Campionato italiano di hockey su ghiaccio 1990-1991

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stagione 1990-1991
Campionato Campionato italiano
Sport Ice hockey pictogram.svg Hockey su ghiaccio
Numero squadre 10 squadre serie A
11 Serie B
Stagione regolare
Top scorer Robert Mark Napier (Mastini Varese)
Retrocesse in Serie B Cortina
Campione italiano Milano Saima

Il Campionato italiano di hockey su ghiaccio 1990-91 è stata la 57ª edizione della manifestazione.

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Il format per questa stagione non prevede la disputa dei playoff, ma una prima fase con un girone all'italiana con doppio turno di andata e ritorno, che serve a determinare quali saranno le sei formazioni che accederanno al girone scudetto e quali al girone salvezza (le ultime quattro).

Formazioni[modifica | modifica wikitesto]

Le squadre iscritte al torneo sono:
Bolzano, Varese, Devils Milano, Milano Saima, Alleghe, Fassa, Asiago, Brunico, Fiemme Cavalese e Cortina.
Durante la stagione, il Milano Saima si trasferisce dallo storico Piranesi al Forum di Assago.

Girone di qualificazione[modifica | modifica wikitesto]

Teams Punti
1. Milano Saima 61
2. Bolzano 50
3. Varese 49
4. Devils Milano 47
5. Alleghe 42
6. Fassa 38
7. Asiago 34
8. Brunico 18
9. Fiemme Cavalese 16
10. Cortina 5

Seconda fase[modifica | modifica wikitesto]

Nella seconda fase, in ogni raggruppamento, le squadre ricevono un bonus in base alla posizione acquisita nel turno precedente.

Girone scudetto[modifica | modifica wikitesto]

Teams Punti
1. Milano Saima 20
2. Bolzano 18
3. Devils Milano 15
4. Varese 11
5. Fassa 6
6. Alleghe 5

Nel Girone scudetto, il Milano Saima, dopo aver dominato il torneo per tutta la stagione, deve vincere o pareggiare l'ultima gara contro il Bolzano. In caso di sconfitta è previsto lo spareggio da giocarsi ad Asiago.
Davanti a 11.500 spettatori (record nazionale per l'hockey su ghiaccio), al 5'52” del primo periodo gli ospiti passano in vantaggio con il canadese Perry John Turnbull e raddoppiano al 18'19” con Martin Crepaz. Nel secondo drittel, quando ormai le speranza di riaprire la gara si sta affievolendo, Kevin Lavallee al 17'40” e Richard Bragnalo al 18'38” riportano la situazione in parità. Ma chi pensa che Bolzano si sia rassegnato a lasciare il tricolore a Milano viene smentito da Martin Pavlu, che al 10'33” del terzo periodo, porta in vantaggio gli altoatesini. I rossoblu non ci stanno e al 15'45”, su assist di Paul Beraldo, Richard Bragnalo segna la rete del 3-3. Grazie al punto conquistato, i tifosi saimini possono festeggiare il loro primo scudetto.

Scudetto.svg L'Hockey Club Milano Saima vince il suo primo scudetto.
Formazione Campione d'Italia: Paul Beraldo - Richard Bragnalo - Andrea Brega - Marco Capone - Gerard Ciarcia - Anthony Fiore - Daniel Fascinato - Marco Favalli - Joseph Foglietta - Fabio Frison - Mark Johnson - Kevin Lavallee - John Robert Manno - Gianfranco Odino - Rico Rossi - Andrea Spiriti - William Stewart - Dave Tomassoni - Maurizio Vacca - John Vecchiarelli - Joseph Michael Zanier.
Allenatore: Lou Vairo.

Girone salvezza[modifica | modifica wikitesto]

Teams Punti
7. Asiago 27
8. Fiemme Cavalese 14
9. Brunico 12
10. Cortina 7

Il girone salvezza viene vinto agevolmente dall'Asiago, il Cortina, ultimo, viene retrocesso nella serie cadetta.

Marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Robert Mark Napier si riconferma, questa volta con la maglia del Varese, top scorer stagionale con 118 punti (45 assist e 73 gol), seguito da Bruno Zarrillo (Bolzano, 96 p.ti, 39 + 57), Bob Ginnetti (Alleghe, 96 p.ti, 31 + 65), Pat Micheletti (Varese, 92 p.ti, 34 + 58) e Mario Chitarroni (Alleghe, 85 p.ti, 37 + 48).

Serie B[modifica | modifica wikitesto]

La serie B, dopo la regular season, vede le squadre suddivise in due gruppi, dove in ciascuno dei quali le prime quattro classificate accederanno poi ai playoff promozione, playoff che al contrario della serie A vengono quindi disputati.

Prima fase[modifica | modifica wikitesto]

Teams Punti
1. Gardena 34
2. Zoldo 28
3. Diavoli Como 27
4. Merano 21
5. Vipiteno 21
6. Auronzo 21
7. Appiano 19
8. Renon 16
9. Selva 12
10. Bressanone 11
11. Latemar Bolzano 10

Poule A[modifica | modifica wikitesto]

Tra parentesi i punti che le squadre si portarono in dote dalla prima fase.

Teams Punti
1. Diavoli Como 22 (4)
2. Gardena 20 (5)
3. Vipiteno 10 (3)
4. Selva 10 (1)
5. Appiano 8 (2)
6. Latemar Bolzano 5 (0)

Poule B[modifica | modifica wikitesto]

Tra parentesi i punti che le squadre si portarono in dote dalla prima fase.

Teams Punti
1. Zoldo 19 (5)
2. Merano 12 (4)
3. Auronzo 11 (3)
4. Renon 10 (2)
5. Bressanone 3 (1)

Playoff promozione[modifica | modifica wikitesto]

Serie giocate al meglio delle 3 gare.

  Quarti di finale Semifinali Finali
                                       
   Como 9 5  
 Ritten-Renon 3 4  
   Como 1 2  
   Merano 2 6  
 Merano 15 9
   Vipiteno Broncos 5 2  
     Merano 7 4 1
   Zoldo 6 5 0
   Zoldo 13 4  
 Selva 6 3  
   Zoldo 5 3 4
   Gherdëina-Gardena 2 4 3  
 Gherdëina-Gardena 7 5
   Auronzo 3 2  


Il Merano vince la serie B e sale in A.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Parte di questo testo è stato preso da hockeytime.net, col consenso dell'autore.