Arcidiocesi di Porto Velho

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Porto Velho
Archidioecesis Portus Veteris
Chiesa latina
Regione ecclesiastica Norte 1
Diocesi suffraganee
Guajará-Mirim, Humaitá, Ji-Paraná, Lábrea
Arcivescovo metropolita Esmeraldo Barreto de Farias, Ist. del Prado
Arcivescovi emeriti José Martins da Silva, S.N.D., Moacyr Grechi, O.S.M.
Sacerdoti 29 di cui 7 secolari e 22 regolari
20.620 battezzati per sacerdote
Religiosi 65 uomini, 63 donne
Diaconi 1 permanenti
Abitanti 664.958
Battezzati 598.000 (89,9% del totale)
Superficie 84.696 km² in Brasile
Parrocchie 28
Erezione 1º maggio 1925
Rito romano
Indirizzo Rua Gonçalves Dias 288, C.P. 232, 78900-970 Porto Velho, RO, Brazil
Dati dall'Annuario Pontificio 2004 * *
Chiesa cattolica in Brasile

L'arcidiocesi di Porto Velho (in latino: Archidioecesis Portus Veteris) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica appartenente alla regione ecclesiastica Norte 1. Nel 2000 contava 598.000 battezzati su 664.958 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Esmeraldo Barreto de Farias, Ist. del Prado.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi comprende la città di Porto Velho, dove si trova la cattedrale del Sacro Cuore di Gesù.

Il territorio è suddiviso in 28 parrocchie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La prelatura territoriale di Porto Velho fu eretta il 1º maggio 1925 con la bolla Inter Nostri di papa Pio XI, ricavandone il territorio dalle diocesi di Amazonas (oggi arcidiocesi di Manaus) e di São Luíz de Cáceres. Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Belém do Pará.

Il 1º marzo 1929 cedette una porzionie del suo territorio a vantaggio dell'erezione della prelatura territoriale di Guajará-Mirim (oggi diocesi).

Il 31 gennaio 1948 fu istituito il capitolo cattedrale per effetto della bolla In maximo cuiusvis di papa Pio XII.

Il 16 febbraio 1952 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Manaus.

Il 26 giugno 1961 e il 3 gennaio 1978 cedette altre porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente delle prelature territoriali di Humaitá (oggi diocesi) e di Vila Rondônia (oggi diocesi di Ji-Paraná).

Il 16 ottobre 1979 la prelatura territoriale fu elevata a diocesi con la bolla Cum praelaturae di papa Giovanni Paolo II.

Il 4 ottobre 1982 la diocesi è stata a sua volta elevata al rango di arcidiocesi metropolitana con la bolla Qui beati Petri dello stesso papa Giovanni Paolo II.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2000 su una popolazione di 664.958 persone contava 598.000 battezzati, corrispondenti all'89,9% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1949 45.000 100.000 45,0 10 10 4.500 15 26 2
1966 240.000 250.000 96,0 14 14 17.142 4 26 4
1970 180.000 180.000 100,0  ?  ?  ?  ?  ?  ? 5
1976 291.000 300.000 97,0 23 3 20 12.652 23 24 10
1980 177.000 185.400 95,5 20 3 17 8.850 22 29 17
1990 212.000 221.000 95,9 34 10 24 6.235 1 29 46 22
1999 432.970 463.950 93,3 43 10 33 10.069 2 85 63 27
2000 598.000 664.958 89,9 29 7 22 20.620 1 65 63 28

Fonti[modifica | modifica sorgente]


Bandiera del Vaticano Arcidiocesi cattoliche del Brasile Bandiera del Brasile
Aparecida | Aracaju | Belém do Pará | Belo Horizonte | Botucatu | Brasília | Campinas | Campo Grande | Cascavel | Cuiabá | Curitiba | Curitiba degli Ucraini | Diamantina | Feira de Santana | Florianópolis | Fortaleza
Goiânia | Juiz de Fora | Londrina | Maceió | Manaus | Mariana | Maringá | Montes Claros | Natal | Niterói | Olinda e Recife | Palmas | Paraíba | Passo Fundo | Pelotas | Porto Alegre | Porto Velho | Pouso Alegre | Ribeirão Preto | Rio de Janeiro | San Paolo | San Salvador di Bahia | Santa Maria | São Luís do Maranhão | Sorocaba | Teresina | Uberaba | Vitória | Vitória da Conquista
diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi