334. Infanterie-Division

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
334. Infanterie-Division
334th Infanterie-Division Logo 1.jpg
Descrizione generale
Attiva novembre 1942 - maggio 1943
giugno 1943 - aprile 1945
Nazione Germania Germania
Servizio Heer (Wehrmacht)
Tipo fanteria
Dimensione divisione

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 334ª Divisione di fanteria (in tedesco 334. Infanterie-Division) fu una divisione dell'esercito tedesco attiva durante la seconda guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La 334ª Divisione di fanteria venne creata nel novembre del 1942 nel campo di addestramento di Grafenwöhr, in Germania. Questa divisione era quantomai inusuale dal momento che i tre reggimenti che la componevano provenivano da tre differenti distretti militari (Wehrkreise); la divisione disponeva di due reggimenti misti di fanteria motorizzata (Grenadier-Regiment 754 proveniente dal Wehrkreise di Norimberga, e Grenadier-Regiment 755 proveniente dal Wehrkreise di Vienna) e di un reggimento di fanteria da montagna (Gebirgsjäger-Regiment 756, proveniente dal Wehrkreise di Salisburgo). Inviata in Tunisia nel dicembre seguente, venne subordinata alla 5. Panzerarmee partecipando ai tentativi da parte delle forze dell'Asse di contrastare l'invasione degli Alleati nel Nord Africa. Impiegata in duri combattimenti, venne infine accerchiata dalle truppe britanniche e costretta alla resa l'8 maggio 1943, precedendo di pochi giorni la resa delle restanti truppe dell'Asse in Tunisia.

La divisione venne ricostituita in Francia nel giugno del 1943 con elementi dell'80ª Divisione di fanteria, sempre strutturata su tre reggimenti (i Grenadier-Regiment 754, 755 e 756); il Gebirgsjäger-Regiment 756 venne invece ricostruito come unità indipendente. La divisione venne trasferita quindi in Italia sul finire del 1943, dove partecipò alla difesa della Linea Gotica; i resti della divisione si arresero agli americani nell'aprile del 1945 nella zona di Bologna.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]