Carlotta di Sassonia-Hildburghausen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principessa Carlotta di Sassonia-Hildburghausen
Charlotte of Saxe-Hildburghausen.JPG
Ritratto giovanile della Duchessa Carlotta di Sassonia-Hildburghausen
Principessa Paolo di Württemberg
Nascita Hildburghausen, Sassonia-Hildburghausen, 17 giugno 1787
Morte Bamberga, Regno di Baviera, 12 dicembre 1847
Padre Federico, Duca di Sassonia-Hildburghausen
Madre Duchessa Carlotta Georgina di Meclemburgo-Strelitz
Figli Carlotta, Granduchessa Elena Pavlovna di Russia
Principe Federico
Paolina, Duchessa di Nassau
Principe Augusto Eberard

Carlotta di Sassonia-Hildburghausen (nome completo in tedesco: Katharina Charlotte Georgine Friederike Sophie Therese von Sachsen-Hildburghausen) (Hildburghausen, 17 giugno 1787Bamberga, 12 dicembre 1847) nata principessa di Sassonia-Hildburghausen, divenne principessa consorte del Württemberg per matrimonio.

Famiglia d'origine[modifica | modifica wikitesto]

Suo padre era il duca Federico di Sassonia-Altenburg, figlio del duca Ernesto Federico III di Sassonia-Hildburghausen e della sua terza moglie, la duchessa Ernestina Augusta di Sassonia-Weimar; sua madre era la duchessa Carlotta, figlia del granduca Carlo II di Meclemburgo-Strelitz e della prima moglie, la granduchessa Federica Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt.

Una delle sue madrine di battesimo fu la zarina Caterina II di Russia. Attraverso la famiglia materna era imparentata con i reali di Prussia e di Hannover. Ella crebbe instaurando uno stretto legame con le sorelle Teresa e Luisa. Il poeta Friedrich Rückert dedicò a lei ed alle sorelle la poesia "Mit drei Moosrosen" ("Con tre rose muschiate"). La sua formazione venne influenzata dall'epoca in cui visse, caratterizzata da guerre, confederazioni e manovre politiche. Il padre vedeva raramente sia lei sia i suoi fratelli e sorelle. La madre era severa e volle darle una buona educazione. Essendo la primogenita in famiglia, Carlotta si vide affidare numerose responsabilità, quale badare ai suoi fratelli e sorelle, frequentare corsi importanti, influenzare molte persone ed essere un modello esemplare di principessa. Ciò nonostante ella non perse mai la speranza e tese sempre ad essere positiva.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Carlotta sposò a Ludwigsburg, il 28 settembre del 1805, il principe Paolo Federico di Württemberg, noto viaggiatore e naturalista. Egli era il secondo figlio maschio del re Federico I del Württemberg e della sua prima moglie, la principessa Augusta di Braunschweig-Wolfenbüttel. Carlotta da quel momento venne conosciuta come "principessa Paolo di Württemberg". Gli sposi vissero dal 1807 al 1810 nel Castello di Comburg, appannaggio del principe. Si trattò di un matrimonio infelice. I coniugi ebbero un mucchio di liti, e si disse che Paolo avesse parecchie amanti con cui instaurò numerose relazioni. Ciò nonostante Carlotta ebbe cinque figli. Infine il marito abbandonò il Württemberg nel 1815, trasferendosi da Stoccarda a Parigi, lasciando la moglie ed i figli, ma portando con sé le figlie. Nel 1818 la coppia si separò. Il divorzio fu respinto dal re di Württemberg, fratello di Paolo. Carlotta, col cuore spezzato, fece ritorno ad Hildburghausen dove, nel 1827, divenne proprietaria del palazzo costruito dal principe Eugenio di Sassonia-Hildburghausen, suo prozio, soprannominato Hoheitshaus (Casa regale). Qui ricevette spesso visite dalla sua figlia primogenita, Carlotta, con cui aveva uno stretto rapporto, così come con il fratello Federico, che dopo la morte di Carlotta abbandonò Hildburghausen. Insieme a due delle sue dame di corte si fece apprezzare per la cura offerta ai poveri di Hildburghausen.

Morì nella residenza principesca di Bamberga e venne sepolta nella cripta della casa di Württemberg, situata a Ludwigsburg. Dopo la sua morte, Paolo, che aveva descritto in molte annotazioni del suo diario la moglie come "una figura perduta", si risposò.

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Dal matrimonio con Paolo nacquero cinque figli[1]:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Carlotta di Sassonia-Hildburghausen Padre:
Federico di Sassonia-Altenburg
Nonno paterno:
Ernesto Federico III di Sassonia-Hildburghausen
Bisnonno paterno:
Ernesto Federico II di Sassonia-Hildburghausen
Trisnonno paterno:
Ernesto Federico I di Sassonia-Hildburghausen
Trisnonna paterna:
Sofia Albertina di Erbach-Erbach
Bisnonna paterna:
Carolina di Erbach-Fürstenau
Trisnonno paterno:
Filippo Carlo di Erbach-Fürstenau
Trisnonna paterna:
Carlotta Amalia di Kunowitz
Nonna paterna:
Ernestina Augusta di Sassonia-Weimar
Bisnonno paterno:
Ernesto Augusto I di Sassonia-Weimar
Trisnonno paterno:
Giovanni Ernesto III di Sassonia-Weimar
Trisnonna paterna:
Sofia Augusta di Anhalt-Zerbst
Bisnonna paterna:
Sofia Carlotta di Brandenburgo-Bayreuth
Trisnonno paterno:
Giorgio Federico Carlo di Brandeburgo-Bayreuth
Trisnonna paterna:
Dorotea di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck
Madre:
Carlotta di Meclemburgo-Strelitz
Nonno materno:
Carlo II di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonno materno:
Carlo Ludovico Federico di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonno materno:
Adolfo Federico II di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonna materna:
Cristiana Emilia di Schwarzburg-Sondershausen
Bisnonna materna:
Elisabetta Albertina di Sassonia-Hildburghausen
Trisnonno materno:
Ernesto Federico I di Sassonia-Hildburghausen
Trisnonna materna:
Sofia Albertina di Erbach-Erbach
Nonna materna:
Federica Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt
Bisnonno materno:
Giorgio Guglielmo d'Assia-Darmstadt
Trisnonno materno:
Luigi VIII d'Assia-Darmstadt
Trisnonna materna:
Carlotta di Hanau-Lichtenberg
Bisnonna materna:
Maria Luisa Albertina di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg
Trisnonno materno:
Cristiano Carlo Reinardo di Leiningen-Dachsburg-Falkenburg-Heidesheim
Trisnonna materna:
Caterina Polissena di Solms-Rödelheim

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Heinrich Ferdinand Schoeppl: Die Herzoge von Sachsen-Altenburg. Bozen 1917, Neudruck Altenburg 1992
  • Dr. Rudolf Armin Human: Chronik der Stadt Hildburghausen, Hildburghausen 1886

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN308194457 · GND (DE105009395X