Rubén Blades

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rubén Blades
Nazionalità Panamá Panamá
Genere Musica latina
Salsa
Pop latino
Jazz
Periodo di attività 1966 – in attività
Strumento Voce
Chitarra
Etichetta Fania Records
Elektra Records
Sony Music
Columbia Records
Sito web

Rubén Blades Bellido de Luna (Panamá, 16 luglio 1948) è un cantautore, attore e politico panamense. Accanto alla carriera artistica affianca anche quella politica[1][2]: è infatti fondatore del partito "Papa Egoró"[1] ed è stato anche ministro del turismo di Panamá (2004-2009)[1][3].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laureato in giurisprudenza[4]. Figlio d'arte (il padre era un cantante colombiano e la madre un'attrice e cantante cubana)[4], ha sposato la cantante Luba Mason.

Carriera musicale[modifica | modifica sorgente]

Come cantante è in attività dagli anni sessanta[5] (professionalmente, dalla metà degli anni sessanta/inizio degli anni settanta[4][5]) quale interprete di musica latina (soprattutto salsa[4] e musica Tex-Mex) e nella sua discografia si registrano numerose collaborazioni, in particolare con Ray Barretto e Willie Colón, nonché come componente dei Fania All Stars.[5][6] Negli ann '80 forma una band, chiamata "Seis Del Solar" o "Son Del Solar".

Si è aggiudicato per sette volte il Grammy Award.[1].

Carriera cinematografica[modifica | modifica sorgente]

Come attore, è invece attivo dall'inizio degli anni ottanta[4][7] sia in campo cinematografico che televisivo ed ha recitato in oltre 30 film[1].

Tra i film a cui ha partecipato, ricordiamo: Milagro (1988) diretto da Robert Redford, Predator 2 (1990), Il padrone di casa (1991), Il colore della notte (1994), L'ombra del diavolo (1997), Passione ribelle (2000), Assassination Tango (2002), C'era una volta in Messico (2003), ecc.[4][7]

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Nel 1992 ha fondato il partito politico panamense Papa Egoró (nome indigeno che significa madre terra) con il quale si candidò come Presidente del Panama nelle elezioni generali del 1994, le prime consultazioni democratiche dopo la caduta del regime militare di Manuel Noriega. Blades con più del 17% dei consensi risultò il terzo candidato più votato mentre il suo partito, con il 9,6%, conquistò 6 dei 72 seggi in palio[8].

Alle elezioni del 2004 appoggiò il candidato Martín Torrijos che divenne presidente della Repubblica e lo nominò ministro del turismo. Blades rimase ministro dal 2004 al 2009[1][9].

Discografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

  • De Panamá a New York (Fania Records, 1970)
  • Barretto (con Ray Barretto; Fania, 1975)
  • The Good, The Bad, The Ugly (1975)
  • Metiendo Mano! (con Willie Colón; Fania, 1977)
  • Siembra (con Willie Colón; Fania, 1978)
  • Bohemio y poeta (Fania, 1979)
  • Maestra vida (primera parte) (con Willie Colón; Fania, 1980)
  • Maestra vida (segunda parte) (con Willie Colón; Fania, 1980)
  • Canciones del Solar de los Aburridos (con Willie Colón; Fania, 1981)
  • The Last Fight (con Willie Colón; Música Latina, 1982)
  • El que la hace la paga (Fania, 1982)
  • Buscando América (Elektra Records, 1984)
  • Mucho mejor (Fania, 1984)
  • Escenas (Elektra, 1985)
  • Doble filo (Fania, 1986)
  • Agua de luna (Elektra, 1987)
  • Rubén Blades with Strings (Fania, 1988)
  • Nothing but the Truth (Elektra, 1988)
  • Antecedente (Elektra, 1988)
  • Rubén Blades y Son del Solar... Live! (Elektra, 1990)
  • Caminando (CBS, 1991).
  • Amor y control (Discos International, 1992)
  • Joseph & His Brothers (Windham Hill Records, 1993)
  • Tras la Tormenta (con Willie Colón; Sony Music, 1995)
  • La rosa de los vientos (Sony, 1996)
  • Willie Colón Presents Rubén Blades (con Willie Colón; Charly Records, 1996)
  • Talento de Televisión (con Willie Colón; Fania, 1998)
  • Tiempos (Sony, 1999)
  • Mundo (Sony, 2002)
  • Una década (Sony, 2003)
  • O melhor, vol. 1 (Roadrunner, 2004)
  • O melhor, vol. 2 (Roadrunner, 2004)
  • Cantares del subdesarrollo (Ferjan, 2009)
  • Argentina(2009)
  • For Greater Glory - The True Story of Cristiada (2012)

Brani musicali[modifica | modifica sorgente]

  • "Los muchachos de Belén" in Tributo a Tito Rodríguez (con i Fania All Stars; Fania, 1976)
  • "Juan Pachanga" in Rhythm Machine (con i Fania All Stars; Columbia, 1977)
  • "Sin tu cariño" in Spanish Fever (con i Fania All Stars; CBS, 1978)
  • "Prepara" in Cross Over (con i Fania All Stars; CBS, 1979)
  • "La palabra adiós" in Commitment (con i Fania All Stars; FNA, 1980)
  • "Tiburón" (con Willie Colón, 1981)
  • "Buscando América" (1984)
  • "Pedro Navaja" (1984)
  • "Buscando Guayaba" (1996)
  • "Siembra" (1997)

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

  • Dead Man Out (film TV, 1989)
  • Un uomo in guerra (One Man's War, film TV, 1991)
  • Cuori ribelli aka Follia d'amore (Crazy from the Heart, film TV, 1991)
  • Miracle on Interstate 880 (film TV, 1993)
  • X-Files (serie TV, 1 episodio, 1997)
  • Boston Hospital (Gideon's Crossing, serie TV, 2000-2001)
  • The Maldonado Miracle (film TV, 2003)

Compositore[modifica | modifica sorgente]

Cantante e musicista[modifica | modifica sorgente]

Premi & riconoscimenti[10][modifica | modifica sorgente]

  • 1986: Grammy Award per l'album "Escenas" nella categoria "Best Tropical Latin Performance"
  • 1988: Grammy Award per l'album "Antecedente" nella categoria "Best Tropical Latin Performance"
  • 1996: Grammy Award per l'album "Rosa de los vientos" nella categoria "Best Tropical Latin Performance"
  • 1999: Grammy Award per l'album "Tiempos" nella categoria "Best Latin Pop Performance"
  • 2002: Grammy Award per l'album "Mundo" nella categoria "Best World Music Album"

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f Maestra Vida: Biografía
  2. ^ Jrank Biography: Rubén Blades
  3. ^ All Music.com: Cantares del Subdesarrollo
  4. ^ a b c d e f NNDB: Rubén Blades
  5. ^ a b c All Music Guide: Rubén Blades - Biography
  6. ^ Allrovi/All Movie.com: Rubén Blades
  7. ^ a b IMDb: Rubén Blades
  8. ^ Dieter Nohlen, Elections in the Americas: a data handbook Vol. 1, Oxford Univ. Press, 2005 - Pag. 528
  9. ^ All Music.com: Cantares del Subdesarrollo
  10. ^ All Music.com: Rubén Blades: Charts & Awards > Grammy Awards
  11. ^ Antonio Genna - Il mondo dei doppiatori: Predator 2
  12. ^ Antonio Genna - Il mondo dei doppiatori: La pagina di Renzo Stacchi
  13. ^ Antonio Genna - Il mondo dei doppiatori: La pagina di Eugenio Marinelli
  14. ^ Antonio Genna - Il mondo dei doppiatori: La pagina di Manlio De Angelis
  15. ^ Antonio Genna - Il mondo dei doppiatori: La pagina di Pasquale Anselmo
  16. ^ Antonio Genna - Il mondo dei doppiatori: La pagina di Roberto Stocchi

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 85813475 LCCN: n83217214