709. Infanterie-Division

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
709. Infanterie-Division
709th Infantry Division Logo.svg
Simbolo della divisione.
Descrizione generale
Attiva 1941 - 1944
Nazione Germania
Alleanza Potenze dell'Asse
Servizio Balkenkreuz.svgHeer
Tipo fanteria statica
Ruolo difesa costiera
Dimensione 12.000 (giugno 1944)
Battaglie/guerre Sbarco in Normandia

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 709. Infanterie-Division fu una divisione di fanteria della Wehrmacht. Istituita nel 1941, combatté contro gli Alleati in Normandia e si arrese in seguito alla caduta di Cherbourg.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La 709. Infanterie-Division venne ufficialmente istituita il 3 maggio 1941. Inquadrata nella 7. Armee, fu utilizzata per svolgere attività di occupazione in Francia. In particolare, venne schierata in Normandia in funzione antisbarco. Il suo settore operativo era nella penisola di Cotentin. L'unità comprendeva un certo numero di battaglioni Ost, formati da prigionieri di guerra russi che preferivano combattere per la Germania Nazista piuttosto che stare in un campo di prigionia (ad esempio, tra le varie unità di questo tipo, due battaglioni del 739. Grenadier-Regiment erano composti da georgiani). Inoltre, gli elementi più validi della divisione furono trasferiti a combattere al fronte russo.
Il 6 giugno 1944, la divisione si ritrovò a difendere la zona di sbarco nota come Utah Beach. Gli uomini della 709., in gran parte, non avevano esperienza di combattimento. Però conoscevano il territorio, ed erano ben addestrati per la difesa. Combattendo contro la 4ª Divisione americana, e contro i paracadutisti, l'unità perse circa 4.000 soldati in 10 giorni, su un totale di 12.000 effettivi. Successivamente, la divisione ripiegò sulla fortezza di Cherbourg. Qui, insieme al 922. Grenadier-Regiment della 243. Infanterie-Division, andò a costituire il gruppo da combattimento Cherbourg, che fu tolto al comando dell'LXXXIV Armeekorps. Quindi, tutta la responsabilità della difesa del settore di Cherbourg finì per ricadere sul comandante della 709. Karl-Wilhelm von Schlieben. Questi capitolò il 26 giugno 1944, anche se gli ultimi difensori deposero le armi quattro giorni dopo.
La 709. Infanterie-Division venne ufficialmente sciolta il 26 luglio 1944.

Organizzazione[modifica | modifica sorgente]

6 giugno 1944
  • Stab (quartier generale)
  • Grenadier-Regiment 729 (reggimento granatieri)
    • I. Bataillon
    • II. Bataillon
    • III. Bataillon
    • Ost-Bataillon 649 (battaglione orientale)
  • Grenadier-Regiment 739
    • Ost-Bataillon 561
    • II. Bataillon
    • III. Bataillon
    • Ost-Bataillon 795
  • Grenadier-Regiment 919[1]
    • I. Bataillon
    • II. Bataillon
    • III. Bataillon
  • Artillerie-Regiment 1709[2] (8 pezzi da 100 mm, 12 da 105 mm e 12 da 155 mm, oltre a 12 76,2 mm anticarro)
    • I. Abteilung
    • II. Abteilung
    • III. Abteilung
  • Pionier-Bataillon 709 (battaglione genio militare)
  • Panzerjäger-Abteilung 709 (9 StuG 40, 12 pezzi da 75 mm anticarro e 9 da 37 mm antiaerei)
  • Grenadier-Regiment z.b.V. 752
    • Ost-Bataillon 635
    • Ost-Bataillon 797
  • Nachrichten-Abteilung 709 (battaglione comunicazioni)

Comandanti[modifica | modifica sorgente]

Grado Nome Dal Fino al
Rank insignia of Generalmajor of the Wehrmacht.svgGeneralmajor Arnold von Beßel 3 maggio 1941 15 luglio 1942
Rank insignia of Generalleutnant of the Wehrmacht.svgGeneralleutnant Albin Nake 15 luglio 1942 15 marzo 1943
Rank insignia of General of the Wehrmacht.svgGeneral der Artillerie Curt Jahn 15 marzo 1943 1º luglio 1943
Rank insignia of Generalmajor of the Wehrmacht.svgGeneralmajor Eckkard von Geyso 1º luglio 1943 12 dicembre 1943
Rank insignia of Generalleutnant of the Wehrmacht.svgGeneralleutnant Karl-Wilhelm von Schlieben 12 dicembre 1943 23 giugno 1944

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Trasferito dalla 242. Infanterie-Division il 6 ottobre 1943
  2. ^ Ex Artillerie-Abteilung 669, trasformato in reggimento di artiglieria il 1º luglio 1943 e ridisegnato Artillerie-Regiment 1709 il 19 dicembre dello stesso anno

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra