Arcidiocesi di San Salvador di Bahia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di San Salvador di Bahia
Archidioecesis Sancti Salvatoris in Brasilia
Chiesa latina
Salvador-JesuitChurch4-CCBY.jpg
Regione ecclesiastica Nordeste 3
Diocesi suffraganee
Alagoinhas, Amargosa, Camaçari, Eunápolis, Ilhéus, Itabuna, Teixeira de Freitas-Caravelas
Arcivescovo metropolita e primate Murilo Sebastião Ramos Krieger, S.C.I.
Ausiliari Gilson Andrade da Silva,
Marco Eugênio Galrão Leite de Almeida,
Estevam Santos Silva Filho
Arcivescovi emeriti cardinale Geraldo Majella Agnelo
Sacerdoti 283 di cui 144 secolari e 139 regolari
8.072 battezzati per sacerdote
Religiosi 273 uomini, 797 donne
Diaconi 93 permanenti
Abitanti 3.210.878
Battezzati 2.284.477 (71,1% del totale)
Superficie 3.859 km² in Brasile
Parrocchie 105
Erezione 25 febbraio 1551
Rito romano
Cattedrale Trasfigurazione del Signore
Indirizzo Curia Metropolitana, Av. Leovigildo Filgueiras 270, Garcia, 40100-000 Salvador, BA, Brazil
Sito web www.arquidiocesesalvador.org.br
Dati dall'Annuario Pontificio 2011 * *
Chiesa cattolica in Brasile
La basilica minore di Nossa Senhora da Conceição di Praia.
La basilica minore di Nosso Senhor do Bonfim.
Il palazzo arcivescovile di Salvador.

L'arcidiocesi di San Salvador di Bahia (in latino: Archidioecesis Sancti Salvatoris in Brasilia) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica appartenente alla regione ecclesiastica Nordeste 3. Nel 2010 contava 2.284.477 battezzati su 3.210.878 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Murilo Sebastião Ramos Krieger, S.C.I.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi comprende i seguenti comuni dello stato brasiliano di Bahia: Salvador, Cabaceiras do Paraguaçu, Cachoeira, Cruz das Almas, Governador Mangabeira, Itaparica, Lauro de Freitas, Maragogipe, Muritiba, Salinas da Margarida, Santo Amaro, São Félix, Sapeaçu, Saubara e Vera Cruz.

Sede arcivescovile è la città di Salvador, dove si trova la cattedrale della Trasfigurazione del Signore. Appartengono all'arcidiocesi tre basiliche minori a Salvador: São Sebastião, Nosso Senhor do Bonfim e Nossa Senhora da Conceição da Praia.

Il territorio si estende su 3.859 km² ed è suddiviso in 105 parrocchie.

Provincia ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

La provincia ecclesiastica di San Salvador di Bahia, istituita nel 1676, comprende le seguenti suffraganee:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di San Salvador di Bahia fu eretta il 25 febbraio 1551 con la bolla Super specula di papa Paolo III, ricavandone il territorio dall'arcidiocesi di Funchal (oggi diocesi). Originariamente era suffraganea della stessa arcidiocesi, ma per pochi mesi, perché il 3 luglio dello stesso anno entrò a far parte della provincia ecclesiastica del patriarcato di Lisbona[1].

Il 19 luglio 1575 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della prelatura territoriale di Rio de Janeiro (oggi arcidiocesi), e nel 1614 a vantaggio dell'erezione della prelatura territoriale del Pernambuco, oggi arcidiocesi di Olinda e Recife.

Il 16 novembre 1676 la diocesi è stata elevata ad arcidiocesi metropolitana con la bolla Inter pastoralis di papa Innocenzo XI. Con la stessa bolla agli arcivescovi di San Salvador di Bahia è stato concesso il titolo di primate del Brasile. Da questa data fino al 13 gennaio 1844 gli arcivescovi di San Salvador di Bahia esercitarono la loro giurisdizione metropolitica sulle diocesi africane di São Tomé e Príncipe e di Congo in Angola (oggi arcidiocesi di Luanda).

Nel 1707 l'arcivescovo Sebastião Monteiro da Vida convocò il primo sinodo della chiesa di Bahia, le cui Constituições Primeiras do Arcebispado da Bahia rappresentano uno dei più importanti documenti religiosi del periodo coloniale brasiliano. Lo stesso arcivescovo dette avvio alla costruzione del palazzo arcivescovile.

L'arcidiocesi, la prima e la più grande del Brasile, ha ceduto a più riprese porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione di nuove diocesi e precisamente: la diocesi di Diamantina (oggi arcidiocesi) il 6 giugno 1854; la diocesi di Aracajú (oggi arcidiocesi) il 3 gennaio 1910; le diocesi di Barra, di Caetité e di Ilhéus il 20 ottobre 1913; la diocesi di Bonfim il 6 aprile 1933; la diocesi di Amargosa il 10 maggio 1941; la diocesi di Ruy Barbosa il 14 novembre 1959; la Feira de Santana (oggi arcidiocesi) il 21 luglio 1962; la diocesi di Alagoinhas il 28 ottobre 1974 e la diocesi di Camaçari il il 15 dicembre 2010.

Cronotassi degli arcivescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Pedro Fernandes Sardinha † (25 febbraio 1551 - 16 luglio 1556 deceduto)
  • Pedro Leitão † (23 marzo 1558 - ottobre 1573 deceduto)
  • Antônio Barreiros, O.Cist. † (20 luglio 1575 - 11 maggio 1600 deceduto)
  • Constantino Barradas † (23 settembre 1602 - giugno 1618 dimesso)
  • Marcos Teixeira de Mendonça † (25 ottobre 1621 - 8 ottobre 1624 deceduto)
    • Sede vacante (1624-1627)
  • Miguel Pereira † (29 novembre 1627 - 16 agosto 1630 deceduto)
  • Pedro da Silva Sampaio † (6 settembre 1632 - 15 aprile 1649 deceduto)
    • Sede vacante (1649-1669)
  • Estevão dos Santos Carneiro de Moraes, C.R.S.J.E. † (17 giugno 1669 - 6 giugno 1672 deceduto)
    • Sede vacante (1672-1676)
  • Gaspar Barata de Mendonça † (16 novembre 1676 - prima del 27 gennaio 1682 dimesso)
  • João da Madre de Deus Araújo, O.F.M. † (4 maggio 1682 - 13 giugno 1686 deceduto)
  • Manoel da Ressurreição, O.F.M. † (12 maggio 1687 - 16 gennaio 1691 deceduto)
  • João Franco de Oliveira † (9 gennaio 1692 - 18 aprile 1701 nominato arcivescovo, titolo personale, di Miranda)
  • Sebastião Monteiro da Vida, S.J. † (8 agosto 1701 - 7 settembre 1722 deceduto)
    • Sede vacante (1722-1725)
  • Luis Álvares de Figueiredo † (21 febbraio 1725 - 19 agosto 1735 deceduto)
    • Sede vacante (1735-1738)
  • José Fialho, O.Cist. † (3 settembre 1738 - 2 gennaio 1741 nominato arcivescovo, titolo personale, di Guarda)
  • José Botelho de Matos † (2 gennaio 1741 - 7 gennaio 1760 ritirato)
    • Sede vacante (1760-1770)
  • Manoel de Santa Inês Ferreira, O.C.D. † (6 agosto 1770 - 23 giugno 1771 deceduto)
  • Joaquim Borges de Figueroa † (8 marzo 1773 - 13 luglio 1778 dimesso)
  • Antônio de São José Moura Marinho, O.S.A. † (20 luglio 1778 - 9 agosto 1779 deceduto)[2]
  • Antônio Corrêa, O.S.A. † (13 dicembre 1779 - 12 luglio 1802 deceduto)
  • José de Santa Escolástica Álvares Pereira, O.S.B. † (26 marzo 1804 - 3 gennaio 1814 deceduto)
  • Francisco de São Dâmaso de Abreu Vieira, O.F.M. † (15 marzo 1815 - 18 novembre 1816 deceduto)
    • Sede vacante (1816-1820)
  • Vicente da Soledade Dias de Castro, O.S.B. † (28 agosto 1820 - 31 marzo 1823 deceduto)
    • Sede vacante (1823-1827)
  • Romualdo Antônio de Seixas Barroso † (21 maggio 1827 - 29 dicembre 1860 deceduto)
  • Manoel Joaquim da Silveira † (18 marzo 1861 - 23 giugno 1874 deceduto)
  • Joaquim Gonçalves de Azevedo † (18 dicembre 1876 - 6 novembre 1879 deceduto)
  • Luís Antônio dos Santos † (13 maggio 1881 - 17 maggio 1890 dimesso)
  • Antônio de Macedo Costa † (26 giugno 1890 - 20 marzo 1891 deceduto)
  • Jerônimo Tomé da Silva † (12 settembre 1893 - 19 febbraio 1924 deceduto)
  • Augusto Álvaro da Silva † (18 dicembre 1924 - 14 agosto 1968 deceduto)
  • Eugênio de Araújo Sales † (29 ottobre 1968 - 13 marzo 1971 nominato arcivescovo di Rio de Janeiro)
  • Avelar Brandão Vilela † (25 marzo 1971 - 19 dicembre 1986 deceduto)
  • Lucas Moreira Neves, O.P. † (9 luglio 1987 - 25 giugno 1998 nominato prefetto della Congregazione per i Vescovi)
  • Geraldo Majella Agnelo (13 gennaio 1999 - 12 gennaio 2011 ritirato)
  • Murilo Sebastião Ramos Krieger, S.C.I., dal 12 gennaio 2011

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi nell'anno 2010 su una popolazione di 3.210.878 persone contava 2.284.477 battezzati, corrispondenti al 71,1% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 1.134.458 1.370.927 82,8 250 90 160 4.537 170 540 103
1966 1.710.230 1.829.000 93,5 208 75 133 8.222 222 652 84
1970 1.175.000 1.850.000 63,5 211 84 127 5.568 2 198 660 82
1976 1.612.983 1.702.983 94,7 191 84 107 8.444 10 211 655 74
1980 2.000.000 2.100.000 95,2 199 97 102 10.050 14 162 625 77
1990 2.680.000 3.180.000 84,3 219 111 108 12.237 30 168 676 98
1999 2.700.500 3.180.500 84,9 239 117 122 11.299 30 200 696 107
2000 2.174.778 3.185.594 68,3 240 117 123 9.061 32 188 650 108
2001 2.661.998 3.327.498 80,0 243 129 114 10.954 44 249 673 110
2002 2.487.558 3.370.675 73,8 261 129 132 9.530 46 251 741 109
2003 2.292.694 3.373.098 68,0 255 137 118 8.990 48 209 751 109
2004 2.495.439 3.544.658 70,4 263 142 121 9.488 49 222 775 109
2010 2.284.477 3.210.878 71,1 283 144 139 8.072 93 273 797 105

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (PT) Jurandir Coronado Aguilar, Conquista espiritual: a história da evangelização na Provincia Guairá, Roma 2002, pp. 68-69 ISBN 88-7652-932-2
  2. ^ Morì prima di prendere possesso della sua sede.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]


Bandiera del Vaticano Arcidiocesi cattoliche del Brasile Bandiera del Brasile
Aparecida | Aracaju | Belém do Pará | Belo Horizonte | Botucatu | Brasília | Campinas | Campo Grande | Cascavel | Cuiabá | Curitiba | Curitiba degli Ucraini | Diamantina | Feira de Santana | Florianópolis | Fortaleza
Goiânia | Juiz de Fora | Londrina | Maceió | Manaus | Mariana | Maringá | Montes Claros | Natal | Niterói | Olinda e Recife | Palmas | Paraíba | Passo Fundo | Pelotas | Porto Alegre | Porto Velho | Pouso Alegre | Ribeirão Preto | Rio de Janeiro | San Paolo | San Salvador di Bahia | Santa Maria | São Luís do Maranhão | Sorocaba | Teresina | Uberaba | Vitória | Vitória da Conquista
diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi