Renault Celtaquatre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Renault Celtaquatre
Renault Celtaquatre4.JPG
Descrizione generale
Costruttore Francia  Renault
Tipo principale berlina
Altre versioni coupé
cabriolet
Produzione dal 1934 al 1938
Sostituisce la Renault Monastella
Sostituita da Renault Novaquatre
Esemplari prodotti circa 44000 [senza fonte]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza da 3800 a 4200 mm
Larghezza da 1550 a 1600 mm
Altezza 1590 mm
Passo da 2450 a 2710 mm
Massa 1150 kg
Altro
Altre antenate Renault Monaquatre
Auto simili Citroën Traction Avant 7B
Peugeot 301
Renault Celtaquatre3.JPG

La Celtaquatre era un'autovettura di classe media, prodotta tra il 1934 ed il 1936 dalla casa automobilistica francese Renault.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Celtaquatre nacque per prendere il posto della Monaquatre e lo fece in modo ardito. La Celtaquatre fu infatti la prima Renault a proporre una carrozzeria con linee votate all'aerodinamica. Il corpo vettura era infatti piuttosto sinuoso e tondeggiante. Una delle principali concorrenti che la Celtaquatre dovette affrontare fu infatti la Citroën Traction Avant 7B, che divenne subito famosa per le sue forme aerodinamiche. Come la popolare Citroën, la Celtaquatre era proposta con un motore da 1.5 litri. Caratteristica delle Celtaquatre fu quella di essere disponibili con verniciatura bicolore di serie, mentre la verniciatura in tinta unita si poteva avere solo a richiesta e a pagamento. La prima serie della Celtaquatre portava la sigla di progetto ZR1 e fu prodotta fino alla fine del 1934. A partire dal 1935 fu introdotta la Celtaquatre ZR2, praticamente identica alla ZR1, eccezion fatta per i due lati del cofano motore, impreziositi da una serie di listelli cromati longitudinali per parte. Nel 1936, nacque una nuova serie di Celtaquatre: utilizzando un telaio a passo maggiorato di 26 cm, ecco arrivare la serie ADC1, con la nascita della quale videro la luce anche le versioni coupé e cabriolet. La nuova serie proponeva anche un corpo vettura più lungo, passando da 3.8 a 4.2 m di lunghezza. Nel 1937 fu adottata una nuova calandra dallo stile americaneggiante. Nello stesso anno fu proposta una nuova versione della Celtaquatre, denominata Celtastandard, una versione semplificata e di dimensioni più ridotte, fermo restando il telaio della ADC1. Già nel 1938 la Celtastandard fu tolta di produzione, mentre sulla Celtaquatre furono adottati nuovi paraurti di nuovo disegno. Il 1938 fu anche l'anno in cui fu tolta di produzione la versione coupé. La Celtaquatre fu definitivamente tolta di produzione l'anno seguente. Il suo testimone fu raccolto, sia pure per breve tempo, dalla Novaquatre nella versione con motore da 1.5 litri. La Celtaquatre poté vantare anche qualche soddisfazione in campo sportivo, vincendo alcuni rally (Germania, Egitto e Francia) e stabilendo un record sul circuito di Monthlery, correndo a 111 km/h di media.

Meccanica[modifica | modifica wikitesto]

Se il corpo vettura della Celtaquatre era decisamente moderno ed accattivante, la meccanica era invece di tipo più tradizionale, montando un motore a 4 cilindri da 1465 cm³ in grado di erogare 30 CV di potenza massima. Tale motore era caratterizzato dal fatto di girare piuttosto lento, come i vecchi motori che equipaggiavano diverse vetture Renault prodotte fino a quel momento. Ciò consentiva un abbassamento dei consumi, grazie anche all'aerodinamica del corpo vettura e un miglioramento nelle prestazioni, specie per quanto riguarda la coppia motrice. La distribuzione era a valvole laterali. Il cambio era a tre marce, mentre per quanto riguarda l'impianto frenante, la Celtaquatre si avvaleva di freni a tamburo sulle quattro ruote.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili