Unione Nazionale (Portogallo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Unione Nazionale
(PT) União Nacional
União Nacional logo, 1938 version.svg
PresidenteAntónio de Oliveira Salazar (primo)
Marcelo Caetano (ultimo)
StatoPortogallo Portogallo
SedeLisbona
Fondazione30 luglio 1930
Dissoluzione25 aprile 1974
IdeologiaNazionalismo portoghese
Corporativismo
Fascismo clericale
Integralismo lusitano
Conservatorismo nazionale
Conservatorismo sociale
CollocazioneDestra/Estrema destra[1][2]
Organizzazione giovanileMocidade Portuguesa
ColoriBlu e bianco

L’Unione Nazionale (portoghese: União Nacional) era l'unico partito politico legale in Portogallo durante l'Estado Novo, la dittatura politica corporativista e filo-fascista inaugurata da António de Oliveira Salazar.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Bandiera del partito

Fondato nel 1930 come "organizzazione di unità di tutti i portoghesi", dopo la vittoria elettorale del 1934, sull'onda del successo delle dittature fasciste e naziste in Europa, governò il Paese da quell'anno fino al 1974. L'ultimo primo ministro e dittatore fu Marcelo Caetano, che convertì il nome in Azione nazionale del popolo.

Poiché basato su un'ideologia variabile a seconda del dittatore, seppur spesso nazionalista, corporativista e social-conservatrice, si sciolse dopo la Rivoluzione dei garofani, in mancanza di principi coerenti.

La sua ala paramilitare era la Legione Portoghese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Richard Griffiths, An Intelligent Person's Guide to Fascism, Gerald Duckworth & Co Ltd, 2000, p. 133, ISBN 978-0-7156-2918-5.
  2. ^ Naomi Leite, Unorthodox Kin: Portuguese Marranos and the Global Search for Belonging, University of California Press, 2017, p. 63, ISBN 978-0-520-28505-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN148975423 · GND (DE1062581776 · WorldCat Identities (EN148975423