Odo van Maelcote

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Odo van Maelcote (in latino: Malcotius)[1] (Bruxelles, 28 luglio 1572Roma, 14 maggio 1615) è stato uno scienziato e matematico belga.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Odo Van Maelcote era il figlio maggiore di Johannes Van Maelcote, professore di diritto canonico e civile presso l'Università di Lovanio e di Marie Viron. Dopo il diploma di scuola superiore entrò nel noviziato dei Gesuiti a Tournai il 12 febbraio 1590. Studiò presso l'Università di Douai, dove fu allievo di François d'Aguilon. Nel 1607 pubblicò a Bruxelles un piccolo trattato sull'astrolabio, che acquistò una certa notorietà nel mondo della scienza. Su invito di Cristoforo Clavio fu invitato a Roma per insegnare al Collegio Romano (1608). Qui fu assistente di Christoph Grienberger. Nel 1610, le autorità della Chiesa chiesero a Grienberger, Clavio, Paolo Lembo e Van Maelcote il loro parere sui nuovi fenomeni osservati da Galileo con il suo telescopio. Grienberger aveva molta simpatia per la teoria del movimento delle stelle di Galileo. Galileo fu invitato dai matematici ad un banchetto presso il Collegio Romano, durante il quale Van Maelcote tenne un discorso in favore di Galileo dal titolo Nuntius Sidereus Collegii Romani[2] (18 maggio 1611).[3][4][5] Tuttavia ai tre scienziati fu ordinato da Claudio Acquaviva, preposito generale della Compagnia di Gesù, di difendere la visione aristotelica dell'universo. Nel 1611 Van Maelcote si trasferì a Bruxelles. Dal dicembre 1612 al 1614 tenne una corrispondenza scientifica con Keplero. Tornato a Roma lavorò presso l'Osservatorio del Collegio Romano. Morì il 14 maggio 1615 a Roma all'età di 43 anni.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlos Sommervogel : Bibliothèque de la Compagnie de Jésus (tome 5), Oscar Schepers, Bruxelles, 1894, col. 281-282.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Van Maelcote, Odo, su Idref.fr, ABESA. URL consultato il 9 maggio 2018.
  2. ^ GALILEO, Opere, Ed. Naz., vol. III/l, pp. 291-298.
  3. ^ David Freedberg, The Eye of the Lynx: Galileo, His Friends, and the Beginnings of Modern Natural History, University of Chicago Press, 1º agosto 2003, p. 110, ISBN 978-0-226-26153-9.
  4. ^ Marco Piccolino e Nicholas J. Wade, Galileo's Visions: Piercing the Spheres of the Heavens by Eye and Mind, OUP Oxford, 2014, pp. 86–, ISBN 978-0-19-955435-5.
  5. ^ Galileo: La lotta per la scienza, Egidio Festa, Giuseppe Laterza & Figli, 2013, [1]
Controllo di autoritàVIAF (EN163337238 · ISNI (EN0000 0003 8596 5989 · GND (DE1089546653 · CERL cnp02146243 · WorldCat Identities (ENviaf-163337238