Guglielmo di Svezia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guglielmo di Svezia
WilhelmandMariaPavlovna1908.jpg
Il principe Guglielmo di Svezia e la granduchessa Maria Pavlovna, nel giorno del loro matrimonio
Duca di Södermanland
In carica 1884 –
5 giugno 1965
Predecessore Carlo Oscar
Successore Alessandro
Nome completo Carl Wilhelm Ludvig
Nascita Palazzo Tullgarn, Trosa, 17 giugno 1884
Morte Castello Stenhammer, Flen, 5 giugno 1965
Dinastia Bernadotte
Padre Gustavo V di Svezia
Madre Vittoria di Baden
Consorte Marija Pavlovna Romanova
Figli Principe Lennart
Religione Chiesa di Svezia

Guglielmo di Svezia (nome completo Karl Wilhelm Louis Bernadotte[1]) (Stoccolma, 17 giugno 1884Flen, 5 giugno 1965), nato principe di Svezia e Norvegia (lo fu fino al 1905) e duca di Södermanland[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Guglielmo fu il secondogenito di Gustavo V di Svezia (1858-1950) e della sua consorte Vittoria di Baden (1862-1930)[1], al momento della sua nascita principi ereditari di Svezia e Norvegia. I suoi nonni paterni furono il re Oscar II di Svezia (1829-1907) e la regina Sofia di Nassau (1836-1913); quelli materni il granduca Federico I di Baden (1826-1907) e la granduchessa Luisa di Prussia (1838-1923).

Durante la sua giovinezza Guglielmo ricevette un'educazione di tipo militare all'interno dell'armata svedese. Ereditò dal padre la passione per i viaggi e partecipò a numerose spedizioni scientifiche, etnografiche e archeologiche. Visitò il Siam, l'Africa e l'America centrale. Collaborò alla realizzazione di numerosi documentari naturalistici e scrisse numerose novelle e poemi in relazione ai suoi viaggi.

Il principe Guglielmo, la principessa Maria e il principe Lennart nel 1911

Il 3 maggio del 1908, a San Pietroburgo, sposò la granduchessa Marija Pavlovna (1890-1958)[1], figlia del granduca Pavel Aleksandrovič Romanov e della granduchessa Alessandra Giorgievna, nata principessa di Grecia.
Dal loro matrimonio, che venne poi annullato dalla Chiesa ortodossa nel 1914, nacque un figlio:[1]

Dopo la dissoluzione del suo matrimonio Guglielmo ebbe una relazione, durata per quasi trent'anni, con Jeanne Leocadie Tramcourt, di nazionalità francese. Jeanne morì nel 1952 in un incidente automobilistico.

Il principe visse gran parte della sua vita nel Palazzo di Stenhammar, nella città di Flen, dove morì il 5 giugno del 1965.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1948 - Röda jordens folk
  • 1947 - Skärkarlar och sälar på Harstena
  • 1946 - Uddeholm
  • 1946 - Skånsk bygd (Från Hallandsåsen till Ven)
  • 1945 - En resa på Dal
  • 1942 - Hos smålänningar
  • 1941 - Ekhult heter gården
  • 1940 - Idyll och allvar i svensk beredskap
  • 1940 - Gutarnas ö
  • 1938 - Folk mellan fjäll
  • 1935 - Västerhavets män
  • 1934 - Havets melodi
  • 1920 circa- Prins Wilhelms expedition till Central-Amerika
  • 1920 circa- Med Prins Wilhelm på afrikanska stigar

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Famiglia reale svedese
Casato di Bernadotte
Arms of Bernadotte.svg

Carlo XIV (1763-1844)
Oscar I (1799-1859)
Carlo XV (1826-1872)
Figli
Oscar II (1829-1907)
Gustavo V (1858-1950)
Gustavo VI Adolfo (1882-1973)
Figli
Carlo XVI Gustavo (1946)
Guglielmo di Svezia Padre:
Gustavo V di Svezia
Nonno paterno:
Oscar II di Svezia
Bisnonno paterno:
Oscar I di Svezia
Trisnonno paterno:
Jean-Baptiste Jules Bernadotte
Trisnonna paterna:
Désirée Clary
Bisnonna paterna:
Giuseppina di Leuchtenberg
Trisnonno paterno:
Eugenio di Beauharnais
Trisnonna paterna:
Augusta di Baviera
Nonna paterna:
Sofia di Nassau
Bisnonno paterno:
Guglielmo di Nassau
Trisnonno paterno:
Federico Guglielmo di Nassau-Weilburg
Trisnonna paterna:
Luisa Isabella di Kirchberg
Bisnonna paterna:
Paolina di Württemberg
Trisnonno paterno:
Paolo Federico di Württemberg
Trisnonna paterna:
Carlotta di Sassonia-Hildburghausen
Madre:
Vittoria di Baden
Nonno materno:
Federico I di Baden
Bisnonno materno:
Leopoldo di Baden
Trisnonno materno:
Carlo Federico di Baden
Trisnonna materna:
Luisa Carolina Geyer von Geyersberg
Bisnonna materna:
Sofia Guglielmina di Svezia
Trisnonno materno:
Gustavo IV Adolfo di Svezia
Trisnonna materna:
Federica di Baden
Nonna materna:
Luisa di Prussia
Bisnonno materno:
Guglielmo I di Germania
Trisnonno materno:
Federico Guglielmo III di Prussia
Trisnonna materna:
Luisa di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonna materna:
Augusta di Sassonia-Weimar-Eisenach
Trisnonno materno:
Carlo Federico di Sassonia-Weimar-Eisenach
Trisnonna materna:
Marija Pavlovna Romanova

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Stemma di Guglielmo, Principe di Svezia e Norvegia, duca di Södermanland dal 1884 al 1905
Coat of arms of Prince Wilhelm, Duke of Södermanland (1884-1907).svg
Stemma di Guglielmo, Principe di Svezia e duca di Södermanland dal 1907
Coat of arms of Prince Wilhelm, Duke of Södermanland (1907).svg

Onorificenze svedesi[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dei Serafini - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Spada
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone di Norvegia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone di Norvegia
— 1904
Cavaliere dell'Ordine di Carlo XIII - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Carlo XIII

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 1907
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
Cavaliere di Gran Croce dell'ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi)
— luglio 1901
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano (Regno Unito)
— giugno 1905

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Darryl Lundy, Genealogia del principe Guglielmo di Svezia, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 15 settembre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN263425447 · LCCN: (ENno94038848 · ISNI: (EN0000 0003 8213 7475 · GND: (DE102010099 · BNF: (FRcb12024994g (data)