Vittoria di Baden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vittoria di Baden
Victoria of Baden in the 1880s.png
Vittoria di Baden
Regina di Svezia
Stemma
In carica 8 dicembre 1907 - 4 aprile 1930
Predecessore Sofia di Nassau
Successore Luisa Mountbatten
Nome completo Sophie Marie Viktoria Prinzessin von Baden
Nascita Karlsruhe, 7 agosto 1862
Morte Roma, 4 aprile 1930
Padre Federico I di Baden
Madre Luisa di Prussia
Consorte Gustavo V di Svezia
Figli Gustavo VI Adolfo
Principe Guglielmo, duca di Södermanland
Principe Erik, duca di Västmanland

Vittoria di Baden (nome completo Sophie Marie Viktoria Prinzessin von Baden[1]; Karlsruhe, 7 agosto 1862Roma, 4 aprile 1930) nata principessa di Baden[1] divenne regina consorte di Svezia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vittoria era la seconda figlia del granduca Federico I di Baden (1826-1907) e di Luisa di Prussia (1838-1923)[1]. I suoi nonni paterni erano il granduca Leopoldo I di Baden (1791-1852) e la principessa Sofia Guglielmina di Svezia (1801-1865), mentre quelli materni l'imperatore Guglielmo I di Germania (1797-1888) e la principessa Augusta di Sassonia-Weimar.

A seguito di un accordo tra la famiglia reale di Svezia e Norvegia e quella di Baden, Vittoria fu destinata a sposare il principe ereditario di Svezia Gustavo (1858-1950), figlio del re Oscar II (1829-1907) e della regina Sofia di Nassau (1836-1913). Con questo matrimonio si univano la casa regnante svedese Bernadotte, alla quale apparteneva Gustavo, e la casa regnante precedente, gli Holstein-Gottorp, a volte chiamati Vasa, da cui discendeva Vittoria.

Le nozze di Vittoria e Gustavo si celebrarono il 20 settembre 1881[1] nella città di Karlsruhe.

Nel 1907, alla morte del re Oscar II, Gustavo e Vittoria divennero i nuovi sovrani di Svezia. La Norvegia si era separata della Svezia qualche anno prima, nel 1905.

Dotata di un forte temperamento e apertamente filo-tedesca, la regina Vittoria fu impopolare presso i suoi sudditi, soprattutto durante gli anni della Prima guerra mondiale. Si insinuò che la Regina influenzasse fortemente la politica estera del marito e che volesse promuovere un'alleanza militare tra Svezia e Germania. Effettuò numerosi viaggi nella sua terra natale in piena guerra e, per questo motivo il popolo la accusò di sentirsi più tedesca che svedese.

Vittoria e Gustavo di Svezia nel 1890

Nello stesso tempo fu però rispettata per le sue doti personali, che le permisero di affrontare avverse situazioni, come i problemi legati alla salute mentale del suo terzo figlio, dovuti probabilmente alle forti cure somministrate a Vittoria quando era incinta di lui. Mal curata in età giovanile, essa soffriva di bronchiti e, probabilmente, anche di tubercolosi. A causa del freddo clima svedese, fu costretta a trascorrere lunghi periodi in Paesi con temperature più miti. Visse per molto tempo in Italia, interrompendo comunque spesso la sua permanenza per fare ritorno in Svezia a svolgere il suo compito istituzionale.

Oltre a Roma soggiornò a lungo anche a Baden-Baden e nell'Isola di Mainau.

Vittoria fu una donna dotata di talento artistico. Era portata per la pittura, la musica e la fotografia.

Durante la sua infanzia ricevette una eccellente educazione musicale e diventò una grande pianista: era in grado di eseguire L'anello del Nibelungo di Richard Wagner, senza avere la necessità di leggere le note.

Durante i suoi viaggi in Egitto e in Italia, produsse un'estesa opera pittorica e fotografica. Per il suo lavoro fotografico, che fu di grande qualità, ella sperimentò tutte le tecniche del suo tempo.

Vittoria dedicò una parte della sua vita a realizzare opere di beneficenza in Svezia, Germania e Italia, anche in favore degli animali.

Sul finire degli anni venti la sua salute peggiorò, obbligandola a vivere permanentemente in Italia. L'ultima volta che si recò in Svezia fu in occasione del settantesimo compleanno del marito nel 1928. Morì due anni dopo a Villa Svezia, presso Roma. Era il 4 aprile del 1930.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Granducato di Baden
Baden
Wappen Deutsches Reich - Grossherzogtum Baden.png

Carlo Federico
Carlo II
Luigi I
Leopoldo
Luigi II
Federico I
Figli
Federico II
Modifica

Gustavo e Vittoria ebbero tre figli:[1]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Vittoria di Baden Padre:
Federico I di Baden
Nonno paterno:
Leopoldo di Baden
Bisnonno paterno:
Carlo Federico di Baden
Trisnonno paterno:
Federico di Baden-Durlach
Trisnonna paterna:
Amalia di Nassau-Dietz
Bisnonna paterna:
Luisa Carolina Geyer di Geyersberg
Trisnonno paterno:
Luigi Enrico Filippo Geyer di Geyersberg
Trisnonna paterna:
Massimiliana Cristiana di Sponeck
Nonna paterna:
Sofia Guglielmina di Svezia
Bisnonno paterno:
Gustavo IV Adolfo di Svezia
Trisnonno paterno:
Gustavo III di Svezia
Trisnonna paterna:
Sofia Maddalena di Danimarca
Bisnonna paterna:
Federica di Baden
Trisnonno paterno:
Carlo Luigi di Baden
Trisnonna paterna:
Amalia d'Assia-Darmstadt
Madre:
Luisa di Prussia
Nonno materno:
Guglielmo I di Germania
Bisnonno materno:
Federico Guglielmo III di Prussia
Trisnonno materno:
Federico Guglielmo II di Prussia
Trisnonna materna:
Federica Luisa d'Assia-Darmstadt
Bisnonna materna:
Luisa di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonno materno:
Carlo II di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonna materna:
Federica Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt
Nonna materna:
Augusta di Sassonia-Weimar-Eisenach
Bisnonno materno:
Carlo Federico di Sassonia-Weimar-Eisenach
Trisnonno materno:
Carlo Augusto di Sassonia-Weimar-Eisenach
Trisnonna materna:
Luisa Augusta d'Assia-Darmstadt
Bisnonna materna:
Marija Pavlovna Romanova
Trisnonno materno:
Paolo I di Russia
Trisnonna materna:
Sofia Dorotea di Württemberg

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze svedesi[modifica | modifica wikitesto]

Membro dell'Ordine dei Serafini - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine dei Serafini
— 28 aprile 1908
Membro di I Classe dell'Ordine famigliare reale di re Gustavo V - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I Classe dell'Ordine famigliare reale di re Gustavo V
— [2]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Dama Nobile dell'Ordine della regina Maria Luisa (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Dama Nobile dell'Ordine della regina Maria Luisa (Spagna)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Darryl Lundy, Genealogia della principessa Vittoria di Baden, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 15 settembre 2009.
  2. ^ Immagine

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN100384088 · ISNI (EN0000 0000 7329 5365 · LCCN (ENn91102769 · GND (DE11903090X · BNF (FRcb14976470f (data)