Renault Mégane IV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Renault Mégane IV
Renault Mégane (IV) – Frontansicht, 19. September 2015, Frankfurt.jpg
Descrizione generale
Costruttore Francia  Renault
Tipo principale berlina 2 volumi
Altre versioni station wagon
berlina 3 volumi
Produzione dal 2016
Sostituisce la Renault Mégane III
Euro NCAP (2015[1]) 5 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza da 4359 a 4626 mm
Larghezza 1814 mm
Altezza da 1447 a 1457 mm
Passo da 2669 a 2712 mm
Massa da 1205 a 1467 kg
Altro
Assemblaggio Palencia (Spagna)
Stile Laurens van den Acker
Altre antenate Renault Mégane
Renault Fluence
Stessa famiglia Renault Scénic IV e Koleos
Qashqai e X-Trail
Auto simili Alfa Romeo Giulietta
Audi A3
BMW Serie 1
Citroën C4
Mercedes-Benz Classe A
Opel Astra K
Peugeot 308
SEAT León
Volvo V40
VW Golf
Renault Mégane (IV) – Heckansicht, 19. September 2015, Frankfurt.jpg

La Renault Mégane IV è la quarta generazione della Renault Mégane, autovettura del segmento C prodotta dalla casa automobilistica francese Renault dal 2016.

Profilo[modifica | modifica wikitesto]

La Mégane IV è stata presentata al Salone di Francoforte del 2015. La nuova generazione è stata progettata seguendo il nuovo stile di design della Renault, che ha avuto inizio con la Clio IV nel 2012. Il progetto è stato realizzato dall'attuale capo responsabile della Renault, il designer Laurens van den Acker. Alcune caratteristiche della media francese sono in comune con la gamma stilistica della Renault Talisman del 2015, come le luci diurne a LED a forma di C e i fari anteriori dalla forma allungata che corrono quasi verso l'intera fiancata. Essi evidenziano anche la linea laterale molto sagomata e scolpita che corre lungo tutto il cofano e le portiere. La compatta francese utilizza la piattaforma modulare CMF-C/D della Renault-Nissan, su cui si basano le Kadjar, Espace V e Talisman.[2]

Interno di una Renault Megane IV

La Mégane è prodotta nello stabilimento Renault a Villamuriel de Cerrato a Palencia, in Spagna.[3] È disponibile solo con il corpo vettura a berlina 2 volumi compatta a cinque porte, che verrà seguita dalla versione familiare. La variante con il corpo vettura a tre porte (Mégane Coupé) e cabriolet (Mégane CC) non verranno prodotte in questa generazione.[4]

Per quel che concerne la sicurezza, la Mégane IV nel 2015 ha ottenuto cinque stelle nei crash test EuroNCAP (88% protezione adulti, 87% per bambini, e 71% per i pedoni)[1]. Di serie ha sei airbag (anteriori, laterali anteriori e a tendina), ABS, ESC, sistemi di fissaggio per i seggiolini per bambini Isofix, il controllo della pressione degli pneumatici e il limitatore di velocità. Inoltre, a seconda delle versioni, è possibile equipaggiare il regolatore adattativo della velocità, la frenata di emergenza, l'avviso e l'allarme di cambiamento involontario di corsia, l'avviso e riconoscimento dei segnali stradali e il rilevatore del punto cieco.[5]

Per quanto riguarda la dotazione, la Mégane include in opzione l'assistente di parcheggio con telecamera di retromarcia, fari anteriori completamente a LED, head up display, display a colori personalizzabile nel quadro strumenti, il sistema di intrattenimento con touch screen da 7 o 8,9 pollici, il freno di stazionamento elettrico, le modalità di guida variabili e i sedili anteriori riscaldabili con possibilità di massaggio.[6]

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

La Mégane di quarta generazione è più grande e più bassa rispetto al modello precedente. Le sospensioni sono delle classiche McPherson nella parte anteriore e una barra di torsione sul retrotreno. I freni sono a disco su entrambi gli assi. Il guidatore può scegliere tra le cinque modalità di guida che cambiano il set-up meccanico ed elettronico della vettura. È disponibile con nove motori (quattro a benzina e cinque diesel), con potenze tra 89 CV (65 kW) e 202 CV (149 kW).

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Mégane GT[modifica | modifica wikitesto]

Renault Mégane GT
Renault Mégane GT, vista posteriore

Una versione sportiva denominata Mégane GT è stata sviluppata dal reparto Renault Sport: si tratta della versione intermedia tra la più sportiva RS e le altre varianti. È disponibile con un motore a benzina 1.6 TCe 205 CV e un diesel 1.6 dCi 165 CV. Entrambi i motori sono associati a un cambio automatico doppia frizione EDC con palette in alluminio al volante.

La Mégane GT ha un pacchetto aerodinamico per la carrozzeria specifico (paraurti sagomati, griglia anteriore a nido d'ape, tubi di scarico a due uscite, gusci degli specchietti in metallo, cerchi specifici), un interno con un volante sportivo con la corona tagliata in basso, pedaliera in alluminio, sedili sportivi con poggiatesta integrato con tappezzeria Alcantara e un blu come unico colore per la carrozzeria.

Ha una taratura delle sospensioni più rigida e sportiva e aggiunge il sistema di sterzata sulle quattro ruote chiamato 4Control visto su altre Renault, che aumenta l'agilità e la stabilità in curva. Il cambio ha due funzioni specifiche: una per scalare rapidamente le diverse marce in una sola volta e il launch control per le partenze più veloci da fermo.

Il pacchetto estetico (paraurti e diffusore) e sedili GT, senza presentare modifiche sotto il punto di vista della meccanica, può essere associato anche ad altri motori con il pacchetto GT Line[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Test Euro NCAP del 2015, euroncap.com. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  2. ^ Nuova Renault Megane 2016: listino prezzi, dimensioni, interni e motori, allaguida.it, 1 febbraio 2016. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  3. ^ Renault Mégane: parte la produzione, alvolante.it, 14 novembre 2015. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  4. ^ Quarta generazione Renault Megane, in arrivo wagon Sporter, ansa.it, 9 febbraio 2016. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  5. ^ Renault Mégane 2016: salto di qualità, alvolante.it, 16 settembre 2015. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  6. ^ Nuova Renault Mégane, quattroruote.it, 4 novembre 2015. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  7. ^ Renault Megane 2016, prezzi da 18.650 euro, motori.it, 5 dicembre 2015. URL consultato il 24 gennaio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili