Aroldo I d'Inghilterra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aroldo I d'Inghilterra

Aroldo I d'Inghilterra, in inglese Harold I o Harold Harefoot (1015 circa – 17 marzo 1040), sarebbe stato figlio (illegittimo) di re Canuto il Grande d'Inghilterra, Danimarca, Norvegia e parte della Svezia, e di Ælfgifu di Northampton. C'è però chi dubita che egli fosse davvero il figlio di Canuto[1]. Aroldo fu sovrano d'Inghilterra dal 1035 al 1040. Fu soprannominato Harefoot, cioè piede di lepre, forse per il suo carattere poco coraggioso.

Dopo la morte di Canuto (12 novembre 1035), il legittimo erede al trono d'Inghilterra e di Danimarca avrebbe dovuto essere Canuto l'Ardito, figlio di Canuto il grande e della sua regina, Emma di Normandia. Ma dato che egli era impossibilitato a spostarsi per essere incoronato, poiché il suo regno danese era assediato da re Magnus I di Norvegia e da re Anund Jacob Svezia, i più potenti nobili inglesi decisero allora di nominare Aroldo reggente temporaneo[2] e ci riuscirono, nonostante l'opposizione di Godwin conte del Wessex e della regina Emma. Secondo lo storico Frank Stenton, è probabile che fosse la madre Aelgifu "a regnare davvero in Inghilterra"[3]. Nel 1036, Aroldo vanificò un tentativo di detronizzarlo: i fratellastri Alfredo Eteling ed Edoardo il Confessore, i figli che Emma aveva avuto da Etelredo l'Impreparato, tornarono dal loro esilio in Normandia, ma Alfredo fu fatto prigioniero da Godwin, che sembra ora dalla parte di Aroldo, e accecato. Nel 1037, dice la Cronaca anglosassone, Emma fuggì a Bruges e Aroldo "fu scelto ovunque come re". In questo lasso di tempo Aelgifu scompare dalla storia senza lasciare nessuna traccia. Secondo la Cronaca anglosassone, Aroldo regnò quattro anni e 16 settimane[4].

Aroldo avrebbe avuto un figlio, Elfwine, che si fece monaco in Europa quando era vecchio[5].

Harold morì a Oxford il 17 marzo 1040 e fu sepolto nell'abbazia di Westminster. Quando Canuto l'Ardito prese il potere nel giugno di quell'anno, il corpo di Aroldo fu riesumato, decapitato e gettato in una palude nei pressi del Tamigi[6]. In seguito, i fedelissimi di Aroldo recuperarono le sue spoglie mortali e le seppellirono nella Chiesa di San Clemente Danes.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cronaca anglosassone, 1035-1040, traduzione di M. Swanton (1996).
  2. ^ Tim Bolton, "Reign of King Harold Harefoot", The Literary Encyclopedia, 5 maggio 2006.
  3. ^ Stenton, Anglo-Saxon England, Oxford University Press (1998 paperback), pagg. 420-421.
  4. ^ Cronaca anglosassone manoscritto E, 1039 (1040); Vedi anche la traduzione di Swanton, pag. 161, nota 18.
  5. ^ Bolton, ibidem.
  6. ^ Il comportamento di Canuto l'Ardito potrebbe essere stato dettato dal desiderio di vendetta contro Aroldo, che aveva assassinato il fratellastro di Canuto, Alfredo, e che aveva usurpato il trono.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re d'Inghilterra Successore
Canuto il Grande 1035-1040 Canuto l'Ardito

Controllo di autorità VIAF: 11837863 LCCN: nb/2008/6486