17P/Holmes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cometa
17P/Holmes
17P-Holmes Auvergne 2007 11 02.jpg
Scoperta 6 novembre 1892
Scopritore Edwin Holmes
Designazioni
alternative
1892 V1; 1892 III;
1892f; 1899 L1;
1899 II; 1899d;
1906 III; 1906f;
1964 O1; 1964 X;
1964i; 1972 I;
1971b; 1979 IV;
1979f; 1986 V;
1986f; 1993 VII;
1993i
Parametri orbitali
(all'epoca 27 ottobre 2007)
Semiasse maggiore 3,618414 UA
Perielio 2,053218 UA
Afelio 5,183610 UA
Periodo orbitale 6,882994 anni
Inclinazione orbitale 19,1126°
Eccentricità 0,432564
Ultimo perielio 4 maggio 2007
Prossimo perielio 22 marzo 2014
Dati fisici
Dimensioni 3,4 km (diametro)
Dati osservativi
Magnitudine app.
2,8 (max)

La Cometa Holmes, formalmente 17P/Holmes, è una cometa periodica del Sistema solare, appartenente alla famiglia cometaria di Giove[1]. È stata scoperta dall'astrofilo Edwin Holmes il 6 novembre 1892.

Nell'ottobre del 2007, in sole 42 ore, la cometa ha subito un incremento di luminosità che l'ha portata da una magnitudine apparente di 17 (praticamente fuori dalla portata della maggior parte dei telescopi amatoriali), ad una magnitudine di 2,8 (visibile ad occhio nudo) anche nei cieli inquinati delle città.

L'incremento di luminosità subito dalla cometa è paragonabile alla differenza che c'è fra la Luna piena e il Sole[2].

La cometa è un esempio di un piccolo numero di comete, anch'esse della famiglia di Giove, che hanno esibito outburst che hanno determinato un incremento della luminosità di 9 magnitudini. Le altre sono state: la 41P/Tuttle-Giacobini-Kresak nel 1973, la 98P/Takamizawa nel 1984 e la 97P/Metcalf-Brewington nel 1991[3]. Comunque l'incremento mostrato dalla cometa Holmes è stato un centinaio di volte maggiore che negli altri casi.

Scoperta[modifica | modifica sorgente]

10 novembre 1892, la cometa Holmes vicino alla Galassia di Andromeda

La cometa Holmes fu scoperta da Edwin Holmes il 6 novembre 1892 durante una campagna osservativa della Galassia di Andromeda (M31). La scoperta fu possibile grazie ad un incremento in luminosità simile a quello manifestato nel 2007. La cometa raggiunse una magnitudine di 4 o 5 per un periodo di diverse settimane prima di affievolirsi[4].

La scoperta fu confermata da Edward Walter Maunder dell'Osservatorio Reale di Greenwich e da William Henry Maw. Successive scoperte indipendenti avvennero da parte di Thomas David Anderson (Edimburgo, Scozia) l'8 novembre e di John Ewen Davidson (Queensland, Australia) il 9[5].

La prima orbita ellittica della cometa Holmes fu calcolata in modo indipendente da Heinrich Kreutz e da George Mary Searle. Ne fu quindi determinata la data del perielio, il 13 giugno, ed il periodo di rivoluzione, 6,9 anni. Questi calcoli dimostrarono definitivamente che non si trattava del ritorno della cometa 3D/Biela.

Furono osservati i successivi due passaggi, nel 1899 e nel 1906, dopo i quali la cometa andò perduta finché non fu riscoperta il 6 luglio 1964 da Elizabeth Roemer dello United States Naval Observatory. Grazie alle predizioni computerizzate di Brian Marsden, la cometa è stata osservata in tutti i passaggi successivi.

Passaggio del 2007[modifica | modifica sorgente]

Il 25 ottobre la cometa appare come una nuova stella luminosa nella costellazione di Perseo.
In questa immagine scattata il 4 novembre sono chiaramente distinguibili la chioma e la coda di ioni della cometa

Tra il 23 ed il 24 ottobre del 2007 la luminosità della cometa Holmes è aumentata notevolmente, passando dalla magnitudine apparente di 17 ad una magnitudine di 2,5 in appena poche ore[6][7]. Il primo ad aver colto la variazione di luminosità è stato J. A. Henríquez Santana, dall'isola di Tenerife, nell'arcipelago delle Canarie; qualche minuto dopo, Ramón Naves a Barcellona notava che la cometa aveva raggiunto una magnitudine apparente di 7,3[7]. La cometa ha quindi raggiunto la luminosità necessaria per essere facilmente individuabile ad occhio nudo come una luminosa "stella" gialla nella costellazione di Perseo[8][9], e dal 25 ottobre la cometa 17P/Holmes si è presentata come la terza "stella" più luminosa in quella costellazione[7] . Durante questa fase di incremento della luminosità, sono stati osservati dei frammenti separarsi dal nucleo cometario abbinati al rilascio di un gran quantitativo di polveri. L'evento principale è avvenuto intorno al 24 ottobre[3].

Mentre i grandi telescopi mostravano i fini dettagli cometari, ad occhio nudo l'aspetto della cometa è rimasto simile a quello di stella fino al 26 ottobre[8]. Dopo quella data, la cometa 17P/Holmes ha iniziato a mostrare caratteristiche tipiche delle comete anche ad occhio nudo[8]. Il nucleo cometario ha manifestato l'incremento nell'attività mentre si trovava in prossimità dell'opposizione, e la coda, che punta in direzione opposta al Sole, è rimasta nascosta agli osservatori da Terra dal nucleo stesso. La cometa è quindi apparsa come una sfera luminosa.

Sulla base di calcoli orbitali e delle misurazioni della luminosità mostrata in precedenza dell'outbust del 2007, il diametro del nucleo cometario è stato stimato in 3,4 km[10] Nel tardo ottobre 2007 il diametro della chioma è aumentato da 3,3 a più di 13 minuti d'arco[11], circa la metà del diametro che la Luna sottende in cielo. Ad una distanza di 2 UA, tale dimensione apparente corrisponde ad un diametro reale di un milione di chilometri[12], o circa il 70% del diametro del Sole. Per confronto, la Luna dista 380.000 km dalla Terra. Quindi, la chioma della cometa Holmes era una sfera dal diametro maggiore di quello dell'orbita della Luna intorno alla Terra.

A metà novembre, per il materiale della chioma è stata stimata una velocità di espansione di 500 m/s, ed un diametro di 1,4 milioni di chilometri, pari a quello del Sole[13]. Per un brevissimo periodo, la cometa ha posseduto l'atmosfera più estesa del Sistema solare[14].

È interessante osservare alcune similitudini tra gli eventi del 1892 e quelli del 2007. In entrambi i casi, la cometa è entrata in outbusrt 5-6 mesi prima di raggiungere il perielio, ed entrambi gli eventi hanno mostrato simili evoluzioni in apparenza della chioma e della coda. Inoltre, sebbene la cometa abbia effettuato numerosi transiti al perielio nel periodo compreso tra le due date, non sono stati osservati eventi simili[3].

Nel marzo del 2008, la cometa è stata fotografata tramite il Telescopio spaziale Spitzer rivelando caratteristiche morfologiche che non erano mai state osservate su una cometa.[15] Sono stati osservati un guscio esterno, composto da polveri sottili, il nucleo (il punto brillante al centro dell'immagine) e le particelle espulse dalla cometa durante l'esplosione. Trattando l'immagine è stato possibile rilevare dei filamenti che costituiscono, con il guscio esterno, uno dei misteri non risolti di questa cometa.[16]

Posizione della cometa nel 2007[modifica | modifica sorgente]

Moto osservato da Terra
Comet Holmes trajectory TLR1.gif
Traccia del moto retrogrado apparente seguito dalla cometa nella costellazione di Perseo tra luglio 2007 e marzo 2008. (L'intervallo tra i dati è di 14 giorni)
La Cometa osservata da Terra
17P Holmes Composite19 Nup.jpg
Immagine composita che mostra le dimensioni della cometa ed il percorso seguito nella costellazione di Perseo dal 25 ottobre 2007 al 9 marzo 2008.
Orbita della cometa vista dallo spazio
Comet Holmes orbit 2007.gif
La cometa periodica 17P/Holmes segue un'orbita compresa tra Marte e Giove.[17]
La cometa ha raggiunto il perielio, punto di massimo avvicinamento al Sole, il 4 maggio 2007. Da allora se ne sta allontanando lentamente seguendo la sua orbita ellittica.

Galleria di immagini[modifica | modifica sorgente]

Grandangolo[modifica | modifica sorgente]

Comet 17P Holmes October 31 2007.jpgComet 17P Holmes October 31 2007 starmap.gif
31 ottobre 2007 (140 mm) - la cometa è al centro dell'immagine

Telescopio[modifica | modifica sorgente]

Data
25 ott Holmes 1s 1025.jpg
Cloudbait Observatory, Guffey, Colorado (USA)[18]
(5.1" quadro)
27 ott 17p-holmes-27-10-2007.jpg
14.5" (370 mm) Dobson
30 ott Comet holmes 20071030.JPG
riflettore da 19"
Torquay, UK
31 ott 2001031-horta-P17HOLMES-2.jpg
telescopio da 8" + EOS400D
Barcellona, Spagna.
20071031-horta-P17HOLMES-ani.gif
telescopio da 8" + EOS400D
Barcellona, Spagna. Mostra il movimento della cometa rispetto alle stelle sullo sfondo per 50 minuti. Le variazioni di luminosità sono dovute ai differenti tempi di esposizione di ogni fotogramma.
2 nov 17P-Holmes Auvergne 2007 11 02.jpg
Teleobiettivo da 300 mm, Alvernia, Francia
Comet17p holmes sm11207 Ginger.jpg
Starmaster 14.5"
Divide, Colorado (USA)
7 nov Comet17P.jpg
Telescopio Schmidt-Newtonian da 10 "
Brevard County, Florida
10 nov Comet Holmes 07110 02.jpg
Nikon 400 mm f/2.8
Albuquerque, Nuovo Messico
13 nov 17P Holmes 2007 11 13 detail.jpg
In prossimità della stella Mirfak, α Persei, Marshall Twp, Pennsylvania
14 nov 2007-1115 17pholmes fal martinez vcastro.jpg
Con l'Ammasso di Alfa Persei, Canon EOS 20D con lenti da 400 mm f/2.8 montata su un Meade LXD-55


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) List of Jupiter-Family and Halley-Family Comets. URL consultato il 7 settembre 2008.
  2. ^ Il mistero della cometa di Holmes, Corriere della Sera - 26 ottobre 2007
  3. ^ a b c (EN) Richard Miles, A novel mechanism for outbursts of Comet 17P/Holmes and other short-period comets, 20 dicembre 2007 (PDF)
  4. ^ (EN) Editors. "Comet Holmes Stays Bright, Enlarges in the Evening Sky", Sky and Telescope, 27 ottobre 2007.
  5. ^ Davidson, J. E. "Comet e, 1889," The Observatory, luglio 1890, Vol. 13, pp. 247.
  6. ^ (EN) Gunn, Angela. "Flash News Flash!," USA Today Tech Space, 24 ottobre 2007.
  7. ^ a b c (EN) Roger W. Sinnott, Comet Holmes Undergoes Huge Outburst in Sky & Telescope, 24 ottobre 2007. URL consultato il 25 ottobre 2007.
  8. ^ a b c (EN) Fischer, Daniel. "Incredible comet eruption: from under 17th to 3rd magnitude in hours!," The Cosmic Mirror, #306, 24 ottobre 2007.
  9. ^ Skymap: late October 2007, Northeast, after sunset, Spaceweather.com.
  10. ^ (EN) Primary measurements, Chris L. Peterson Cloudbait Observatory, Colorado
  11. ^ (EN) Prime misure, (guarda il grafico della luminosità, in fondo alla pagina) Cloudbait Observatory, Colorado
  12. ^ 2 UA(150.000 km / UA) / sin(13 min / 60 min per grado d'arco) = 1.4 milioni di km
  13. ^ La cometa Holmes ora è grande come il Sole (articolo), La Stampa, 15 novembre 2007. URL consultato il 16 novembre 2007.
  14. ^ Robert Britt, Incredible Comet Bigger than the Sun, Space.com, 15 novembre 2007. URL consultato il 30 aprile 2008.
  15. ^ (EN) NASA's Spitzer Gets Sneak Peek Inside Comet Holmes, NASA, 13 ottobre 2008. URL consultato l'11 dicembre 2008.
  16. ^ (EN) PIA11228: Anatomy of a Busted Comet, NASA Planetary Photojournal. URL consultato il 13 ottobre 2008.
  17. ^ Simulazione 3D dell'orbita percorsa dalla cometa 17P/Holmes - NASA (Java Applet)
  18. ^ Cloudbait Observatory Gallery - Comet Holmes

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare