Kontinental Hockey League

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kontinental Hockey League
Altri nomi Kontinentaalinen jääkiekkoliiga
Kontinentalna liga u hokeju na ledu
Құрлықтық хоккей лигасы
Континентальна хокейна ліга
Kontinentální hokejová liga
Sport Ice hockey pictogram.svg Hockey su ghiaccio
Tipo squadre di club
Continente Asia
Europa
Luogo Bielorussia Bielorussia
Cina Cina
Finlandia Finlandia
Kazakistan Kazakistan
Lettonia Lettonia
Russia Russia
Slovacchia Slovacchia
Organizzatore Kontinental Hockey League
Direttore Dmitrij Černyšenko
Motto Хоккей – наша игра
(Hockey, il nostro gioco)
Cadenza annuale
Apertura agosto
Chiusura aprile
Partecipanti 27
Formula Conference + play-off
Sito Internet khl.ru
Storia
Fondazione 2008
Numero edizioni 10
Detentore Ak Bars Kazan’
Record vittorie Ak Bars Kazan’ (3)
Ultima edizione Kontinental Hockey League 2017-2018
Gagarincup.gif
Coppa Gagarin

La Kontinental Hockey League (in croato Kontinentalna liga u hokeju na ledu, in ceco Kontinentální hokejová liga, in finlandese Kontinentaalinen jääkiekkoliiga, in slovacco Kontinentálna hokejová liga, in lettone Kontinentālā hokeja līga, in russo Kontinental'naja chokkejnaja liga, in ucraino Kontynental'na chokejna liga, in kazako Qurlyqtyq chokkej ligacy), nota anche con l'acronimo KHL (in alfabeto cirillico КХЛ), è una competizione interconfederale di hockey su ghiaccio cui prendono parte club professionistici provenienti da Russia, Bielorussia, Cina, Finlandia, Kazakistan, Lettonia, e Slovacchia. Istituita nel 2008, è la succeditrice della Superliga russa.

Conta attualmente 27 squadre, suddivise in 2 conference da 2 division ciascuna. Al termine della stagione regolare, le migliori 16 squadre della classifica generale si qualificano per i playoff; dando vita a ottavi, quarti, semifinali e finali per la Coppa Gagarin, sul modello NHL. La Kontinental Hockey League è comunemente considerato come il secondo campionato hockeistico al mondo dietro alla NHL.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Kontinental Hockey League venne fondata nel 2008 sulle ceneri della Superleague russa, il massimo campionato russo, ed era formata da 24 squadre: le 20 squadre dell'ultima stagione della Superleague; il vincitore della stagione 2007-2008 della VHL (la Lega di secondo livello del campionato russo); e 3 squadre provenienti da ex repubbliche sovietiche: una squadra lettone, una bielorussa ed una kazaka. Le squadre furono divise in 4 "Division" sulla base del rendimento nelle stagioni precedenti. La prima stagione prese il via il 2 settembre 2008 e si concluse nell'aprile 2009; il primo vincitore della Coppa Gagarin fu l'Ak Bars Kazan'.

Introduzione delle Conference (2009)[modifica | modifica wikitesto]

Nel tentativo di ridurre le grandi distanze e i viaggi delle squadre, nella seconda stagione della KHL vi fu l'introduzione di due "Conference" (Western ed Eastern) e il riallineamento delle Division non più in base ai risultati ma secondo dei criteri geografici. Nonostante gli sforzi per espandere la Lega all'Europa centrale ed occidentale, nelle prime 3 stagioni della KHL vi furono solo piccole modifiche nelle composizioni delle squadre russe. Nei playoff per aggiudicarsi la Coppa Gagarin, in queste prime tre edizioni vi fu il dominio delle squadre dell'est, con 2 vittorie per l'Ak Bars Kazan' ed una per il Salavat Julaev.

Disastro aereo di Jaroslavl' (2011)[modifica | modifica wikitesto]

L'inizio della quarta stagione è offuscato dall'incidente aereo della Lokomotiv Jaroslavl': il 7 settembre 2011 l'aeroplano che trasportava la squadra della Lokomotiv Jaroslavl a Minsk per la prima partita di campionato si è schiantato: tutti i membri della squadra e dello staff tecnico sono deceduti nell'incidente.[1] La partita della Coppa d'apertura a Kazan', che era già in corso, fu immediatamente interrotta e l'inizio della stagione posticipato di 5 giorni.

Dopo l'incidente il team annunciò l'intenzione di ritirarsi dalla partecipazione alla stagione 2011-12[2] prendendo invece parte alla VHL, la lega di secondo livello[3]. Ritornò in KHL dalla stagione successiva.

Espansione verso l'Europa centrale (2011 e 2012)[modifica | modifica wikitesto]

Il logo utilizzato fino al 2016

Dopo vari tentativi falliti di espansione verso l'Europa centrale e la Scandinavia, la KHL oltrepassò i confini dell'ex Unione Sovietica nel 2011 quando l'HC Lev, una neonata squadra slovacca con sede a Poprad, fu ammessa al campionato 2011-2012. La squadra slovacca non riuscì a raggiungere i playoff, ma creò notevole interesse e molte delle partite casalinghe furono disputate con il tutto esaurito. Nella stagione successiva il Lev si trasferì a Praga, in Repubblica Ceca, mentre un'altra squadra slovacca, lo Slovan Bratislava, entrò nella KHL. La stessa stagione vide inoltre l'ingresso di una squadra ucraina, il Donbas Doneck.

Ultimi ingressi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver proposto la creazione di un campionato pan-europeo, la "United Hockey League", a partire dal 2011, i dirigenti della KHL dichiararono di puntare ad un'espansione della Lega verso ovest.[4]. Con grande sorpresa degli addetti ai lavori anche un club italiano, l'Hockey Milano Rossoblu, strinse un accordo di collaborazione con la KHL, per la partecipazione dalla stagione sportiva 2013/2014 alla KHL.[5] A causa di problemi legati agli impianti di gioco e alla mancanza di sponsor di rilievo però, l'ingresso in tale campionato è prima slittato a data da destinarsi, poi tramontato[6]. Per la stagione 2013-14 tuttavia si aggiunsero due nuove squadre in KHL: il Medveščak, squadra croata proveniente dalla EBEL, e la neonata formazione dell'Admiral, squadra di Vladivostok.

Nella stagione 2014-15 lasciarono momentaneamente la lega il Donbas Donec'k, il Lev Praga e lo Spartak Mosca, mentre oltre al ritorno del Lada Togliatti debuttarono lo Jokerit e il Soči. Lo Spartak Mosca ritornò nella stagione successiva, mentre nel 2016-17 ha fatto ingresso nella Lega il primo club cinese, l'HC Kunlun Red Star di Pechino.

A partire dalla stagione 2017-18 il campionato torna a 27 squadre, il Medveščak torna a giocare nel campionato austriaco, mentre il Metallurg Novokuzneck, affetto da problemi finanziari partecipa alla VHL, il secondo livello dell'hockey russo.

Regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Stagione regolare[modifica | modifica wikitesto]

La stagione regolare della Kontinental Hockey League inizia nel mese di settembre e si conclude in genere a febbraio. Le squadre sono suddivise in quattro gruppi da 6 o 7 squadre l'uno, tali gruppi prendono il nome da grandi protagonisti dell'hockey sovietico e russo del passato: la Bobrov Division è intitolata a Vsevolod Bobrov, ex giocatore del CSKA e oro olimpico a Cortina d'Ampezzo nel 1956 con la nazionale sovietica; la Tarasov Division prende il nome da Anatolij Tarasov, 19 volte campione sovietico con il CSKA; la Kharlamov Division è dedicata a Valerij Charlamov, forse il più grande giocatore di tutti i tempi scomparso prematuramente nel 1981 a 33 anni; infine la Chernyshev Division, che è intitolata ad Arkadij Černišev, ricordato come il coach della nazionale sovietica più forte di tutti i tempi.
Nel corso della stagione regolare ciascuna squadra gioca quattro partite contro le squadre dello stesso gruppo, e due contro le altre squadre della lega. I migliori 16 club si qualificano per i playoff.

I giocatori dell'Ak Bars Kazan' che festeggiano la vittoria della prima edizione della KHL

Alla squadra vincitrice della stagione regolare viene assegnata la Kontinental Cup.

Playoff[modifica | modifica wikitesto]

Le 16 squadre qualificate vengono inserite in un tabellone con posizioni contrassegnate dal piazzamento finale in stagione regolare. Le squadre vincitrici dei quattro gruppi (o division) sono considerate teste di serie e contrassegnate dalle posizioni da 1 a 4; le rimanenti 12 squadre sono inserite nelle posizioni vuote indipendentemente dal gruppo di appartenenza. Così, la squadra contrassegnata dalla posizione più alta (1), affronta quella con la posizione di partenza più bassa (16), la squadra con la posizione 2 affronta la 15, e così via. I primi due turni dei playoff si disputano con serie al meglio delle 5 gare, mentre semifinali e finali con serie al meglio delle 7 gare. Alla fine i vincitori della KHL ricevono la Coppa Gagarin.

Coppa Gagarin[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Kubok Gagarina.

Il trofeo destinato ai vincitori della KHL è la Coppa Gagarin. Tale coppa prende il nome dal famoso astronauta sovietico Jurij Gagarin, primo uomo nello spazio. Il nome è stato scelto indubbiamente per motivi di prestigio, in quanto Gagarin rimane una delle personalità più celebri nell'ex-Unione Sovietica; ma anche perché l'ultima partita della stagione inaugurale della Lega (eventuale gara 7 di finale) avrebbe eventualmente avuto luogo il 12 aprile, anniversario del primo volo di Gagarin nel 1961[7], come poi effettivamente avvenne.

Coppa Otkrytija[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Kubok Otkrytija.

Inizialmente si sono affrontate le due squadre finaliste dei playoff all'apertura della stagione successiva per l'assegnazione della Kubok Otkrytija. Nella prima edizione si affrontarono le finaliste dei playoff dell'ultimo campionato di Superliga (la Lega precedente alla KHL). A partire dalla stagione 2014-15 si sfidano i vincitori dalla Coppa Gagarin e della Coppa Kontinental.

Coppa Nadežda[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Kubok Nadeždy.

Le squadre che non accedono ai playoff a partire dalla stagione 2012-2013 disputano un torneo, chiamato "Coppa della Speranza", che mette in palio premi in denaro. Esso fu creato per mantenere l'interesse verso le squadre non qualificate al termine della stagione regolare.

Squadre[modifica | modifica wikitesto]

Localizzazione squadre[modifica | modifica wikitesto]

Kontinental Hockey League Western conference (Divisioni: Red pog.svg: Bobrov, Green pog.svg: Tarasov)
Kontinental Hockey League Western conference

-squadre di Mosca-

(Divisioni: Red pog.svg: Bobrov, Green pog.svg: Tarasov)


Altre squadre che hanno partecipato alla KHL[modifica | modifica wikitesto]

Stagioni Squadra Motivo di esclusione
2008-09 Russia 600px Giallo e Blu.svg Chimik Voskresensk Fallimento, verrà sostituita dall'Avtomobilist Ekaterinburg
2008-10 Russia MVD Fusione con la Dinamo Mosca e formazione dell'OHK Dinamo
2008-10 Russia Dinamo Mosca Fusione con l'HK MVD e formazione dell'OHK Dinamo
2008-11, dal 2012-13 Russia Lok. Jaroslavl’ Non ha partecipato all'edizione 2011-12 a causa dell'Incidente aereo della Lokomotiv Jaroslavl' che distrusse tutta la squadra la prima giornata di campionato (si reiscrive la stagione successiva)
2008-10, dal 2014-15 Russia Lada Togliatti Arena non adeguata (si reiscrive nella stagione 2014-15 dopo la costruzione della nuova arena)
2011-14 Rep. Ceca Lev Praga Problemi finanziari
2012-14 Ucraina Donbas Donec'k Problemi causati dalla guerra dell'Ucraina orientale: a seguito delle rivolte, un incendio danneggiò pesantemente anche lo stadio.
2008-14, dal 2015-2016 Russia Spartak Mosca Problemi finanziari
2008-15 Russia Atlant Mytišči Problemi finanziari
2008-17 Russia Metallurg Novok. Problemi finanziari, partecipa alla VHL
2013-17 Croazia Medveščak Torna a partecipare al campionato austriaco

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

In grassetto la squadra diventata campione KHL.

Stagione Zapadnaja konferencija Serie Vostočnaja konferencija Kubok Kontinenta
2008-2009[8] Lok. Jaroslavl’ 3–4 Ak Bars Kazan’ Salavat Julaev (129 pts)[9]
2009-2010 MVD 3-4 Ak Bars Kazan’ Salavat Julaev (129 pts)
2010-2011 Atlant Mytišči 1-4 Salavat Julaev Avangard Omsk (118 pts)
2011-2012 Dinamo Mosca 4-3 Avangard Omsk Traktor Čeljabinsk (114 pts)
2012-2013 Dinamo Mosca 4-2 Traktor Čeljabinsk SKA Pietroburgo (115 pts)
2013-2014 Lev Praga 3-4 Magnitogorsk Dinamo Mosca (115 pts)
2014-2015 SKA Pietroburgo 4-1 Ak Bars Kazan’ CSKA Mosca (139 pts)
2015-2016 CSKA Mosca 3-4 Magnitogorsk CSKA Mosca (127 pts)
2016-2017 SKA Pietroburgo 4-1 Magnitogorsk CSKA Mosca (137 pts)
2017-2018 CSKA Mosca 1-4 Ak Bars Kazan’ SKA Pietroburgo (138 pts)

Vittorie per squadra[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Titoli Stagioni
Ak Bars Kazan’ 3 2008-2009, 2009-2010, 2017-2018
Dinamo Mosca 2 2011-2012, 2012-2013
Magnitogorsk 2 2013-2014, 2015-2016
SKA Pietroburgo 2 2014-2015, 2016-2017
Salavat Julaev 1 2010-2011

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 25 aprile 2018

Record stagionali[modifica | modifica wikitesto]

Stagione regolare[modifica | modifica wikitesto]

Record Giocatore Stagione
Punti 85 Russia Sergei Mozyakin 2016–17
Goal 48 Russia Sergei Mozyakin 2016–17
Assist 60 Russia Aleksandr Radulov 2010–11
Plus/minus +46 Rep. Ceca Jan Kovář 2013–14
Minuti di penalità 374 Canada Darcy Verot 2009–10
Vittorie (portieri) 33 Finlandia Karri Rämö 2010–11
Shutout 13 Russia Alexei Murygin 2015–16

Record generali[modifica | modifica wikitesto]

Stagione regolare[modifica | modifica wikitesto]

Record Giocatore Anni
Punti 639 Russia Sergei Mozyakin 2008–2018
Goal 303 Russia Sergei Mozyakin 2008–2018
Assist 336 Russia Sergei Mozyakin 2008–2018
Partite giocate 537 Russia Dmitri Semin 2008–2018
Plus/minus +194 Russia Aleksandr Radulov 2008–2016
Minuti di penalità 960 Russia Evgeny Artyukhin 2010–2018
Vittorie (portieri) 214 Russia Vasily Koshechkin 2008–2018
Shutout 58 Russia Vasily Koshechkin 2008–2018

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Record Giocatore Anni
Punti 154 Russia Sergei Mozyakin 2008–2018
Goal 62 Russia Sergei Mozyakin 2008–2018
Assist 92 Russia Sergei Mozyakin 2008–2018
Partite giocate 143 Russia Yevgeny Biryukov
Russia Danis Zaripov
2008–2018
Plus/minus +56 Russia Danis Zaripov 2008–2018
Minuti di penalità 267 Russia Grigori Panin 2008–2018
Vittorie (portieri) 66 Russia Vasily Koshechkin 2008–2018
Shutout 14 Finlandia Mikko Koskinen 2013–2018

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Russia, si schianta aereo: 44 morti A bordo una squadra di hockey gazzetta.it
  2. ^ (EN) KHL’s new Lokomotiv won’t play this season, http://nhl.si.com/, 12 settembre 2011. URL consultato il 23 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2014).
  3. ^ На совещании в Кремле решили: "Локомотив" с декабря начнёт играть в ВХЛ - Новости - Советский спорт
  4. ^ New Kontinental Hockey League takes shape, sets rules, eurohockey.net. URL consultato il 20 marzo 2014.
  5. ^ Presentata la partnership tra Hockey Milano e KHL, su hockeymilano.it. URL consultato il 20 marzo 2014.
  6. ^ La KHL allontana Milano, hockeytime.net, 9 settembre 2013. URL consultato il 20 marzo 2014.
  7. ^ Notizia sul sito della federazione internazionale Archiviato il 14 settembre 2010 in Internet Archive.
  8. ^ Conference create a partire dalla stagione 2009–10
  9. ^ La Kubok Kontinenta è stata assegnata a partire dalla stagione successiva.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Hockey su ghiaccio Portale Hockey su ghiaccio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di hockey su ghiaccio