Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Grigorij Efimovič Rasputin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Rasputin" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Rasputin (disambigua).
Grigorij Efimovič Rasputin (Novych)

Grigorij Efimovič Rasputin (Novych) (in russo: Григо́рий Ефи́мович Распу́тин (Но́вых)?; Pokrovskoe, 9 gennaio 1869San Pietroburgo, 30 dicembre 1916, (21 gennaio 1869 – 17 dicembre 1916 secondo il calendario giuliano) è stato un mistico russo, consigliere privato dei Romanov e figura molto influente su Nicola II di Russia, in particolare dopo l'agosto 1915, quando lo zar prese il comando dell'esercito nella prima guerra mondiale.

Vi sono diverse incertezze su gran parte della vita di Rasputin. Egli è tuttora sinonimo di potenza, dissolutezza e lussuria, mentre a suo tempo la sua presenza ebbe un ruolo significativo nella crescente impopolarità della coppia imperiale.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini ed infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un vetturino postale, Yefim Jakovlevic Rasputin, e di una contadina, Anna Vasil'evna Parshukova, Grigorij Rasputin nacque il 21 gennaio 1869 (9 gennaio secondo il calendario russo all'epoca in vigore) nel piccolo villaggio di Pokrovskoe, situato a 80 km a est di Tjumen' nel Governatorato di Tobol'sk (Siberia sudoccidentale)[2][3]; fu battezzato il giorno seguente, intitolato a San Gregorio di Nissa; tanto la nascita quanto il battesimo sono documentati dal registro parrocchiale del villaggio[4].

La casa natale di Rasputin a Pokrovskoe

Grigorij era il quinto di nove figli ma solo lui e una sorella, Feodosiya, raggiunsero la maturità: per anni alternò il lavoro dei campi all'allevamento di cavalli e all'attività di vetturino. Non frequentò la scuola ma, grazie ad un forte carisma, attirò spesso l'attenzione degli altri; in ogni caso le poche informazioni disponibili sulla sua infanzia e giovinezza sono state tramandate da una figlia di Rasputin, Maria, e spesso vengono considerate inaffidabili[5].

In ogni caso, già in giovane età dimostrò una indole estremamente riservata, tesa alla spiritualità e al misticismo ossessivo, fenomeno che in realtà era diffuso da secoli e frequente tra i popolani della Russia centrale che non avevano conosciuto l'oppressione della servitù della gleba tanto quanto era accaduto nelle campagne della Russia europea[6].

All'età di 8 anni Grigorij cadde in un torrente, insieme al cugino di 10 anni Dimitri e quest'ultimo morì dopo una polmonite che colpì entrambi; tale evento, colpì duramente Grigorij che si isolò ulteriormente dal mondo[7].

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Rasputin con i figli Matrëna, Varvara e Dmitrij.

Il 2 febbraio 1887 si sposò con Praskov'ja Fëdorovna Dubrovina, da cui ebbe sette figli: Michail (1888–1893), i gemelli Georgij e Anna (1894–1896), Dmitrij (1895–1937), Matrëna (1898–1977), Varvara (1900–1925) e Praskov'ja (nata nel 1903 e morta dopo due mesi e mezzo a causa di pertosse, la stessa malattia che colpì i due gemelli nel 1896, mentre Michail morì a causa della scarlattina)[8].

Nel 1892, tuttavia, bruscamente lasciò il villaggio, i genitori e la famiglia; trascorse diverse mesi in un monastero a Verchotur'e, forse in penitenza dopo la morte di uno dei figli[9]; in questo monastero, si interessò attivamente alla vita religiosa, imparò a leggere e a scrivere, incontrò lo starec Makarij, sotto la cui influenza, rinunciò a bere e a mangiare carne[10][11].

Svolta religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Makarij, Teofane di Poltava e Grigori Rasputin.

Dopo un breve ritorno al suo villaggio ed alla famiglia, Grigorij affermò di aver avuto una visione della Madonna di Kazan' e dunque decise abbracciare completamente la vita mistica e di intraprendere un lungo pellegrinaggio fino al Monte Athos, esperienza che, tuttavia, lo disilluse profondamente[12][13].

In questi anni, divenne un vero pellegrino che visitava a piedi i luoghi santi e viveva l'elemosina per poi far ritorno a casa per aiutare la famiglia per la semina ed i più importanti lavori agricoli; per questi motivi, può essere considerato come un Yurodivy ("santo folle")[14]. Talvolta, tuttavia, è indicato anche come Starec anche se lo stesso Grigorij ne rifiutava la qualifica dal momento che non viveva in solitudine né aveva fatto voto di silenzio[15].

Spesso, nei periodi in cui risiedeva nel villaggio, era solito tenere incontri privati nella propria abitazione; tuttavia, nel 1902, sospese tale abitudine per via della eccessiva attenzione che riceveva dalla gente del posto[16].

Nel 1903, decise di recarsi in pellegrinaggio a Kiev; poi, si recò a Kazan' dove, grazie alla sua profonda conoscenza delle scritture e alle sue interpetazioni assai acute ed originali, attirò l'attenzione del vescovo e della classe dirigente[17][18].

In seguito, si diresse verso San Pietroburgo per incontrare Giovanni di Kronstadt, chiedere donazioni per costruire la chiesa del villaggio ed incontrare il rettore della Facoltà di Teologia della capitale, Ivan Stragorodsky; la data del viaggio è oggetto di discussione: secondo Pierre Gilliard, Rasputin arrivò nel 1905[19]; Nelipa pensa sia giunto nell'autunno dell'anno precedente; Iliodor testimonia che vi fosse già nel dicembre del 1903[20] ed Helen Rappaport pensa che fosse arrivato per la Quaresima del 1903[21].

A San Pietroburgo, Rasputin soggiornò presso il monastero di Alexander Nevsky Lavra, incontrò altri esponenti del misticismo, tra di essi Ermogene Dolganyov e Vassili Dimitrievitch Bystrov (anche noto come Teofane di Poltava), il quale, profondamente colpito dalla di Griforij, decise di ospitarlo nel proprio appartamento; in seguito, il monaco siberiano fu invitato dalla principessa Milica del Montenegro e da sua sorella Anastasia, grandi fautrici dei mistici ed interessate di spiritismo. Finalmente, il primo novembre 1905 (calendario giuliano), Milica introdusse Rasputin a corte e lo presentò allo Zar, Nicola II, e alla moglie Alexandra[22].

L'incontro con Rasputin si colloca in un periodo estremamente difficile per lo Zar il quale, a seguito della pesante sconfitta militare nella guerra russo-giapponese e agli eventi della rivoluzione del 1905, aveva dovuto siglare il "Manifesto di ottobre" con il quale rinunziava a parte dei suoi poteri autocratici[23].

Rasputin a Corte[modifica | modifica wikitesto]

La Zarina, Alessandra Feodorovna con i figli, Rasputin e la balia, Maria Ivanova Vishnyakova; foto proveniente dalla "McManus-Young Collection" (1908).

Nel mese di ottobre 1906, su richiesta dello Zar, Rasputin si recò in visita alla figlia Pyotr Stolypin, alcune settimane dopo che, insieme al padre, subì un attentato bomba; il 15 dicembre dello stesso anno, presentò una petizione allo Zar chiedendo di cambiare nome in Rasputin-Novyi (Новый) onde evitare confusione con le altre sei famiglie del suo villaggio che portavano lo stesso cognome; la richiesta fu accolta nel marzo dell'anno seguente[24][25][26].

Guaritore dello Zarevič[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di aprile 1907, Rasputin fu nuovamente invitato a Tsarskoe Selo, questa volta per vedere lo Tsarevich Aleksej Nikolaevič Romanov il quale, malato di emofilia di tipo B, aveva subito una caduta che aveva gravemente compromesso il suo stato di salute[27].

La malattia dello Tsarevich era all'epoca tenuta segreta né aveva una cura definitiva: la Zarina (che per lo stesso male aveva già perso la madre, un fratello e una sorella minore), dunque, dopo aver confidato nei medici, decise di rivolgersi a Rasputin stesso il quale asseriva di aver la capacità di guarire attraverso la preghiera; in effetti, a dispetto della prognosi infausta dei medici, già dal giorno dopo l'incontro con Rasputin, lo Tsarevich aveva dato limitati segni di recupero[28]. A seguito di tali risultati, lo zar e la zarina gli permisero di visitare sempre più spesso la loro riservatissima casa, situata nel parco di Carskoe Selo.

Pierre Gilliard, lo storico francese Hélène Carrère d'Encausse[29] e il giornalista Diarmuid Jeffreys hanno attribuito il merito delle cure di Rasputin al fatto che avesse sospeso la somministrazione di aspirina : l'aspirina, in effetti, è un analgesico che però ha effetti deleteri sulla coagulazione del sangue e aveva dunque rafforzato i sintomi della emofilia, peggiorando sia il sanguinamento che il gonfiore articolare[30][31].

Alcuni anni dopo, il 9 ottobre 1912, mentre la famiglia reale visitava una tenuta di caccia nella foresta di Bialowieza, lo Tsarevich, a causa dei sobbalzi continui della carrozza, si procurò un ematoma alla coscia superiore sinistra che presto degenerò in una fortissima emorragia[32]; la Zarina, disperata, si rivolse alla dama di compagnia affinché avvisasse Rasputin che in quelle settimane risiedeva al suo villaggio natio con la famiglia (era stato momentaneamente allontanato per contrasti con la corte)[33][34]. Rasputin inviò la risposta il giorno seguente affermando, in un telegramma, che il bambino non sarebbe morto e che i medici non si sarebbero dovuti preoccupare troppo; pian piano, la febbre ed i gonfiori si attenuarono, anche se il ragazzo dovette subire una lunga convalescenza[35]. A seguito di questo episodio, la Zarina e parte della corte credettero che Rasputin avesse curato lo Tsarevich grazie al potere della preghiera e dunque si avvicinarono ancora di più alla religione[36]

In ogni caso, il monaco siberiano non era benvoluto a corte: l'archiatra, Botkin, lo riteneva un ciarlatano ed attribuiva il merito delle cure all'ipnosi ma va ricordato che lo stesso Rasputin si interessò a tale pratica solo dopo il 1913; il principe Felix Yusupov, tra i più risoluti nemici di Rasputin, ha suggerito che il monaco segretamente drogasse lo Tsarevich con erbe curative tibetane, l'uso delle quali, tuttavia, era stato respinto dallo Zar stesso[37]; infine, secondo la figlia di Rasputin stesso, Maria, le guarigioni sarebbero dovute a magnetismo[38].

Tali spiegazioni, tuttavia, hanno il limite di non riuscire a spiegare i momenti in cui Rasputin fosse riuscito a guarire il ragazzo pur essendo in Siberia[39] e possono essere derivate dal fatto che la famiglia imperiale era estremamente isolata rispetto alla nobiltà e alla società russa[40]: dunque, molti studiosi, rigettano che Rasputin abbia evocato spiriti o usato trucchi magici[41]ma che piuttosto si sia servito della propria calma e della propria capacità di convinzione e persuasione[42].

Contesto culturale e controversie[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi del XX secolo, anche prima dell'arrivo di Rasputin, la classe dirigente russa era ampiamente interessata ai fenomeni religiosi: infatti, da un lato si era assistito ad una vera e propria rinascita religiosa, caratterizzata da un profondo interesse per la letteratura spirituale ed una forte ripresa del fenomeno dei pellegrinaggi, dall'altro era forte la curiosità per l'occultismo e del misticismo; la stessa zarina, Alessandra, non era immune a tali interessi dal momento che aveva incontrato numerosi "santi folli" nella speranza di trovare una intercessione con Dio[43] ed aveva invitato a corte il noto esoterista Gérard Encausse nel 1901, nel 1905 e nel 1906[44]. Infine, va aggiunto che, una volta presentato a corte, Rasputin visitò il palazzo reale almeno una volta al mese[45].

In ogni caso, al di là del generale favore verso i mistici, Rasputin fu oggetto di controversie a causa della sua presunta vicinanza alla setta cristiana dei Chlysty i quali erano accusati di compiere rituali orgiastici e, dunque, erano estremamente malvisti dalla gerarchia ecclesiastica: nel 1908, Rasputin stesso, fu sottoposto ad inchiesta dal tribunale di Tobolsk in virtù di un coinvolgimento nelle cerimonie della setta ma tale inchiesta si arenò ben presto[46].

Rasputin (a sinistra) e la figlia Maria (destra) nel 1914.

Sebbene agli inizi la classe dirigente di San Pietroburgo fosse affascinata dal carisma di Rasputin, la sua vicinanza alla famiglia reale attirò ben presto invidie e pettegolezzi: la zarina, infatti, era in forte conflitto con la suocera e le cognate circa la permanenza di Rasputin a corte; la stampa locale lo teneva sotto stretto controllo, sostenendo che fosse implicato in scandali sessuali e che, in generale, prestasse eccessiva attenzione alle giovani donne; Teofane di Poltava gli era ormai ostile; infine Stolypin, insieme a molti altri politici, lo voleva bandire dalla capitale[47].

Nel 1911, Nicola II incaricò Rasputin di aderire ad un gruppo di pellegrini[48]: visitò il Pochayiv Lavra e si imbarcò ad Odessa verso Costantinopoli, Mileto, Smirne, Efeso, Patmos, Rodi, Cipro, Beirut, Tripoli e Jaffa; verso quaresima, visitò Gerusalemme e poi fece ritorno in Russia[49].

Nei primi mesi del 1912, le accuse contro Rasputin si moltiplicarono: Ermogene Dolganyov disse che Rasputin avrebbe fatto meglio a stare lontano dalla famiglia reale e riprese le accuse di Tobolsk; Iliodor suggerì che Rasputin fosse divenuto l'amante della zarina e come prova di ciò presentò al ministro degli interni, Makarov, una borsa di lettere di cui una scritta dalla zarina e quattro scritte dalle figlie[50].

Le lettere, consegnate o rubate, furono presentate allo Zar dal primo ministro Kokovtsov il quale chiese Nicola II di esiliare Rasputin a Tobolsk; lo Zar, tuttavia, temendo che le condizioni del figlio peggiorassero durante l'esilio del monaco, rifiutò[51][52][53]. Allora, il primo ministro offrì a Rasputin 200.000 rubli a patto che lasciasse la capitale (somma pari a circa 2,4 milioni di dollari attuali) ed impose ai giornali di non accostare il nome dell'imperatrice a quello del monaco; quando, nel maggio dello stesso anno, Rasputin partì per Pokrovskoe[54], era ormai divenuto uno dei personaggi più odiati dell'impero[55].

Raffigurazione di un rituale estatico dei khlysti.

Non vi sono prove che Rasputin sia stato un membro attivo dei khlysti ma parrebbe che abbia accettato alcune loro credenze come quella secondo cui il peccato fosse parte della redenzione (di fatti una delle pratiche della setta era conosciuta come "esultanza" (радение), un rito che ha cercato di superare impulsi sessuali umani impegnandosi in attività sessuali di gruppo)[56][57][58].

In ogni caso, va ricordato che la base dei sospetti contro Rasputin fosse la sua abilità nel ballo[59] nonché la denuncia di aver fatto bagni in comune con donne, pratica che, sebbene ritenuta sconveniente nella Russia Europea, era assai comune presso i contadini della Siberia[60]; inoltre, la recente scoperta di nuovi documenti sembrerebbero ridimensionare le voci di dissolutezza, che, a loro tempo, offuscarono non poco l'immagine pubblica di Rasputin[61].

A seguito di un incidente capitato allo Tsarevich, Rasputin riguadagnò influenza a corte ma in ogni caso i suoi rapporti con le gerarchie ecclesiastiche e gli ambienti politici rimasero tesi.

Infatti, il ruolo di "intermediario" tra la famiglia reale e la chiesa ortodossa non fu mai convalidato ufficialmente da quest'ultima: l'ordinazione di Rasputin a prete fu respinta[62], il Santo Sinodo non mancava di criticarlo per pratiche viziose od eretiche[63], infine, il 21 febbraio del 1913, alla messa per la celebrazione dei 300 anni di dominio dei Romanov, Rodzianko espulse Rasputin dalla Cattedrale di Kazan'[64].

Il comportamento di Rasputin fu, poi, spesso oggetto di discussioni nella IV Duma [65]tanto che, nel marzo del 1913, gli Ottobristi (monarchici fedeli alla monarchia), sotto la guida di Aleksandr Guckov, istituirono una commissione di indagine[66]; l'iniziativa, naturalmente, fu ferocemente ostacolata dalla zarina e lo Zar, timoroso di scandali, chiese a Rasputin di partire per la Siberia fino a quando le indagini non si fossero concluse o si fossero arenate, come in effetti accadde[67].

Nel dicembre dello stesso anno, Rasputin e la moglie furono invitati al Palazzo di Livadia e, il 29 gennaio 1914, Nicola II sostituì il primo ministro, Vladimir Kokovcov, uno dei maggiori oppositori a Rasputin, con il debole Ivan Goremykin[68][69].

Tentativo di assassinio[modifica | modifica wikitesto]

Rasputin all'ospedale dopo il tentato assassinio.

Agli inizi del 1914, ormai influente personaggio nelle vicende politiche russe[70], Rasputin decise di visitare il suo villaggio natio di Pokrovskoe per visitare il padre e aiutarlo nei lavori agricoli: intorno alle 15:00 del 29 giugno, uscì di casa per rispondere ad un telegramma ma, al rientro nell'abitazione, fu improvvisamente attaccato da una donna con il volto nascosto da un fazzoletto nero; la donna, Khionia Guseva, pugnalò Rasputin nello stomaco, appena sopra l'ombelico; sebbene colpito, Rasputin ebbe modo di scappare e di prendere un bastone da terra con cui riuscì a tramortire l'assalitrice; coperto di sangue, fu portato nella sua casa ove, verso mezzanotte, ricevette le prime cure dal medico del più vicino villaggio[71].

Dopo le prime cure, Rasputin fu portato al più vicino ospedale ove ricevette le cure dal medico personale della famiglia reale; dimesso il 17 agosto 1914, a metà settembre raggiunse San Pietroburgo[72]. L'attentato (in cui credeva di rinvenire la mano del suo avversario Iliodor) lasciò effetti profondi in Rasputin: iniziò a bere vino georgiano o di Crimea ed evitò al massimo gli incontri pubblici, specialmente in ristoranti e luoghi affollati[73][74].

A seguito dell'attentato, Giuseva fu rinchiusa in manicomio; Iliodor fuggì all'estero (ove scrisse un libro di memorie), evitando l'arresto ed il processo in cui, sebbene fosse stato accusato dal procuratore di istigazione all'omicidio, non fu mai condannato[75][76].

A questo punto la maggior parte dei nemici di Rasputin erano ormai scomparsi: Stolypin era morto, il conte Kokovtsov aveva perso ogni incarico governativo, Teofane di Poltava fu esiliato, Ermogene illegalmente bandito e Iliodor fuggiasco all'estero[77].

Incidente al ristorante Yar[modifica | modifica wikitesto]

Il vecchio "Ristorante Yar" nel 1910, foto di Adolph Erichson.

Tenuto sotto sorveglianza sin dal 1908, Rasputin fu sottoposto ad una sorveglianza continua dall'ottobre del 1914 da parte di due gruppi di agenti (uno dei quali sotto copertura) che facevano direttamente riferimento al capo della polizia, Stepan Petrovic Beletsky, il quale inviava i propri rapporti direttamente allo Zar[78]; tali rapporti, tuttavia, assai spesso erano modificati dalla polizia segreta i cui membri erano assolutamente ostili a Rasputin e desideravano screditarlo in ogni modo[79].

Tra questi rapporti spicca la vicenda del ristorante Yar: la sera del 26 marzo del 1915, Rasputin, appena tornato a San Pietroburgo, cenò al ristorante Yar, si ubriacò e mostrò in pubblico i propri genitali di fronte ad un gruppo di ragazze gitane che cantavano nel locale; tale vicenda resta controversa non solo per il fatto che il rapporto originale è mancante ma anche per il fatto che diversi storici ritengono sia stata inventata di sana pianta da Vladimir Dzhunkovsky al fine di screditare Rasputin[80][81]. Nel mese di giugno, dopo un'indagine, il capo della polizia, Beletsky, appurò che Rasputin non aveva mai visitato il ristorante [82].

Rasputin e la Guerra[modifica | modifica wikitesto]

Rasputin circondato da un gruppo di visitatori nel suo appartamento di San Pietroburgo. Tra i suoi clienti figuravano notissimi membri del governo e dell'alta società russa. La terza nobildonna in piedi, partendo da sinistra, è Anna Vyrubova, intima amica e confidente della zarina Alessandra

I conflitto mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi mesi del 1914, la situazione politica internazionale peggiorò a tal punto che già nel maggio si diffusero le voci di una futura mobilitazione; Rasputin, assolutamente ostile alla guerra, ne ebbe sentore dall'ospedale ed inviò due telegrammi alla corte affermando che "Se la Russia va in guerra, sarà la fine della monarchia, dei Romanov e delle istituzioni russe"[83].

Dopo l'omicidio dell'Arciduca Francesco Ferdinando d'Asburgo, nel corso della Crisi di luglio, lo Zar decretò prima la mobilitazione parziale, poi quella completa; il 1º agosto, la Germania dichiarò guerra alla Russia, il 6 agosto l'Austria-Ungheria seguì l'esempio tedesco: iniziava così la Prima Guerra Mondiale.

Il conflitto, che la corte aveva previsto breve[84], si rivelò estremamente più sanguinoso e presto divenne insostenibile per l'economia di un paese dissestato quale era l'Impero Russo: le sconfitte in Prussia Orientale e l'aumento dell'inflazione, provocarono rivolte popolari; il 16 maggio del 1915, a Mosca, una folla inferocita reclamò che l'imperatrice, di origini tedesche, fosse immediatamente spedita in un convento[85].

La situazione peggiorò ulteriormente quando, a seguito di una grave carenza di armi e munizioni (dovuta alla insufficiente produzione industriale interna e alle inefficienze del sistema di trasporto), il comando supremo ordinò di abbandonare le posizioni in Polonia; il 23 agosto dello stesso anno, lo Zar decise di assumere personalmente il comando militare al fronte.

La decisione, sostenuta dalla Zarina e da Rasputin, fu aspramente contestata tanto dagli altri membri della famiglia, quanto dai ministri che erano concordi nel ritenere la Zarina Alessandra del tutto incapace di tenere le redini del governo[86][87].

In seguito alla decisione e alle controversie, Nicola II sostituì tutti i ministri ed i funzionari che riteneva ostili a lui o o alla guerra; inoltre, respinse la proposta del Blocco Progressista (insieme di monarchici conservatori e liberali costituzionali) di concedere maggiori poteri alla Duma (come quello di attribuire la fiducia al governo), anzi, la sospese fino al 9 febbraio del 1916[88]; per descrivere la situazione politica, Vasily Maklakov pubblicò un articolo in cui descriveva la Russia come un veicolo senza freni guidato da un pazzo lungo uno stretto sentiero di montagna[89].

Governo[modifica | modifica wikitesto]

Lettera manoscritta di Rasputin diretta al ministro degli interni Aleksey Khvostov. [90].

Dopo la Rivoluzione del 1905, il consiglio dei ministri divenne cuscinetto tra l'imperatore, depositario dei poteri esecutivi, e la Duma di Stato, titolare di un parziale potere legislativo; tale equilibrio, tuttavia, era assai precario dal momento che anche le forze politiche moderate e conservatrici come i Cadetti e gli Ottobristi, la cui fede monarchica non era in discussione, anelavano alla creazione di una vera e propria monarchia parlamentare e vedevano in Rasputin, tenace fautore dell'autocrazia, un avversario da distruggere[91].

Prima della partenza dello Zar per Mogilev, l'influenza di Rasputin sugli affari pubblici era stata debole e sporadica[92]; le cose cambiarono quando la zarina Aleksandra assunse la reggenza. Già il 19 agosto, il principe Vladimir Orlov, che aveva criticato su un giornale il rapporto stretto tra l'imperatrice e Rasputin, e Vladimir Dzhunkovsky (responsabile dell'incidente del Ristorante Yar), furono costretti a dimettersi da tutti gli incarichi; lo Zar, inoltre, impose nuove restrizioni alla libertà di stampa e stabilì che il rapporto tra la moglie e Rasputin sarebbe stato considerato come un affare privato della famiglia reale[93][94].

Il 24 agosto, temendo che la partenza dello Zar avrebbe aumentato l'influenza di Rasputin sulla Zarina, già di per sé ostile all'assemblea, il partito dei Cadetti, gli Ottobristi e numerosi deputati nazionalisti si unirono nel Blocco Progressivo e riuscirono ad ottenere la nomina di Samarin, ostile a Rasputin, come membro del Santo Sinodo; tale mossa, tuttavia, non sortì alcun effetto poiché la Zarina decise di richiamare Rasputin dalla Siberia[95].

I timori della Duma divennero presto realtà: con la partenza dello Zar per il fronte, nacque un vero e proprio rapporto simbiotico tra l'Imperatrice e Rasputin in cui il secondo consigliava la prima su ogni questione mediante telefonate giornaliere ed incontri settimanali, anche grazie al tramite della dama di compagnia dell'imperatrice, Anna Vyrubova[96][97]. In merito, Pierre Gilliard affermò che i desideri dell'imperatrice venivano interpretati da Rasputin i cui consigli avevano, agli occhi di lei, la sanzione e l'autorità di una rivelazione; lo Zar, che pure fino ad allora era stato immune all'influenza di Rasputin, non poté allontanarlo dall'imperatrice semplicemente perché, se fosse successo qualcosa allo Tsarevich Aleksej, lo avrebbe ritenuto responsabile della morte del figlio[98].

Ben presto l'influenza dell'imperatrice e di Rasputin sugli affari di stato divenne tale che influirono sulle scelte militari in merito alla difesa della piazzaforte di Riga[99] nonché sulla nomina del primo ministro: infatti, nel gennaio del 1916, dopo le dimissioni Ivan Goremykin, fu nominato Boris Stürmer, amico di Rasputin, che fu preferito al ministro degli interni Alexei Khvostov, il quale era da tempo divenuto avversario di Rasputin; solo la presenza dello Zar alla seduta di insediamento del nuovo primo ministro (primo ed unico caso) impedì che la Duma lo fischiasse pubblicamente.

Poco dopo, Alexei Khvostov, ancora agli interni, ideò un complotto con il capo della polizia, Beletsky e forse anche con Iliodor, per sbarazzarsi definitivamente di Rasputin, accusato di essere una spia dei tedeschi[100][101][102].

In ogni caso, l'ipotesi che Rasputin fosse una spia al soldo dei tedeschi appare assai fragile[103]: certamente, è plausibile che attorno a Rasputin vi fossero persone interessate ad acquisire informazioni strategiche[104] ma va aggiunto anche che Rasputin stesso non si interessava di danaro e lo donava non appena lo otteneva[105]; spesso, faceva vaste elemosine[106] e si interessò attivamente a piani di approvvigionamento di cibo dalla Siberia per Mosca e la capitale[107].

In ogni caso, avendo avuto sentore del complotto, Rasputin si rivolse ad Aleksander Spiridovich, capo della polizia di palazzo e convinse l'imperatrice a bandire il ministro degli interni Aleksey Khvostov e a nominare al suo posto Stürmer che, così, deteneva tanto l'ufficio di primo ministro tanto quello di ministro degli interni[108][109]; il capo della polizia, Beletsky, in procinto di essere sostituito, si salvò quando la vicenda fu pubblicata da un giornale[110]; l'abile ministro della guerra, Aleksej Polivanov, che nei suoi pochi mesi di ufficio aveva determinato un recupero di efficienza dell'esercito russo, fu rimosso e sostituito da Dmitry Shuvayev[111].

Nei mesi seguenti la situazione militare si indebolì ancora di più a seguito delle pesanti perdite subite nel corso della offensiva del lago Naroch; Rasputin chiese all'imperatrice di consigliare allo Zar di non attraversare i Carpazi e, quando lo Zar decise di autorizzare l'offensiva Brusilov, Aleksandra chiese la benedizione di Rasputin per fermarla[112].

Il 14 settembre, a seguito di un nuovo cambio ministeriale, l'imperatrice nominò agli interni Aleksandr Dmitrievič Protopopov, conservatore, debole di carattere, amico di Rasputin e come lui, strenuo pacifista[113]: la sua nomina e, ancor di più, i suoi tentativi di attuare contatti con i tedeschi (per il tramite di una missione diplomatica in Svezia[114]) mentre costoro avevano deciso di costituire un Regno di Polonia indipendente indignarono gran parte del parlamento e della società, sempre più convinta dell'esistenza di "forze oscure" che cospiravano con Rasputin, la zarina ed i tedeschi contro gli interessi della nazione[115][116].

Rasputin e la crisi dello stato[modifica | modifica wikitesto]

Il primo novembre, il deputato Pavel Miliukov tenne un durissimo discorso di condanna al parlamento in cui affermò testualmente che Rasputin fosse al centro di forze oscure atte a creare fallimenti e disordini nell'azione di stato e che le politiche del primo ministro Stürmer avrebbero isolato il paese dagli alleati, impedendo ogni possibilità di vincere il conflitto; subito, tale discorso fu diffuso in volantini che furono diffusi alla nazione ed il governo chiese allo Zar lo scioglimento del parlamento[117].

La richiesta del governo di sciogliere la camera, caldeggiata anche dall'imperatrice e da Rasputin, fu contestata però dall'ambasciatore britannico, Buchanan, oltre che dai granduchi Aleksandr Michajlovič Romanov e Georgij Michajlovič Romanov[118] il secondo dei quali tentò di convincere lo Zar a concedere una costituzione e a togliere ogni influenza politica a Rasputin prima che fosse troppo tardi[119]mentre il granduca Nikolaj Michajlovič Romanov, il principe Georgij Evgen'evič L'vov ed il generale Michail Vasil'evič Alekseev fecero, invano, pressioni per indurre lo Zar a spedire l'imperatrice lontano da corte, a Yalta, o in Gran Bretagna[120].

Il 19 novembre, il deputato Vladimir Mitrofanovič Puriškevič accusò apertamente il governo di germanofilia e di tradimento aggiungendo che l'influenza di Rasputin sull'imperatrice fosse deleteria e che un mugik analfabeta non potesse governare la Russia; di fatto, secondo le parole di Radzinsky, i ministri erano state trasformati in marionette, i cui fili erano stati presi saldamente in mano dalla Zarina, tedesca estranea al popolo, Aleksandra e da Rasputin, vero e proprio genio del male[121].

Rasputin e la coppia imperiale; caricatura anonima (1916).

Dopo il discorso, Puriškevič dovette rinunciare al seggio parlamentare ma in ogni caso riuscì ad ottenere l'amicizia ed il supporto del principe Feliks Jusupov, la cui moglie era nipote dello Zar, del granduca Dmitrij Pavlovič Romanov e di Sergei Mikhailovich Sukhotin, membro della guardia imperiale, i quali iniziarono a progettare l'omicidio di Rasputin in modo da salvare la dinastia dalla sua nefasta influenza[122][123][124].

Con un governo sempre più debole, la Duma richiese profonde riforme costituzionali ma lo Zar e la Zarina si opposero duramente tanto al parlamento tanto ai consigli che sempre più numerosi provenivano dai membri della casa reale[125].

Considerando l'intransigenza dello Zar e della moglie, diversi politici e militari (tra di essi Aleksandr Guckov, Kerenskij, Alexander Konovalov, Nikolai Nekrasov e Mikhail Tereshchenko considerarono l'ipotesi di un colpo di stato militare al fine di costringere Nicola II ad abdicare in favore del figlio, Aleksej, avendo il granduca Michail Aleksandrovič Romanov, fratello dello Zar, come reggente; tuttavia, il granduca Nikolaj Romanov, comandante in capo del fronte del Caucaso, affermò che l'esercito non avrebbe mai appoggiato un colpo di stato e dunque l'iniziativa cadde[126].

Trepov e Protopopov[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 novembre, a seguito delle pressioni della Duma, lo Zar nominò Aleksandr Trepov, fautore della prosecuzione del conflitto nonché di una riforma della costituzione sul modello inglese, il quale, allo scopo di ridurre l'influenza di Rasputin e dell'imperatrice, decise di rimuovere il ministro dell'interno Aleksandr Protopopov, notoriamente vicino ai due; tale mossa, tuttavia, fu impedita dalla Zarina, Aleksandra, la quale prese la decisione di raggiungere personalmente il marito allo Stavka mentre Rasputin e Anna Vyrobova inviarono ben cinque telegrammi per far pressione a vantaggio dell'imperatrice[127].

Nel frattempo, continuarono i contatti per raggiungere una pace di compromesso con gli Imperi Centrali ma tali trattative non incontrarono quasi nessun consenso[128]: infatti, quando il ministro degli esteri, Pokrovsky, relazionò alla Duma che non sarebbe mai stata firmata una pace separata, il discorso ricevette applausi dall'intero emiciclo.

Non essendo riuscito sbarazzarsi di Protopopov, Trepov cercò di corrompere Rasputin offrendogli una notevole quantità di danaro, una guardia del corpo ed una Dacia in Siberia a condizione di rinunciare ad ogni influenza politica[129][130][131].

Temendo di morire[132], Rasputin, consapevole dell'ostilità di Trepov, decise di evitare di uscire di casa[133] anche se non risulta probabile che abbia bruciato la corrispondenza ed abbia trasferito il proprio danaro sui conti correnti delle figlie[134][135].

Venerdì 16 dicembre, le sessioni della Duma furono rinviate; Rasputin, fece la sua ultima uscita prima dell'omicidio andando alla Sauna: da quel giorno solo sette persone visitarono il suo appartamento tra cui Anna Taneeva che gli regalò una piccola icona, autografata sul retro dalla zarina e dalle figlie[136] ed il ministro degli interni, Protopopov, che supplicò Rasputin di non uscire con Jusupov[137][138].

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi mesi del 1916, Feliks Jusupov fece in modo di acquisire la fiducia di Rasputin invitandolo di frequente nel proprio palazzo a San Pietroburgo[139][140] sotto il pretesto di aver bisogno della sua consulenza per poter domare i propri impulsi omosessuali[141]; inoltre, al fine di assicurarsi la presenza del monaco a Palazzo, gli fece credere che la propria moglie, principessa Irina Alexandrovna (che Rasputin aveva espresso il desiderio di conoscere) sarebbe rientrata prima dalla sua visita in Crimea[142][143].

L'omicidio[modifica | modifica wikitesto]

Nella notte tra il venerdì 16 e sabato 17 dicembre (Calendario Giuliano), Jusupov, accompagnato dal dottor de Lazovert, si recò all'appartamento di Rasputin; verso l'1:00 di notte, i tre giunsero a Palazzo Jusupov ove Rasputin fu accompagnato in una stanza, recentemente restaurata ed insonorizzata del seminterrato; erano state, inoltre, preparate quattro bottigile di vino dolce. I cospiratori, invece, attendevano nella sala da disegno del palazzo: erano il granduca Dimitri Pavlovitch, il deputato Vladimir Mitrofanovič Puriškevič, l'assistente medico Lazovert; Sukhotin, un amico della madre di Felix Jusupov giunse insieme a due dei cognati del principe Jusupov, il principe Fëdor Aleksandrovič Romanov ed il principe Nikita[144]; è controverso se vi fossero presenti donne o se fossero state invitate per l'evento[145].

Seminterrato del Palazzo Yusupov, teatro dell'omicidio di Rasputin.

Nelle sue memorie, Jusupov offrì il tè a Rasputin insieme ad un buon numero di Petit four al cui interno era stato aggiunta una gran quantità di cianuro poi, su richiesta dello stesso Rasputin, suonò la chitarra e cantò due ballate gitane [146], infine, Jusupov impegnò Rasputin in una conversazione in merito al ruolo politico dell'imperatrice Alessandra. Frattanto, secondo la testimonianza di Purishkevich, Jusupov offrì diverse bottiglie di vino provenienti dalla propria riserva privata; dopo un'ora Rasputin parve abbastanza ubriaco ma ancora non dava segnali di avvelenamento: timoroso che potesse sopravvivere fino al giorno dopo, Jusupov salì (almeno tre volte secondo Purishkevich) al piano di sopra per consultare gli altri congiurati finché si decise di sparare a Rasputin; sceso nuovamente insieme a Dimitri, Felix sparò colpendo Rasputin nel petto tra lo stomaco ed il fegato per poi risalire al piano di sopra[147].

Ridisceso a ricontrollare il corpo, sembra che Rasputin abbia riaperto gli occhi e si sia lanciato contro Jusupov per poi avventarsi verso le scale e tentare di uscire dal Palazzo[148]; allarmato dal rumore, Purishkevich scese al piano inferiore e sparò ripetutamente a Rasputin: uno dei proiettili penetrò il rene destro e si conficcò vicino alla spina dorsale[149]; Rasputin cadde a terra sulla neve, appena fuori la porta[150].

In uno stato di parossismo totale, Jusupov colpì violentemente la vittima nell'occhio destro con la scarpa: gli ultimi traumi furono fatali e Rasputin sarebbe morto nel giro di venti minuti (poco prima di morire fece un ultimo movimento e fu colpito ancora una volta da uno dei presenti, l'identità del quale è oggetto di controversie tra gli studiosi in particolar modo in merito al coinvolgimento di Osward Rayiner, agente del MI6[151])[152].

Foto dell'appartamento privato di Felix Jusupov sul lato orientale del palazzo: la porta tra la prima e la seconda finestra sulla destra porta al seminterrato ove fu ucciso Rasputin.

A questo punto, due poliziotti in servizio alla città, sentiti gli spari e avendo visto il via vai di autoveicoli, si insospettirono: uno di loro, prima interrogò senza esito il maggiordomo di Jusupov, poi, si avvinò al palazzo; Purishkevich si vantò di aver ucciso Rasputin e chiese al poliziotto di non rivelare la notizia ai superiori[153][154][155][156]. In ogni caso, il poliziotto informò i superiori[157].

Il ponte Bolshoy Petrovsky da cui i congiurati gettarono il cadavere di Rasputin nel fiume Malaya Nevka.

Dopo aver scartato l'idea di bruciare il corpo (come precedentemente avevano pianificato), i cospiratori, usando l'auto di Purishkevich, si diressero verso l'Isola Krestovskij e gettarono il cadavere dalla macchina oltre il parapetto in un buco nel ghiaccio che ricopriva il fiume Malaya Nevka[158].

Ritrovamento del corpo e autopsia[modifica | modifica wikitesto]

Alle 8:00 della mattina seguente, la polizia si presentò all'appartamento di Rasputin e chiese alle figlie dove fosse l padre; dopo tre ore di attesa, la scomparsa fu segnalata ad Anna Vyrubova la quale avvisò l'imperatrice, sottolineando come la principessa Irina fosse assente da Pietroburgo. A quel punto il ministro degli interni, Aleksandr Dmitrievič Protopopov, menzionò il racconto del poliziotto ed apparve presto chiaro come Rasputin fosse stato attirato in una imboscata[159].

Su ordine dell'imperatrice, fu disposta una inchiesta la quale provvide immediatamente a controllare l'appartamento, il conto in banca e la corrispondenza di Rasputin per poi concentrare la propria attenzione su alcune macchie di sangue rinvenute presso una porta secondaria di Palazzo Jusupov[160]. Il principe Felix cercò di spiegare le macchie di sangue affermando che nel corso di una festa di benvenuto, tenuta la sera prima, uno dei suoi cani era stato ferito; quanto al comportamento tenuto da Puriskevich, disse che la sera precedente aveva parlato sotto effetto di alcolici; chiese, inoltre, una udienza presso l'imperatrice ma la Zarina si limitò a dire che avrebbe potuto spiegare l'accaduto tramite una lettera[161]. Lo Zar, avvisato dalla moglie, decise di ritornare nella capitale.

Alle 22:00 della sera stessa, Purishkevich, dopo aver aiutato i principi Felix e Dimitri nella stesura della lettera, lasciò la città. Il giorno seguente, fu provato che il sangue rinvenuto era umano e il principe Yusupov e il granduca Dmitrij furono posti agli arresti domiciliari[162].

Il cadavere di Rasputin adagiato su una slitta.

Frattanto, nel pomeriggio, furono rinvenute tracce di sangue ed uno stivale presso il Bolshoy Petrovsky; lo stivale fu riconosciuto dalle figlie di Rasputin stesso e quindi la polizia riprese le indagini: la mattina del 19 dicembre, furono trovate la pelliccia ed il corpo di Rasputin, circa 140 metri ad ovest del ponte[163].

Nel tardo pomeriggio, il cadavere congelato fu portato nella più vicina camera mortuaria ove fu eseguita l'autopsia: si stabilì che Rasputin fu ucciso sul colpo dal terzo proiettile che, dopo aver lacerato il lobo frontale, era uscito nella parte posteriore del cranio[164]; fu, inoltre, estratto il secondo proiettile (l'unico a non essere stato sparato a distanza ravvicinata) e fu esaminato il contenuto dello stomaco; non furono rinvenute tracce di acqua nei polmoni (segno, quindi, che Rasputin fosse già morto al momento di essere buttato dal parapetto)[165] né di cianuro nello stomaco, fatto che fece dubitare molti dell'avvelenamento (la figlia di Rasputin, Maria, infatti, sostenne che il padre soffrisse di iperacidità e che evitasse i dolci[166])[167][168]. Infine, furono esaminate le ferite superficiali: quella all'occhio destro, compatibile con lo stivale, la frattura nasale e alla guancia, dovute probabilmente all'impatto o al grappino usato per trascinare il cadavere fuori dall'acqua[169].

Funerali[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa Chesme, luogo dei funerali.

Il 21 dicembre il corpo di Rasputin, deposto in una bara di zinco, fu portato alla chiesa Chesme: alle 8:45 del mattino fu attuata la sepoltura alla quale assistettero la famiglia imperiale (tranne lo Tsarevich Alessio), Anna Vyrubova, la sua domestica, alcuni amici di Rasputin e la figlia Maria[170][171].

Su richiesta del granduca Aleksandr Michajlovič Romanov, suocero del principe Jusupov, lo Zar escluse la possibilità di un processo e decise di inviare il granduca Dimitri ed il principe Jusupov in esilio (Purishkevich era già sulla strada per il fronte)[172][173].

Considerazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il rapporto ufficiale della polizia, le cui indagini durarono non più di due giorni, non è generalmente considerato pienamente soddisfacente; gli stessi racconti dei protagonisti, in particolare di Feliks Jusupov e Vladimir Puriškevič differiscono in diversi punti e più volte sono stati modificati; lo stesso movente non è ancora ben chiaro: infatti, Jusupov, nel 1917, aveva motivato l'assassinio di Rasputin esclusivamente per patriottismo, per rimuovere dal potere una persona che aveva avuto nefaste conseguenze sull'andamento bellico[174], ma in seguito, nel 1965, affermò di aver agito poiché spinto dall'avversione per le dissolutezze di Rasputin[175].

Inoltre, i racconti differiscono sia in merito al colore della maglia indossata da Rasputin[176], sia in merito all'arma del delitto, alla macchina usata per trasportare il corpo[177] ed anche sul luogo in cui fu ritrovato; né Jusupov, né Puriškevič hanno menzionato il quarto colpo, diretto alla nuca.

Quanto alla scelta della data, essa non sembra essere casuale: infatti, sia il granduca Dmitrij sia Purishkevich, erano appena tornati dal fronte; poi, il fatto che Rasputin fosse stato assassinato la sera stessa in cui era cominciata la pausa della sessione parlamentare della Duma, suggerisce che l'omicidio era stato organizzato per la notte tra il 16 ed il 17 dicembre (calendario giuliano) allo scopo di attenuare ogni clamore politico[178].

Infine, le indagini del 1916, condotte in modo frettoloso, non hanno misurato il calibro dei proiettili anche se alcuni storici hanno rigettato l'ipotesi che i proiettili fossero di origine britannica e quindi forniti da ufficiali britannici del MI6 che intendevano rimuovere Rasputin la cui opposizione alla guerra era ben nota, ancorché sia ritenuto plausibile un coinvolgimento indiretto di Oswald Rayner, uno degli agenti di stanza nella capitale russa[179].

In conclusione, l'incompletezza delle indagini unita alla reticenza e alle contraddizioni nei racconti diversi degli stessi protagonisti e la sparizione di numerosi documenti avvenuta durante il periodo sovietico[180], hanno fatto sì che l'episodio della morte di Rasputin sia divenuto una vera e propria leggenda, uno scontro tra storia e finzione soggettiva[181]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Walter G. Moss (2003) A History of Russia Volume 1: To 1917. Anthem Press. p. 316. ISBN 1-84331-023-6
  2. ^ Fuhrmann, p. 35.
  3. ^ Demystifying the life of Grigory Rasputin, rbth.com. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  4. ^ Radzinskij, pp. 25-29.
  5. ^ Fuhrmann, pp. 9-13.
  6. ^ Fuhrmann, p. 7.
  7. ^ Fuhrmann, p. 8-9.
  8. ^ Nelipa, p. 16.
  9. ^ Spiridovich, p. 15.
  10. ^ Fuhrmann, p. 16.
  11. ^ Moynahan, p. 31.
  12. ^ Fuhrmann, p. 22.
  13. ^ Moynahan, p. 32.
  14. ^ (EN) Spencer C. Tucker; Priscilla Mary Roberts ;The Encyclopedia of World War I: A Political, Social, and Military History; 2005; ABC-CLIO; p. 967
  15. ^ Nelipa, p. 16.
  16. ^ Nelipa, p. 18.
  17. ^ Fuhrmann, p. 16.
  18. ^ Moynahan, p. 16.
  19. ^ Thirteen Years at the Russian Court, by Pierre Gilliard, alexanderpalace.org. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  20. ^ Iliodor, p. 91.
  21. ^ Rappaport, p. 86.
  22. ^ Radzinsky, pp. 57-59.
  23. ^ Furhmann, p. 33.
  24. ^ Furhmann, p. 42.
  25. ^ Nelipa, p. 24.
  26. ^ Iliodor, p. 112.
  27. ^ Moe, p. 149.
  28. ^ Memories of the Russian Court, by Anna Alexandrovna Vyrubova, alexanderpalace.org. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  29. ^ (EN) Encausse, H.C. d' (1996) Nicolas II, La transition interrompue, p. 147, (Fayard) ; Holy People of the World: A Cross-cultural Encyclopedia.
  30. ^ Rappaport, p. 112.
  31. ^ Aspirin: The Story of a Wonder Drug, ncbi.nlm.nih.gov. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  32. ^ Rappaport, pp. 179-181.
  33. ^ Moe, p. 156.
  34. ^ Vyrubova, p. 94.
  35. ^ Furhmann, pp. 100-101.
  36. ^ King, p. 174.
  37. ^ Moe, p. 152.
  38. ^ Rasputin, p. 33.
  39. ^ Rasputin and the Empress: Authors of the Russian Collapse, foreignaffairs.com. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  40. ^ Rappaport, p. 117.
  41. ^ Moynahan, p. 165.
  42. ^ (EN) G. Shelley (1925) "The Speckled Domes. Episodes of an Englishman's life in Russia", p. 60.
  43. ^ Moe, p. 21.
  44. ^ Rob Moshein. Eyewitness Accounts – How Rasputin Met the Imperial Family. Alexanderpalace., alexanderpalace.org. URL consultato il 4 marzo 2016.
  45. ^ Rappaport, p. 128.
  46. ^ Nelipa, pp. 31-35.
  47. ^ Rappaport, pp. 115-116.
  48. ^ Moe, p. 167.
  49. ^ Grigori Efimovich Rasputin. My Ideas and Thoughts. Omolenko.com, omolenko.com. URL consultato il 4 marzo 2016.
  50. ^ Kokovtsov, p. 299.
  51. ^ Rasputin, pp. 66-70.
  52. ^ Nelipa, p. 75.
  53. ^ Spiridovich, p. 286.
  54. ^ Fuhrmann, p. 92.
  55. ^ Wilson, pp. 139-147.
  56. ^ Moynahan, pp. 37-39.
  57. ^ Rasputin, p. 117.
  58. ^ Fuhrmann, pp. 20, 53-54, 80.
  59. ^ Almasov, pp. 168-172.
  60. ^ Vyrubova, p. 388.
  61. ^ Rasputin's Death Reexamined, themoscowtimes.com. URL consultato il 4 marzo 2016.
  62. ^ King, p. 199.
  63. ^ Moynahan, p. 154.
  64. ^ Moe, p. 256.
  65. ^ Iliodor, p. 193.
  66. ^ Moynahan, pp. 169-170.
  67. ^ Moe, p. 211.
  68. ^ Kokovtsov, p. 418.
  69. ^ Moe, p. 212.
  70. ^ Moe, p. 275.
  71. ^ Fuhrmann, pp. 117-120.
  72. ^ Radzinsky, pp. 257-258.
  73. ^ Rasputin, pp. 12, 71, 88.
  74. ^ Fuhrmann, p. 140.
  75. ^ Nelipa, p. 48.
  76. ^ Moe, p. 277.
  77. ^ King, p. 192.
  78. ^ Rasputin, p. 34.
  79. ^ Nelipa, pp. 49-52.
  80. ^ Nelipa, pp. 90-94.
  81. ^ Fuhrmann, pp. 139-141.
  82. ^ Moe, pp. 348-350.
  83. ^ (EN) Victor Alexandrov(1966). The End of the Romanovs, trans. William Sutcliffe. Little, Brown, and Company, Boston, p. 155.
  84. ^ Moe, pp. 284, 305.
  85. ^ Nelipa, p. 88.
  86. ^ Fuhrmann, p. 148-149.
  87. ^ Moe, pp. 331-332.
  88. ^ Moe, p. 326.
  89. ^ Figes, p. 276.
  90. ^ René Fülöp-Miller (1927) Rasputin: The Holy Devil
  91. ^ (DE) Otto Antrick (1938). Rasputin und die politischen Hintergründe seiner Ermordung. E. Hunold, Braunschweig., p. 79, 117
  92. ^ The Dark Forces: Popular Analogies in Russian Politics (PDF), gwu.edu. URL consultato il 7 marzo 1016.
  93. ^ Fuhrmann, p. 129.
  94. ^ Moynahan, p. 169.
  95. ^ Figes, pp. 270-275.
  96. ^ Fuhrmann, p. 157.
  97. ^ King, p. XI.
  98. ^ Thirteen Years at the Russian Court, alexanderpalace.org. URL consultato il 7 marzo 2016.
  99. ^ The tsarina's letters exerting pressure on the Tsar (1915-16), alphahistory.com. URL consultato il 7 marzo 2016.
  100. ^ Nelipa, pp. 63, 163-164.
  101. ^ Vyrubova, pp. 289-290.
  102. ^ Moe, p. 387.
  103. ^ King, p. 258.
  104. ^ The Great Russian Revolution (PDF), chernov.sstu.ru. URL consultato il 7 marzo 2016.
  105. ^ Moe, p. 272.
  106. ^ Vyrubova, pp. 387-388.
  107. ^ Pares, p. 387.
  108. ^ Nelipa, pp. 63-64.
  109. ^ King, p. 245.
  110. ^ Rasputin, p. 104.
  111. ^ Moe, p. 386.
  112. ^ The tsarina's letters exerting pressure on the Tsar (1915-16), alphahistory.com. URL consultato il 7 marzo 2016.
  113. ^ Pares, pp. 382, 416.
  114. ^ Spencer C. Tucker (2013) The European Powers in the First World War: An Encyclopedia. Routledge. p. 549. ISBN 1-135-50694-9
  115. ^ Nelipa, pp. 382, 416.
  116. ^ Figes, p. 286.
  117. ^ Pares, p. 392.
  118. ^ Nelipa, p. 120.
  119. ^ (EN) A Romanov Diary: Grand Duke George of Russia, Atlantic International Publications, 1988. ISBN 0-938311-09-3, p. 177
  120. ^ (EN) Alexander Kerensky, (1965). Russia and History's turning point. Duell, Sloan and Pearce, New York, p. 150
  121. ^ Radzinsky, p. 434.
  122. ^ Pares, p. 403.
  123. ^ Moe, p. 265.
  124. ^ Nelipa, pp. 112-115, 130-134.
  125. ^ Figes, p. 287.
  126. ^ Governments, Parliaments and Parties (Russian Empire), encyclopedia.1914-1918-online.net. URL consultato il 7 marzo 2016.
  127. ^ Moe, p. 473.
  128. ^ (EN) David Fromkin (2010). A Peace to End All Peace. Macmillan. p. 254. ISBN 1-4299-8852-5.
  129. ^ Moe, p. 458.
  130. ^ Pares, p. 395.
  131. ^ Radzinsky, p. 597.
  132. ^ Pares, p. 403.
  133. ^ Nelipa, p. 207.
  134. ^ Spiridovich, p. 374.
  135. ^ Nelipa, pp. 98, 207, 222.
  136. ^ Fuhrmann, p. 208.
  137. ^ Rasputin, p. 109.
  138. ^ Nelipa, pp. 99, 223-224, 399.
  139. ^ Rasputin, p. 13.
  140. ^ Nelipa, pp. 135, 226, 270-272.
  141. ^ King, p. 130.
  142. ^ King, p. 144.
  143. ^ Nelipa, p. 308.
  144. ^ Purishkevich, p. 97.
  145. ^ (EN) E. Radzinsky (2000) The Rasputin File. Doubleday, pp. 476–477
  146. ^ Fuhrmann, pp. 209-210.
  147. ^ Nelipa, p. 309.
  148. ^ Nelipa, p. 315.
  149. ^ Nelipa, p. 382.
  150. ^ Nelipa, pp. 318-322.
  151. ^ To Kill Rasputin, by Andrew Cook. Stroud: Tempus, 2005, web.archive.org. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  152. ^ Nelipa, pp. 320-324.
  153. ^ Spiridovich, p. 383.
  154. ^ Purishkevich, p. 110.
  155. ^ Radzinsky, p. 458.
  156. ^ Almasov, pp. 189, 210-212.
  157. ^ Murder of Grigori Rasputin, omolenko.com. URL consultato il 4 marzo 2016.
  158. ^ Nelipa, pp. 354-355.
  159. ^ Rasputin, p. 111.
  160. ^ Nelipa, p. 207, 222.
  161. ^ Nelipa, p. 231.
  162. ^ Fuhrmann, p. 216.
  163. ^ Nelipa, p. 343.
  164. ^ Nelipa, pp. 529-534.
  165. ^ Fuhrmann, p. 217.
  166. ^ Rasputin, p. 12, 71, 111.
  167. ^ Spiridovich, p. 402.
  168. ^ Nelipa, p. 379.
  169. ^ Nelipa, p. 391, 529.
  170. ^ Rasputin, p. 16.
  171. ^ Fuhrmann, p. 231.
  172. ^ Almasov, p. 214.
  173. ^ Nelipa, p. 478.
  174. ^ Fuhrmann, pp. 197-200.
  175. ^ Moe, p. 666.
  176. ^ Rasputin, p. 12.
  177. ^ Nelipa, pp. 141-143.
  178. ^ Nelipa, pp. 133-134.
  179. ^ Nelipa, pp. 121, 197, 387-390.
  180. ^ Nelipa, p. 2, 122.
  181. ^ (EN) Colin Wilson (1964). Rasputin and the Fall of the Romanovs, pp. 11-16

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
  • Sergei Michailovich Trufanov (Iliodor), Memoirs and Confessions of Sergei Michailovich Trufanoff, Iliodor, New York, Century Co., 1918.
  • Vladimir Kokovtsov, Out of My Past, Memories of count Kokovtsov, Stanford University Press, 1923, ISBN 978-0-8047-1553-9.
  • Vladimir Puriškevič, Comment j'ai tué Raspoutine, J. Povolozky & Cie, 1923.
  • Maria Rasputin, My father, 1934.
  • Anna Vyrubova, Memories of the Russian Court, 1923.
Fonti secondarie
  • Boris Almasov, Rasputin und Russland, Zurigo, Amalthea Verlag, 1924.
  • Orlando Figes, A People's Tragedy. The Russian Revolution 1891–1924, Jonathan Cape, 1996, ISBN 0-224-04162-2.
  • Joseph T Fuhrmann, Rasputin, the untold story (illustrated ed.), Hoboken, New Jersey, John Wiley & Sons, Inc, 2013, ISBN 978-1-118-17276-6.
  • Greg King, The Last Empress. The Life & Times of Alexandra Feodorovna, tsarina of Russia, A Birch Lane Press Book, 1994, ISBN 1559722118.
  • Ronald C. Moe, Prelude to the Revolution: The Murder of Rasputin, Aventine Press, 2011, ISBN 1593307128.
  • Brian Moynahan, Rasputin. The saint who sinned, Random House, 1997, ISBN 0306809303.
  • Margarita Nelipa, The Murder of Grigorii Rasputin. A Conspiracy That Brought Down the Russian Empire, Gilbert's Books, 2010, ISBN 978-0-9865310-1-9.
  • Bernard Pares, The Fall of the Russian Monarchy. A Study of the Evidence, Londra, Jonathan Cape, 1939.
  • Edvard Radzinsky, Rasputin. The Last Word, Londra, Weidenfeld & Nicolson, 2000, ISBN 1-86508-529-4.
  • Helen Rappaport, Four Sisters. The Lost lives of the Romanov Grand Duchesses, Pan Books, 2014.
  • Alexander Spiridovich, Raspoutine (1863–1916), Parigi, Payot, 1935.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN106970773 · LCCN: (ENn80032178 · ISNI: (EN0000 0001 2103 6385 · GND: (DE118598376 · BNF: (FRcb11952127p (data) · NLA: (EN49287867
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie