Poveri ma ricchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Poveri ma ricchi
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2016
Durata96 min
Generecommedia
RegiaFausto Brizzi
SoggettoFausto Brizzi, Marco Martani
SceneggiaturaFausto Brizzi, Marco Martani
ProduttoreFausto Brizzi, Lorenzo Mieli, Mario Gianani
Casa di produzioneWildside in collaborazione con Groupama Assicurazioni e Imprebanca
Distribuzione in italianoWarner Bros. Entertainment Italia
FotografiaMarcello Montarsi
MontaggioLuciana Pandolfelli
MusicheFrancesco Gabbani
ScenografiaMaria Stilde Ambruzzi, Roberta Amodio
CostumiMariano Tufano
Interpreti e personaggi

Poveri ma ricchi è una commedia del 2016 diretta da Fausto Brizzi.

Il film è liberamente tratto dall'originale francese Les Tuche.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia Tucci di Torresecca, paesino della campagna romana, è composta dai genitori Danilo e Loredana, i figli Tamara e Kevi (senza la "n" finale per ignoranza del padre), lo zio Marcello e la nonna Nicoletta. Nonostante la situazione economica tutt'altro che florida, essi sono una famiglia allegra e unita che vive in serenità.

Un giorno Loredana vince alla lotteria cento milioni di euro, e tutta la famiglia decide di godersi la vincita senza farne parola con nessuno, per evitare che tutto il paese venga da loro a chiedere soldi. Tuttavia ben presto il segreto viene svelato e tutta la famiglia Tucci decide di emigrare a Milano per iniziare una nuova vita.

Arrivati nella metropoli lombarda, possono finalmente utilizzare i soldi senza doversi più nascondere. Si trasferiscono dapprima in un albergo a cinque stelle per poi comprarsi un attico di lusso, spendendo a piene mani. Nel frattempo Marcello conosce Valentina, una cameriera dell'hotel, e subito se ne innamora, ma poiché la ragazza non riesce a sopportare le persone ricche, si finge un poveraccio e, per amore suo, si trova anche un lavoro come lavapiatti nello stesso albergo. Quando poi il giorno del compleanno di Marcello Valentina lo invita a casa sua dopo il lavoro per festeggiare, tra i due scocca la scintilla e inizia una storia d'amore.

La nuova vita nell'ambiente altolocato finisce tuttavia stroncata da una inaspettata e sgradita sorpresa. Danilo decide di investire tutti i soldi rimasti per allestire una scuderia di Formula 1, ma finisce preda di un truffatore, così i Tucci si ritrovano di nuovo poveri e costretti a tornare alla loro vecchia vita a Torresecca, salvo Marcello che rimane a Milano e si sposa con Valentina.

Tuttavia il ritorno alla normalità fa bene alla famiglia, che ritrova la coesione persa a causa dell'improvviso arricchimento. Alla fine, Kevi rivela che la truffa subìta dal padre in realtà è una montatura ideata da lui e che, grazie all'aiuto dell'ormai inseparabile maggiordomo Gustavo è riuscito a salvare i risparmi della famiglia.

Produzione e distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film si sono svolte dal 29 agosto al 12 ottobre 2016 ed è stato distribuito nelle sale cinematografiche il 15 dicembre 2016.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha incassato 7.272.904 €, vincendo la competizione di Natale con i concorrenti film italiani.[1]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Poveri ma ricchi - Colonna sonora originale.

Le musiche originali del film sono state composte dal cantautore Francesco Gabbani. La colonna sonora è stata pubblicata il 9 dicembre 2016 dalla BMG Rights Management.[2]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

A seguito del successo, è stato girato un secondo film, intitolato Poveri ma ricchissimi[3]. Gli sceneggiatori sono Fausto Brizzi, Marco Martani e Luca Vecchi. Il film è diverso dall'originale sequel francese.[4] La colonna sonora è stata curata dal gruppo musicale italiano Thegiornalisti[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema