Sportivi Ghiaccio Cortina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sportivi Ghiaccio Cortina
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Scoiattoli
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Trasferta
Colori sociali 600px Bianco e Azzurro2.svg Bianco e azzurro
Dati societari
Città Cortina d'Ampezzo-Stemma.png Cortina d'Ampezzo
Paese Italia Italia
Confederazione IIHF Logo.jpg IIHF
Federazione FISG
Campionato Alps Hockey League
Fondazione 1924
Presidente Italia Silvio Bernardi
Allenatore Italia-USA-Bandiera.png Andrew Omicioli
Capitano Italia Luca Zandonella
Impianto di gioco Stadio Olimpico del Ghiaccio
(2.700 posti)
Sito web www.hockeycortina.com
Palmarès
10 scudettiScudettoScudettoScudettoScudettoScudettoScudettoCoppa ItaliaCoppa ItaliaCoppa Italia
Scudetti 16
Trofei nazionali 3 Coppe Italia
Trofei internazionali 2 Coppe delle Alpi
Si invita a seguire lo schema del Progetto Hockey su ghiaccio

La Sportivi Ghiaccio Cortina è una squadra di hockey su ghiaccio di Cortina d'Ampezzo (BL). È una delle più antiche e titolate società di hockey su ghiaccio italiane. È inoltre la squadra che vanta il maggior numero di presenze in Serie A.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La fondazione e i primi anni[modifica | modifica wikitesto]

La società fu fondata nel 1924 come Gruppo Sportivo Dolomiti Cortina Hockey. Nel campionato del 1932 vinse il suo primo scudetto mentre tre anni più tardi, nel 1935, il fascismo impose la sparizione della parola hockey dal nome, e la squadra fu così ribattezzata in Associazione Sportiva Ghiaccio Cortina. Nel dopoguerra assumerà la denominazione attuale.

Il dominio in campionato e le vittorie europee[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver disputato numerose finali per l'assegnazione del tricolore, nel campionato 1947/48 il Cortina arriva ancora in finale scudetto, che però questa volta non disputa, e quindi lo scudetto va a tavolino all'HC Milano. Partecipò in quegli anni a due campionati di serie A anche la seconda squadra ampezzana, il Cortina II che successivamente, nel campionato 1948/49, come aveva fatto l'anno precedente l'Amatori Milano, si staccherà dalla prima squadra per dar vita al Tofana, squadra che comunque si iscrisse solamente al torneo di serie A di quell'anno e senza di fatto parteciparvi in quanto dette forfait in tutte le partite che doveva disputare.

La formazione del Cortina campione d'Italia 1956-1957

Complici anche le VII Olimpiadi invernali giocate proprio a Cortina, i biancoazzurri, in seguito anche al periodo di crisi delle squadre milanesi, allora ai vertici del campionato, diventeranno i nuovi dominatori del torneo: tra la fine degli anni '50 e la metà degli anni '70 il Cortina lascerà agli avversari solo le briciole: vincerà difatti ben 14 scudetti in 19 stagioni.

In quegli anni gli ampezzani si aggiudicheranno anche due edizioni di un importante trofeo sovranazionale, la Coppa delle Alpi, che vedeva la partecipazione di squadre svizzere, austriache e slovene. Grazie ai titoli di campione d'Italia, il Cortina partecipò poi a numerose edizioni della Coppa dei campioni: il miglior risultato lo raggiunse nell'edizione 1970/71, quando, anche grazie a un ribaltamento del risultato deciso dalla IIHF contro l'EV Landshut, campioni uscenti della Germania Ovest, gli scoiattoli raggiunsero le semifinali (si fermarono poi al cospetto dei campioni cecoslovacchi del Dukla Jihlava)[1].
Nel 1973 e nel 1974 il Cortina si aggiudicò anche le prime due edizioni della Coppa Italia, competizione che poi non fu più riproposta per quasi vent'anni.

La fusione col Milano[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1998, a causa della mancanza di copertura del palaghiaccio di Cortina, la squadra si fuse col Milano e darà vita alla Sportivi Ghiaccio Cortina Milano[2] formazione nata dall'accordo tra Alvise Di Canossa (sponsor negli anni precedenti del Milano Saima con la Saima Avandero) e la dirigenza del Cortina. Giocherà il campionato 1998/99 con tale denominazione.

Il ritorno in A e le vittoria del sedicesimo scudetto[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un anno di assenza, nella stagione 2002/03, sempre a causa della copertura dello stadio, e dopo qualche anno di assenza anche dalla massima serie, torna in serie A nella stagione 2003/2004 approdando subito in semifinale, dove però verrà agilmente superata dai Milano Vipers; nella stagione successiva, trascinati da Matt Cullen, a Cortina in seguito al lock-out della NHL, gli ampezzani si arrendono in finale solo a gara 7 al Milano. Nel 2005/2006 la squadra viene eliminata in semifinale dal Renon, mentre la stagione 2006/2007 riporta lo scudetto ai piedi delle Tofane, dopo ben 32 anni di assenza: è il sedicesimo della Sportivi Ghiaccio (il primo da quando esistono i playoff) che fa diventare momentaneamente la società la più titolata d'Italia assieme al Bolzano.

Ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Il Cortina vincitore dell'edizione della Coppa Italia 2011-2012

La stagione 2008-2009 sembra essere quella del riscatto dopo il deludente campionato precedente (dove era stata eliminata in semifinale dall'Alleghe, nel sentito derby bellunese): la squadra cortinese domina in lungo e in largo la prima parte del campionato; solo nelle ultime giornate perde il primo posto in classifica, occupato per buona parte della stagione. In Coppa Italia invece, la Sportivi Ghiaccio si ferma ancora in semifinale eliminata dal Bolzano, poi vincitore della manifestazione. Il finale di campionato si rivela ancor più amaro: nei playoff la squadra cede il passo sempre al Bolzano, nuovamente nelle semifinali. Nella stagione successiva il Cortina arriva invece ultimo nella regular season ed è così escluso dai play-off. Al termine di quella stagione a causa dell'abbandono degli sponsor e del pubblico e con pesanti debiti societari, la presenza del Cortina al campionato di hockey 2010/11 viene considerata a rischio[3], ma nonostante questo il presidente della società Alessandro Moser comunicò, sul finire dell'estate, di aver iscritto la squadra al massimo campionato italiano. Nella stagione 2011/12 la squadra si rilancia e riesce a vincere la sua terza Coppa Italia, battendo in semifinale il Val Pusteria all'overtime e in finale l'HC Bolzano ai tiri di rigore, dopo aver raggiunto il pareggio nei tempi regolamentari a soli 13" dalla fine.

Il 6 agosto 2014, per festeggiare il 90º anniversario della fondazione della società, si sono affrontati in un prestigioso match amichevole all'Olimpico il Metallurg Magnitogorsk (detentore della Kontinental Hockey League) e il Red Bull Salzburg (vicecampione della Österreichische Eishockey-Liga, avendo perso la finale col Bolzano).

Palaghiaccio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stadio Olimpico del Ghiaccio.
L'esterno dello stadio Olimpico di Cortina

Dopo aver solcato il ghiaccio dello Stadio Apollonio per circa trent'anni[4], dagli anni '50 del secolo scorso il Cortina disputa le proprie partite casalinghe presso lo Stadio Olimpico del Ghiaccio (costruito tra il 1952 ed il 1955 per ospitare le discipline sportive del ghiaccio dei VII Giochi olimpici invernali del 1956). Tra il 2007 ed il 2009 vi è stato un rilevante intervento di ristrutturazione dell'impianto che si è esteso su una superficie di 7.000 metri quadrati[5] che ha limitato temporaneamente la capienza dello stadio ma che comunque non ha impedito alla squadra di usufruire dello stesso. Durante la stagione 2013/14 invece, a seguito delle abbondanti nevicate che hanno interessato il nord est del Paese, il Cortina è stato costretto a disputare alcune partite casalinghe presso lo stadio del ghiaccio di Corvara, a seguito del rischio del crollo del tetto dell'impianto ampezzano (la parte a rischio crollo a causa della neve era il nuovo lucernario-giunto strutturale, creato per consentire all'impianto un frequente cambio d'aria)[6][7].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1932, 1956-1957, 1958-1959, 1960-1961, 1961-1962, 1963-1964, 1964-1965, 1965-1966, 1966-1967, 1967-1968 Star*.svg
1969-1970, 1970-1971, 1971-1972, 1973-1974, 1974-1975 e 2006-2007
1972-1973, 1973-1974 e 2011-2012
1989-90 e 1993-94

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

1961 e 1970

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'SG Cortina
  • 1924 - Fondazione del Gruppo Sportivo Dolomiti Cortina Hockey
  • 1925 - 2° in Serie A Zilveren medaille.svg
  • 1926 - 2° in Serie A Zilveren medaille.svg
  • 1927 - 2° in Serie A Zilveren medaille.svg
  • 1928 - campionati nazionali non disputati
  • 1929 - campionati nazionali non disputati

  • 1930 - 2° in Serie A Zilveren medaille.svg
  • 1931 - 2° in Serie A Zilveren medaille.svg
  • 1932 - Scudetto.svg Campione d'Italia (1º titolo) Gouden medaille.svg
  • 1933 - 2° in Serie A Zilveren medaille.svg
  • 1934 - 2° in Serie A Zilveren medaille.svg
  • 1935 - forfait per mancanza di ghiaccio nella pista
  • 1936 - ritiro della squadra
  • 1937 -  ?
  • 1938 - 3° in Serie A Bronzen medaille.svg (perde la finale della Serie B), non riesce a qualificarsi per la finale di Serie A
  • 1939 - campionati nazionali non disputati
  • 1940 - campionati nazionali non disputati

  • 1941 -  ?
  • 1942 - campionati nazionali non disputati
  • 1943 - campionati nazionali non disputati
  • 1944 - campionati nazionali non disputati
  • 1945 - campionati nazionali non disputati
  • 1946 - campionati nazionali non disputati
  • 1947 - 3° in Serie A Bronzen medaille.svg
  • 1948 - 2° in Serie A Zilveren medaille.svg
  • 1949 - 3° in Serie A (girone B), non riesce a qualificarsi per il girone finale di Serie A
  • 1950 - 3° in Serie A Bronzen medaille.svg

  • 1951 - 1° in Serie A (girone B), non disputa il girone finale di Serie A a causa delle abbondanti nevicate
  • 1952 - 2° in Serie A (girone A), non riesce a qualificarsi per il girone finale di Serie A
  • 1953 - 3° in Serie A Bronzen medaille.svg
  • 1954 - 4° in Serie A
  • 1955 - 3° in Serie A Bronzen medaille.svg
  • 1956 - Serie A non disputata per le Olimpiadi invernali giocate proprio a Cortina
  • 1957 - Scudetto.svg Campione d'Italia (2º titolo) Gouden medaille.svg
  • 1958 - 2° in Serie A Zilveren medaille.svg
  • 1959 - Scudetto.svg Campione d'Italia (3º titolo) Gouden medaille.svg
  • 1960 - 3° in Serie A Bronzen medaille.svg

  • 1961 - Scudetto.svg Campione d'Italia (4º titolo) - vince lo spareggio scudetto coi Diavoli Milano Gouden medaille.svg
    Coppadellealpi.png Vince la Coppa delle Alpi (1º titolo)
  • 1962 - Scudetto.svg Campione d'Italia (5º titolo) Gouden medaille.svg
  • 1963 - 2° in Serie A Zilveren medaille.svg
  • 1964 - Scudetto.svg Campione d'Italia (6º titolo) Gouden medaille.svg
  • 1965 - Scudetto.svg Campione d'Italia (7º titolo) Gouden medaille.svg
  • 1966 - Scudetto.svg Campione d'Italia (8º titolo) Gouden medaille.svg
  • 1967 - Scudetto.svg Campione d'Italia (9º titolo) Gouden medaille.svg
  • 1968 - Scudetto.svg Campione d'Italia (10º titolo) Gouden medaille.svg Star*.svg
  • 1969 - 2° in Serie A Zilveren medaille.svg
  • 1970 - Scudetto.svg Campione d'Italia (11º titolo) Gouden medaille.svg
    Coppadellealpi.png Vince la Coppa delle Alpi (2º titolo)

 
  • 1971 - Scudetto.svg Campione d'Italia (12º titolo) Gouden medaille.svg
  • 1972 - Scudetto.svg Campione d'Italia (13º titolo) Gouden medaille.svg
  • 1973 - 2° in Serie A Zilveren medaille.svg - perde lo spareggio scudetto col Bolzano
    Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (1º titolo)
  • 1974 - Scudetto.svg Campione d'Italia (14º titolo) Gouden medaille.svg
    Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (2º titolo)
  • 1975 - Scudetto.svg Campione d'Italia (15º titolo) Gouden medaille.svg
  • 1976 - 3° in Serie A Bronzen medaille.svg
  • 1977 - 4º in Serie A
  • 1978 - 2° in Serie A Zilveren medaille.svg
  • 1979 - 4º in Serie A
  • 1980 - 4º in Serie A

  • 1981 - 4º in Serie A
  • 1982 - 6º in Serie A
  • 1983 - 6º in Serie A
  • 1984 - 8º in Serie A
    (8° in regular season)
  • 1985 - 8º in Serie A
    (9° in regular season)
  • 1986 - 9º in Serie A
    (10° in regular season)
  • 1987 - 7º in Serie A
    (5° in regular season)
  • 1988 - 7º in Serie A
    (8 in regular season)
  • 1989 - 10º in Serie A Red Arrow Down.svg retrocede in Serie B
    (10° in regular season)
  • 1990 - 1º in Serie B1 Green Arrow Up.svg promosso in Serie A

  • 1991 - 10º in Serie A Red Arrow Down.svg retrocede in Serie B
    (10° in regular season)
  • 1992 - 5º in Serie B
  • 1993 - 3º in Serie B
    (2° in regular season)
  • 1994 - 1º in Serie B1 Green Arrow Up.svg promosso in Serie A
    (1° in regular season)
  • 1995 - non partecipa ad alcun campionato
  • 1996 - non partecipa ad alcun campionato
  • 1997 - 9° in serie A
    (8° in regular season)
  • 1998 - 8º in Serie A
    (8° in regular season)
  • 1999 - Fusione con il Milano, nasce il Cortina-Milano - 4º in Serie A
    (3° in regular season)
  • 2000 - Il Cortina-Milano si iscrive al campionato francese, la dirigenza ampezzana iscrive comunque una squadra anche in Serie B - 5º in Serie B
    (5° in regular season)

 
  • 2001 - Termina la collaborazione col Milano - 4º in Serie B
    (6° in regular season)
  • 2002 - 4º in Serie B
    (4° in regular season)
  • 2003 - non partecipa ad alcun campionato
  • 2004 - 4º in Serie A (torna in Serie A grazie alla riforma dei campionati)
    (7° in regular season)
  • 2005 - 2° in Serie A - perde la finale scudetto coi Milano Vipers Zilveren medaille.svg
    (2° in regular season)
  • 2006 - 4° in Serie A
    (4° in regular season)
    Finalista di Coppa Italia coi Milano Vipers
  • 2007 - Scudetto.svg Campione d'Italia (16º titolo) vince la finale scudetto coi Milano Vipers Gouden medaille.svg
    (2° in regular season)
  • 2008 - 5º in Serie A
    (7° in regular season)
    Finalista di Supercoppa Italiana col Bolzano
  • 2009 - 3° in Serie A Bronzen medaille.svg
    (3° in regular season)
  • 2010 - 9° in Serie A
    (9° in regular season)

  • 2011 - 9° in Serie A
    (9° in regular season)
  • 2012 - 3° in Serie A Bronzen medaille.svg
    (4° in regular season)
    Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (3º titolo)
  • 2013 - 4° in Serie A
    (8° in regular season)
    Finalista di Supercoppa Italiana col Bolzano
  • 2014 - 4° in Serie A
    (5° in regular season)
  • 2015 - 9° in Serie A
    (8° in regular season)
  • 2016 - 8° in Serie A
    (8° in regular season)

Roster 2016/17[modifica | modifica wikitesto]

Portieri[modifica | modifica wikitesto]

  • 01 Italia Marco De Filippo
  • 11 Italia Martino Valle Da Rin
  • 51 Italia Luca Burzacca

Difensori[modifica | modifica wikitesto]

Attaccanti[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

  • USA-Italia Andrew Omicioli

Roster delle stagioni precedenti[modifica | modifica wikitesto]

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Hockeisti su ghiaccio della SG Cortina

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori della SG Cortina

Stranieri del Cortina[modifica | modifica wikitesto]

Tifo organizzato[modifica | modifica wikitesto]

  • Fatti Duri

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le squadre italiane nelle coppe europee, su hockeytime.net. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  2. ^ Milano Cortina, l'hockey si fonde, su archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 9 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  3. ^ il Cortina è a rischio, su hockeytime.net. URL consultato il 24 aprile 2010.
  4. ^ Storia Sportivi Ghiaccio Cortina, su hockeycortina.it. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  5. ^ L'Olimpico di Cortina, su carron.it. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  6. ^ Cortina, con l'Asiago trasloco a Corvara, su corrierealpi.gelocal.it. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  7. ^ Olimpico chiuso: Cortina-Pusteria si gioca in diretta TV a Corvara, su sportnews.bz. URL consultato il 22 febbraio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]