Estelle di Svezia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Estelle di Svezia
Crown Princess Victoria 2016 18.jpg
Duchessa di Östergötland
Stemma
In carica dal 24 febbraio 2012
Predecessore Carlo Bernadotte
Successore in carica
Nome completo Estelle Silvia Ewa Mary
Trattamento Principessa Estelle, duchessa di Östergötland
Onorificenze Duchessa di Östergötland
Nascita Karolinska University Hospital, Stoccolma, 23 febbraio 2012 (6 anni)
Dinastia Bernadotte
Padre Principe Daniel
Madre Principessa ereditaria Vittoria
Religione Chiesa di Svezia

Estelle, principessa di Svezia, duchessa di Östergötland (in svedese: Estelle, Prinsessa av Sverige, Hertiginna av Östergötland, Estelle Silvia Ewa Mary; Stoccolma, 23 febbraio 2012), è una principessa svedese.

È la figlia primogenita della principessa ereditaria Vittoria e del marito, Daniel Westling. È la futura principessa ereditaria di Svezia nonché futura regina, come si prevede.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nascita[modifica | modifica wikitesto]

Nata il 23 febbraio 2012, alle 4:26 del mattino all'Ospedale universitario del Istituto Karolinska (Karolinska Universitetssjukhuset) di Stoccolma, è la prima figlia di Vittoria e Daniel[1]. Al momento della nascita era lunga 51 centimetri e pesava 3 chili e 280 grammi[2].

Onomastica[modifica | modifica wikitesto]

Il nome completo della principessa è Estelle Silvia Ewa Mary:

  • Estelle è un nome non comune alla corte di Svezia, qualcuno presume che si riferisce a quello della moglie di Folke Bernadotte, antenato della principessa;
  • Silvia è il nome della nonna materna della principessa, la Regina Silvia;
  • Ewa è il nome della nonna paterna della principessa, Ewa Westring;
  • Mary è il nome di una delle madrine di battesimo della principessa, la principessa ereditaria Mary di Danimarca.

Estelle, come ogni membro della famiglia reale, non ha un cognome, sebbene appartenga alla dinastia Bernadotte.

Battesimo[modifica | modifica wikitesto]

Il battesimo della principessa è stato fissato per il giorno 22 maggio 2012, a Stoccolma[3]. La cerimonia è iniziata in mattinata, alla presenza di circa 200 invitati, per lo più monarchi dei paesi scandinavi, danesi e olandesi.

Estelle con i suoi genitori.

I padrini della futura regina di Svezia sono stati il re dei Paesi Bassi, Guglielmo, il principe ereditario di Norvegia, Haakon, la principessa ereditaria di Danimarca, Mary Donaldson, il principe Carlo Filippo di Svezia, fratello della principessa Vittoria, e la sorella del duca di Västergötland, Anna Westling Söderström[4].

Primi anni di vita[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 maggio 2014 la principessa ha partecipato al suo primo incarico ufficiale inaugurando un sentiero fatato a Tåkern, nella Contea di Östergötland, denominato in suo onore Duchess Estelle's Fairytale Path[5][6].

Il 25 agosto 2014, la principessa Estelle ha iniziato l'asilo nella Äventyret Preschool a Stoccolma[7][8].

Posizione[modifica | modifica wikitesto]

La principessa Estelle è seconda in linea di successione al trono di Svezia[9]. Al momento della sua nascita, la principessa Estelle si è unita alle altre quattro principesse europee seconde in linea al trono e destinate a diventare regine: la principessa Ingrid Alexandra di Norvegia, la principessa Elisabetta del Belgio, l'infanta Leonor di Spagna e la principessa Catharina Amalia dei Paesi Bassi. Quest'ultima è diventata principessa d'Orange ed erede apparente nel mese di aprile 2013, in seguito all'ascesa al trono di suo padre Guglielmo; mentre la principessa Elisabetta del Belgio è diventata duchessa di Brabante ed erede apparente nel luglio 2013; infine Leonor di Spagna è diventata principessa delle Asturie ed erede apparente nel giugno 2014.

La principessa Estelle è la prima donna nella storia della Svezia a nascere con il diritto di ereditare il trono che non può essere acquisito dalla successiva nascita di un erede maschio. Lei è anche la prima principessa nella storia della Svezia a nascere col titolo di erede apparente. Le sole tre principesse di Svezia prima di Estelle nate in prima linea per il trono erano tutte ereditiere presunte alla loro nascita: Cristina (che alla fine divenne regina regnante), Edvige Sofia (che fu sostituita da un fratello minore), e la madre di Estelle, la quale perse il diritto alla nascita del fratello Carlo Filippo nel 1979 e poi divenne definitivamente principessa ereditaria con la modifica della legge svedese di successione del 1º gennaio 1980.

Titoli e trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Il suo nome e i suoi titoli nobiliari sono stati annunciati da suo nonno, re Carlo Gustavo il 24 febbraio 2012[5][10].

  • 23 febbraio 2012 – oggi: Sua altezza reale Principessa Estelle di Svezia, duchessa di Östergötland.

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Famiglia reale svedese
Casato di Bernadotte
Arms of Bernadotte.svg

Carlo XIV (1763-1844)
Oscar I (1799-1859)
Carlo XV (1826-1872)
Figli
Oscar II (1829-1907)
Gustavo V (1858-1950)
Gustavo VI Adolfo (1882-1973)
Figli
Carlo XVI Gustavo (1946)
Estelle Silvia di Svezia Padre:
Olof Daniel Westling
Nonno paterno:
Olle Westling
Bisnonno paterno:
Anders Westling
Trisnonno paterno:
Anders Andersson
Trisnonna paterna:
Brita Westling
Bisnonna paterna:
Frida Berta Elisabet Borg
Trisnonno paterno:
Anders Erik Borg
Trisnonna paterna:
Anna Båth
Nonna paterna:
Ewa Westring
Bisnonno paterno:
John Einar Westring
Trisnonno paterno:
Johan Gregorius Westring
Trisnonna paterna:
Anna Samuelsdotter
Bisnonna paterna:
Nanny Birgitta Hugg
Trisnonno paterno:
Johan Teodor Hugg
Trisnonna paterna:
Kristina Jonsdotter
Madre:
Vittoria Ingrid di Svezia
Nonno materno:
Carlo XVI Gustavo di Svezia
Bisnonno materno:
Gustavo Adolfo di Svezia
Trisnonno materno:
Gustavo VI Adolfo di Svezia
Trisnonna materna:
Margherita di Sassonia-Coburgo-Gotha
Bisnonna materna:
Sibilla di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonno materno:
Carlo Edoardo di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonna materna:
Vittoria Adelaide di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Nonna materna:
Silvia Sommerlath
Bisnonno materno:
Carl Walther Sommerlath
Trisnonno materno:
Louis Carl Moritz Sommerlath
Trisnonna materna:
Maria Erna Sophie Christine Waldau
Bisnonna materna:
Alice Soares de Toledo
Trisnonno materno:
Artur Floriano de Toledo
Trisnonna materna:
Elisa Novais Soares

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Stemma di Estelle, duchessa di Östergötland
Coats of arms of Princess Estelle Duchess of Östergötland.svg

Onorificenze svedesi[modifica | modifica wikitesto]

Membro dell'Ordine dei Serafini - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine dei Serafini
— 23 febbraio 2012, insegne ricevute il 22 maggio 2012[11]
Medaglia del giubileo di rubino di Carlo XVI Gustavo - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del giubileo di rubino di Carlo XVI Gustavo
— 15 settembre 2013[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (SV) Svante Lindqvist, Kommuniké från Riksmarskalken, su Sveriges Kungahus, 24 febbraio 2012. URL consultato il 24 febbraio 2012.
  2. ^ Victoria e Daniel, è arrivata la principessa Estelle, su Altezza Reale, 23 febbraio 2012. URL consultato il 05 settembre 2017.
  3. ^ (EN) Biography - Sveriges Kungahus, su www.kungahuset.se. URL consultato il 05 settembre 2017.
  4. ^ (EN) Princess Estelle's christening takes place in Stockholm, in HOLA, 22 maggio 2012. URL consultato il 05 settembre 2017.
  5. ^ a b (EN) The Crown Princess Couple and Princess Estelle visit Linköping Castle and open the Fairytale Path at Lake Tåkern, su Sveriges Kungahus. URL consultato il 05 settembre 2017.
  6. ^ (EN) Laura Marie Meyers, Princess Estelle of Sweden's First Royal Appearance Couldn't Have Been Cuter, in POPSUGAR Celebrity, 19 maggio 2014. URL consultato il 05 settembre 2017.
  7. ^ Piccole Regine crescono, in Guida italiana a Stoccolma, 25 agosto 2014. URL consultato il 05 settembre 2017.
  8. ^ (EN) Princess Estelle starts preschool - Sveriges Kungahus, su www.kungahuset.se. URL consultato il 05 settembre 2017.
  9. ^ (EN) Sweden’s Crown Princess Victoria Has a Baby Girl, in PEOPLE.com, 23 febbraio 2012. URL consultato il 05 settembre 2017.
  10. ^ (EN) Princess Estelle Silvia Ewa Mary, Duchess of Östergötland - Sveriges Kungahus, su www.kungahuset.se. URL consultato il 05 settembre 2017.
  11. ^ Swedish Monarchy Website, Photos after the granting and on the way out at the end of the christening.
  12. ^ Giubileo di rubino di Carlo XVI Gustavo

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]