Allonsanfàn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Allonsanfan)
Allonsanfàn
Titoli di testa del film
Titoli di testa del film
Paese di produzione Italia
Anno 1974
Durata 100 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Paolo e Vittorio Taviani
Soggetto Paolo e Vittorio Taviani
Sceneggiatura Paolo e Vittorio Taviani
Produttore Giuliani G. De Negri
Casa di produzione Una Cooperativa Cinematografica
Fotografia Giuseppe Ruzzolini
Montaggio Roberto Perpignani
Musiche Ennio Morricone
Scenografia Gianni Sbarra, Adriana Bellone
Costumi Lina Nerli Taviani
Interpreti e personaggi

Allonsanfàn è un film del 1974 scritto e diretto da Paolo e Vittorio Taviani, alla loro prima collaborazione con Ennio Morricone.

Il film è stato presentato nella Quinzaine des Réalisateurs al Festival di Cannes 1975.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film è ambientato negli anni della Restaurazione. Narra dell'aristocratico lombardo Fulvio Imbriani, un ex-giacobino ed ex-ufficiale napoleonico, che viene rilasciato dopo una lunga e dura detenzione nelle carceri asburgiche in quanto affiliato alla setta dei Fratelli Sublimi.

Riparato nella villa di famiglia, Imbriani viene poi raggiunto dalla sua amante, Charlotte, che si adopera per convincerlo a riunirsi con i suoi vecchi compagni di lotta a preparare una spedizione rivoluzionaria nell'Italia meridionale. Lo scetticismo e le titubanze di Fulvio riguardo l'impresa lascia libera la sorella, Esther, di denunciare i congiurati. Nel tentativo di arresto, Charlotte trova la morte mentre i congiurati riescono a fuggire. I funerali di Charlotte sono l'occasione per definire gli ultimi preparativi prima di partire per il Mezzogiorno. Nel Sud, lo sparuto drappello verrà massacrato dai soldati e dai contadini.

Localizzazione[modifica | modifica wikitesto]

La location del film è a cavallo tra Basilicata e Puglia.[senza fonte] Le riprese sono state girate in gran parte a Matera.[2][3]

Altre dell’agro della Murgia, nei dintorni di Altamura (Masserie e Pulo di Altamura; la scena dello scontro avviene a Casteldelmonte).[4]

Qualche scena ha avuto come set alcune località della provincia di Lecco precisamente a Cà Di Brenno, una frazione di Costa Masnaga; altre a Campo Marzo, una località di Merone (Como); altre sul lago di Pusiano (Como).[senza fonte]

Lo scena dello scalone in apertura e la festa con musica di violini sono girate a Brescia[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Quinzaine 1975, quinzaine-realisateurs.com. URL consultato il 18 giugno 2011.
  2. ^ (EN) Scheda su Allonsanfàn dell'Internet Movie Database.
  3. ^ Film girati a Matera, da sassiweb.it. URL consultato il 15 gennaio 2010.
  4. ^ Scheda del film di Vito Attolini per Apulia film commission.
  5. ^ http://brescia.corriere.it/brescia/notizie/cronaca/12_aprile_11/20120411BRE09_22-2004029472188.shtml

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]