Monte Toc

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monte Toc
Monte Toc.jpg
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia
Veneto Veneto
ProvinciaPordenone Pordenone
Belluno Belluno
Altezza1 921 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate46°13′58.8″N 12°19′58.8″E / 46.233°N 12.333°E46.233; 12.333Coordinate: 46°13′58.8″N 12°19′58.8″E / 46.233°N 12.333°E46.233; 12.333
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Toc
Monte Toc
Mappa di localizzazione: Alpi
Monte Toc
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Orientali
Grande SettoreAlpi Sud-orientali
SezionePrealpi venete
SottosezionePrealpi Bellunesi
SupergruppoCatena Cavallo-Visentin
GruppoGruppo Col Nudo-Cavallo
SottogruppoSottogruppo del Monte Toc
CodiceII/C-32.II-B.1.a

Il Monte Toc è una montagna delle Prealpi bellunesi alta 1.921 m. È situato sul confine tra la provincia di Pordenone e la provincia di Belluno, tra la val Gallina, la valle del Piave e la valle del Vajont. È divenuto tristemente famoso per il disastro del Vajont: il 9 ottobre 1963 una colossale frana cadde dai fianchi dirupati del monte nel lago artificiale sottostante, straripando oltre la diga del Vajont, distruggendo diverse frazioni di Erto e Casso e Longarone e provocando oltre 1910 morti.

L'origine del toponimo[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del toponimo proviene dalla parlata locale: la radice "Toc" in gran parte del triveneto significa "pezzo", ma in lingua friulana indica anche qualcosa di "guasto", "avariato", "sfatto", condividendo lo stesso etimo dell'aggettivo "Patoc" che peraltro significa "zuppo" o "marcio". Probabilmente pertanto venne così chiamato per la sua nota franosità, poiché tutto il versante sovrastante era di natura calanchiva.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

La sua morfologia è prevalentemente di tipo dolomitico e trova origine nell'era della glaciazione dove, successivamente, il torrente Vajont si scavò una profonda gola, sino a gettarsi nel Piave.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le pendici del monte Toc erano più fertili rispetto al monte Salta, monte sul quale si trovano i paesi di Erto e Casso. I contadini infatti, attraversando i diversi ponti sul torrente Vajont, arrivavano a coltivare i propri campi, poi espropriati e sommersi dalle acque. Alle pendici del versante del Toc, avevano luogo quattro mulattiere, tre ponti sul torrente Vajont e svariati sentieri oltre ad alcune località appartenenti al comune di Erto e Casso: Ceva, Liron, Prada e Spianada. La Pineda e altre case appartenenti alle località sopracitate, furono spazzate via dallo smottamento stesso della montagna e dall'onda di piena che la frana provocò.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]