American Pop

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
American Pop
American Pop.jpg
Titolo originale American Pop
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1981
Durata 97 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione
Regia Ralph Bakshi
Soggetto Ralph Bakshi
Sceneggiatura Ronni Kern
Produttore Martin Ransohoff
Casa di produzione Columbia Pictures
Distribuzione (Italia) Ceiad Ricci e Marinelli
Montaggio David Ramirez
Musiche Lee Holdridge
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

American Pop è un film d'animazione statunitense del 1981 diretto da Ralph Bakshi.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film è un'epopea che attraversa più di cinquant'anni di musica americana, attraverso la storia immaginaria di quattro generazioni di una famiglia emigrante degli inizi del XX secolo. Il primo personaggio è Zalmie, figlio di un sacerdote che rimane ucciso dai cosacchi e che emigra negli USA assieme alla madre. Di famiglia ovviamente poverissima, già da piccolo bazzica nei locali notturni per elemosinare e rimasto orfano riesce ad entrare in una compagnia di cabaret. Qui coltiva la passione per il canto, ma purtroppo crescendo la sua voce si guasta. Intanto si innamora e sposa Bella, una spogliarellista dotata di talento per la musica che lui, con le sue conoscenze e la passione che ha sempre avuto, incoraggia a diventare una cantante. A causa della frequentazione dei night (siamo nell'epoca del proibizionismo), Zalmie entra nel giro della mafia arrivando presto a far carriera. In una faida tra bande di gangster però Bella muore, lasciando Zalmie ed il piccolo Benny. Il bambino è dotato di un precoce talento e crescendo diventa un pianista molto promettente, suona nei locali ed è richiesto dai discografici ma non considera questa carriera seriamente. In seguito al matrimonio, combinato dal padre con la figlia di un boss della mafia, si arruola nell'esercito perdendo la vita nella seconda guerra mondiale. Prima di partire per il fronte concepisce il suo unico figlio, Tony. Siamo ormai negli anni sessanta e Tony, ormai adolescente, è un ragazzo irrequieto: non accetta il secondo matrimonio della madre che non ha mai dimenticato il suo primo marito, né, tantomeno, il suo fratellastro e la sua sorellastra sempre intenti a vedere la tv ed ai quali non importa nulla di suo padre, eroe militare. Rifiuta, ovviamente, di far parte della malavita organizzata e fugge via, prendendo i suoi risparmi e rubando l'auto di sua madre. Vagabonda per gli Stati Uniti raccogliendo ballerine, ubriaconi ed altri personaggi durante il suo viaggio finché l'auto non resta a secco. Da lì ognuno per la sua strada. A notte fonda arriva in un diner in Kansas, dove trova lavoro come lavapiatti per una sola serata, alla fine della quale ha una relazione di una notte con la cameriera che, intenerita, gli aveva offerto il lavoro. Continua a viaggiare per gli States finché non arriva a San Francisco, capitale della nuova musica rock che si stava sviluppando in quel periodo. Finisce per incontrare i Jefferson Airplane di cui diviene paroliere e ad avere una relazione con Frankie. L'abuso di alcol e droga lo porterà a rischiare la vita durante il concerto di Woodstock in cui avrà una crisi. Di lì a poco Frankie morirà di overdose. In un concerto tenuto dalla band in Kansas fa la sua apparizione un ragazzino che ha in comune con lui gli occhi azzurri. Quel ragazzino è suo figlio Pete jr, venuto al mondo dalla relazione avuta con la cameriera anni prima. Distrutta dalla tossicodipendenza, la carriera di Tony finisce in miseria, pieno di debiti con gli spacciatori si impegna addirittura la chitarra che il piccolo Pete suona agli angoli di strada e che voleva tenere con sé. Anche lui, infatti, è appassionato dalla musica. Il bambino si fida del padre tanto da aspettarlo per giorni su di una panchina, purtroppo Tony gli fa recapitare un grosso quantitativo di droga da vendere, ma non ritornerà mai più. Così come il suo bis-nonno Zalmie, anche Pete inizia a vivere per strada e diventa spacciatore di cocaina, ma non la usa e diventa un personaggio molto rispettato, continuando a dedicarsi privatamente alla musica. Ormai siamo negli ottanta e Pete arriva ad essere anche lo spacciatore di una band musicale di gran successo. Un giorno si presenta da loro negli studi di registrazione con una valigetta contenente, oltre alla droga, testi e spartiti scritti da lui. Minaccia di non procurar loro più nessun tipo di sostanza se non avessero ascoltato un suo pezzo. All'inizio contrari, ma poi convinti che senza di lui non avrebbero saputo come procurarsi la droga, accettano e lui inizia a suonare il pianoforte. Nella sala di regia c'è anche il dirigente della major discografica, che subito fiuta il talento del ragazzo e immediatamente inizia la registrazione del suo album. Pete è l'unico della stirpe che riesce a raggiungere il successo nel mondo della musica diventando un famoso cantante. Nel film è fisicamente molto somigliante al David Bowie di inizio carriera, con qualche riferimento anche a Lou Reed.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Come già detto all'interno del film sono presenti molti tributi, tra cui quelli a Jimi Hendrix, agli Jefferson Airplane, a Janis Joplin ed a David Bowie, l'ultimo brano è 'Night moves' di Bob Seger. Oltre alle scene d'animazione, che compongono la maggior parte del film, sono presenti foto e riprese d'epoca sapientemente montate.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema