Comunità Fascista Nazionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Comunità Fascista Nazionale
(CS) Národní Obec Fašistická (NOF)
National Fascist Community Crest.svg
LeaderRadola Gajda
StatoCecoslovacchia Cecoslovacchia
Fondazionemarzo 1926
Dissoluzione22 novembre 1938
IdeologiaFascismo
Volantino del NOF

La Comunità Fascista Nazionale (in ceco Národní Obec Fašistická, NOF) è stato un partito politico fascista cecoslovacco guidato da Radola Gajda, basato sul fascismo italiano di Benito Mussolini.[1]

Il partito è stato costituito nel 1926, ed è stato caratterizzato da una forte corrente di opposizione alla Germania, che ha continuato anche dopo che Adolf Hitler era giunto al potere. Il NOF guardava all'Italia come il suo modello, e si è basata interamente sul modello del Partito Nazionale Fascista e sui dettami Mussolini. A questo proposito è nettamente diverso dal suo principale rivale, Vlajka, che è stato fermamente nel campo Hitleriano.[2] Istituì gruppi giovanili e un sindacato, anche se quest'ultimo è stato poco rilevante. Il gruppo ha inoltre intrapreso una politica di panslavismo, e auspica in un'unione con la Polonia per formare una grande alleanza dei popoli slavi con lo scopo secondario di rovesciare il comunismo nell'Unione Sovietica. Essi hanno inoltre creduto in un'economia corporativa e sociale con un grande settore agricolo.[2]

Gajda è stato eletto al Parlamento nel 1929, ma il partito perdendo il suo sostegno, ha ricevuto solo il 2% dei voti e sette seggi in Consiglio nazionale in occasione delle elezioni del 1935.[3] Il movimento fatto un tentativo di prendere il controllo del governo durante l'invasione tedesca, anche se i nazisti non avevano tempo da perdere per la NOF a causa della loro precedenti critiche e il loro status di minori. In ultima analisi, NOF sono stati sciolti e assorbiti in gran parte alla marionetta Movimento Nazionale di Solidarietà, Gajda fu costretto a lasciare la politica.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stanley G. Payne, A History of Fascism 1914-1945, Londra, Roultedge, 2001, p. 309
  2. ^ a b Payne, op cit
  3. ^ Payne , Op cit
  4. ^ Payne, op cit, p. 426
Controllo di autoritàVIAF (EN139725372 · LCCN (ENn97004190 · GND (DE1159942056 · WorldCat Identities (ENn97-004190
Fascismo Portale Fascismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fascismo