Renault Talisman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Renault Talisman
Renault Talisman 02 Auto Chongqing 2012-06-07.JPG
Descrizione generale
Costruttore Francia  Renault
Tipo principale Berlina
Produzione dal 2012
Sostituisce la Renault Laguna III
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.945 mm
Larghezza 1.870 mm
Altezza 1.480 mm
Passo 2.810 mm
Massa 1.602 kg
Altro
Altre antenate Renault Latitude
Stessa famiglia Samsung SM7
Samsung SM5
Nissan Teana
Renault Espace
Renault Kadjar
Renault Talisman 03 Auto Chongqing 2012-06-07.JPG

La Renault Talisman è una grande berlina di segmento E prodotta dalla casa francese Renault dal 2012 in Cina, e che dal 2015 sostituisce in tutta l'Europa la Renault Laguna III (in vendita dal 2007), ponendosi come la nuova ammiraglia della Casa.

Storia e profilo[modifica | modifica wikitesto]

La Talisman I[modifica | modifica wikitesto]

La prima generazione della Talisman fu proposta unicamente per il mercato cinese, all'epoca caratterizzato da una forte espansione. Questa la storia: nel 2011 la Renault-Samsung, Casa sudcoreana nata nel 2000 quando Renault prese il controllo della Samsung Motors, lanciò la seconda generazione della Samsung SM7, una grossa berlina nata sfruttando il pianale allungato della Samsung SM5. Le sinergie tra Renault e Nissan, già attive dal 1999, fecero in modo che la base meccanica utilizzata per la SM7 e la SM5 fosse a sua volta la stessa utilizzata anche per la Nissan Teana, la Renault Latitude (venduta in alcuni Paesi europei e anche in alcuni mercati emergenti sotto altre denominazioni) e la ben più conosciuta Laguna III, quest'ultima in commercio già dal 2007.

L'anno successivo al lancio della SM7, Renault sfruttò il proprio marchio per proporre nel mercato cinese una SM7 con il marchio della Losanga. Tale versione venne denominata Talisman e fu appunto lanciata nel 2012 dopo la presentazione al Salone di Pechino. Esternamente la vettura era identica alla SM7 da cui derivava e con quest'ultima condivideva anche le linee di montaggio dello stabilimento di Busan, in Corea del Sud. Dalla Latitude, la Talisman riprendeva anche il gruppo plancia-cruscotto.

Due sono i motori previsti, entrambi con architettura V6 ed entrambi facenti parte della famiglia di motori Motore Nissan VQ:

La prima generazione della Talisman ottenne scarsi risultati commerciali, infatti in un mercato in forte sviluppo come quello cinese ne furono venduti solo 835 esemplari, di cui 275 nel 2014[1].

Il debutto in Europa: Talisman erede della Laguna[modifica | modifica wikitesto]

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

A quattro anni dal debutto per il mercato cinese, nonostante i magri riscontri di vendita, Renault decide di far sbarcare la Talisman anche in Europa: questo perché da tempo la Casa francese non ha nel proprio continente una propria bandiera nel segmento, considerando che la Renault Laguna III, in vendita ormai dal 2007, riusciva a vendere soltanto nella sua versione wagon Sportour. Una fascia di mercato, il segmento D, in cui nel frattempo tutte le Case piano piano si stavano apprestando ad affrontare, calcando un territorio assai difficile da insidiare, con concorrenti del calibro di Ford Mondeo, Opel Insignia, Citroën C5 e Peugeot 508 e Hyundai i40. Pertanto Renault, che aveva speso tantissimo nella produzione di un modello sfortunato come la terza Laguna, si trovava a dover decidere se abbandonare definitivamente il segmento D, che per tanti anni è stato il cavallo di battaglia della casa francese, o ripartire da zero costruendo un modello totalmente nuovo. Venne scelta la seconda opzone, dal momento che era in programma sia la sostituzione della Laguna III, sia quella della prima generazione della Talisman. La Renault aveva inoltre l'esigenza di risparmiare sui costi di produzione, avendo sacrificato molte delle proprie risorse per il lancio della Twingo III e la Captur, decidendo di puntare su un design rinfrescato e aggiornato agli stilemi europei della Casa per la nuova Talisman, stavolta proposta anche nei mercati europei, e che avrebbe preso il posto della Laguna III nel corso del 2015. La presentazione del nuovo modello è avvenuta il 6 luglio 2015 a Chantilly, nella regione della Piccardia. In Europa invece la vettura è stata presentata al Salone di Francoforte solo due mesi dopo, insieme alla versione familiare, ribattezzata Sporter.

Le linee e gli interni[modifica | modifica wikitesto]

Una Talisman berlina

La Talisman prevista per l'Europa è un'auto completamente diversa dal modello che l'ha preceduta nel solo mercato cinese. I tecnici ed i progettisti Renault si sono sforzati per accrescere la qualità generale e per ottenere un design assai moderno. La nuova berlina medio-alta di Casa Renault nasce sulla piattaforma modulare CMF, condivisa con la seconda serie della Espace e con la crossover Kadjar. Nel complesso, il corpo vettura propone una soluzione a tre volumi, assente ormai da diversi anni in una Renault di segmento D (l'ultima Renault di questa categoria di mercato con carrozzeria a tre volumi fu la Renault 21 a 4 porte). Tale corpo vettura è di fatto più grande ed imponente, visto che sfiora i 490 cm di lunghezza per 190 di larghezza. Nuovo il frontale, che stilisticamente rappresenta un po' un'evoluzione di quello già visto nella Espace V, e caratterizzato quindi da una grande calandra a listelli orizzontali che nella parte superiore si estende fino a toccare i gruppi ottici. Questi ultimi sono affiancati nella parte esterna da indicatori di direzione a forma di boomerang che si prolungano fino al di sotto del gruppo ottico stesso che tra l'altro integra anche la tecnologia a LED adattativo dal disegno concentrico.

L'abitacolo della Talisman II è più spazioso rispetto alla Laguna III: in fatto di abitabilità interna, la novità risiede nello spazio lasciato in verticale tra il sedile e il padiglione che può contare su 835 mm davanti e 860 mm dietro. Quindi molto più spazio che nelle precedenti berline per le gambe dei passeggeri seduti dietro. La capacità di carico del bagagliaio è pari a 608 litri. La plancia, dall'impostazione più lussuosa che non nel modello precedente, è caratterizzata dalla presenza del tablet verticale da 7 pollici come l'Espace, il nuovo sistema di infointrattenimento R-link 2 e il Multisense per la gestione dell'auto. Tra gli altri contenuti tecnologici vanno poi citati l'ADAS (ossia un sistema di assistenza alla guida di tipo evoluto), il park assist che parcheggia l'auto da sola e la retrocamera posteriore.

Talisman Sporter: la familiare[modifica | modifica wikitesto]

Una Talisman Sporter

La Talisman Sporter, presentata un po' a sorpresa al Salone di Francoforte assieme alla berlina, è lunga 4,86 metri, dunque un solo centimetro in più della berlina e anche l'altezza di 1,46 è identica ma, grazie alla diversa forma del tetto, chi siede dietro ha 30 mm in più per la testa mentre per i bagagli ci sono 572 litri viaggiando in 5, che, cosa un po' anomala per una wagon, è una capacità minore rispetto ai 608 litri della berlina, ma sono qualitativamente migliori poiché più regolari e soprattutto più accessibili attraverso l'ampio portellone elettrico azionabile a piede e alla soglia di accesso particolarmente bassa (57 cm) e un vano lunga 112 cm. Abbattendo il divano 60/40 con le levette ai lati si passa rispettivamente a 1.700 litri e a 201 cm, dunque ai vertici della categoria.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Talisman è stato ripreso da quello di una concept-car Renault presentata nel 2001 al Salone di Francoforte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scarsi risultati per Talisman I e Latitude

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili