anni in cui l'effetto di El Niño è più consistente[9][10]. Nell'Atlantico settentrionale, la maggior parte di questi squali segue la Corrente del Golfo a nord lungo la East Coast[8]. Nel Golfo di Aden, è più comune incontrarli in tarda primavera ed estate[2].

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

La forma del corpo è quella tipica degli squali nell'immaginario collettivo, snella e con la pelle liscia e setosa. Presenta un muso arrotondato, gli occhi grandi e la bocca relativamente piccola[11]. I denti presentano cuspidi[11].Sul dorso il colore è marrone grigiastro e sul ventre è bianco senza tessiture particolari[11]. Ciò che distingue il Carcharhinus falciformis dagli altri squali è la seconda pinna dorsale, dotata di una punta che si eleva per un'altezza pari a 2 volte e mezza quella della pinna stessa[11]. La prima dorsale è inoltre posta molto più indietro di quella degli altri Carcharhiniformes: la sua base è all'indietro rispetto alle pinne pettorali[12][13]. La lunghezza massima registrata è di 3.5 metri[14], ma generalmente non superano i 2.4 metri.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Il Carcharhinus falciformis è più attivo, anche se meno aggressivo, degli altri due squali pelagici, la verdesca (Prionace glauca) e lo squalo longimanus (Carcharhinus longimanus). Si avvicina alle coste più frequentemente delle altre due specie, ma rimane uno squalo pelagico, anche perché le sue sortite vicino a terra rimangono rare in termini assoluti. Molto più facilmente lo si trova vicino a barriere coralline con pendenze elevate. Si tratta di un pesce solitario[15], anche se spesso è accompagnato da scuole di tonni[1].

Dieta[modifica | modifica sorgente]

Tonni come questi sono tra le prede favorite del Carcharhinus falciformis, che spesso li insegue quando sono raggruppati in scuole.

Sono predatori opportunisti, che si nutrono principalmente di pesci ossei sia al largo che vicino alle coste, ma anche di calamari, granchi ed argonauta[16]. Vi sono evidenze fossili di sciacallaggio su carcasse di balena

Tra i pesci che cadono preda di questi squali troviamo tonni, sgombri, sardine, cernie, pesci delle famiglie Mugilidae e Lutjanidae e del genere Decapterus, chifosidi, pesci gatto di mare, anguille, pesci lanterna, monacantidi, pesci balestra, pesci istrice[1][2][17].

In presenza di grandi quantità di cibo si riuniscono in gruppi numerosi. Uno di questi gruppi è stato osservato nel Pacifico mentre costringeva pesci più piccoli a stringersi uno addosso all'altro in una massa compatta vicino alla superficie, in modo da intrappolarli e poterli divorare più facilmente[2]. In questi casi gli squali non fanno altro che attraversare i banchi di prede con la fauci spalancate e li bloccano ai lati della mascella. Anche se la caccia avviene in gruppo, ogni individuo porta gli attacchi singolarmente ed indipendentemente dagli altri[18].

Alcuni studi condotti al largo della Florida e delle Bahamas hanno evidenziatò la forte sensibilità della specie ai suoni, in particolare agli impulsi irregolari a bassa frequenza (nella banda 10-20 Hz). In vari esperimenti, questi suoni riprodotti sott'acqua hanno attirato squali lontani centinaia di metri. Gli squali in questione si orientano in base a questi suoni perché sono simili a quelli emessi da prede quali uccelli o delfini, e pertanto indicano fonti di cibo promettenti[18][19]. Gli stessi studi hanno dimostrato come dopo essere stato attirato dal suono, uno di questi squali si ritira rapidamente se il suono cambia improvvisamente in ampiezza o tono. La reazione non è necessariamente legata alla comparsa di predatori che emettono suoni di disturbo. Se esposti ripetutamente a questi cambiamenti di tonalità ed ampiezza, i Carcharhinus falciformis vi si abituano e smettono di fuggire, anche se l'apprendimento richiede più tempo che nel più coraggioso Carcharhinus longimanus[20].

La forza del morso delle mascelle lunghe 2 m è stata misurata e raggiunge gli 890 N[21]. Vi è un'interessante relazione tra questa specie ed i tonni: al largo del Ghana, praticamente ogni scuola di tonni ha uno di questi squali che la insegue, e nel Pacifico orientale i danni agli attrezzi da pesca sono così ingenti che i pescatori di tonni hanno soprannominato la specie squalo mangiatore di reti[1][22]. Questi squali rivaleggiano con i delfini dal naso a bottiglia per il cibo, quando entrambi gli animali prendono di mira lo stesso banco di prede. La quantità di cibo che i delfini riescono a catturare si riduce in presenza di squali. se gli squali sono in grande numero, tendono ad occupare il centro del banco, mentre i delfini sono confinati alla periferia, probabilmente in maniera volontaria, in modo da evitare di rimanere feriti durante gli attacchi dei pescecani. Al contrario, se i delfini si riuniscono in numero sufficiente, sono in grado di allontanare gli squali. Indipendentemente da chi dei due animali sia in vantaggio, squali e delfini non hanno attaggiamenti esageratamente aggressivi verso l'un l'altro[23].

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Un giovane esemplare della specie. Le madri mettono al mondo squaletti vivi e completamente formati.

Come le altre specie della famiglia, questi squali sono vivipari e gli embrioni, una volta esaurita la riserva di tuorlo si nutrono durante la crescita attraverso il sacco vitellino, dopo che questi si è trasformato in una connessione placentale tra figlio e madre. Contrariamente a quanto accade per altri squali vivipari, la placenta di questa specie è diversa da quella dei mammiferi per il fatto che non vi è mescolanza di tessuti tra madre e figlio. Inoltre, i globuli rossi fetali sono molto più piccoli di quelli materni, al contrario di ciò che avviene nei mammiferi. Le femmine adulte hanno un unico ovario funzionale (sul lato destro) e due uteri funzionali, che sono divisi longitudinalmente in compartimenti da dedicare ai diversi embrioni[24].

Si ritiene che quasi ovunque si riproducano per tutto l'anno, mentre l'accoppiamento nel Golfo del Messico avviene in tarda primavera o all'inizio dell'estate (da maggio ad agosto)[7][25]. Errori nella raccolta dati possono comunque aver oscurato comportamenti stagionali anche in altre zone[2]. Le femmine mettono al mondo la prole ogni anno o ogni due dopo una gestazione di 12 mesi circa[26]. Le dimensioni della cucciolata possono essere comprese tra 2 e 14[16], ma altre fonti individuano i limiti in 1 e 16 esemplari, il numero essendo più grande in relazione alle dimensioni della madre. Il numero tipico è di 6-12 squaletti[2].

La nascita avviene in appsite aree nido sul bordo esterno della piattaforma continentale, dove molto cibo è disponibile e attacchi da parte di grossi squali di altre specie che vivono al largo sono meno probabili. Il rischio legato alla predazione ha sviluppato nei cuccioli una capacità di crescita molto rapida, che gli permette di crescere di 25–30 cm nel primo anno di vita. Dopo qualche mese (o prima del primo inverno nel Golfo del Messico) il giovane squalo abbandona l'area protetta per inoltrarsi in oceano aperto[2][18][25].

Crescita del Carcharhinus falciformis
Area Lunghezza alla nascita Lunghezza del maschio alla maturità Lunghezza della femmina alla maturità
Atlantica nordoccidentale 68–84 cm[2] 2.15-2.25 m[27] 2.32-2.46 m[27]
Atlantica orientale ? 2.20 m[28] 2.38-2.50 m[22][28]
Indiana 56–87 cm[2] 2.39-2.40 m[2][29] 2.16-2.60 m[2][29]
Pacifica occidentale ? 2.10-2.14 m[30][31] 2.02-2.20 m[30][32]
Pacifica centrale 65–81 cm[32] 1.86 m[33] 2.00-2.18 m[9][33]
Pacifica orientale 70 cm[2] 1.80-1.82 m[2][26] 1.80-1.82 m[2][26]

La vita e la crescita di questi squali varia all'interno dell'areale (vedi tabella). Gli esemplari dell'Atlantico nordoccidentale sono tendenzialmente più grandi di quelli del Pacifico centro occidentale a tutte le età, mentre gli individui del Pacifico orientale sono più piccoli di tutti gli altri. Gli esemplari atlantici orientali ed indiani sembrano raggiungere e superare la lunghezza degli atlantici nordoccidentali, ma non vi sono dati a sufficienza per esserne certi[2].

Il tasso di crescita è in generale moderato se confrontato con squali di altre specie e simile per entrambi i sessi, anche se può variare sensibilmente tra i singoli esemplari. Nel Pacifico centrale ad esempio, uno studio ha asserito una crescita più lenta delle femmine rispetto ai maschi, ma può darsi che pochi dati su femmine di grandi dimensioni fossero disponibili[7]. La crescita rapida è stata osservata nel Golfo del Messico settentrionale, la più lenta presso la costa nordorientale di Taiwan[32]. Maschi e femmine raggiungono la maturità sessuale all'età di 6-10 anni e 7-12 anni rispettivamente[2]. Gli squali che vivono in acque temperate crescono più lentamente di quelli in acque calde[32]. La vita massima è di almeno 22 anni[27].

Interazioni con l'uomo[modifica | modifica sorgente]

Per i sub non costituisce generalmente un grande pericolo, ma in presenza di pesci fiocinati o se approcciato in modo troppo diretto può diventare aggressivo e di conseguenza è considerato potenzialmente pericoloso.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g Compagno, op. cit.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q Bonfil, op. cit.
  3. ^ Last and Stevens, op. cit.
  4. ^ Florida Museum of Natural History, op. cit.
  5. ^ Kohin et al., op. cit.
  6. ^ Hoffmayer et al., op. cit.
  7. ^ a b c Bonfil et al., op. cit.
  8. ^ a b Kohler er al., op. cit.
  9. ^ a b Strasburg, op. cit.
  10. ^ Watson et al., op. cit.
  11. ^ a b c d Compagno et al., op. cit.
  12. ^ Smith, C.L. 1997 National Audubon Society field guide to tropical marine fishes of the Caribbean, the Gulf of Mexico, Florida, the Bahamas, and Bermuda. Alfred A. Knopf, Inc., New York. 720 p.
  13. ^ Castro, op. cit.
  14. ^ Compagno and Niem, op. cit.
  15. ^ Claro, R. 1994 Características generales de la ictiofauna. p. 55-70. In R. Claro (ed.) Ecología de los peces marinos de Cuba. Instituto de Oceanología Academia de Ciencias de Cuba and Centro de Investigaciones de Quintana Roo.
  16. ^ a b Myers, op. cit.
  17. ^ Cicimurri, D.J. and Knight, J.L., Two Shark-bitten Whale Skeletons from Coastal Plain Deposits of South Carolina in Southeastern Naturalist, vol. 8, nº 1, 2009, pp. 71–82, DOI:10.1656/058.008.0107.
  18. ^ a b c Martin, R.A. Open Ocean: Silky Shark. ReefQuest Centre for Shark Research. Retrieved on September 12, 2009.
  19. ^ Myrberg, A.A. (Jr.); Ha, S.J.; Walewski, S. and Banbury, J.C., Effectiveness of Acoustic Signals in Attracting Epipelagic Sharks to an Underwater Sound Source in Bulletin of Marine Science, vol. 22, nº 4, ottobre 1972, pp. 926–949.
  20. ^ Myrberg, A.A. (Jr.), The Acoustical Biology of Elasmobranchs in Environmental Biology of Fishes, vol. 60, 1–3, febbraio 2001, pp. 31–46, DOI:10.1023/A:1007647021634.
  21. ^ Evans, W.R. and P.W. Gilbert. (1971). The force of bites by the Silky Shark (Carcharhinus falciformis) measured under field conditions. Naval Undersea Research and Development Center, San Diego. pp. 1–12.
  22. ^ a b Bane, G.W. (Jr.), Observations on the Silky shark, Carcharhinus falciformis, in the Gulf of Guinea in Copeia, vol. 1966, nº 2, American Society of Ichthyologists and Herpetologists, 21 giugno 1966, pp. 354–356, DOI:10.2307/1441150.
  23. ^ Acevedo-Gutiérrez, A., Interactions between marine predators: dolphin food intake is related to number of sharks in Marine Ecology Progress Series, vol. 240, 2002, pp. 267–271, DOI:10.3354/meps240267.
  24. ^ Gilbert and Schlernitzauer, op. cit.
  25. ^ a b Branstetter, S., Age, growth and reproductive biology of the silky shark, Carcharhinus falciformis, and the scalloped hammerhead, Sphyrna lewini, from the northwestern Gulf of Mexico in Environmental Biology of Fishes, vol. 19, nº 3, luglio 1987, pp. 161–173, DOI:10.1007/BF00005346.
  26. ^ a b c Bonfil, op. cit.
  27. ^ a b c Fowler, S.L. et al., Sharks, Rays and Chimaeras: The Status of the Chondrichthyan Fishes, International Union for Conservation of Nature and Natural Resources, 2005, pp. 288–290, ISBN 2-8317-0700-5.
  28. ^ a b Cadenat, J. and Blache, J., Requins de Méditerranée et d’Atlantique (plus particulièrement de la côte occidentale d’Afrique) in ORSTOM, vol. 21, 1981, pp. 1–330.
  29. ^ a b Stevens, J.D., Life-history and ecology of sharks at Aldabra Atoll, Indian Ocean in Proceedings of the Royal Society of London B, vol. 222, 1984, pp. 79–106, DOI:10.1098/rspb.1984.0050.
  30. ^ a b Stevens, J.D., Biological observations on sharks caught by sport fishermen off New South Wales in Australian Journal of Marine and Freshwater Research, vol. 35, 1984, pp. 573–590, DOI:10.1071/MF9840573.
  31. ^ Stevens, J.D. and McLouhlin, K.J., Distribution, size and sex composition, reproductive biology and diet of sharks from northern Australia in Australian Journal of Marine and Freshwater Research, vol. 42, 1991, pp. 151–199, DOI:10.1071/MF9910151.
  32. ^ a b c d Joung, S.J., Chen, C.T.; Lee H.H. and Liu, K.M., Age, growth, and reproduction of silky sharks, Carcharhinus falciformis in northeastern Taiwan waters in Fisheries Research, vol. 90, 1–3, aprile 2008, pp. 78–85, DOI:10.1016/j.fishres.2007.09.025.
  33. ^ a b Oshitani, S.; Nakano, S. and Tanaka, S., Age and growth of the silky shark Carcharhinus falciformis from the Pacific Ocean in Fishery Science, vol. 69, 2003, pp. 456–464, DOI:10.1046/j.1444-2906.2003.00645.x.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Bonfil, Carcharhinus falciformis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  • (EN) Bonfil, R., The Biology and Ecology of the Silky Shark, "Carcharhinus falciformis" in Camhi, M., Pikitch, E.K. and Babcock, E.A. (a cura di), Sharks of the Open Ocean: Biology, Fisheries and Conservation, Blackwell Science, 2008, pp. 114–127, ISBN 0-632-05995-8.
  • (EN) Bonfil, R., Mena R. and de Anda, D., Biological parameters of commercially exploited silky sharks, "Carcharhinus falciformis", from the Campeche Bank, Mexico. in NOAA Technical Report NMFS, nº 115, settembre 1993, pp. 73-86.
  • (EN) Castro, Jose I., The Sharks of North American Waters, College Station, Texas A&M University Press, 1996, p. 132.
  • (EN) L.J.V. Compagno, FAO species catalogue. Vol. 4. Sharks of the world. An annotated and illustrated catalogue of sharks species known to date. Part 2. Carcharhiniformes (PDF), Roma, FAO Fisheries Synopsis, 1984, pp. 251-655, ISBN 92-5-101384-5. URL consultato il 7 aprile 2009.
  • (EN) L.J.V. Compagno, D.A. Ebert and M.J. Smale, Guide to the sharks and rays of southern Africa, Londra, New Holland (Publ.) Ltd., 1989.
  • (EN) Leonard J. V. Compagno, V.H. Niem, Carcharhinidae. Requiem sharks in Carpenter K.E., Niem V.H. (a cura di), FAO identification guide for fishery purposes. The Living Marine Resources of the Western Central Pacific, Roma, FAO, 1998, pp. 1312-1360.
  • (EN) Carcharhinus falciformis in FishBase. URL consultato il 01-02-2008.
  • (EN) Florida Museum of Natural History, Biological profiles: silky shark, Ichthyology at the Florida Museum of Natural History: Education-Biological Profiles. FLMNH, University of Florida, 2005. URL consultato il 26 agosto 2005.
  • (EN) Gilbert, P.W. and Schlernitzauer, D.A., The Placenta and Gravid Uterus of Carcharhinus falciformis in Copeia, vol. 1966, nº 3, American Society of Ichthyologists and Herpetologists, 7 settembre 1966, pp. 451–457, DOI:10.2307/1441064.
  • (EN) Hoffmayer, E.R., Franks, J.S., Driggers, W.B. (III) and Grace, M.A., Movements and Habitat Preferences of Dusky ("Carcharhinus obscurus") and Silky ("Carcharhinus falciformis") Sharks in the Northern Gulf of Mexico: Preliminary Results, MTI Bird and Fish Tracking Conference Proceedings, 29 marzo 2009.
  • (EN) ITIS Standard Report Page: Carcharhinus falciformis in Integrated Taxonomic Information System. URL consultato il 23-01-2006.
  • (EN) Kohin, S., Arauz, R.; Holts D. and Vetter, R., Preliminary Results: Behavior and habitat preferences of silky sharks (Carcharhinus falciformis) and a big eye thresher shark (Alopias superciliosus) tagged in the Eastern Tropical Pacific in Rojas M., R. Zanella and I. Zanella. (a cura di), Primer Seminario-Taller del Estado del Conocimiento de la Condrictiofauna de Costa Rica, INBIO, 2006, pp. 17–19.
  • (EN) Kohler, N.E., Casey, J.G. and Turner, P.A., NMFS Cooperative Shark Tagging Program 1962–63: An atlas of shark tag and recapture data in Marine Fisheries Review, vol. 60, nº 2, 1998, pp. 1–87.
  • (EN) Last, P. R., Stevens, J. D., Sharks and rays of Australia, CSIRO Australia, 2004.
  • (EN) Myers, R.F., Micronesian reef fishes: a comprehensive guide to the coral reef fishes of Micronesia, 3ª ed., Barrigada, Guam, Coral Graphics, 1999.
  • (EN) Strasburg, D.W., Distribution, abundance, and habits of pelagic sharks in the central Pacific Ocean in U.S. Fishery Bulletin, vol. 58, 1958, pp. 335–361.
  • (EN) Watson, J.T.; Essington, T.E.; Lennert-Cody, C.E. and Hall, M.A., Trade-Offs in the Design of Fishery Closures: Management of Silky Shark Bycatch in the Eastern Pacific Ocean Tuna Fishery in Conservation Biology, vol. 23, nº 3, 2009, pp. 626–635, DOI:10.1111/j.1523-1739.2008.01121.x, PMID 19040650.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci