Todd Haynes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Todd Haynes

Todd Haynes (Encino, 2 gennaio 1961) è un regista e sceneggiatore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Todd Haynes è nato ad Encino in California, figlio di Sherry Lynne Semler e Allen E. Haynes[1]. Dichiaratamente omosessuale, il suo film Poison è simbolo della nuova cinematografia gay[2].

Si è laureato in semiotica alla Brown University, nel 1987 ha diretto il cortometraggio Superstar: The Karen Carpenter Story, in cui racconta la vita della cantante Karen Carpenter, usando delle Barbie al posto degli attori.

Nel 1991 ha debuttato con il suo primo lungometraggio Poison, prodotto anche grazie ad un finanziamento di 25.000 dollari[2] da parte dell'associazione nazionale per lo sviluppo delle arti, basato su degli scritti di Jean Genet. Nella pellicola emergono tre differenti storie: un bambino che si getta dalla finestra dopo aver ammazzato il padre; un medico che diviene un lebbroso assassino dopo aver testato una propria teoria; e, infine, una storia che affronta il tema dell'omosessualità in carcere.

La notorietà del film e del regista furono rafforzate anche dalla querelle promossa dal reverendo Donald Wildmonla che, attraverso la sua associazione conservatrice, l'American Family Association, accusò la pellicola di essere immorale, dando maggior visibilità all'opera e destando la curiosità del pubblico.[2]

Quattro anni dopo il regista diresse Julianne Moore in Safe, film premiato al Sundance Film Festival 1995 e selezionato per la Quinzaine des Réalisateurs a Cannes nello stesso anno.

Nel 1998 girò Velvet Goldmine, pellicola ispirata al glam rock che vinse un premio speciale della giuria sempre a Cannes nel 1998 e ottenne una candidatura all'Oscar per i migliori costumi.

Nel 2002 tornò a collaborare con Julianne Moore in Lontano dal paradiso, presentata alla 59ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

Nel 2007 ha raggruppato un cast stellare per Io non sono qui, ispirato alla vita di Bob Dylan, in cui ben sei attori diversi interpretano le gesta del cantautore.

Nel 2011 ha diretto e co-sceneggiato la miniserie televisiva Mildred Pierce, trasmessa e prodotta da HBO.

Nel 2015 è stato presentato alla 68ª edizione del Festival di Cannes il suo ultimo film, Carol, che racconta una storia d'amore tra due donne. Il film ha ricevuto ampi consensi da parte della critica, ed ha ricevuto i premi Queer Palm e il Prix d'interprétation féminine.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Assassins: A Film Concerning Rimbaud (1985)
  • Superstar: The Karen Carpenter Story (1987)

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Todd Haynes Biography (1961-) in Film Reference.com. URL consultato il 13 settembre 2009.
  2. ^ a b c Todd Haynes in 35mm. URL consultato il 13 settembre 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: (EN85111839 · LCCN: (ENno97029166 · ISNI: (EN0000 0001 2141 9458 · GND: (DE122787412 · BNF: (FRcb136080267 (data)