...Nothing Like the Sun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
...Nothing Like the Sun
Artista Sting
Tipo album Studio
Pubblicazione 13 ottobre 1987
Durata 54 min : 45 s
Dischi 1
Tracce 12
Genere Pop rock
Soft rock
Fusion
Etichetta A&M
75021-6402-2
Produttore Sting, Hugh Padgham, Bryan Loren, Neil Dorfsman
Registrazione marzo – agosto 1987
presso gli AIR Studios di Londra (Regno Unito)
Formati CD, doppio LP, MC
Certificazioni
Dischi di platino Canada Canada (1)[1]
(vendite: 100 000+)

Francia Francia (2)[2]
(vendite: 689.200 [3])
Germania Germania (1)[4]
(vendite: 500 000+)
Giappone Giappone (1)
(vendite: 221.000 [5])
Paesi Bassi Paesi Bassi (2)[6]
(vendite: 200 000+)
Regno Unito Regno Unito (1)[7]
(vendite: 300 000+)
Spagna Spagna (1)[8]
(vendite: 100 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (2)[9]
(vendite: 2 000 000+)

Svizzera Svizzera (2)[10]
(vendite: 100 000+)
Sting - cronologia
Album precedente
(1986)
Album successivo
(1991)
Singoli
  1. We'll Be Together
    Pubblicato: novembre 1987
  2. Be Still My Beating Heart
    Pubblicato: dicembre 1987
  3. Englishman in New York
    Pubblicato: febbraio 1988
  4. Fragile
    Pubblicato: aprile 1988
  5. They Dance Alone (Cueca Solo)
    Pubblicato: agosto 1988
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic[11] 4.5/5 stelle
Chicago Tribune[12] 2.5/4 stelle
Los Angeles Times[13] 4/4 stelle
Rolling Stone[14] 4.5/5 stelle
Robert Christgau[15] (B)

...Nothing Like the Sun è il secondo album da solista del cantautore britannico Sting, pubblicato nell'ottobre del 1987. Il titolo è preso dal primo verso del sonetto 130 di William Shakespeare ("My mistress' eyes are nothing like the sun" - "Gli occhi della mia donna non sono niente in confronto al sole"), che Sting utilizza nella canzone Sister Moon.

L'album è stato un successo commerciale e ha raggiunto la prima posizione in classifica in Italia, Giappone e Regno Unito. Si è inoltre posizionato al nono posto della Billboard 200 negli Stati Uniti.

È stato premiato come "Miglior album britannico" ai Brit Awards del 1988 ed ha ricevuto tre candidature ai Grammy Awards del 1989 nelle categorie Album dell'anno, Canzone dell'anno e Miglior interpretazione vocale maschile. Le ultime due categorie sono riferite al secondo singolo estratto dall'album (Be Still My Beating Heart).

Nel 1989, è stato inserito alla posizione numero 90 nella lista dei "100 album migliori degli anni ottanta" stilata da Rolling Stone.[16]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'album è stato influenzato da due eventi personali della vita di Sting: il primo, la morte improvvisa della madre nel tardo 1986, che ha contribuito al tono cupo utilizzato in alcune canzoni; il secondo; la sua partecipazione al Conspiracy of Hope Tour per conto di Amnesty International, che portò Sting in parti dell'America Latina che erano state devastate da guerre civili, in cui il cantante ebbe modo di entrare in contatto con le vittime dell'oppressione del governo. They Dance Alone (Cueca Solo) è stata ispirata dalla sua testimonianza di manifestazioni pubbliche di dolore di mogli e figlie di uomini scomparsi in Cile, torturati e assassinati dalla dittatura militare del tempo, che ballavano la cueca (la danza tradizionale cilena) da sole, con le foto dei loro cari attaccate ai loro vestiti. Be Still My Beating Heart e The Lazarus Heart trattano temi come la vita, l'amore e la morte, e si caratterizzano inoltre per la presenza del chitarrista Andy Summers, già con Sting nei Police. Altrove nell'album, Englishman in New York, scritta in onore di Quentin Crisp, riprende le influenze jazz maggiormente presenti nel precedente album di Sting, così come Sister Moon. C'è spazio anche per una cover di Little Wing di Jimi Hendrix, eseguita da Sting con la collaborazione di Gil Evans e la sua orchestra; curiosamente tra i lati B di Englishman in New York compare un'ulteriore cover di Hendrix, Up from the Skies.

Il primo singolo estratto dall'album, We'll Be Together (riportata come una delle non preferite di Sting), mette in mostra prominenti sfumature funky e ritmi dance; il singolo raggiunse la settima posizione della Billboard Hot 100 negli Stati Uniti nel tardo 1987.

...Nothing Like the Sun ha ispirato anche il corrispondente mini-album cantato in spagnolo/portoghese del 1988 intitolato ...Nada como el sol. Questo contiene quattro canzoni estratte dall'album cantate in spagnolo o, nel caso di Fragile, sia in spagnolo che in portoghese.

Tra anni dopo le sua pubblicazione originaria nell'album e come singolo, Englishman in New York è stata remixata a metà 1990 dal produttore tedesco Ben Liebrand, probabilmente per incrementare la redditività commerciale di Sting dopo due anni di assenza dalle classifiche. Caratterizzato da un forte ritmo dance e da un'introduzione più estesa, il remix ha ottenuto enorme successo nelle discoteche e ha raggiunto la quindicesima posizione della UK Dance Chart nel Regno Unito. Il nuovo singolo includeva anche un remix dance di We'll Be Togheter, come lato B.

...Nothing Like the Sun è stato uno dei primi album registrati completamente in digitale a raggiungere lo status di multi-platino. Risulta tuttora l'album più venduto di Sting da solista, con 11 milioni di copie vendute nel mondo (al 1997).

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le canzoni sono state composte da Sting eccetto dove indicato. The Lazarus Heart era inizialmente prevista come colonna sonora del film Chi ha incastrato Roger Rabbit.[17]

  1. The Lazarus Heart – 4:34
  2. Be Still My Beating Heart – 5:32
  3. Englishman in New York – 4:25
  4. History Will Teach Us Nothing – 4:58
  5. They Dance Alone (Cueca Solo) – 7:16
  6. Fragile – 3:54
  7. We'll Be Together – 4:52
  8. Straight to My Heart – 3:54
  9. Rock Steady – 4:27
  10. Sister Moon – 3:46
  11. Little Wing – 5:04 (Jimi Hendrix)
  12. The Secret Marriage – 2:03 (Hanns Eisler, Sting)

Lati B[modifica | modifica wikitesto]

  1. Ghost in the Strand (da Englishman in New York)
  2. Ellas Danzan Solas (da They Dance Alone)
  3. If You There (da They Dance Alone)
  4. Conversation with a Dog (da We'll Be Together)
  5. Someone to Watch Over Me (da Englishman in New York')
  6. Up from the Skies (cover di Jimi Hendrix con Gil Evans e la sua orchestra, da Englishman in New York)

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1987) Posizione
Australia[19] 82
Canada[34] 26
Francia[35] 4
Giappone[36] 56
Paesi Bassi[37] 65
Regno Unito[38] 68
Classifica (1988) Posizione
Australia[19] 46
Austria[39] 8
Giappone[40] 87
Italia[25] 3
Paesi Bassi[41] 6
Regno Unito[38] 84
Stati Uniti[42] 24
Svizzera[43] 3

Classifiche di fine decennio[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1980-1989) Posizione
Austria[44] 19

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo USA USA
Mainstream
UK UK
Dance
1987 We'll Be Together 7 20 41
Be Still My Beating Heart 15 2
1988 Englishman in New York 84 32 15
Fragile 70
They Dance Alone (Cueca Solo) 94
1990 Englishman in New York (remix) 15

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Certified Awards Search". Music Canada. Consultato il 14 agosto 2011. Nota: Bisogna inserire "Sting" nel campo "Search", "Artist" nel campo "Search by" e cliccare sul bottone "Go". Selezione successivamente "More info" per entrare e vedere l'intera cronologia di certificazioni.
  2. ^ (FR) French albums certifications, InfoDisc. URL consultato il 17 ottobre 2011.
  3. ^ (FR) Les Albums Double Platine in infodisc.fr, SNEP. URL consultato il 31 agosto 2011.
  4. ^ http://www.musikindustrie.de/gold_platin_datenbank/?action=suche&strTitel=Nothing+Like+the+Sun&strInterpret=Sting&strTtArt=alben&strAwards=checked
  5. ^ Oricon Album Chart Book: Complete Edition 1970-2005, Roppongi, Tokyo, Oricon Entertainment, 2006, ISBN 4-87131-077-9.
  6. ^ (NL) de branchevereniging van de entertainmentindustrie, NVPI. URL consultato il 3 ottobre 2011.Note: User needs to enter "Sting" in the "Artiest" field and click below "zoek" button.</ref>
  7. ^ (EN) BPI Certified Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 23 luglio 2010.
  8. ^ Solo Exitos 1959-2002 Ano A Ano: Certificados 1979-1990, Iberautor Promociones Culturales, ISBN 84-8048-639-2.
  9. ^ RIAA – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 3 ottobre 2011.
  10. ^ (DE) The Official Swiss Charts and Music Community in Hung Medien. URL consultato il 17 settembre 2011.
  11. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, ...Nothing Like the Sun - Sting - Review, All Music Guide.
  12. ^ Greg Kot, Feeling A Sting in chicagotribune.com, Chicago Tribune, 7 marzo 1993. URL consultato il 1º ottobre 2011.
  13. ^ Chris Willman, Burning sting in articles.latimes.com, Los Angeles Times, 11 ottobre 1987. URL consultato il 18 ottobre 2011.
  14. ^ Anthony DeCurtis, Nothing Like The Sun | Album Reviews, Rolling Stone, 22 gennaio 1997. URL consultato il 3 marzo 2012.
  15. ^ CG: Sting, Robert Christgau. URL consultato il 3 marzo 2012.
  16. ^ (EN) 100 BEST ALBUMS OF THE EIGHTIES, Rolling Stone.
  17. ^ http://www.buzzfeed.com/briangalindo/20-things-you-didnt-know-about-who-framed-roger-rabbit
  18. ^ Nothing Like the Sun credits, Discogs.
  19. ^ a b c David Kent, Australian Chart Book 1970–1992, St Ives, NSW, Australian Chart Book, 1993, ISBN 0-646-11917-6.
  20. ^ (DE) austriancharts.at Sting - ...Nothing Like the Sun (ASP) in Hung Medien. URL consultato il 2 maggio 2012.
  21. ^ Library and Archives Canada. Retrieved 2 May 2012
  22. ^ (FR) InfoDisc : Tous les Albums classés par Artiste > Choisir Un Artiste Dans la Liste, infodisc.fr. URL consultato il 2 maggio 2012.
  23. ^ (DE) Album Search: Sting, Media Control. URL consultato il 2 maggio 2012.
  24. ^ (JA) スティング-リリース-ORICON STYLE-ミュージック Highest position and charting weeks of ...Nothing Like the Sun by Sting in oricon.co.jp, Oricon Style. URL consultato il 2 maggio 2012.
  25. ^ a b Hit Parade Italia - Gli album più venduti del 1988, hitparadeitalia.it. URL consultato il 2 maggio 2012.
  26. ^ norwegiancharts.com Sting - ...Nothing Like the Sun (ASP) in Hung Medien, VG-lista. URL consultato il 2 maggio 2012.
  27. ^ charts.org.nz Sting - ...Nothing Like the Sun (ASP) in Hung Medien, Recording Industry Association of New Zealand. URL consultato il 2 maggio 2012.
  28. ^ dutchcharts.nl Sting - ...Nothing Like the Sun (ASP) in dutchcharts.nl, MegaCharts. URL consultato il 2 maggio 2012.
  29. ^ Sting > Artists > Official Charts, UK Albums Chart. URL consultato il 6 marzo 2014.
  30. ^ Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1st, Spain, Fundación Autor-SGAE, September 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  31. ^ a b allmusic ((( Nothing Like the Sun > Charts & Awards > Billboard Albums ))), allmusic.com. URL consultato il 2 maggio 2012.
  32. ^ (SV) swedishcharts.com Sting - ...Nothing Like the Sun (ASP). URL consultato il 2 maggio 2012.
  33. ^ (DE) Sting - ...Nothing Like the Sun - hitparade.ch (ASP) in Hung Medien, Swiss Music Charts. URL consultato il 2 maggio 2012.
  34. ^ Top 100 Albums of '87, RPM, 26 dicembre 1987. URL consultato il 2 maggio 2012.
  35. ^ (FR) Les Albums (CD) de 1987 par InfoDisc (PHP), infodisc.fr. URL consultato il 2 maggio 2012.
  36. ^ 日本で売れた洋楽アルバム (Top-ten international albums on the Japanese Oricon Year-End Charts), 12 ottobre 2007. (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2011).
  37. ^ (NL) Dutch charts jaaroverzichten 1987, Dutchcharts.nl. URL consultato il 9 aprile 2014.
  38. ^ a b Complete UK Year-End Album Charts. URL consultato il 2 aprile 2014 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2012).
  39. ^ Austriancharts.at - Jahreshitparade 1988, Hung Medien. URL consultato il 2 maggio 2012.
  40. ^ 日本で売れた洋楽アルバム (Top-ten international albums on the Japanese Oricon Year-End Charts). URL consultato il 21 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2011).
  41. ^ (NL) Dutch charts jaaroverzichten 1988, Dutchcharts.nl. URL consultato il 9 aprile 2014.
  42. ^ Billboard.BIZ: Top Pop Albums of 1988, billboard.biz. URL consultato il 1º maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2013).
  43. ^ Hitparade.ch - Schweizer Jahreshitparade 1988, Hung Medien. URL consultato il 2 maggio 2012.
  44. ^ (DE) Austriancharts.at - Bestenlisten - 80-er album, Hung Medien. URL consultato il 2 maggio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica