Coppa dei campioni (hockey su ghiaccio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coppa dei campioni
Sport Ice hockey pictogram.svg Hockey su ghiaccio
Tipo per squadre di club
Federazione IIHF
Continente Europa
Titolo Campione d'Europa
Cadenza annuale
Formula Le squadre venivano divise in gironi da 4. Le vincenti passavano al turno successivo, e venivano formati altri gironi da 4, e così via finché rimanevano sole 4 squadre. La vincente di quest'ultimo girone si aggiudicava il titolo.
Storia
Fondazione 1964
Soppressione 1997
Ultimo vincitore Russia Lada Togliatti

La Coppa dei campioni di hockey su ghiaccio fu la massima competizione per club a livello europeo di questo sport tra il 1965 e il 1997. Mattatore della competizione fu il CSKA Mosca: tra il 1969 e il 1990 perse soltanto due edizioni.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'idea di una coppa che vedesse sfidarsi i campioni dei diversi campionati europei di hockey su ghiaccio, venne a Günther Sabetzki, presidente della federazione della Germania, nel 1964. L'anno successivo la IIHF, visto il successo dell'equivalente calcistico, decise di organizzarla durante un meeting a Tampere.

Nacque così l'European Cup, meglio nota come Europa Cup o - appunto - Coppa dei campioni. Le traversie furono molte, spesso dovute anche al rifiuto da parte delle squadre sovietiche di giocare in determinati posti. Ed ebbe il suo peso anche la sproporzione tra le squadre provenienti dai paesi di più grande tradizione con quelle di più scarso peso.

La coppa campioni fu così sostituita nel 1997 dalla European Hockey League (la cui prima edizione si svolse parallelamente all'ultima della coppa dei campioni), cui venne affiancata la Continental Cup per quelle squadre che risultarono escluse dalla massima competizione europea.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Dalla prima edizione all'edizione 1977-1978, le squadre si incontravano in una serie di scontri diretti, fino alla finale; a partire dal 1978-1979, la formula cambiò con l'introduzione di un girone da 4 squadre (divenute 5 nel 1984-85 e 1985-86) al posto della finale.

A partire dal 1987-1988 anche i turni preliminari non furono più giocati con scontri diretti, ma con gironcini da quattro squadre.

Dal 1990-1991 al termine della competizione, rimase il sistema di qualificazione a gironi, ma fu reintrodotta la finale, tra le prime classificate nei due gironi di finale.

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Anno Primo posto Secondo posto Terzo posto Quarto posto
1965-66 Cecoslovacchia ZKL Brno Germania Ovest EV Füssen    
1966-67 Cecoslovacchia ZKL Brno Finlandia Ilves Tampere
1967-68 Cecoslovacchia ZKL Brno Cecoslovacchia Dukla Jihlava
1968-69 Unione Sovietica CSKA Mosca Austria EC KAC
1969-70 Unione Sovietica CSKA Mosca URSS HC Spartak Mosca
1970-71 Unione Sovietica CSKA Mosca Cecoslovacchia Dukla Jihlava
1971-72 Unione Sovietica CSKA Mosca Svezia Brynäs IF Gävle
1972-73 Unione Sovietica CSKA Mosca Svezia Brynäs IF Gävle
1973-74 Unione Sovietica CSKA Mosca Cecoslovacchia HC Tesla Pardubice
1974-75 Unione Sovietica Krylja Sovjetov Cecoslovacchia Dukla Jihlava
1975-76 Unione Sovietica CSKA Mosca Cecoslovacchia HC Kladno
1976-77 Cecoslovacchia HC Kladno URSS HC Spartak Mosca
1977-78 Unione Sovietica CSKA Mosca Cecoslovacchia HC Poldi Kladno
1978-79 Unione Sovietica CSKA Mosca Cecoslovacchia HC Poldi Kladno Finlandia Ässät Pori Svezia Skellefteå AIK
1979-80 Unione Sovietica CSKA Mosca Finlandia Tappara Tampere Cecoslovacchia Slovan Bratislava Svezia MoDo Dömsjö
1980-81 Unione Sovietica CSKA Mosca Finlandia HIFK Helsinki Cecoslovacchia HC Poldi Kladno Svezia Brynäs IF Gävle
1981-82 Unione Sovietica CSKA Mosca Cecoslovacchia TJ Vitkovice Germania Ovest SC Riessersee Finlandia Kärpät Oulu
1982-83 Unione Sovietica CSKA Mosca Cecoslovacchia Dukla Jihlava Finlandia Tappara Tampere Germania Ovest SB Rosenheim
1983-84 Unione Sovietica CSKA Mosca Cecoslovacchia Dukla Jihlava Germania Est SC Dynamo Berlin Svezia Djurgårdens IF
1984-85 Unione Sovietica CSKA Mosca Germania Ovest Kölner EC Cecoslovacchia Dukla Jihlava Svezia AIK[1]
1985-86 Unione Sovietica CSKA Mosca Svezia Södertälje Germania Ovest SB Rosenheim Cecoslovacchia Dukla Jihlava[2]
1986-87 Unione Sovietica CSKA Mosca Cecoslovacchia VZS Košice Svezia Färjestad BK Svizzera HC Lugano
1987-88 Unione Sovietica CSKA Mosca Cecoslovacchia HC Tesla Pardubice Finlandia Tappara Tampere Svezia IF Björklöven Umeå
1988-89 Unione Sovietica CSKA Mosca Cecoslovacchia VSZ Košice Germania Ovest Kölner EC Svezia Färjestads BK
1989-90 Unione Sovietica CSKA Mosca Finlandia TPS Turku Svezia Djurgårdens IF Germania Ovest SB Rosenheim
1990-91 Svezia Djurgårdens IF URSS HC Dinamo Mosca    
1991-92 Svezia Djurgårdens IF Germania Düsseldorfer EG
1992-93 Svezia Malmö IF Russia HC Dinamo Mosca
1993-94 Finlandia TPS Turku Russia HC Dinamo Mosca
1994-95 Finlandia Jokerit Helsinki Russia Lada Togliatti
1995-96 Finlandia Jokerit Helsinki Germania Kölner EC
1996-97 Russia Lada Togliatti Svezia MoDo Örnsköldsvik

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il girone finale era a cinque squadre, e quinta classificata furono i polacchi del Polonia Bytom
  2. ^ Il girone finale era a cinque squadre, e quinta classificata furono i francesi dell'HC Saint-Gervais

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Müller Stephan, International Ice Hockey Encyclopedia 1904-2005, BoD GmbH, Norderstedt, 2005 (ISBN 3-8334-4189-5)
Hockey su ghiaccio Portale Hockey su ghiaccio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di hockey su ghiaccio