SIAI-Marchetti SA-202

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
SIAI-Marchetti SA-202 Bravo
FFA AS-202 Bravo
FFA AS-202 Bravo N7746B-090117-01-8.jpg
L'FFA AS-202 Bravo N7746B
Descrizione
Tipoaereo da turismo
Equipaggio1
CostruttoreFlug- und Fahrzeugwerke Altenrhein AG
SIAI-Marchetti
Dimensioni e pesi
Lunghezza6,65 m
Apertura alare9,8 m
Altezza2,51 m
Superficie alare13,16
Peso a vuoto486 kg
Peso max al decollo852 kg
Passeggeri1-2
Propulsione
Motoreun Lycoming O-235-C2A
Prestazioni
Velocità max227 km/h
Velocità di stalloFlaps 0° 60 KIAS;
Flaps 15° 56 KIAS;
Flaps 41° 49 KIAS[1]
Velocità di crociera211 km/h
Velocità di salita3,66 m/s
Autonomia4 h (202-18A4)
Notedati riferiti alla versione 202-10 tratti da Green, William, The Observers Book of Aircraft[2]
voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il SIAI-Marchetti SA-202 Bravo era un monomotore da turismo ad ala bassa progettato e prodotto in joint venture dall'azienda italiana SIAI-Marchetti e dalla svizzera Flug- und Fahrzeugwerke Altenrhein AG; da quest'ultima venne commercializzato con la denominazione AS-202 Bravo, negli anni settanta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il SA-202 nacque dall'iniziativa dell'azienda italiana SIAI-Marchetti che nel 1967 avviò lo sviluppo di un velivolo leggero ad uso civile[3]. Successivamente la SIAI-Marchetti intraprese un accordo di collaborazione con la svizzera Flug- und Fahrzeugwerke Altenrhein AG (più spesso indicata con la sigla FFA) in cui vennero stabilite le competenze di costruzione delle varie parti; in Italia sarebbero state prodotte le ali, il carrello d'atterraggio e si sarebbe installato il motore, mentre in Svizzera sarebbero state realizzate la fusoliera, la coda e le superfici di controllo, mantenendo entrambe la capacità di assemblaggio completo nei rispettivi impianti di produzione.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Descrizione tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • AS/SA 202-10: versione motorizzata Lycoming O-235-C2A da 115 hp (86 kW).
  • AS/SA 202-15: versione motorizzata Lycoming O-320-E2A da 150 hp (112 kW) abbinato ad un'elica a passo fisso e caratterizzato dalla possibilità di aggiungere un terzo posto opzionale sulla parte posteriore dell'abitacolo.
  • AS/SA 202-18A: versione con piene capacità acrobatiche, motorizzata Lycoming AEIO-360-B1F da 180 hp (134 kW) abbinato ad un'elica a passo fisso, dotato del terzo posto di serie.
  • AS/SA 202/26A: versione motorizzata Lycoming AEIO-540 da 260 hp (195 kW), prodotta fino ad ora in un solo esemplare.
  • AS 32T Turbo Trainer: versione biposto con abitacoli in tandem, motorizzata con un turboelica Allison 250-B17C da 360 shp (268 kW), prodotta fino ad ora in un solo esemplare.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Civili[modifica | modifica wikitesto]

Finlandia Finlandia
ha operato con 9 esemplari dei quali uno risulta fuori servizio dal 2002, causa un incidente notturno all'aeroporto di Helsinki-Malmi in cui ha riportato danni tali da risultare irreparabili. Gli esemplari provengono da un lotto di 11 velivoli ex British Aerospace Flying College uno dei quali venne perso in Scozia. I rimanenti 10 vennero venduti ad una scuola di volo privata finlandese che successivamente venne acquisita dalla Patria tra il 2004 ed il 2005.
Marocco Marocco
opera con 5 esemplari.
Oman Oman
opera con 4 esemplari.
Uganda Uganda
opera con 8 esemplari.

Militari[modifica | modifica wikitesto]

Indonesia Indonesia
opera con 40 esemplari.
Giordania Giordania
Iraq Iraq
opera con 48 esemplari.
Marocco Marocco
opera con 10 esemplari.
Uganda Uganda

Esemplari attualmente esistenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AS 202-18A4 Aeroplane Flight Manual.
  2. ^ Green, William, The Observers Book of Aircraft, Frederick Warne & Co. Ltd, 1970. ISBN 0-7232-0087-4.
  3. ^ (EN) Maksim Starostin, FFA, in Virtual Aircraft Museum, http://www.aviastar.org/index2.html. URL consultato il 6 marzo 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]