Unione Nazionale (Norvegia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Unione Nazionale
(NNNO) Nasjonal Samling
Nasjonal Samling ørnemerke.svg
LeaderVidkun Quisling
SegretarioRolf Jørgen Fuglesang
StatoNorvegia Norvegia
SedeOslo
AbbreviazioneNS
Fondazione13 maggio 1933
Dissoluzione8 maggio 1945
IdeologiaFascismo[1][2][3]
Corporativismo[4]
Collaborazionismo
Nazionalsocialismo
Nazionalismo norvegese
Antisemitismo
CollocazioneEstrema destra[5]
TestataFritt Folk
Organizzazione giovanileNasjonal Samlings Ungdomsfylking
Iscritti44.000 nel 1943
Colori     Rosso
     Oro
SloganHeil og sæl
Flag of Nasjonal Samling.svg
Bandiera del partito

L'Unione Nazionale (in norvegese Nasjonal Samling) è stato un partito politico norvegese, fondato nel 1933 dal politico Vidkun Quisling su una base ideologica fascista e nazista.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 maggio 1933, giorno della Costituzione norvegese, l'ex ministro della difesa Quisling e l'avvocato Johan Bernhard Hjort fondarono il Nasjonal Samling ("Unità Nazionale"), partito fascista norvegese. Il Nasjonal Samling aveva una connotazione anti-democratica, conforme al Führerprinzip, e Quisling aspirava a diventare il Fører (leader, equivalente al tedesco Führer e all'italiano "Duce"). Il partito ebbe un modesto successo: alle elezioni del 1933, quattro mesi dopo, ottenne 27.850 voti (approssimativamente il 2%). Quindi la linea del partito si spostò nel 1935 da una connotazione religiosa a una di maggior sostegno verso i tedeschi e apertamente antisemita.

La cosiddetta Croce solare, simbolo del Hird, l'ala paramilitare del movimento. Questo simbolo si differenzia da quello del partito per le spade ed è molto simile alla sua omologa organizzazione tedesca delle SA.

Nell'aprile 1940, dopo l'inizio dell'invasione tedesca della Norvegia, l'Unione nazionale diede il proprio sostegno ai tedeschi per formare in Norvegia uno Stato fantoccio della Germania. Il 24 aprile fu istituto il Reichskommissariat Norwegen, con Josef Terboven nominato Governatore generale (Reichskommissar). Terboven volle assicurarsi però che non ci sarebbe stato spazio nel governo per il Nasjonal Samling né per il suo leader Quisling, con il quale non andava d'accordo, e chiamò inizialmente a capo del governo il conservatore Ingolf Elster Christensen.

Solo nel gennaio 1942 permise l'ingresso nel governo, dopodiché il 1º febbraio 1942 Vidkun Quisling divenne ministro-presidente della Norvegia. Nonostante gli stretti rapporti col nazionalsocialismo tedesco, la sua ideologia era più simile al fascismo italiano.[senza fonte]

Raggiunse nel 1943 i 44.000 iscritti. Fu sciolto l'8 maggio 1945.

Nei processi che seguirono la guerra, Quisling, insieme con altri due dirigenti del Nasjonal Samling, Albert Viljam Hagelin e Ragnar Skancke, furono dichiarati colpevoli di alto tradimento e condannati a morte per fucilazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Salvatore Garau, Fascism and Ideology: Italy, Britain, and Norway, a cura di Routledge, 2015, p. 153, ISBN 9781317909460.
  2. ^ J.M. Fladmark e Thor Heyerdahl, Heritage and Identity: Shaping the Nations of the North, a cura di Routledge, 2015, p. 22, ISBN 9781317742258.
  3. ^ Michael A. Riff, Dictionary of Modern Political Ideologies, a cura di Manchester University Press, 1990, p. 41, ISBN 9780719032899.
  4. ^ Antonio Costa Pinto, Fascism and Corporatism, 17 febbraio 2017, ISBN 9781315388885.
  5. ^ Killer personifies rise of new far-right.
    Financial Times. Authors – Robin Wigglesworth and Quentin Peel. Published 24 July 2011. Retrieved 4 May 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]