Sandy Powell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sandy Powell (Londra, 7 aprile 1960) è una costumista britannica, candidata 12 volte all'Oscar per i migliori costumi e vincitrice di tre statuette, rispettivamente per Shakespeare in Love, The Aviator e The Young Victoria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuta a sud di Londra, ha studiato alla Central School of Art and Design, che ha poi abbandonato per iniziare la sua carriera creando costumi per produzioni teatrali e compagnie di danza.[1] Tra gli altri, nel 1986, ha lavorato in Caravaggio di Derek Jarman, con cui ha continuato a lavorare negli anni successivi.

Nel corso della sua carriera è stata una fidata collaboratrice del regista Neil Jordan, inoltre ha lavorato per registi come Mike Figgis, Stephen Frears e molti altri. Ha collaborato, inoltre, in ben sei pellicole del regista Martin Scorsese[2] e quattro del regista Todd Haynes.[3]

Nel 2011 è stata nominata Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico (OBE) per i suoi servizi all'industria cinematografica.[4] Nel 2014 è membro della Giuria della selezione ufficiale in occasione della 71ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.[5]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Premi e candidature[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jane Warren, Sandy Powell: I'm the Oscar-winning bully, in Express.co.uk, 19 marzo 2010. URL consultato il 04 dicembre 2017.
  2. ^ (EN) What Inspires Martin Scorsese's Go-To Costume Designer, in Academy of Motion Picture Arts and Sciences, 05 novembre 2014. URL consultato il 03 dicembre 2017.
  3. ^ (EN) Jasmin Rosemberg, ‘American Horror Story,’ ‘Carol’ Costume Designer and Director Teams Discuss Collaborations, in Variety, 19 novembre 2015. URL consultato il 03 dicembre 2017.
  4. ^ (EN) The London Gazette, in The London Gazette, 31 dicembre 2010. URL consultato il 3 dicembre 2017.
  5. ^ Giuseppe Fantasia, Mostra del Cinema di Venezia: iniziato il conto alla rovescia per la 71esima edizione, in L’Huffington Post, 25 luglio 2014. URL consultato il 03 dicembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN165913587 · LCCN: (ENn97849135 · GND: (DE107247770X