Tomáš Koubek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tomáš Koubek
Koubek, Tomáš HKR CZE 10-11 WP-en.JPG
Nazionalità Rep. Ceca Rep. Ceca
Altezza 198 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Sparta Praga
Carriera
Squadre di club1
2011-2015 Hradec Králové 23 (-28)
2015 Sparta Praga 0 (-0)
2015-2016 Slovan Liberec 25 (-29)
2016- Sparta Praga 9 (-8)
Nazionale
2009-2010 Rep. Ceca Rep. Ceca U-18 5 (-?)
2010-2011 Rep. Ceca Rep. Ceca U-19 12 (-?)
2012-2015 Rep. Ceca Rep. Ceca U-21 17 (-?)
2016- Rep. Ceca Rep. Ceca 3 (-1)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 16 ottobre 2016

Tomáš Koubek (Hradec Králové, 26 agosto 1992) è un calciatore ceco, portiere dello Sparta Praga e della Nazionale ceca.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2011 al 2015 è tesserato per l'Hradec Králové col quale disputa 28 partite.

Nella sessione del calciomercato del 2015 viene acquistato dallo Sparta Praga, che lo cede per una stagione in prestito allo Slovan Liberec nel quale ha disputato 25 incontri.

Nella stagione 2016-2017 gioca per lo Sparta Praga. Durante l'incontro del 2 ottobre 2016 giocato conto il Brno, rivolge insulti sessiti alla guardalinee Lucie Ratajova, che non avrebbe segnalato un fuorigioco ed al termine della gara sostiene che le donne dovrebbero stare solo in cucina, davanti ai fornelli. Posizione rafforzata anche dal compagno di squadra Lukáš Vácha, attraverso i social network. Per tali dichiarazioni è stato deferito, con il centrocampista, agli organi di giustizia sportiva ed il club li ha puniti mandandoli ad effettuare alcune sedute di allenamento con la squadra femminile.[1]

Per le prime quattro giornate di campionato, tiene la propria rete inviolata, subendo il primo gol il 10 settembre 2016 contro il Mladá Boleslav (2-2), dopo 402 minuti d'imbattibilità.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Viene convocato per gli Europei 2016 in Francia.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nicola Selitti, Sparta Praga, "vai a cucinare" alla guardalinee: ora si alleneranno con le donne, Repubblica.it, 4 ottobre 2016.
  2. ^ (CS) Konečná nominace: Na EURO nejedou Mareček a Schick, euro2016.fotbal.cz, 31 maggio 2016. URL consultato il 31 maggio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]