Jigglypuff

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jigglypuff
Jigglypuff.png
UniversoPokémon
Nome orig.プリン (Purin)
Lingua orig.Giapponese
Autori
StudioGame Freak
EditoreNintendo
1ª app.27 febbraio 1996
1ª app. inPokémon Rosso e Blu (prima generazione)
Voce orig.Mika Kanai (serie anime)

Jigglypuff (プリン Purin?) è un Pokémon base della prima generazione di tipo Normale/Folletto[1]. Il suo numero identificativo Pokédex è 39. Nel contesto del franchise creato da Satoshi Tajiri, Jigglypuff si evolve da Igglybuff[2] ed evolve a sua volta in Wigglytuff tramite l'utilizzo dello strumento Pietralunare.

Ideato dal team di designer della Game Freak, Jigglypuff fa la sua prima apparizione nel 1996 nei videogiochi Pokémon Rosso e Blu e compare inoltre nella maggior parte dei titoli successivi, in videogiochi spin-off, nella serie televisiva anime, nel Pokémon Trading Card Game e nel merchandising derivato dalla serie.

Un esemplare di Jigglypuff appare numerose volte nel corso dell'anime.[3] È inoltre uno dei personaggi della serie di videogiochi Super Smash Bros.[4][5] Condivide la sua specie con altri quattro Pokémon: Igglybuff, Wigglytuff, Qwilfish e Drifloon.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Jigglypuff ha l'aspetto di un pallone rosa. Se minacciato si gonfia e canta una melodia rilassante che fa addormentare istantaneamente i suoi avversari.[6]

Jigglypuff si evolve in Wigglytuff se esposto ad un oggetto chiamato Pietralunare. A partire da Pokémon Oro e Argento è stato introdotto Igglybuff, uno stadio pre-evolutivo del Pokémon derivato da un uovo di Jigglypuff o Wigglytuff, che si evolve in Jigglypuff dopo aver raggiunto un livello sufficiente di amicizia con il proprio allenatore.

Apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel videogioco[modifica | modifica wikitesto]

Nei videogiochi Pokémon Rosso e Blu, Pokémon Oro e Argento, Pokémon Rosso Fuoco e Verde Foglia e Pokémon Oro HeartGold e Argento SoulSilver Jigglypuff è ottenibile lungo il Percorso 3. Nelle versioni Giallo e Cristallo è possibile catturare il Pokémon nei Percorsi dal 5 all'8.

Nei titoli Pokémon Oro e Argento e nei remake della quarta generazione Jigglypuff è disponibile lungo il Percorso 4. Nelle prime due versioni è inoltre ottenibile nel Percorso 46. In Cristallo è presente nei pressi dei Percorsi 34 e 35, mentre nelle versioni HeartGold e SoulSilver sarà possibile catturarlo all'interno della Zona Safari di Johto.

Nelle versioni Rubino, Zaffiro e Smeraldo è possibile catturare Jigglypuff esclusivamente lungo il Percorso 115.

Nei videogiochi Pokémon Diamante e Perla e Pokémon Platino è uno dei Pokémon presenti nel Giardino Trofeo.

In Pokémon Nero e Bianco Jigglypuff è disponibile lungo il Percorso 14. Nei videogiochi Pokémon Nero 2 e Bianco 2 è presente nei Percorsi 1 e 2, oltre che nei pressi del Cantiere dei Sogni.

In Pokémon X e Y il Pokémon è ottenibile lungo il Percorso 20, nella Valle dei Pokémon e nel Safari Amici. In questi titoli ha acquisito il secondo tipo Folletto.[7][8]

Nel videogioco Pokémon Ranger è disponibile presso Autunnia (Fall City) mentre in Pokémon Ranger: Ombre su Almia è presente all'interno della Grotta Stalattite (Crysta Cave).

Jigglypuff è disponibile in tutti i videogiochi della serie Super Smash Bros.[4][5] Oltre ad essere presente nell'omonimo titolo per Nintendo 64, è un personaggio giocante in Super Smash Bros. Melee per Nintendo GameCube, in Super Smash Bros. Brawl per Nintendo Wii e in Super Smash Bros. per Nintendo 3DS e Wii U.[9] In Melee è ottenibile terminando la modalità Classic o Adventure e sconfiggendo Jigglypuff.

Anime[modifica | modifica wikitesto]

Pikachu, Psyduck e Jigglypuff

Jigglypuff appare per la prima volta nel corso dell'episodio Sulle ali di una canzone (The Song of Jigglypuff).[10] Il Pokémon, armato di pennarello, fa addormentare i protagonisti con la sua mossa Canto e, arrabbiato per l'effetto dell'attacco, scarabocchia il volto di coloro che vengono colti dal sonno. Diventerà un personaggio ricorrente della serie animata e seguirà il gruppo fino all'episodio Una gara pazzesca (A Pokéblock Party!).[3]

Altri esemplari di Jigglypuff sono presenti in Un mistero dopo l'altro (The Ancient Puzzle of Pokémopolis), Un Jigglypuff imprendibile (Rough, Tough Jigglypuff) e in Un'amica in gamba (A Stand-Up Sit-Down!).[11]

Carte collezionabili[modifica | modifica wikitesto]

Jigglypuff appare in 13 carte, prevalentemente di tipo Incolore, appartenenti a 12 set.[12][13] Inoltre una carta di Jigglypuff compare esclusivamente nel videogioco Pokémon Trading Card Game.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ha acquisito il secondo tipo Folletto a partire dalla sesta generazione.
  2. ^ A partire dalla seconda generazione.
  3. ^ a b (EN) Jigglypuff (anime) da Bulbapedia
  4. ^ a b (EN) Jigglypuff da SmashWiki
  5. ^ a b (EN) Jigglypuff da Super Mario Wiki
  6. ^ (EN) Jigglypuff, su pokemondb.net. URL consultato il 23 novembre 2019.
  7. ^ Il nuovissimo tipo Folletto!
  8. ^ (EN) Pokémon X & Y - Fairy-type da Serebii.net
  9. ^ Jigglypuff, su Super Smash DOJO!! (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2009).
  10. ^ (EN) Episode 45 - The Song of Jigglypuff da Serebii.net
  11. ^ (EN) Serebii.net Animédex - #039 Jigglypuff
  12. ^ (EN) Jigglypuff (TCG) da Bulbapedia
  13. ^ (EN) #039 Jigglypuff - Cardex da Serebii.net

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Paul J. Shinoda, Pokémon Official Nintendo Player's Guide, Nintendo Power, 1998, p. 75, ISBN 978-4-549-66914-0.
  • (EN) Nintendo Power, Pokémon Special Edition for Yellow, Red and Blue, Nintendo Power, 1999, p. 80, ASIN B000GLCWWW.
  • (EN) M. Arakawa, Pokémon Gold Version and Silver Version Complete Pokédex, Nintendo Power, 2000, p. 21, ASIN B000LZR8FO.
  • (EN) Scott Pellard, Pokémon Crystal Version, Nintendo Power, 2001, p. 91, ISBN 978-1-930206-12-0.
  • (EN) Elizabeth Hollinger, Pokémon Ruby & Sapphire: Prima's Official Strategy Guide, Prima Games, 2003, p. 114, ISBN 978-0-7615-4256-8.
  • (EN) Eric Mylonas, Pokémon Fire Red & Leaf Green: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2004, p. 101, ISBN 978-0-7615-4708-2.
  • (EN) Fletcher Black, Pokémon Emerald: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2005, p. 182, ISBN 978-0-7615-5107-2.
  • (EN) Lawrence Neves, Pokémon Diamond & Pearl Pokédex: Prima's Official Game Guide Vol. 2, Prima Games, 2007, p. 33, ISBN 978-0-7615-5635-0.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon Platinum: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2009, p. 403, ISBN 978-0-7615-6208-5.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon HeartGold & SoulSilver: The Official Pokémon Johto Guide & Johto Pokédex: Official Strategy Guide, Prima Games, 2010, p. 245, ISBN 978-0-307-46803-1.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon HeartGold & SoulSilver: The Official Pokémon Kanto Guide & National Pokédex: Official Strategy Guide, Prima Games, 2010, p. 218, ISBN 978-0-307-46805-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàEuropeana agent/base/148345
Pokémon Portale Pokémon: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pokémon