Brothers in Arms (singolo Dire Straits)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Brothers in Arms
ArtistaDire Straits
Tipo albumSingolo
Pubblicazione14 ottobre 1985
Durata7:00
Album di provenienzaBrothers in Arms
Dischi1
Tracce3
GenereRock[1]
EtichettaWarner Bros., Vertigo
ProduttoreMark Knopfler, Neil Dorfsman
FormatiVinile 7", 10", 12"[1]
Certificazioni originali
Dischi d'oroDanimarca Danimarca[3]
(vendite: 45 000+)
Regno Unito Regno Unito[4]
(vendite: 400 000+)
Certificazioni FIMI (dal 2009)
Dischi d'oroItalia Italia[2]
(vendite: 35 000+)
Dire Straits - cronologia
Singolo precedente
(1985)
Singolo successivo
(1985)

Brothers in Arms è un singolo del gruppo musicale rock Dire Straits, traccia conclusiva dell'omonimo album pubblicato nel 1985.

È stato con molta probabilità il primo singolo nella storia della musica a venire stampato su compact disc[5].

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Il testo del brano è stato ispirato dalle tristi vicende della Guerra delle Falkland che si era all'epoca recentemente consumata[6]. Il videoclip alterna le immagini della band con alcuni disegni di soldati in azione durante la Prima guerra mondiale[6]. La canzone appare all'interno del film di spionaggio Spy Game (2001) quando il personaggio di Robert Redford incontra Brad Pitt dopo la Guerra del Vietnam[6] e nella puntata finale della serie The Americans, quando Stan Beeman scopre l'inganno dei Jennings, ma che segna anche l'inizio della fine della guerra fredda con le trattative per START (acronimo dell'espressione inglese Strategic Arms Reduction Treaty). L'episodio finale della seconda stagione della serie TV The West Wing, Le Due Cattedrali, si conclude con il brano dei Dire Straits, uno dei pochi episodi della serie a includere musiche non originali.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Brothers in Arms (album version)
  2. Going Home - Theme From 'Local Hero' (live)
  3. Why Worry (strumentale)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1985) Posizione
massima
Australia[7] 57
Irlanda[8] 10
Nuova Zelanda[9] 5
Paesi Bassi[9] 59
Regno Unito[10] 16

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Brothers in Arms, su discogs.com, Discogs.
  2. ^ Brothers in Arms (certificazione), su fimi.it, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 19 aprile 2021.
  3. ^ (DA) Certificeringer, su ifpi.dk, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 9 ottobre 2019.
  4. ^ (EN) Brothers in Arms, su bpi.co.uk, British Phonographic Industry. URL consultato il 5 giugno 2020.
  5. ^ The first CD Single: Dire Straits "Brothers in Arms", su keithhirsch.com. URL consultato il 15 gennaio 2012.
  6. ^ a b c Brothers In Arms by Dire Straits, su songfacts.com. URL consultato il 25 settembre 2014.
  7. ^ (EN) David Kent, Australian Chart Book 1970–1992, Australian Chart Book, St Ives, N.S.W, 1993, ISBN 0-646-11917-6.
  8. ^ (EN) Database, su irishcharts.ie, The Irish Chart. URL consultato il 19 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2018).
  9. ^ a b (NL) Dire Straits - Brothers in Arms, su ultratop.be, Ultratop. URL consultato il 19 maggio 2015.
  10. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100: 17 November 1985 - 23 November 1985, su officialcharts.com, Official Charts Company. URL consultato il 19 maggio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock progressivo