Romeo and Juliet (Dire Straits)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Romeo and Juliet
Artista Dire Straits
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1980
Durata 6:01
Album di provenienza Making Movies
Genere Rock[1][2][3]
Etichetta Vertigo Records
Produttore Jimmy Iovine e Mark Knopfler
Registrazione Power Station Studios (New York), giugno-agosto 1980
Certificazioni
Dischi d'argento Regno Unito Regno Unito[4]
(vendite: 200 000+)
Dischi d'oro Italia Italia[5]
(vendite: 15 000+)
Dire Straits - cronologia
Singolo precedente
(1979)
Singolo successivo
(1981)

Romeo and Juliet è un brano musicale dei Dire Straits, scritto dal chitarrista e cantante Mark Knopfler[1][6].

La canzone apparve per la prima volta nell'album Making Movies dell'ottobre 1980[7][8]. Unitamente alle altre tracce del disco, il pezzo venne registrato nell'estate del 1980 presso i Power Station Studios di New York[7]; fu pubblicato come singolo nel novembre del medesimo anno con Solid Rock come lato B[9].

Il brano è incluso anche nelle raccolte Money for Nothing (1988)[10][11], Sultans of Swing (1998)[12][13] e Private Investigations (2005)[14]; distinte interpretazioni dal vivo di Romeo and Juliet compaiono inoltre negli album live Alchemy (1984)[15][16], On the Night (1993)[12][17] e Real Live Roadrunning (2006)[18].

Il titolo del brano è un evidente riferimento alla tragedia Romeo e Giulietta di William Shakespeare[6].

Significato della canzone[modifica | modifica wikitesto]

Il tema centrale del brano – diversamente dalla tragedia shakespeariana richiamata nel titolo – è l'amore perduto o non corrisposto[1][19]. Il protagonista della canzone rappresenta l'archetipo dell'innamorato sincero i cui sentimenti sono stati traditi oppure non vengono ricambiati[19][20]. Il testo del brano, contraddistinto da una notevole carica poetica[21], fu ispirato a Mark Knopfler dal fallimento della sua relazione sentimentale con la cantante statunitense Holly Beth Vincent[20][22].

Mark Knopfler in concerto con i Dire Straits il 1º gennaio 1981

La canzone è in gran parte incentrata su di un dialogo estremamente realistico[6] tra un giovane uomo e una giovane donna, chiamati rispettivamente «Romeo» e «Juliet» come i due protagonisti della celeberrima tragedia scritta da William Shakespeare nel 1594-1596[23].

Il narratore descrive un Romeo «sconvolto dall'amore» mentre si accinge a cantare una malinconica serenata sotto la finestra della ragazza, che lo accoglie ostentando distacco e indifferenza[6]. Il dialogo tra i due giovani si trasforma in un monologo di Romeo, il quale – dopo aver rievocato le promesse che la ragazza non ha mantenuto – richiama alla mente i momenti piacevoli trascorsi con lei, cercando di persuaderla a ricominciare il loro rapporto[20][24]. Giulietta non dà alcuna risposta e le liriche della canzone si concludono con i medesimi versi che il narratore aveva utilizzato per introdurre la vicenda, lasciando quindi intendere come le accorate parole di Romeo non abbiano sortito l'effetto sperato[25].

Mark Knopfler illustrò brevemente il significato del brano in un programma televisivo trasmesso in occasione della pubblicazione dell'album live On the Night (1993)[26]:

« Nella canzone, la figura di Romeo è intesa in senso ironico: si rende ridicolo perché quando una ragazza non ne vuole sapere, non c'è niente da fare. Anche se il suo cuore è infranto, ha un lato divertente. Ricordo che una volta ero turbato a causa di una ragazza e mio padre mi disse: "Sei proprio come me, arriverà il momento in cui ci riderai sopra"; ed è vero, ci si distacca. Ricordo anche di aver sorriso all'impaccio di Romeo mentre stavo scrivendo il brano: in un certo senso si rende ridicolo, ma questo fa parte della vita. Lui percepisce dentro di sé dei sentimenti molto forti. »

Il chitarrista tornò a commentare la genesi della canzone nell'intervista inclusa nell'edizione DVD dell'album Sultans of Swing: The Very Best of Dire Straits, uscita nel 2002[27]:

« All'epoca di Romeo and Juliet vivevo a Camberwell. Non avevo mobili, mi ero appena trasferito da Deptford e ricordo di aver scritto il brano stando seduto sul pavimento, con un bisogno direi piuttosto disperato di mobili. Ricordo di aver pensato che la figura del Romeo della canzone era buffa perché c'è sempre un momento "tragico" quando vieni scaricato da una ragazza, o qualcosa del genere. Ma poi, dopo quello, c'è sempre un momento in cui ci ridi sopra. E mi è entrato questo in testa: la figura tragica di Romeo, se può andarvi, è una figura buffa. »

Il testo di Romeo and Juliet contiene alcuni riferimenti ad altri brani musicali[20]:

Struttura del brano[modifica | modifica wikitesto]

Mark Knopfler in concerto con la chitarra resofonica National Style O-14 Fret del 1937, usata nel celebre arpeggio di Romeo and Juliet

Il brano si apre con un famoso arpeggio di chitarra resofonica suonato dallo stesso Knopfler[28]; l'accompagnamento strumentale rimane semplice durante le strofe e si trasforma in un arrangiamento rock completo nei ritornelli. Romeo and Juliet presenta molte delle caratteristiche tipiche della ballad della letteratura inglese, come l'essere basata su una sorta di dialogo tra due personaggi, il presentare una struttura metrica regolare (strofe di quattro versi a rima baciata), essere caratterizzata da ripetizioni e dalla presenza di un ritornello e infine essere ricca di assonanze e allitterazioni.

Musicisti e personale tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito sono elencati i musicisti che hanno partecipato alla registrazione della versione di Romeo and Juliet tratta dall'album Making Movies[7] e il personale tecnico che ha collaborato alla sua realizzazione[8].

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

La tabella riassume i risultati raggiunti dal singolo nelle classifiche di vendita di Irlanda[29] e Regno Unito[30].

Paese Posizione massima Settimane in classifica
Irlanda 7
Regno Unito 11

Esecuzioni dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Essendo una delle composizioni di Mark Knopfler più amate, Romeo and Juliet è stata una presenza irrinunciabile in tutte le tournée del musicista britannico, sia con i Dire Straits sia nella successiva carriera solista[6][20].

Popolarità[modifica | modifica wikitesto]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Romeo and Juliet è un pezzo molto apprezzato da musicisti e cantautori[20][25]. Numerosi artisti hanno realizzato cover di Romeo and Juliet[31]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Guaitamacchi, p. 586.
  2. ^ Nannini e Ronconi, pp. 49-56.
  3. ^ Gene Santoro, Cos'è che rende Mark Knopfler così speciale? Niente di particolare, a sentire lui..., in Chitarre, novembre 1987, pp. 9-13.
  4. ^ (EN) BPI Awards, British Phonographic Industry. Digitare "Dire Straits" in "Keywords", dunque premere "Search".
  5. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  6. ^ a b c d e Nannini e Ronconi, p. 56.
  7. ^ a b c Nannini e Ronconi, p. 49.
  8. ^ a b (EN) Making Movies, Mark Knopfler – Sito ufficiale. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  9. ^ Giancarlo Passarella (a cura di), Discografia, in Nannini e Ronconi, pp. 226-227.
  10. ^ Giancarlo Passarella (a cura di), Discografia, in Nannini e Ronconi, pp. 225.
  11. ^ (EN) Money for Nothing, Mark Knopfler – Sito ufficiale. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  12. ^ a b Giancarlo Passarella (a cura di), Discografia, in Nannini e Ronconi, pp. 226.
  13. ^ (EN) Sultans of Swing, Mark Knopfler – Sito ufficiale. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  14. ^ (EN) Private Investigations, Mark Knopfler – Sito ufficiale. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  15. ^ Giancarlo Passarella (a cura di), Discografia, in Nannini e Ronconi, pp. 224-225.
  16. ^ (EN) Alchemy, Mark Knopfler – Sito ufficiale. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  17. ^ (EN) On the Night, Mark Knopfler – Sito ufficiale. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  18. ^ (EN) Real Live Roadrunning, Mark Knopfler – Sito ufficiale. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  19. ^ a b Nannini e Ronconi, pp. 56-58.
  20. ^ a b c d e f Guaitamacchi, p. 587.
  21. ^ Nannini e Ronconi, pp. 9-10.
  22. ^ (EN) Ira Robbins, Rock's Pioneer Woman Keeps On Moving, in Newsday, 30 luglio 1995, p. 19.
  23. ^ Guaitamacchi, pp. 586-587.
  24. ^ Nannini e Ronconi, pp. 57-58.
  25. ^ a b Nannini e Ronconi, p. 58.
  26. ^ (EN) On the Night, Videomusic, maggio 1993, a 0 h 12 min 10 s.
  27. ^ (EN) Robert Sandall, Interview with Mark Knopfler, in Dire Straits, Sultans of Swing: The Very Best of Dire Straits, Vertigo Records UMG 0602517008014, DVD, 2002.
  28. ^ (EN) John Illsley, Mark Knopfler Guitar Stories, Sky Arts 1, 16 ottobre 2012, a 0 h 12 min 28 s.
  29. ^ (EN) The Irish Charts, Irish Recorded Music Association. URL consultato il 16 ottobre 2012.
  30. ^ (EN) Chart Archive – Dire Straits, chartstats.com. URL consultato il 16 ottobre 2012.
  31. ^ (EN) Mark Knopfler's Tunes, creedence.6te.net. URL consultato il 16 ottobre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea Del Castello, Mark Knopfler. Il crogiolo dei generi culturali, Lanciano, Move Editore, 2005, ISBN non esistente.
  • Ezio Guaitamacchi, 1000 canzoni che ci hanno cambiato la vita, Milano, Rizzoli, 2009, ISBN 978-88-17-03392-3.
  • Colin Irwin, Dire Straits, Bresso, Gruppo Editoriale Futura, 1994, ISBN 1-85797-584-7.
  • Giulio Nannini, Mauro Ronconi, Le canzoni dei Dire Straits, Milano, Editori Riuniti, 2003, ISBN 88-359-5319-7.
  • (EN) Michael Oldfield, Dire Straits, Londra, Sidgwick & Jackson, 1984, ISBN 0-283-98995-5.
  • Giancarlo Passarella, Dire Straits – Solid Rock, Bresso, Music Makers, 2000, ISBN 88-86129-02-5.
  • Giancarlo Passarella, Manuali rock: Dire Straits – Storie e interviste, Roma, Arcana editrice, 1994, ISBN 88-7966-042-X.
  • Betty Shapiro, Dire Straits – Studio su testi e musiche, Milano, Kaos Edizioni, 1989, ISBN non esistente.
  • Alessandra Ziliani, Dire Straits & rock-poesia, Milano, Arti grafiche AGEL, 1982. ISBN non esistente.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock