Shawn Marion

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Shawn Marion
Shawn Marion Mavs.jpg
Marion in azione con la maglia dei Dallas Mavericks
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 201 cm
Peso 103 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Ala piccola
Ritirato 2015
Carriera
Giovanili
Clarksville High School
1996-1998Vincennes Community College
1998-1999UNLV R. Rebels
Squadre di club
1999-2008Phoenix Suns660 (12.134)
2008-2009Miami Heat58 (734)
2009Toronto Raptors27 (386)
2009-2014Dallas Mavericks361 (4.170)
2014-2015Cleveland Cavaliers57 (276)
Nazionale
2001-2004Stati Uniti Stati Uniti14
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Bronzo Atene 2004
Fictional Logo for Goodwill Games.svg Goodwill Games
Oro Brisbane 2001
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Shawn Dwayne Marion (Chicago, 7 maggio 1978) è un ex cestista statunitense professionista nella NBA.

È soprannominato "The Matrix" per la sua capacità di rimanere in aria durante il salto.[1]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Anche se i suoi 201 cm di altezza non sono idonei per un'ala grande,[1] riesce comunque a conquistare i rimbalzi e a bloccare gli avversari stoppandoli sotto canestro.[1] La sua abilità di tirare dalla lunga distanza genera problemi alle difese, impegnate a marcare le zone per difendersi dalle sue incursioni con la palla.

Marion è anche noto per il suo stile poco ortodosso di tirare, dando l'impressione che il suo tiro sia più regolato da una forte spinta che da un gioco di polso (caratteristica che lo accomuna a Ronnie Brewer).[2] Grazie alle doti atletiche di saltatore e l'abilità come difensore, i critici lo hanno il più delle volte paragonato ad una ex stella del parquet, Scottie Pippen, giocatore di quei Chicago Bulls che dominarono la scena della NBA negli anni novanta.

Marion è anche un difensore molto versatile in grado di difendere sui lunghi e sui piccoli.[3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

College[modifica | modifica wikitesto]

Marion guadagnò l'onore di essere nominato National Junior College Player dell'anno nel 1998, quando giocava all'UNLV, dove fu considerato come la matricola migliore dai tempi della stella Larry Johnson, college player del 1989. Dopo quell'unica stagione, dove mise a segno una media di 18,7 punti e 9,3 rimbalzi a partita, e dopo vari titoli come atleta maschile All-College, preferì passare tra i professionisti.

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999 viene scelto al Draft dai Phoenix Suns. Qui le sue qualità dinamiche ed esplosive lo hanno reso un ottimo compagno di squadra del playmaker Steve Nash, dando vita ad una coppia affiatata, pericolosa sia all'esterno dell'area che al suo interno.

Nella stagione 2001-02 non bastò ai Suns a raggiungere l'accesso ai play-off (prima assenza dalla postseason dopo 14 anni) nonostante 19,1 punti di media. A fine anno rinnovò con la franchigia dell'Arizona per altri 6 anni.[4]

Nella stagione 2004-05 riuscì a guidare la franchigia fino alle finali della Western Conference, perse contro i San Antonio Spurs.

Il 19 febbraio 2006 è stato selezionato per la terza volta in carriera per giocare l'NBA All-Star Game, a Houston, per la Western Conference.

Nella stagione 2008 è passato ai Miami Heat insieme al compagno di franchigia Marcus Banks per uno scambio che ha portato ai Suns il centro Shaquille O'Neal.

Il 13 febbraio 2009 passa, insieme al compagno Marcus Banks ai Toronto Raptors, in cambio di Jermaine O'Neal e di Jamario Moon.

L'8 luglio 2009 si accasa ai Dallas Mavericks in uno scambio a quattro squadre che vede coinvolti anche i Memphis Grizzlies e gli Orlando Magic. Nella stagione 2009-10 parte in quintetto in tutte le 75 partite che gioca, attestandosi sui 12 punti e 6,4 rimbalzi a gara. I suoi Dallas Mavericks vengono immediatamente eliminati al primo turno dei play-off dai San Antonio Spurs, nonostante il vantaggio del campo. Nella stagione 2010-11, Marion parte dalla panchina, essendo i posti di ala stabilmente occupati in quintetto da Dirk Nowitzki e Caron Butler. Dopo l'infortunio occorso a Butler, Marion guadagna spazio e si conquista il posto da titolare. The Matrix conclude la stagione con una media di 12,5 punti e 6,9 rimbalzi a partita. In questa stagione vince, anche grazie alle sue buone prestazioni, il campionato NBA 2010-11, battendo in finale 4-2 i Miami Heat.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Anno Team GP GS MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG
1999–2000 Phoenix Suns 51 38 24,7 47,1 18,2 84,7 6,5 1,4 0,8 1,0 10,2
2000–2001 Phoenix Suns 79 79 36,2 48,0 25,6 81,0 10,7 2,0 1,7 1,4 17,3
2001–2002 Phoenix Suns 81 81 38,4 46,9 39,3 84,5 9,9 2,0 1,8 1,1 19,1
2002–2003 Phoenix Suns 81 81 41,6 45,2 38,7 85,1 9,5 2,4 2,3 1,2 21,2
2003–2004 Phoenix Suns 79 79 40,7 44,0 34,0 85,1 9,3 2,7 2,1 1,3 19,0
2004–2005 Phoenix Suns 81 81 38,8 47,6 33,4 83,3 11,3 1,9 2,0 1,5 19,4
2005–2006 Phoenix Suns 81 81 40,3 52,5 33,1 80,9 11,8 1,8 2,0 1,7 21,8
2006–2007 Phoenix Suns 80 80 37,6 52,4 31,7 81,0 9,8 1,7 2,0 1,5 17,5
2007–2008 Phoenix Suns 47 47 36,4 52,6 34,7 71,3 9,9 2,1 2,0 1,5 15,8
2007–2008 Miami Heat 16 15 37,6 45,9 25,8 69,0 11,2 2,5 1,9 0,9 14,3
2008–2009 Miami Heat 42 41 36,1 48,2 20,0 78,8 8,7 1,8 1,4 1,1 12,0
2008–2009 Toronto Raptors 27 27 35,3 48,8 15,4 80,6 8,3 2,3 1,1 0,8 14,3
2009–2010 Dallas Mavericks 75 75 31,8 50,8 15,8 75,5 6,4 1,4 0,9 0,8 12,0
2010–2011 Dallas Mavericks 80 27 28,2 52,0 15,2 76,8 6,9 1,4 0,9 0,6 12,5
2011–2012 Dallas Mavericks 63 63 30,5 44,6 29,4 79,6 7,4 2,1 1,1 0,6 10,6
2012–2013 Dallas Mavericks 67 67 30,0 51,4 31,5 78,2 7,8 2,4 1,1 0,7 12,0
2013–2014 Dallas Mavericks 76 76 31,7 48,2 35,8 78,5 6,5 1,6 1,2 0,5 10,4
2014–2015 Cleveland Cavaliers 57 24 19,3 44,6 26,1 76,5 3,5 0,9 0,5 0,5 4,8
Carriera 1.163 1.062 34,5 48,4 33,1 81,0 8,7 1,9 1,5 1,1 15,2
All-Star 4 0 19,5 57,5 0,0 50,0 6,5 3,0 1,5 0,5 12,5

Playoffs[modifica | modifica wikitesto]

Anno Team GP GS MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG
2000 Phoenix Suns 9 9 31,2 41,9 16,7 81,8 8,8 0,8 0,7 1,6 9,1
2001 Phoenix Suns 4 4 34,8 37,1 100,0 85,7 8,3 0,8 1,5 1,5 14,8
2003 Phoenix Suns 6 6 47,0 37,4 32,1 84,6 11,7 2,0 1,8 1,8 18,5
2005 Phoenix Suns 15 15 42,3 48,4 41,9 76,9 11,8 1,5 1,4 1,7 17,6
2006 Phoenix Suns 20 20 42,5 48,9 31,4 88,1 11,7 1,6 1,9 1,1 20,4
2007 Phoenix Suns 11 11 41,4 50,0 35,3 66,7 10,4 1,2 1,5 1,7 16,9
2010 Dallas Mavericks 6 6 24,7 40,7 0,0 80,0 4,2 1,0 0,2 0,5 8,7
2011 Dallas Mavericks 21 21 32,9 46,7 0,0 85,1 6,3 2,1 1,0 0,9 11,9
2012 Dallas Mavericks 4 4 35,0 42,5 28,6 90,0 8,1 1,0 0,2 1,2 11,8
2014 Dallas Mavericks 7 7 27,6 40,7 22,2 63,6 5,3 1,9 0,9 0,1 8,4
2015 Cleveland Cavaliers 6 0 4,2 16,7 0,0 0,0 1,0 0,2 0,3 0,0 0,3
Carriera 109 103 35,2 45,6 31,8 81,4 8,6 1,4 1,2 1,2 13,9

Record[modifica | modifica wikitesto]

Primo giocatore a raggiungere il traguardo dei 15.000 punti, 10.000 rimbalzi e 500 tiri da 3 segnati.[5]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Dallas Mavericks: 2011

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2003, 2005, 2006, 2007
2000
2005, 2006

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti: 2001
Stati Uniti: Atene 2004

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Jared Zwerling, The Matrix Reloaded: Retirement Won't End the Unique Versatility of Shawn Marion, su Bleacher Report. URL consultato il 27 agosto 2019.
  2. ^ (EN) Andy Bailey, Shaquille O'Neal, Shawn Marion and the Ugliest Shooting Forms in NBA History, su Bleacher Report. URL consultato il 27 agosto 2019.
  3. ^ (EN) HEAT Insider: Shawn Marion, su Miami Heat. URL consultato il 27 agosto 2019.
  4. ^ ESPN.com: NBA - Marion signs his big-money deal with Suns, su a.espncdn.com. URL consultato il 28 agosto 2019.
  5. ^ (EN) NBA, Congrats to @matrix31, the first player in @NBAHistory w/ 15,000 points, 10,000 rebounds, 1,000 blocks & 500 threes!pic.twitter.com/UKSaI4WcQL, su @NBA, 2014T13:48. URL consultato il 27 agosto 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]