Ugo Cavallero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ugo Cavallero
Ugo Cavallero.jpg
Ugo Cavallero con l'uniforme da Generale d'armata

Senatore del Regno d'Italia
Incarichi parlamentari
Membro della Commissione di finanze (17 aprile 1939-29 maggio 1941)

Dati generali
Partito politico Partito Nazionale Fascista
Titolo di studio Laurea in matematica
Professione militare
Ugo Cavallero
20 settembre 1880 – 14 settembre 1943
Nato aCasale Monferrato
Morto aFrascati
Luogo di sepolturacimitero di Ponzano Monferrato
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataFlag of Italy (1860).svg Regio Esercito
ArmaFanteria
CorpoAlpini
GradoMaresciallo d'Italia
GuerreGuerra italo-turca
Prima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
CampagneCampagna italiana di Grecia
BattaglieBattaglia di Caporetto
Battaglia del solstizio
Battaglia di Vittorio Veneto
Comandante diCapo di stato maggiore generale
Decorazionivedi qui
Studi militariRegia Accademia Militare di Modena
dati tratti da Gli Ordini militari di Savoia e d'Italia[1]
voci di militari presenti su Wikipedia
Ugo Cavallero ed Erwin Rommel.

Ugo Cavallero (Casale Monferrato, 20 settembre 1880Frascati, 14 settembre 1943) è stato un generale e politico italiano, veterano della guerra italo-turca e della prima guerra mondiale, dove in qualità Capo ufficio operazioni del Comando supremo fu estensore dei piani operativi della battaglia del solstizio e della successiva battaglia di Vittorio Veneto che gli valsero la Croce di Ufficiale dell'Ordine militare di Savoia. Dopo una parentesi come direttore generale della Pirelli, il 4 maggio 1925 fu chiamato da Benito Mussolini a ricoprire la carica di Sottosegretario di Stato al Ministero della guerra, carica che mantenne fino al novembre 1928, per poi assumere la presidenza dell'Ansaldo fino al 1933.

Richiamato in servizio attivo nel novembre 1937, fu nominato comandante delle truppe dell'Africa Orientale Italiana, alle dipendenze del Viceré d'Etiopia Amedeo di Savoia-Aosta, e con lo scoppio della seconda guerra mondiale ricoprì l’incarico di Capo di Stato maggiore generale[2] in sostituzione del dimissionario Badoglio, dirigendo personalmente la campagna contro la Grecia fino al maggio del 1941. Dopo la caduta del fascismo fu imprigionato su ordine di Badoglio, dapprima a Palazzo Madama e poi a Forte Boccea, venendo liberato dai tedeschi dopo la firma dell'Armistizio di Cassibile. Dopo il rifiuto di assumere il comando delle forze italiane che avessero voluto continuare la guerra a fianco della Germania, fu trovato ucciso da un colpo di pistola alla tempia destra la mattina del 14 settembre 1943.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Casale Monferrato il 20 settembre 1880, figlio di Gaspare e Maria Scagliotti. Intraprese la carriera militare nel 1898, entrando nella Regia Accademia Militare di Modena da cui uscì sottotenente di fanteria nel 1900, assegnato al 59º Reggimento fanteria.[3] Promosso tenente nel 1903, divenne insegnante presso la scuola di tiro di Parma nel 1904,[4] e distintosi per la vasta cultura fu ammesso a frequentare la Scuola di guerra dell’esercito classificandosi primo nel suo corso, venendo ammesso allo Stato maggiore.[3]

A partire dal 1911 partecipò alla guerra italo-turca in forza al 34º Reggimento fanteria, venendo promosso capitano nel febbraio 1912, e addetto allo Stato maggiore della 1ª Divisione di Torino in Libia[4] fu poi decorato con una Medaglia di bronzo al valor militare per lo scontro di Sidi Garbà, avvenuto il 16 maggio 1913.[3] Rientrato in Italia fu assegnato al 1º Reggimento alpini.[3] Laureato in Matematica a Torino, aveva una buona conoscenza del tedesco.[5] All’atto dell’entrata in guerra dell’Italia, avvenuta il 24 maggio 1915, entrò a far parte dell’ufficio operazioni del neocostituito Comando supremo venendo promosso maggiore[3] nell’ottobre dello stesso anno e decorato con la Croce di Cavaliere dell’Ordine militare di Savoia nell’agosto 1916.[1]

Tenente colonnello dal 31 maggio 1917, si distinse durante le fasi della ritirata successiva alla disfatta di Caporetto,[5] tanto da ottenere le promozione a colonnello[3] e la nomina a Capo ufficio operazioni del Comando supremo, divenendo stretto collaboratore del Vicecapo di stato maggiore, tenente generale Pietro Badoglio. Si distinse ancora nella preparazione dei piani[5] per la battaglia del solstizio e in quella vittoriosa di Vittorio Veneto,[5] che gli valsero la Croce di Ufficiale dell’Ordine militare di Savoia e la promozione a generale di brigata[3] per meriti eccezionali[6] all’età di trentotto anni.

In ausiliaria[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1919 rappresentò l'Italia presso il Comitato interalleato di Versailles,[3] e nel 1920 lasciò il Regio Esercito, collocato a domanda in posizione ausiliaria speciale, entrando nell’industria privata per assumere poi la carica di direttore generale della Pirelli.[3] In quegli anni, pur senza assumere definitiva posizione, strinse forte amicizia con Roberto Farinacci, il ras di Cremona.[7] Dal maggio 1925 al novembre 1928[8] fu chiamato[7] da Benito Mussolini, in sostituzione del generale Ambrogio Clerici, a ricoprire la carica di Sottosegretario al Ministero della Guerra.[3] Nel 1926 fu nominato Senatore del Regno e nel 1927 fu promosso generale di divisione. In quegli anni ruppe i rapporti con Badoglio, che allora ricopriva la carica di Capo di stato maggiore generale.[N 1]

Alla fine del 1928 fu rimosso dall’incarico su iniziativa del Re Vittorio Emanuele III, dopo uno spiacevole episodio d’intolleranza pubblico[N 2] avvenuto tra lui e Badoglio, e lasciato l’incarico ricevette il titolo di Conte[3] assumendo poi la presidenza della società Ansaldo di Genova-Comigliano.[3] Pur lavorando molto nell’ammodernamento della produzione bellica, nel 1933 fu coinvolto nel cosiddetto scandalo delle corazze destinate a un incrociatore della Regia Marina e dovette lasciare l’incarico.[5]

Il ritorno nell'esercito[modifica | modifica wikitesto]

Fu delegato[4] alla Conferenza sul disarmo di Ginevra,[2] fu promosso generale di corpo d'armata[5] nel 1936, e nel novembre 1937 venne richiamato in servizio attivo, nominato comandante delle truppe dell'Africa Orientale Italiana.[2] Ricoprì tale incarico fino alla primavera del 1939, quando entrato in contrasto con il Viceré Amedeo di Savoia-Aosta rientrò in Patria nel marzo 1940,[7] nominato generale d'armata e decorato di Medaglia d’argento al valor militare per assumere la Vice presidenza della Commissione economica e militare per l'applicazione del Patto d’Acciaio con la Germania.[5]

Dal 5 dicembre[7] 1940 all'inizio del 1943 ricoprì l’incarico di Capo di Stato maggiore generale[2] in sostituzione del dimissionario Badoglio, ereditando una situazione militare compromessa sia in Africa settentrionale sia in Albania. Recatosi[7] più volte sul fronte con la Grecia da 30 dicembre sostituì "de facto" Ubaldo Soddu[5] nella carica di Comandante del gruppo d'armate, lasciando temporaneamente le sue funzioni di Capo di Stato Maggiore al sottocapo Alfredo Guzzoni.[7] Riuscì a fermare[2] l’offensiva dell’esercito greco lanciata nel gennaio 1941[7] dal suo omologo Alexandros Papagos e che avrebbe dovuto portare alla rottura del fronte alla resa delle truppe italiana in Albania.[5]

I generali Ugo Cavallero, Ettore Bastico e Curio Barbasetti di Prun impegnati in una discussione, fotografati su un campo d’aviazione in Libia nel 1942.

Rientrato a Roma nel maggio 1941,[2] dopo la resa della Grecia, congedò Guzzoni,[7] reo di essersi dimostrato troppo indipendente al tempo della preparazione dell’attacco alla Jugoslavia,[7] e ottenuta l’approvazione della legge del 27 giugno 1941 che gli dava poteri direttivi sui Capi di stato maggiore delle tre Forze Armate,[4] riorganizzò razionalmente il Comando Supremo per poter esercitare l’effettivo coordinamento interforze ed effettuare l’opportuno controllo su tutti i settori della nazione in guerra.[2] La sua acquiescenza al desiderio di Mussolini di inviare truppe a combattere sul fronte russo,[7] portò all'invio di forze sempre più numerose a partire dal primo semestre 1942, che assorbirono la totalità delle moderne artiglierie disponibili e l’utilizzo di oltre 16.000 automezzi che sarebbero stati indispensabili sul fronte libico.[7] Egli ebbe sempre un'acuta percezione dei problemi della guerra sul teatro mediterraneo e africano, tanto che dal maggio 1941 al giugno 1942 si recò in A.S.I ben tredici volte,[7] e fu instancabile sostenitore dell’Operazione C3, la prevista invasione dell’isola di Malta, messa in programma dalla fine del 1941.[7] La realizzazione di tale operazione fu definitivamente vanificata nel giugno 1942 quando Hitler, dopo la caduta di Tobruk, decise che Rommel avrebbe inseguito le truppe inglesi in Egitto, rinunciando all'occupazione di Malta. Tale attacco era stato approvato dal Fuhrer solo due mesi prima durante un incontro tenutosi al Berghof alla presenza di Mussolini e Cavallero.[7]

Promosso Maresciallo d'Italia[N 3] il 1º luglio 1942[2] per ragioni di opportunità[2] nei confronti del generale tedesco Erwin Rommel,[N 4] nominalmente alle sue dipendenze.[7] Nell'autunno 1942, dopo la sconfitta di El Alamein e lo sbarco anglo-americano nell'Africa francese fu impegnato nei complessi problemi dell'evacuazione della Libia e della creazione di una testa di ponte in Tunisia.[7] Cavallero fu rimosso dall’incarico alla fine del gennaio 1943, sostituito dal generale Vittorio Ambrosio.[9]

Dopo la caduta del fascismo,[5] avvenuta il 25 luglio 1943 il nuovo Capo del governo Badoglio lo fece arrestare accusandolo di preparare un colpo di Stato fascista.[5] Per il suo rango di senatore, gli fu consentito di evitare il carcere e di essere rinchiuso in Palazzo Madama[10]. Successivamente fu liberato[2] per iniziativa di Vittorio Emanuele III, ma venne nuovamente arrestato alla fine di agosto e imprigionato a Forte Boccea.[2] Interrogato dal generale Giacomo Carboni, mentre si trovava nel carcere militare, egli stese di proprio pugno un memoriale, con il quale volle dimostrare che anche lui aveva preparato un Colpo di stato contro Mussolini e che anche lui aveva pensato proprio a Badoglio come Capo del Governo. Badoglio non solo non lo fece uscire dal carcere, ma quando fuggì da Roma si dimenticò il memoriale ben in vista sulla sua scrivania della Presidenza del Consiglio.

A seguito dell'armistizio di Cassibile[2] e dell'occupazione di Roma da parte dei tedeschi, il 12 settembre 1943 fu liberato e trasferito presso il comando tedesco di Frascati, ove il Feldmaresciallo Albert Kesselring[5] gli propose, a nome di Hitler, di guidare le forze armate italiane che avessero desiderato continuare la guerra a fianco della Germania; tuttavia egli rifiutò di assumere tale incarico per non scatenare una guerra civile.[2] Quando il giorno successivo Kesserling alzò il calice esclamando di voler brindare alla salute del nuovo comandante dell’Esercito Italiano, Cavallero rispose Brindo alla salute del Re d’Italia.[7]

La morte misteriosa[modifica | modifica wikitesto]

Rivide per poco la moglie, la contessa Olga Grillo,[N 5] e incrociò[7] il Maresciallo d’Italia Enrico Caviglia cui confidò sottovoce i timori che i tedeschi intendessero ucciderlo.[7][11] La mattina del 14 settembre 1943 fu trovato cadavere, ucciso da un colpo di pistola alla tempia destra[2] (egli però era mancino),[N 6] su una sedia di vimini nel giardino dell'Albergo Belvedere di Frascati, ove era rimasto "ospite" di Kesselring, suo amico personale[12]: proprio in quella giornata era previsto il suo trasferimento a Monaco di Baviera.[13]

Nel 2011 Casale Monferrato gli intitolò i giardini fra i viali Ottavio Marchiso e Giolitti, non senza polemiche, poiché alcuni lo ritennero troppo legato al fascismo e responsabile del massacro di circa 2.000 Etiopici (fra cui donne e bambini), sterminati con gas iprite e lanciafiamme tra il 9 e l’11 aprile 1939.[2]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Il maresciallo Ugo Cavallero con il generale Giacomo Carboni in una foto risalente all'inizio del 1943.

Cavallero è stato criticato per non essersi distinto, durante la seconda guerra mondiale, né per capacità militari né per capacità gestionali: Ciano riporta[14] che Cavallero, per assecondare i sogni di onnipotenza di Mussolini, gli fece ripetutamente credere che la produzione di cannoni e pezzi di artiglieria, carri armati e altro materiale bellico fosse sempre ottimale, mentre in conversazioni private con lo stesso Ciano ammetteva che le cifre comunicate al duce indicavano semplicemente "il potenziale" che l'industria italiana avrebbe potuto sviluppare, laddove la produzione effettiva era in realtà molto al di sotto di quei numeri. Ciano riporta anche racconti[N 7] di sottoposti e diplomatici che osservarono Cavallero far sparire dalle località nelle quali era inviato (Albania, Grecia, Nord Africa) pezzi di antiquariato, derrate alimentari e valuta preziosa.[14]

Altri riconoscono a Cavallero il merito di avere fermato nel 1941 l'offensiva greca sul fronte greco-albanese dove si recò personalmente e l'attenuante di avere ereditato al vertice delle Forze Armate una situazione già compromessa[15][16]. Nell'organizzazione dell'esercito avallò il desiderio del Duce di moltiplicare[12] le divisioni, che portarono agli smisurati programmi del 1941, peraltro mai realizzati a causa delle perdite subite in Nord Africa e per la sempre deficiente produzione bellica dell'industria, che prevedevano di disporre di ottanta divisioni di cui ben sei corazzate.[12] Tali programmi non si realizzeranno per la deficiente produzione bellica e il sopravvenire delle perdite.[12]

Nella massoneria[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1907 fu iniziato in Massoneria nella Loggia "Dante Alighieri" di Torino del Grande Oriente d'Italia[17]. Passato in seguito alla Loggia "Nazionale" di Roma, della Serenissima Gran Loggia di Rito scozzese antico ed accettato, il 15 agosto 1918 fu elevato al 33° e massimo grado del rito[18].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia
«Ufficiale di Stato Maggiore addetto alla Sezione Operazioni dell’Ufficio del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito diede, durante l’offensiva austriaca prezioso inesauribile contributodi intelligenza, attività e perizia. Animato sempre da elevatissimo sentimento del dovere, sorretto anche nelle ore più avverse da incrollabile fede nella vittoria, fu fedele ed illuminato interprete del pensiero del Comando, prestando infaticabilmente opera delle più degne e meritorie. Vicenza 15 maggio-15 luglio 1916.»
— Regio Decreto n.24 del 12 agosto 1916
Ufficiale dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine militare di Savoia
«Durante tre anni di guerra prima addetto, poi capo dell’ufficio operazioni del Comando supremo, emergeva in ogni circostanza per la lucida interpretazione e la pronta esecuzione del pensiero dei capi. Nel coordinamento delle informazioni sul nemico, nella riorganizzazione delle truppe e nella preparazione difensiva e controffensiva della battaglia dall’Astico al Piave dava inestimabile contributo all’opera del comando supremo, concorrendo efficacemente alla vittoria delle nostre armi. Battaglia dall’Astico al mare, 15-22 giugno 1918.»
— Regio Decreto del 27 giugno 1918
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«Comandante superiore delle forze armate dell'Africa Orientale Italiana, per approfondire la conoscenza di tutti gli elementi tattici necessari alle operazioni da compiere e per una più stretta e sicura presa di contatto con le truppe dislocate nell'interno di vaste regioni di non facile percorribilità, effettuava personalmente, incurante di qualsiasi rischio e disagio, numerose ricognizioni aeree e terrestri svoltesi sovente con tempo avverso od in condizioni d'incerta sicurezza resa tale dalle latenti insidie del predonaggio, dando così esempio di alto senso del dovere, di cosciente sprezzo del pericolo e di sereno spirito di sacrificio. Settori e cieli dello Scioa - Goggiam, gennaio 1938 dicembre 1938.»
Medaglia di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor militare
«Disimpegnava con molto zelo e coraggio, le funzioni di ufficiale di stato maggiore addetto al comando, coadiuvandolo efficacemente per l'intera giornata. Sidi Garbà, 16 maggio 1913.»
Croce al merito di guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito di guerra
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
— 4 giugno 1914
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
— 29 dicembre 1918
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
— 8 agosto 1920
Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
— 18 dicembre 1921
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 13 settembre 1917
Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 21 settembre 1921
Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 11 giugno 1925
Cavaliere dell'Ordine coloniale della Stella d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine coloniale della Stella d'Italia
— 3 aprile 1924
Croce d'oro per anzianità di servizio (ufficiali e sottufficiali, 40 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'oro per anzianità di servizio (ufficiali e sottufficiali, 40 anni)
Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18
Medaglia a ricordo dell’Unità d’Italia (1848-1918) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia a ricordo dell’Unità d’Italia (1848-1918)
Medaglia commemorativa italiana della vittoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa italiana della vittoria
Medaglia commemorativa della guerra italo-turca (1911-1912) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-turca (1911-1912)
Avanzamento per merito di guerra - nastrino per uniforme ordinaria Avanzamento per merito di guerra
«Comandante superiore delle Forze Armate dell’A.O.I., dava prova di elette virtù di capo e svolgeva ardita e realizzatrice azione di comando in numerosi vasti cicli operativi di grande polizia coloniale. A.O.I., 12 gennaio 1938-15 aprile 1939.»
— Regio Decreto 15 maggio 1940.[19]

Onorificenze estere[modifica | modifica wikitesto]

Grande Ufficiale dell'Ordine del Leone Bianco (Cecoslovacchia) - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine del Leone Bianco (Cecoslovacchia)
— 31 gennaio 1928
Croce di Cavaliere della Croce di Ferro (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Cavaliere della Croce di Ferro (Germania)
— 14 febbraio 1942[20][21]
Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine dell’Aquila tedesca con spade (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine dell’Aquila tedesca con spade (Germania)
— novembre 1941
Cavaliere di Gran Croce Magistrale dell'Ordine di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce Magistrale dell'Ordine di Malta

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È quasi certo che ebbe un ruolo di primo piano nella riforma dell’esercito avvenuta nel 1927, che ridusse grandemente i poteri del Capo di stato maggiore generale.
  2. ^ Durante una cerimonia militare i due generali non si salutarono.
  3. ^ Nel Diario di Galeazzo Ciano, sono riportate le rimostranze degli alti ufficiali italiani e di membri del governo che reputarono al tempo la promozione di Cavallero come uno "scandalo".
  4. ^ Nonostante le divergenze con Rommel, Cavallero consigliò sempre i suoi subordinati Ettore Bastico, Gastone Gambara, Italo Gariboldi ad andare d'accordo con il generale tedesco.
  5. ^ Dal matrimonio erano nati due figli, Maria Grazia e Carlo.
  6. ^ Secondo il sarcastico commento di Mussolini, Cavallero fu suicidato dalla destra di Kesselring.
  7. ^ Anche il Viceré d’Etiopia Amedeo di Savoia Duca d’Aosta riferì tale notizia, quando Cavallero lasciò l’Africa Orientale Italiana per rientrare in Italia.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bianchi 2012, p. 56
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Bianchi 2012, p. 58
  3. ^ a b c d e f g h i j k l Bianchi 2012, p. 57
  4. ^ a b c d Tucker 2016, p. 375
  5. ^ a b c d e f g h i j k l Ferrara 2010, p. 38
  6. ^ http://www.difesa.it/SMD_/CaSMD/CapiSMD/Pagine/Maresciallo_Ugo_CAVALLERO.aspx.
  7. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s Roberto Cecini, I generali di Mussolini, Newton & Compton Editori, Roma, 2016.
  8. ^ http://storia.camera.it/deputato/ugo-cavallero-18800920/governi#nav.
  9. ^ Tucker 2016, p. 101
  10. ^ Ferrari Zumbini, Appunti e spunti per una storia del Parlamento come amministrazione. Il Senato, in "Rivista di storia del Diritto italiano", 1987.
  11. ^ Roberto Coaloa, I gerarchi dimenticati da "lui", in Il Sole 24 Ore, 12 agosto 2012.
  12. ^ a b c d http://www.treccani.it/enciclopedia/ugo-cavallero_(Dizionario_Biografico)/.
  13. ^ Biografia ufficiale di Ugo Cavallero Archiviato il 2 ottobre 2010 in Internet Archive..
  14. ^ a b Galeazzo Ciano, Diario 1939-1943, vol. 1 e 2, Rizzoli, Milano, 1963.
  15. ^ Maresciallo d'Italia Ugo Cavallero.
  16. ^ La tragedia di Ugo Cavallero Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive..
  17. ^ V. Gnocchini, L'Italia dei Liberi Muratori, Mimesis-Erasmo, Milano-Roma, 2005, p. 65.
  18. ^ L. Pruneti, Aquile e Corone, L'Italia il Montenegro e la massoneria dalle nozze di Vittorio Emanuele III ed Elena al governo Mussolini, Le Lettere, Firenze, 2012, p. 112.
  19. ^ Registrato alla Corte dei Conti lì 30 maggio 1940, registro 18, foglio 190.
  20. ^ ww2awards.com.
  21. ^ Scherzer 2007, p. 258

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Becherelli, Andrea Carteny, Fabrizio Giardini, L’Albania indipendente e le relazioni italo-albanesi (1912-2012), Roma, Edizioni Nuova Cultura, 2013, ISBN 88-6812-135-2.
  • Andrea Bianchi, Gli Ordini militari di Savoia e d'Italia, Associazione Nazionale Alpini, 2012, ISBN 978-88-902153-3-9.
  • Luigi Cadorna, La guerra alla fronte italiana. Vol. 1, Milano, Fratelli Treves editori, 1921.
  • Luigi Cadorna, La guerra alla fronte italiana. Vol. 2, Milano, Fratelli Treves editori, 1921.
  • Carlo Cavallero, Il dramma del Maresciallo Cavallero, Milano, A. Mondadori Editore, 1952.
  • Ugo Cavallero, Comando supremo: diario 1940-43 del capo di S. M. G., Bologna, Cappelli, 1948.
  • Giovanni Cecini, I generali di Mussolini, Roma, Newton & Compton Editori, 2016, ISBN 88-541-9868-4.
  • Lucio Ceva, La condotta italiana della guerra. Cavallero e il Comando supremo 1941/1942, Milano, Feltrinelli, 1975.
  • Lucio Ceva, CAVALLERO, Ugo, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 22, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1979.
  • Gli Ufficiali di S.M. Caduti in Guerra, Roma, Stato Maggiore dell'Esercito, 1954.
  • Antonio Ferrara, La memoria e lo zelo di Luigi Fato. La storia, la propaganda, le oblazioni e le immagini del primo 1° zelatore del Pontificio Santuario di Pompei, Salerno, Edisud Salerno, 2010, ISBN 88-95154-77-0.
  • (EN) Philip S. Jowett, Stephen Andrew, The Italian Army 1940-1945. Vol.1, Botley, Osprey Publishing Company, 2000, ISBN 1-85532-864-X.
  • (EN) Philip S. Jowett, Stephen Andrew, The Italian Army 1940-1945. Vol.2, Botley, Osprey Publishing Company, 2001, ISBN 1-85532-865-8.
  • (EN) Philip S. Jowett, Stephen Andrew, The Italian Army 1940-1945. Vol.3, Botley, Osprey Publishing Company, 2001, ISBN 1-85532-866-6.
  • (DE) Veit Scherzer, Ritterkreuzträger 1939–1945 Die Inhaber des Ritterkreuzes des Eisernen Kreuzes 1939 von Heer, Luftwaffe, Kriegsmarine, Waffen-SS, Volkssturm sowie mit Deutschland verbündeter Streitkräfte nach den Unterlagen des Bundesarchives, Jena, Scherzers Militaer-Verlag, 2007, ISBN 978-3-938845-17-2.
  • (EN) Spencer C. Tucker, World War II: The Definitive Encyclopedia and Document Collection, Santa Barbara, ABC CLIO, 2016, ISBN 1-85109-969-7.

Periodici[modifica | modifica wikitesto]

  • Lucio Ceva. “Il maresciallo Cavallero”. Storia Militare n. 19, Ermanno Albertelli Editore, Parma, aprile 1995, pp. 4–12;
  • Lucio Ceva, Italia e Grecia 1940 – 1941. Una guerra a parte, in L’Italia in guerra 1940–1943, Brescia, Annali della Fondazione Luigi Micheletti, marzo 1991.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3383040 · ISNI (EN0000 0001 1035 8282 · SBN IT\ICCU\CFIV\008896 · LCCN (ENn85208907 · GND (DE123556783 · BNF (FRcb127157407 (data)