Alcantara (materiale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alcantara
Alcantara Materiale.jpg

Alcantara è un materiale di rivestimento a marchio registrato, prodotto e commercializzato dall'omonima azienda.

I principali settori di impiego sono l'industria automobilistica,[1] l'arredamento, la nautica di diporto, l'abbigliamento, la moda.[2][3]

Il termine ha una radice araba (القنطرة, al-qantara) e significa "ponte".[4]

Viene prodotto negli stabilimenti italiani dell'azienda.[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1970 Miyoshi Okamoto,[6] un ricercatore giapponese, deposita il brevetto per la realizzazione di un materiale di rivestimento, che verrà commercializzato con il nome di Alcantara.

Nel 1972 viene costituita una joint venture tra la giapponese Toray Industries e Anic (gruppo ENI). In seguito a vari riordini societari, nel 1981 l'azienda assume il nome definitivo di Alcantara S.p.A.

Nel 2009 Alcantara S.p.A. è la prima azienda italiana[7][8][9][10] a ottenere la certificazione di Carbon Neutrality (che attesta un bilancio netto di emissioni di gas serra pari a zero)[11] secondo il criterio "dalla culla alla tomba" (from cradle to grave) che include tutte le fasi di produzione, uso e smaltimento del prodotto.[12]

La sede legale e direzionale è a Milano, mentre l'impianto produttivo (di 450.000 metri quadrati)[13] si trova a Nera Montoro, una frazione del comune di Narni (in provincia di Terni). Nella sede produttiva di Nera Montoro si svolgono tutte le fasi di lavorazione del materiale (dalla filatura alla tintura) e l'intera attività di ricerca nel centro sviluppo applicazioni, dedicato alla ricerca e organizzato in due aree: il "laboratorio prove comportamentali" (per la valutazione delle prestazioni del prodotto) e il "laboratorio tecnologie applicative" (per lo studio e lo sviluppo di nuove tecnologie e processi di lavorazione).[2]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Alcantara è composta dal 68% di poliestere e 32% di poliuretano[14], che rendono il prodotto duraturo e resistente alle macchie.

Esistono alcune versioni designate per ritardare le fiamme in applicazioni inerenti al mondo dell'auto e all'arredamento.[15]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il materiale di rivestimento Alcantara

Alcantara è un materiale composito, ottenuto dalla particolare combinazione di un processo di filatura e di numerosi processi di produzione tessili e chimici, che lo rendono un materiale estremamente resistente ma anche morbido, adatto a molteplici impieghi.

Presenta elevate proprietà funzionali e caratteristiche tecniche differenziate a seconda del settore e della specifica applicazione. Il suo aspetto superficiale può essere modificato in termini di colore (45 colori disponibili),[1] spessore (da 0,4 a 1,2 millimetri), proprietà tecniche e altre lavorazioni di superficie.[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Claudio Soranzo, Alcantara, simbolo dell'eccellenza Made in Italy, infomotori.com, 15 luglio 2015. URL consultato il 14 marzo 2016.
  2. ^ a b Anna Mossuto, Alcantara, un bene unico al mondo, in Corriere Economia, supplemento a Corriere della Sera, 6 luglio 2015.
  3. ^ Alberto Caprotti, «La sostenibilità è diventata il nostro valore aggiunto», in Avvenire, 19 novembre 2015.
  4. ^ Linda Parrinello, La qualità (da sola) non basta, in Business People, Aprile 2015.
  5. ^ Alcantara, il lusso made in Italy si fa green per sfidare la crisi e la recessione, tgcom24.mediaset.it, 31 ottobre 2014. URL consultato l'8 marzo 2016.
  6. ^ Laura Cavestri, Alcantara veste le fotocamere, ilsole24ore.com, 25 ottobre 2013. URL consultato il 9 marzo 2016.
  7. ^ Alcantara S.p.A., an Italian success, in The Japan Times, 16 novembre 2010.
  8. ^ Sergio Morales Sosa, Quando conviene la "sostenibilità", in La Gazzetta del Mezzogiorno, 24 ottobre 2015.
  9. ^ Alcantara. Le développement durable et la nouvelle chaîne de valeur automobile, in Auto Focus, Nov-Déc 2014, p. 26.
  10. ^ Lucia Grenna, Climate change: lessons in cross-sector collaboration, theguardian.com, 17 aprile 2013. URL consultato il 22 marzo 2016.
  11. ^ Alcantara Continues Its Focus on Sustainability as Key Brand Value, financial.de, 13 novembre 2015. URL consultato l'11 marzo 2016.
  12. ^ Bob Gritzinger, Making Luxury Interiors Green, wardsauto.com, 9 novembre 2015. URL consultato l'11 marzo 2016.
  13. ^ Fabrizio de' Marinis, Dall'Umbria al resto del mondo quel magico tocco di Alcantara, ilgiornale.it, 22 luglio 2015. URL consultato il 9 marzo 2016.
  14. ^ Walter Fung Coated and laminated textiles, Woodhead Publishing, 2002 ISBN 1-85573-576-8, p. 239
  15. ^ JAB Anstoetz takes over Alcantara distribution, SleeperMagazine.com, 12 June 2010
  16. ^ Anna Maria Ciuffa, Andrea Boragno: Alcantara®, il marchio in controtendenza, in Specchio Economico, Ottobre 2015, p. 17.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]