Record of Ragnarok

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Record of Ragnarok
終末のワルキューレ
(Shūmatsu no Valkyrie)
Copertina del primo volume dell'edizione italiana, raffigurante Lü Bu e Thor
Generedrammatico, azione, storico, soprannaturale
Manga
TestiTakumi Fukui, Shinya Umemura
DisegniChika Aji
EditoreTokuma Shoten
RivistaMonthly Comic Zenon
Targetseinen
1ª edizione25 novembre 2017 – in corso
Periodicitàmensile
Tankōbon22 (in corso)
Editore it.Star Comics
Collana 1ª ed. it.Action
1ª edizione it.21 ottobre 2020 – in corso
Volumi it.20 / 22 Completa al 91%
Testi it.Marco Franca (traduzione), Nicola Cervellati (adattamento)
Manga
Record of Ragnarok: The Legend of Lu Bu Fengxiang
TestiTakumi Fukui, Shinya Umemura
DisegniTakeo Ono
EditoreTokuma Shoten (parzialmente), Coamix
RivistaMonthly Comic Zenon
Targetseinen
1ª edizione25 ottobre 2019 – 25 novembre 2022
Periodicitàmensile
Tankōbon7 (completa)
ONA
RegiaMasao Ōkubo
ProduttoreHiroyuki Aoi, Moe Sumiya, Sachiko Inamoto, Sôji Miyagi, Takeshi Kawakita
Composizione serieKazuyuki Fudeyasu, Yuka Yamada (st. 2)
Char. designMasaki Satō
Dir. artisticaShinobu Yamaguchi
MusicheYasuharu Takanashi
StudioGraphinica, Yumeta Company (st. 2)
1ª pubbl.17 giugno 2021 – 12 luglio 2023
Stagioni2
Episodi27 (completa)
Rapporto16:9
Durata ep.24 min
1º streaming it.Netflix
Dialoghi it.Federica Cappellanti, Ludovica Doni
Studio dopp. it.Iyuno - SDI Group
Dir. dopp. it.Daniela Inserra
Manga
Record of Ragnarok - Lo strano caso di Jack lo squartatore
AutoreKeita Iizuka
EditoreCoamix
RivistaMonthly Comic Zenon
Targetseinen
1ª edizione25 ottobre 2022 – in corso
Periodicitàmensile
Tankōbon5 (in corso)
Editore it.Star Comics
Collana 1ª ed. it.Action
1ª edizione it.14 maggio 2024 – in corso
Volumi it.1 / 5 Completa al 20%
Manga
Kinden: Kamigami no Apocalypse
TestiOtsuhiko Naruse
DisegniIppei Okamoto
EditoreCoamix
RivistaMonthly Comic Zenon
Targetseinen
1ª edizione25 giugno 2024 – in corso

Record of Ragnarok (終末のワルキューレ?, Shūmatsu no Valkyrie, lett. "Valchiria finale") è un manga scritto da Takumi Fukui e Shinya Umemura e disegnato da Chika Aji. La pubblicazione è iniziata nel 2017 sulla rivista Monthly Comic Zenon edita da Tokuma Shoten, e i capitoli sono poi raggruppati in volumi tankōbon[1].

Un adattamento anime prodotto dallo studio Graphinica in dodici episodi è stato distribuito a partire dal 17 giugno 2021 su Netflix[2].

Il 25 ottobre 2019 è cominciata la serializzazione, sempre su Monthly Comic Zenon, dello spin-off Record of Ragnarok: The Legend of Lü Bu Fengxiang, incentrato sulla figura di Lü Bu, scritto dagli autori della serie originale e disegnato da Takeo Ono. Questa è finita il 25 novembre 2022, e la serie è stata raccolta in 7 volumi tankōbon.

Il 25 ottobre 2022 è stato pubblicato sulla stessa rivista il primo capitolo di Record of Ragnarok - Lo strano caso di Jack lo Squartatore, spin-off della serie con protagonista Jack lo squartatore. A luglio 2024, i suoi capitoli sono stati raccolti in cinque volumi tankōbon.

Al Concilio del Valhalla che si tiene ogni mille anni, gli dèi hanno votato all'unanimità per l'estinzione della razza umana. Le uniche a opporsi sono le Valchirie, la cui leader, Brunilde, ricorda loro che in casi del genere è concessa all'umanità un'ultima possibilità, rappresentata dal torneo del Ragnarok: tredici combattenti umani e tredici combattenti divini devono darsi battaglia fino alla morte in un'arena. La prima fazione a ottenere sette vittorie è considerata la vincitrice. Il destino dell'umanità è dunque in bilico tra l'estinzione e l'esistenza per altri 1000 anni. Coloro che vengono sconfitti nel Ragnarok vedono le loro anime ridotte in cenere e inviate a Niflhel, il regno nordico della nebbia, interrompendo il ciclo di reincarnazione e portando alla morte permanente dello spirito. Comincia così una serie di combattimenti dove grandi uomini della storia affrontano gli dèi per la salvezza dell'umanità sfruttando il potere e il legame con le Valchirie noto come völundr.

Dopo un iniziale vantaggio degli dèi nei primi due round grazie a Thor e Zeus, che sconfiggono rispettivamente Lü Bu e Adamo, gli umani mostrano il loro potenziale tornando in pari nel terzo e nel quarto round grazie a Sasaki Kojiro e Jack lo Squartatore, che sconfiggono rispettivamente Poseidone ed Eracle, lasciando basite le divinità che stanno assistendo. Nel quinto round gli dèi tornano in vantaggio grazie alla vittoria di Shiva su Raiden Tameemon. Nel sesto round, però, accade qualcosa di imprevedibile: il concorrente degli dèi Buddha decide di lottare per l'umanità e affronta Zerofuku, la fusione dei Sette Dei della Fortuna comandati da Bishamonten. Nonostante Zerofuku venga posseduto dal demone Hajun, Buddha vince il duello e gli umani tornano in parità con gli dèi, motivo per cui Ade decide di scendere in campo nel settimo round contro Qin Shi Huang, prendendo il posto di Buddha nello schieramento degli dèi per vendicare il fratello Poseidone. Qin uccide Ade e per la prima volta gli umani passano in vantaggio sugli dèi. Nell'ottavo scontro Nikola Tesla viene sconfitto da Belzebù riportando la situazione in parità. Nel nono round Apollo sconfigge Leonida facendo tornare gli dèi in vantaggio. Souji Okita si offre volontario per il decimo scontro, mentre gli dei schierano Susanoo no Mikoto

Sono le semidee nordiche incaricate di guidare le anime nel Valhalla, e scendono sulla Terra per selezionare i migliori guerrieri in modo da renderli degli Einherjar, i quali si sarebbero uniti all'esercito degli dèi in preparazione per un assalto al Cielo. Tuttavia, fin dai tempi antichi si vociferava che l'obiettivo delle Valchirie non era quello di creare un esercito per il paradiso, ma farli combattere durante il Ragnarok nel caso gli dèi volessero sterminare l'umanità. Scelto il guerriero, le Valchirie si trasformano in armi adatte a chi le impugna in un patto conosciuto come völundr, dotate di poteri divini per ferire e uccidere gli dèi tratti dal significato dei nomi delle Valchirie stesse. In questo modo, però, le due anime sono legate indissolubilmente, e se l'umano muore, muore anche la valchiria, indipendentemente dal fatto che si sia danneggiata in battaglia o meno.

Brunilde (ブリュンヒルデ?, Buryunhirude)
Doppiata da: Miyuki Sawashiro[3] (ed. giapponese), Ludovica Bebi (ed. italiana)
La maggiore delle tredici sorelle Valchirie, si è opposta agli dèi nel tentativo di salvare gli umani. È la protagonista della serie ed è lei a suggerire il Ragnarok alle altre divinità per dare una possibilità agli umani e a scegliere i guerrieri più raffinati e forti dell'umanità per opporsi agli dèi e ucciderli. Appare spesso fredda e distaccata, ma ha la tendenza a rompere i suoi legami formali, autolesionadosi o parlando in modo concitato, specialmente quando la situazione prende una piega inaspettata o volge a suo favore. È manipolatrice, vendicativa e volgare, con una volontà indomabile e un'intelligenza acuta. Tuttavia, tiene molto alle sue sorelle Valchirie e piange ogni umano morto negli scontri.
Göll (ゲル?, Geru)
Doppiata da: Tomoyo Kurosawa (ed. giapponese), Giulia Tarquini (ed. italiana)
La più giovane delle Valchirie, essendo la tredicesima, e la deuteragonista della serie. Durante gli scontri del Ragnarok, di solito viene vista con Brunilde che guarda ansiosa ogni incontro. Di solito parla ad alta voce ogni volta che è emotivamente angosciata e sollevata. Ogni volta che i guerrieri dell'umanità muoiono al termine di una sfida, lei piange ciascuna delle sue sorelle mentre muoiono con loro.
Randgriz (ランドグリーズ?, Randogurīzu)
Doppiata da: Aya Kawakami (ed. giapponese), Irene Trotta (ed.italiana)
La quarta delle tredici sorelle Valchirie. Diventa il völundr di Lü Bu nel primo scontro del Ragnarok, ma viene distrutta e uccisa da Thor assieme al generale volante. Il suo potere, Distruttrice di scudi, è in grado di distruggere ogni forma di difesa. Göll la ricorda per il suo splendido sorriso.
Reginleif (レギンレイヴ?, Reginreivu)
Doppiata da: Rina Kawaguchi (ed. giapponese), Alessandra Berardi (ed. italiana)
Detta Figlia degli dèi, è la settima delle tredici sorelle Valchirie. Diventa il völundr di Adamo nel secondo scontro del Ragnarok, morendo insieme a lui nella battaglia contro Zeus. È colei che ha seguito Göll durante la sua educazione.
Hrist (フリスト?, Furisuto)
Doppiata da: Yū Kobayashi (ed. giapponese), Serena Sigismondo (ed. italiana)
È la seconda delle tredici sorelle Valchirie, e diventa il völundr di Kojiro Sasaki nel terzo scontro del Ragnarok. Ha una personalità bipolare, un lato che è tranquillo e cordiale e un altro facilmente preda della rabbia, il quale si riflette nella traduzione del suo nome che significa sia Colei che trema che Colei che ruggisce: grazie a ciò, pur rompendosi durante lo scontro con Poseidone, sopravvive e si trasforma in due lame. Dopo la vittoria di Kojiro, ritorna a una forma fisica e lo porta fuori per curarsi.
Hlökk (フレック?, Furekku)
Doppiata da: Honoka Inoue (ed. giapponese), Veronica Cuscusa (ed. italiana)
L'undicesima delle tredici sorelle Valchirie, è soprannominata anche "L'instabile", essendo aggressiva e squilibrata. A differenza delle altre, che hanno accettato di unirsi agli altri umani di loro volontà, è stata costretta a diventare il völundr di Jack lo squartatore nel quarto incontro del Ragnarok. Il suo potere, La sconvolta (forse una traduzione errata di La deformata), le permette di trasformare qualsiasi oggetto inanimato che tocca, persino un sassolino, in un'arma divina in grado di uccidere gli dèi.
Þrúðr (スルーズ?, Surūzu)
Doppiata da: Akira Miki (ed. giapponese), Luisa D'Aprile (ed. italiana)
Pronunciato come Thrud, è la terza delle sorelle Valchirie, e diventa il völundr di Raiden Tameemon nel quinto scontro del Ragnarok, innamorandosi di lui. È gigantesca, con un fisico muscoloso e statuario, ma ciò nonostante arrossisce facilmente e per questo Göll la definisce una "pura fanciulla". Muore insieme a Raiden al termine dello scontro contro Shiva. Il suo potere, La più forte (L'onnipotente nell'edizione italiana dell'anime), le permette di usare la propria forza per controllare quella di Raiden, impedendo così ai suoi muscoli di distruggerlo e usare al massimo la sua potenza.
Alvitr (アルヴィト?, Aruvito)
La decima delle tredici sorelle Valchirie e gemella di Hlökk, diventa il völundr di Qin Shi Huang nel settimo incontro del Ragnarok. Come la sua gemella è molto aggressiva, come quando Qin Shi Huang entra nell'arena dall'entrata degli dèi e senza aver prima praticato con lei il völundr ma è meno squilibrata essendo molto più sveglia anche se poi finisce per innamorarsi dell'imperatore cinese. Il suo potere, Guardia ospitante, che deriva dall'altro suo nome Hervör, le permette di conferire un'incredibile forza difensiva, e dato che Qin è un artista marziale ciò si traduce anche in un aumento equivalente della forza.
Göndul (ゴンドゥル?, Gonduru)
La nona delle tredici sorelle Valchirie. Diventa il völundr di Nikola Tesla nell'ottavo incontro del Ragnarok. Ha un aspetto calmo e sereno, e come Tesla prova amore per la scienza, tanto da essere disposta a offrirgli il suo corpo in modo che lo scienziato possa completare il suo lavoro per la creazione del völundr. Il suo potere, Portatrice di magia, non viene rivelato. Tesla perde l'incontro e perisce insieme a Gondul.
Geirölul (ゲイレルル?, Geireruru)
La quinta delle tredici sorelle Valchirie. Diventa il völundr di Leonida nel nono incontro del Ragnarok. È la più orgogliosa delle tredici valchirie e di carattere assomiglia molto a Leonida: entrambi si arrabbiano quando vengono insultati o considerati inferiori come durante l'incontro con Apollo, arrivando a parlare all'unisono quando desiderano mettere il dio in ginocchio davanti a loro. Con la sconfitta di Leonida perisce anche Geirölul. Il suo potere, Colei che carica con la lancia, le permette di trasformare le armi da corto a lungo raggio, riuscendo così ad attaccare anche a distanza.

Gli umani sono gli spiriti di defunti richiamati da ogni tempo e ogni luogo, e vengono sempre evocati nel momento della loro massima forma fisica e mentale. Oltre ai partecipanti al torneo, gli spalti sono colmi di mortali.

Lü Bu (呂 布 奉先?, Ryo Fu Hōsen)
Doppiato da: Tomokazu Seki (ed. giapponese), Fausto Tognini (ed. italiana)
È il primo combattente a scendere in campo per l'umanità e combatte contro Thor. In passato è stato un potente generale cinese che nessuno è mai riuscito a sconfiggere, infatti viene soprannominato "Il guerriero più forte della storia dell'umanità". Per tutta la sua vita ha cercato un avversario per potersi scontrare alla pari ma senza successo, per questa ragione era sempre annoiato e caddè in depressione e si consegnò a Cao Cao che lo condannò a morte, anche se ufficialmente venne sconfitto e catturato da quest'ultimo. Combatte utilizzando la sua alabarda, il völundr della quarta Valchiria, Randgriz, ma alla fine viene sconfitto e ucciso da Thor. Prima di morire è riuscito a provare finalmente la felicità che tanto desiderava nel poter affrontare un degno rivale. La sua armata, fedele al comandante, decide di seguire la stessa sorte. È il protagonista dello spin-off Record of Ragnarok: The Legend of Lu Bu Fengxiang che racconta la sua vita prima del Ragnarok.
Adamo (アダム?, Adamu)
Doppiato da: Sōma Saitō[4] (ed. giapponese), Manuel Meli (ed. italiana)
È soprannominato il "Padre dell'umanità" e conosciuto come File No.00000000001 dagli dei e "Speranza dell'umanità" dagli umani. Essendo stato creato a immagine di un dio possiede un potere oculare detto "Piena visione divina", con la quale ha la possibilità di copiare ogni movimento dell'avversario. In passato venne cacciato dal paradiso perché, in seguito al tentato stupro di Eva da parte del Serpente, mangiò le mele dell'Albero della conoscenza per seguire la sua amata sulla Terra dove era stata esiliata; quando il Serpente, furibondo, tentò di eliminare entrambi gli amanti, Adamo lo uccise. Considera l'umanità intera la sua prole. Durante il torneo, combatte contro Zeus assieme alla settima Valchiria Reginleif, il cui völundr ha la forma di un tirapugni, venendo sconfitto e ucciso.
Sasaki Kojirō (佐々木 小次郎?)
Doppiato da: Kazuhiro Yamaji[4] (ed. giapponese), Takuma Terashima (ed. giapponese, da giovane), Andrea Lavagnino (ed. italiana), Tito Marteddu (ed. italiana, da giovane)
Conosciuto come "Il più grande perdente dell'umanità", è il rappresentante degli umani nel terzo incontro, dove affronta e sconfigge il dio dei mari Poseidone facendo ottenere all'umanità la prima vittoria. In passato, per tutta la vita fino alla sua morte in duello per mano di Miyamoto Musashi, ha guadagnato immensa esperienza facendosi sconfiggere da avversari più forti di lui, per poi continuare ad affrontarli attraverso combattimenti mentali fino ad avere la meglio; poiché nel Ragnarok i combattenti tornano nel loro momento di massimo potere, Kojiro appare come un uomo di mezza età, nonostante sia morto giovane, in quanto anche nella morte ha continuato ad allenarsi mentalmente per accrescere la sua abilità con la spada. È un individuo spensierato e fiducioso delle sue capacità. Il suo völundr ha la forma di una katana ed è incarnata dalla seconda Valchiria Hrist. In tutti gli anni di allenamento ha sviluppato una tecnica unica nel suo genere che nessun altro è in grado di replicare, chiamata "Tsubame-Gaeshi".
Jack lo squartatore (切り裂きジャック?, Kirisaki Jakku)
Doppiato da: Tomokazu Sugita (ed. giapponese) e Shuri Miyumi (ed. giapponese, da giovane), Gabriele Tacchi (ed. italiana) e Tatiana Dessi (ed. italiana, da giovane)
È il rappresentante dell'umanità nel quarto scontro, in cui affronta e sconfigge Eracle. È il figlio di una prostituta e di un commediografo fallito, dotato della capacità di vedere con l'occhio destro le emozioni delle persone in base al loro colore. Da piccolo subì un trauma che lo condusse alla pazzia e al provare piacere nell'incutere terrore nel prossimo; dopo aver ucciso i suoi genitori, fece perdere le sue tracce e iniziò la sua vita di serial killer, facendosi conoscere come Jack lo squartatore. Jack ha dei comportamenti da gentiluomo che nascondono la sua natura crudele e meschina: è intelligente, subdolo e astuto. Il suo völundr è un paio di guanti e sono incarnati dall'undicesima Valchiria Hlökk. Nello scontro con Eracle riesce infine a prevalere, ma il buon cuore del dio riesce a portare la luce nell'animo del serial killer, mostrando che Jack voleva solo essere amato.
Raiden Tameemon (雷電爲右エ門?)
Doppiato da: Subaru Kimura (ed. giapponese) e Misato Matsuoka (ed. giapponese, da giovane), Maurizio Merluzzo (ed. italiana) e Tatiana Dessi (ed. italiana, da giovane)
Nato Seki Tarōkichi, è un lottatore di sumo giapponese del XVIII secolo e rappresentante dell'umanità durante il quinto combattimento nel quale affronta Shiva, uscendone ucciso. È considerato il miglior rikishi che sia mai esistito, anche se non è mai stato insignito del titolo di yokozuna, il massimo grado che può essere raggiunto da un lottatore professionista di sumo. Fin dalla nascita è affetto da ipertrofia muscolare, rendendo i suoi muscoli talmente potenti da rompergli ogni parte del suo corpo costringendolo a creare nuovi tessuti muscolare da controllarli. Il suo völundr è un esoscheletro contenitivo per i suoi muscoli, insignitogli dalla terza Valchiria Thrud, che gli permette di controllare pienamente tutti i suoi muscoli per la prima volta al punto da concentrare tutta la sua forza in determinati punti del corpo, tanto da riuscire a ferire le divinità a mani nude. Il suo carattere è quello di un pervertito che pensa solo al cibo, alle belle donne e a dormire, ma in realtà prende molto sul serio la lotta e desidera liberare gli uomini dal giogo degli dèi.
Gautama Buddha (釈迦?, Shaka)
Doppiato da: Yuichi Nakamura (ed. giapponese), Leonardo Graziano (ed. italiana)
Il dio buddista dell'illuminazione. È il secondo dio che si presenta, oltre a Eracle, a essere nato come umano per poi trascendere a divinità, dopo aver capito il senso di ottenere la felicità superando le avversità della vita, e divenendo uno dei Quattro Saggi, un gruppo di filosofi che include Confucio, Socrate e Gesù. Ha un atteggiamento accomodante e non sembra prendere nulla sul serio, affermando spavaldamente che l'unico da cui prende ordini è sé stesso, giurando che avrebbe fatto di tutto per salvare l'umanità dal destino impostale dagli dèi, e ama molto i dolci; per questo motivo viene definito "Il più forte adolescente della storia". La sua arma è il Bastone delle sei vie, il quale immagazzina il potere dei sei Buddha guardiani dei sei regni permettendogli di cambiarne la forma in base alle sue emozioni. Durante il quinto round si scopre che Buddha ha creato il concetto dietro l'esistenza dei völundr delle Valchirie: quando due persone rischiano la vita insieme, possono entrambe raggiungere il loro pieno potenziale. È attraverso questo concetto che gli esseri umani sono in grado di danneggiare gli dèi con le loro armi divine. Accusato di tradimento, Buddha riesce a evitare il linciaggio da parte di Loki e Bishamonten grazie all'intervento di Kojiro e Souji e poi di Zeus e Odino, che impongono agli dèi di non scontrarsi tra loro finché il torneo non sarà concluso. Nonostante Buddha partecipi al sesto round del Ragnarok come lottatore degli dèi su richiesta di Zeus stesso, decide di combattere dalla parte degli umani. Si trova così ad affrontare Bishamonten, fusosi con le altre Sette divinità della fortuna in un unico essere chiamato Zerofuku, riuscendo facilmente a dominare l'incontro finché il suo avversario non viene posseduto dal demone Hajun, che riesce a metterlo in difficoltà. Riesce, infine, a sconfiggerlo creando un völundr proprio con Zerofuku.
Qin Shi Huang (秦始皇?, Shikōtei)
Doppiato da: Kaito Ishikawa (ed. giapponese)
Uno dei rappresentanti degli umani a partecipare al Ragnarok. Nato con il nome di Yíng Zhèng (嬴政), è considerato il primo imperatore della Cina, poiché fu il primo sovrano storico a fregiarsi di tale titolo, dopo aver ucciso il demone Chi You e riunificato nel 221 a.C. tutti i regni allora divisi sotto il suo dominio, nonostante sia considerato da molti un tiranno. Ha l'aspetto di un uomo giovane con gli occhi bendati e con indosso un abito che, curiosamente, ricorda quello delle imperatrici cinesi, tra cui cinque zhijiatao nelle mani. Il suo völundr sono dei paraspalle a piastre, ma ancor prima di utilizzarlo Qin dimostra di possedere forza e riflessi paragonabili a quelli degli dèi, oltre a riuscire a vedere il flusso di qi in modo da indebolire l'avversario e a padroneggiare lo stile Chi You, un'arte marziale creata combattendo contro il demone che comprende cinque stili di combattimento, i quali prendono il nome dai cinque strumenti di guerra che si pensa siano stati creati dallo stesso: balestra, spada, alabarda, lancia e armatura. Questa immensa forza, però, nasconde una particolare forma di sinestesia tattile-speculare: a causa del fatto di essere stato abbandonato e odiato fin dall'infanzia per via di ciò che il generale Bai Qi fece al termine della battaglia di Changping, ogni volta che vede qualcuno farsi male subisce lo stesso dolore. Affronta Ade nel settimo round, riuscendo a sconfiggerlo ed ucciderlo. È estremamente arrogante e sicuro di sé, orgoglioso del proprio rango di imperatore tanto da entrare negli spalti degli dèi, sedersi sulla sedia di Ade e intimare ad Ares ed Ermes di inginocchiarsi davanti a lui, per poi mettere facilmente al tappeto il primo quando cerca di attaccarlo.
Nikola Tesla (ニコラ・テスラ?, Nikora Tesura)
Un inventore serbo-americano del XX secolo, famoso grazie alle sue invenzioni e scoperte che hanno cambiato per sempre il mondo, e rappresentante dell'umanità durante l'ottavo incontro in cui affronta Beelzebub. Conosciuto come lo "Scienziato pazzo definitivo del suo tempo", Nikola Tesla è un uomo di scienza che ama profondamente il suo lavoro e le leggi della fisica, e per questo si rifiuta di permettere a qualcuno di paragonarli alla magia - anche se Brunilde lo considera l'unico umano nella storia che può essere definito uno stregone. A volte, però, la sua passione per la scienza lo porta a comportarsi in modo insensibile o scortese, come quando ha iniziato a toccare e fissare Göndul per vedere se fosse un "materiale" in grado di trasformare la sua teoria sul völundr in realtà: il risultato è un'armatura meccanica chiamata Super Automaton β, la quale, a differenza dei precedenti völundr, si tratta di un'invenzione dello stesso Tesla aiutato da altri scienziati (Thomas Edison, Galileo Galilei, Marie Curie, Albert Einstein, Isaac Newton e Alfred Nobel); quest'armatura è in grado di potenziare le sue capacità fisiche e di convertire l'energia vitale di Göndul in elettricità ad alto voltaggio che rilascia con i colpi. Ciò porta anche alla dispersione della cosiddetta "super particella Tesla" che, una volta ricoperta una determinata area, crea la Gematria Zone, una gabbia elettrica al cui interno Tesla è in grado di attivare un sistema antigravitazionale in modo da poter fluttuare e spostarsi a grandi velocità, tanto da riuscire a teletrasportarsi ma solo per tre volte, oltre il quale sia lui che Göndul rischiano di morire. Dopo una dura battaglia, viene sconfitto da Beelzebub, annunciando però che, grazie agli avanzamenti della scienza e al suo indomabile spirito di miglioramento, l'umanità sopravviverà al Ragnarok.
Leonida (レオニダス?, Reonidasu)
Il leggendario re di Sparta che si sacrificò con 300 spartani nella Battaglia delle Termopili per contrastare l'avanzata dell'esercito persiano. È un uomo molto imponente e muscoloso con varie cicatrici sul corpo, e durante l'incontro indossa abiti da soldato militare moderni. Essendo uno spartano è un soldato molto orgoglioso (tant'è che ha continuato ad allenarsi insieme ai suoi soldati anche dopo la morte), definendosi il guerriero più forte dell'umanità al punto da dire a Brunilde che avrebbe combattuto solamente nel primo o nell'ultimo incontro, ma dopo aver scoperto che il suo avversario è Apollo decide di scendere in campo nel nono: viene rivelato infatti che gli anziani di Sparta rifiutarono di schierare i soldati a difesa a causa della festa legata al dio, ma Leonida si rifiutò e scelse di lottare, ottenendo l'ammirazione di molti soldati e venendo conosciuto come il "Ribelle più forte nella storia umana". Durante lo scontro ha modo di conoscere Apollo arrivando al punto da rispettarlo e alla fine sconfitto e ucciso dal Dio ma prima di spirare è felice di aver ottenuto una morte gloriosa per mano sua. Il suo völundr è uno scudo aspis ed è incarnato dalla quinta valchiria Geirölul, capace di trasformarsi in varie armi.
Souji Okita (沖田 総司?, Okita Sōji)
Doppiato da: Tsubasa Yonaga
Capitano della prima divisione della Shinsengumi, la polizia speciale giapponese del XIX secolo, considerato lo spadaccino più forte del corpo e soprannominato "l'Ammazzauomini" per aver ucciso un gran numero di persone quando svolgeva missioni. Si presenta come un ragazzo dai lunghi cappelli a coda di cavallo, con una frangia che gli copre spesso gli occhi, e l'haori tipico della Shinsengumi. Prova un immenso piacere nel combattere, aspettando con ansia il suo incontro nel Ragnarok e rimanendo affascinato dal fatto che vi stiano partecipando i migliori combattenti della storia umana, al punto da esprimere apertamente il suo desiderio di combattere con loro un giorno. Possiede un certo senso di giustizia in cui odia e disprezza ogni tipo di male, mostrando un lato feroce e persino sadico. Quando Souji raggiunge l'apice dell'eccitazione il suo cuore inizia a pompare sangue tre volte più del normale, risvegliando le cellule muscolari di tutto il suo corpo e consentendogli di utilizzare abilità sovrumane: ad esempio, è in grado di muoversi a velocità folli confondendo facilmente i suoi avversari in molti modi, saltare e muoversi con i suoi riflessi alla stessa velocità e sferrare più fendenti nello stesso momento; come sottoprodotto di questo processo gli occhi di Souji diventano rossi. Insieme al suo comandante Isami Kondo assiste agli incontri del Ragnarok, durante i quali difendono Buddha insieme a Kojiro Sasaki da Loki e le Sette divinità della fortuna. Dopo aver visto la sconfitta di Leonida si offre volontario per il decimo round affrontando Susano'o no Mikoto.
Michel Nostradamus (ミシェル・ノストラダムス?, Misheru Nosutoradamusu)
Uno dei rappresentanti degli umani a partecipare al Ragnarok, conosciuto come il "Profeta del secolo". Ha l'aspetto di un ragazzino effeminato con indosso abiti caratteristici delle persone ricche del suo tempo e, in linea con il suo aspetto, possiede una personalità infantile, stravagante ed eccitata ma allo stesso tempo accomodante. Gli piace fare scherzi per il semplice gusto di infastidire gli altri: ad esempio, dopo la fine del sesto round, appare davanti a Brunilde e Göll prendendo l'aspetto della prima oppure mente alla giovane valchiria dicendo di aver previsto che gli dèi avrebbero vinto il Ragnarok. È anche molto curioso fino all'ossessione, non preoccupandosi delle conseguenze delle sue azioni, dato che ha persino provato a distruggere il Bifröst solo per sapere cosa sarebbe successo se lo avesse fatto e divenendo l'unico umano a essere gettato nell'Helheim, cosa di cui, però, non si preoccupa in quanto è abbastanza forte da uscirne quando vuole. Per questo Brunilde lo considera l'"Uomo più odioso di tutta la storia umana", e l'unica ragione per cui partecipa al Ragnarok è perché lo ritiene la sua carta vincente contro gli dèi.
Sakata Kintoki (坂田金時?)
Uno dei rappresentanti degli umani a partecipare al Ragnarok. Ha l'aspetto di un uomo giovane e muscoloso con un'ampia e distinta cicatrice che va dal lato destro della fronte fino all'estremità del naso, indossa una bandana con una strana protuberanza affilata sul lato destro e sfoggia dei geta sotto cui sono presenti delle lame in modo simile ai pattini da ghiaccio, mostrando le unghie dei piedi lunghe e simili a quelle animali. Dopo la conclusione del settimo incontro viene incaricato da Buddha di trovare Sigfrido.

Gli dèi selezionati per affrontare gli umani durante il Ragnarok. Ciascuno di loro è dotato di forza, abilità e tecniche di combattimento uniche. Non possono essere scalfiti da armi umane, per questo le Valchirie diventano völundr per gli umani, in modo da ferirli e ucciderli. La maggior parte di loro, vincitori o vinti, finiscono per ammirare la forza degli umani e ne riconoscono il valore. Sugli spalti appaiono gli dèi del loro pantheon e i loro sostenitori.

Thor (トール?, Tōru)
Doppiato da: Hikaru Midorikawa[3] (ed. giapponese), Sacha De Toni (ed. italiana)
È il più forte dio nordico e il rappresentante degli dèi nel primo scontro con Lü Bu. In combattimento brandisce il suo martello Mjöllnir, il quale è in realtà un essere vivente che, una volta sveglio, sprigiona un calore intenso e permette a Thor di liberare tutta la sua potenza senza distruggerlo, rimuovendosi i guanti Járngreipr che agiscono come limitatori della sua forza. Maniaco della battaglia, ha un grande interesse per il combattimento, soprattutto con avversari forti. Nell'incontro contro Lü Bu riesce a vincere e a ucciderlo, provando gioia per aver affrontato un nemico alla sua altezza, ma mostrando anche un velo di tristezza per colui che è stato l'unico ad averlo costretto a dare tutto sé stesso. Thor ammetterà infine di averlo considerato un amico.
Zeus (ゼウス?, Zeusu)
Doppiato da: Wataru Takagi[3] (ed. giapponese), Alessandro Ballico (ed. italiana)
Conosciuto come il "Re del cosmo", è il sovrano degli dèi e il capo del Concilio del Valhalla. È un vecchio molto gracile ma può aumentare a dismisura la sua muscolatura. La sua abilità speciale è Adamas, grazie alla quale comprime i suoi muscoli per rendere il suo corpo duro come il diamante, oltre che a un colpo che apprese dal padre Crono prima di sconfiggerlo, che gli permette di scatenare un pugno così potente e veloce da superare il tempo stesso. Ha perso tutti i denti nello scontro con suo padre Crono. Combatte nel secondo incontro con Adamo e, dopo un duro scontro, riesce infine a sconfiggerlo. È da questo combattimento che Zeus cessa di sottovalutare gli umani. Assiste con interesse ai combattimenti successivi, rimproverando i suoi figli qualora cedano alla paura o alla disperazione se un dio viene danneggiato gravemente.
Poseidone (ポセイドン?, Poseidon)
Doppiato da: Takahiro Sakurai[4] (ed. giapponese), Roberto Fedele (ed. italiana)
Il dio del mare, combatte nel terzo round contro Sasaki Kojiro. Detesta profondamente gli umani e ritiene che un dio basti per sé stesso e non abbia bisogno di sostegno, aiuto o alleati: lo dimostra il fatto di aver quasi ucciso e fatto cancellare dalla storia il fratello maggiore Adamas quando questi, irritato del fatto che fosse stato Zeus a essere eletto come nuovo re del cosmo dopo la Titanomachia, aveva ordito una congiura. Rimane sempre freddo e impassibile, e per i suoi modi intransigenti viene temuto dagli altri dei. Combatte con il suo tridente, mostrando le sue abilità idrocinetiche solamente al suo ingresso nell'arena. Agguerrito fino all'ultimo, cerca di eliminare Kojiro anche se menomato, ma morirà per mano dell'umano. Considerato una delle divinità più potenti in assoluto, la morte di Poseidone scuote i pantheon di tutte le divinità, mandando in frantumi la loro assoluta convinzione di essere insuperabili contro gli umani.
Eracle (ヘーラクレース?, Heirakureisu)
Doppiato da: Katsuyuki Konishi (ed. giapponese), Federico Viola (ed. italiana)
È il forzuto dio della giustizia, e combatte nel quarto round contro Jack lo squartatore, venendo sconfitto ed ucciso da lui. In passato era un umano gracile e debole conosciuto come Alcide, il quale però fu spinto dal suo senso di giustizia a difendere i più deboli. Col passare del tempo e delle lotte, divenne sempre più forte, finché un giorno, nel 2000 a.C., Tebe venne assalita da Ares, alla testa del suo esercito. Alcide si fece avanti e bevve l'ambrosia davanti a tutti, dèi e cittadini di Tebe, e si trasformò in un essere forzuto che sterminò l'esercito di Ares e si batté alla pari con quest'ultimo. Zeus intervenne e fermò entrambi, e chiese ad Alcide, ora Eracle, di diventare un dio, conscio del suo enorme senso di giustizia e che il suo potere lo avrebbe reso presto incontrollabile; Eracle accettò a condizione che l'umanità venisse lasciata in pace, e da allora gli dèi hanno smesso per quattromila anni di intervenire negli affari umani fino all'ultimo consiglio del Valhalla. Combatte con la sua Mazza divina, in grado di cambiare forma quando usa delle tecniche basate sulle dodici fatiche, le quali, benché potenti, ogni volta che vengono eseguite espandono il tatuaggio presente nella parte destra del corpo provocandogli un'immensa quantità di dolore.
Shiva (シヴァ?)
Doppiato da: Tatsuhisa Suzuki[4] (ed. giapponese), Enrico Chirico (ed. italiana)
È il dio indiano della creazione e della distruzione e la divinità più prominente nel pantheon indù, divenutolo dopo aver scalato il monte dello Svarga e sconfitto le diverse divinità che vi risiedevano, tra cui, alla fine, anche il suo migliore amico Rudra. Si distingue per la pelle viola, le quattro braccia e un terzo occhio in mezzo alla fronte. Sebbene sia molto superbo sa essere anche gentile. Possiede uno stile di combattimento basato sulla danza, e più combatte più il suo corpo si surriscalda aumentando la potenza dei suoi attacchi. Viene scelto per il secondo incontro, ma Zeus lo demolisce per combattere al suo posto. Prende poi parte al quinto incontro contro Raiden Tameemon, riuscendo alla fine a sconfiggerlo e a consegnare agli dèi la loro terza vittoria, ammirando la forza mostrata dal suo avversario per averlo spinto al limite e chiamandolo col suo nome.
Zerofuku (ゼロ服? lett. "zero fortuna")
Doppiato da: Ayumu Murase (ed. giapponese), Sara Imbriani (ed. italiana)
Una giovane divinità che un tempo donava fortuna a coloro che lo circondavano assorbendo tutte le loro disgrazie, facendoli però cadere nella depravazione e nell'edonismo finché non vennero salvate da Buddha, insegnando che per essere felici le disgrazie vadano affrontate. Ciò portò Zerofuku a provare gelosia nei suoi confronti, cosa che, unita alla sfortuna che aveva assorbito, lo corruppe, ma capendo di avere ancora a cuore l'umanità decise di scindersi in sette parti, i quali sarebbero stati conosciuti come le Sette divinità della fortuna: Bishamonten, Daikokuten, Jurojin, Fukurokuju, Hoteison, Ebisu e Benzaiten. Quando Buddha decide di lottare per l'umanità nel sesto round, le Sette divinità della fortuna scendono in campo come rappresentanti degli dèi per giustiziarlo, fondendosi e tornando a essere Zerofuku. Durante lo scontro crea diverse armi tramite il suo stesso corpo usando la biocinesi e potenziandole con la sua sfortuna, ma non riesce ad avere ragione sul suo avversario e finisce per disperarsi, finché Buddha non fa capire a Zerofuku che prima di essere amato dagli altri deve amare sé stesso. Finalmente consapevole della propria situazione, Zerofuku ha un ultimo confronto a mani nude con Buddha e ne esce sconfitto, provando comunque un senso di felicità e decidendo di continuare ad aiutare gli altri. All'improvviso, però, viene posseduto da Hajun, un demone che devastò l'Oltretomba secoli prima e che gli fu iniettato da Belzebù a sua insaputa. Quando il demone distrugge l'arma divina di Buddha, Zerofuku crea un völundr tra la sua anima e Buddha generando la Grande spada del nirvana: Zero, con cui insieme riescono a sconfiggere Hajun. In seguito alla sua morte, però, muore anche Zerofuku, non prima di essersi riappacificato con Buddha insieme alle Sette divinità della Fortuna.
Hajun (波旬?)
Doppiato da: Tetsu Inada (ed. giapponese), Gianluca Tusco (ed. italiana)
Conosciuto come "il berserker degli Inferi" e "il Re demone del Sesto Cielo", Hajun era un demone estremamente potente che causò la distruzione di metà dell'Helheim prima che venisse governato da Ade, finché un giorno scomparve improvvisamente senza lasciare tracce, ucciso dal suo stesso potere. Belzebù riuscì a trovarne i resti, con cui creò un seme simile a un parassita che impiantò in Zerofuku. Si manifesta improvvisamente durante il sesto incontro del Ragnarok, prendendo possesso di Zerofuku per combattere contro Buddha, sfruttando la biocinesi del suo ospite e la propria anima nera per contrastare le capacità di percezione del suo avversario, mostrando dopo un iniziale comportamento calmo il suo sadismo e arroganza, definendosi l'essere supremo. Quando, però, Zerofuku crea un völundr tra lui e Buddha, il dio riesce a contrastare gli attacchi di Hajun, portandolo a dubitare della sua forza e rendendosi finalmente vulnerabile alle capacità di Buddha, che riesce a ucciderlo.
Ade (ハデス?, Hadesu)
Doppiato da: Ryōtarō Okiayu (ed. giapponese), Davide Albano (ed. italiana)
Fratello di Zeus e Poseidone e sovrano dell'Oltretomba. Si presenta come un uomo vestito elegante, con dei fluenti capelli e l'occhio destro coperto da un monocolo. Nonostante non sia sulla lista dei combattenti, raggiunge il Valhalla durante il sesto incontro dopo aver saputo della morte di Poseidone e decide di prendere il posto di Buddha combattendo per gli dèi nel settimo round contro Qin Shi Huang, per vendicare il fratello ucciso. Tuttavia, Ade finisce per essere a sua volta sconfitto ed ucciso dal suo avversario, provando comunque rispetto per lui sia come guerriero che come re. Combatte con un bidente che fonde con i resti del tridente di Poseidone donatigli dal dio dei fiumi Proteo, tale è l'affetto che prova per il fratello tanto da definirlo adatto al titolo di "re" più di lui. Proprio per questo, durante lo scontro con Qin Shi Huang, Ade riconosce l'ironia di star combattendo con qualcuno di simile a Poseidone, in quanto la filosofia di imperatore di Qin gli ricorda quella del fratello. Suo asso nella manica è il suo stesso sangue divino, chiamato Pluto Ichor, che potenzia il suo bidente a scapito di un prosciugamento della forza vitale. Considerato imbattibile e perfino più forte di Poseidone, la sua morte stranvolge ancora di più gli dei.
Belzebù (ベルゼブブ?, Beruzebubu)
Doppiato da: Daisuke Namikawa (ed. giapponese)
Una nota divinità nel pantheon abramitico e flisteo, raffigurato come un demone nella tradizione ebraica e cristiana conosciuto come il Signore delle mosche, mentre tra gli dèi Anatema, in quanto si pensa che venne maledetto da Satana al momento della sua nascita portando sventura a chiunque gli sia vicino. Belzebù scoprì che in realtà era lui stesso Satana, quando quest'ultimo si impossessò del suo corpo e uccise Lucifero, Samael e Azazel, gli unici che erano riusciti a diventare suoi amici, e Lilith, che nell'aiutarlo nella sua ricerca si innamorò di lui, capendo che le possessioni accadevano quando raggiungeva il picco della felicità. Da quel momento si pose l'obiettivo di creare un essere in grado di ucciderlo così da eliminare anche Satana, divenendo apatico verso tutti e vedendoli solamente come delle cavie senza alcun rimorso o senso di colpa. È noto per essere uno scienziato estremamente abile, in particolare nel campo della biologia, avendo un intero laboratorio nella sua stanza per sperimentare su una grande quantità di creature, al punto che Ade gli ha chiesto di salvare la vita ad Adamas dopo che quest'ultimo era stato ferito mortalmente da Poseidone. La sua abilità innata è quella di far vibrare il suo corpo ad alte frequenze, utilizzando la mano destra per l'attacco e la sinistra per la difesa, e amplificandole grazie al Bastone di Apomyius, dono ricevuto da Ade a seguito di una battaglia dopo avergli rivelato che il tatuaggio lasciatogli da Lilith, che gli impediva di morire, non era una maledizione ma una preghiera per continuare a vivere. Mostra interesse per l'apparizione di Hajun durante il sesto incontro, in quanto fu proprio Belzebù a trovarne i resti e a creare un parassita con lo scopo di resuscitarlo, per poi impiantarlo in Zerofuku mentre dormiva. Alla fine dell'incontro decide di bruciare le sue ricerche su Hajun dopo la morte di quest'ultimo, venendo sorpreso da Odino il quale sa la verità e lo ammonisce che non permetterà a nessuno di interrompere il Ragnarok. Belzebù, tuttavia, respinge l'avvertimento con sufficienza, facendo infuriare il dio. Inizialmente indifferente verso gli umani, ritenendoli indegni della sua attenzione, dopo la morte di Ade per mano di Qin Shi Huang, tuttavia, Belzebù decide di sradicarli una volta per tutte, salvando in seguito Brunilde e Göll da Adamantine per non interrompere il Ragnarok. Partecipa all'ottavo incontro in cui affronta Nikola Tesla, uscendone vincitore e imparando ad apprezzare la vita.
Apollo (アポローン?, Aporon)
Dio del Sole del pantheon greco. Si presenta come un dio attraente con lunghi capelli rosa chiaro fluenti che arrivano fino al busto e un buon fisico, e questa sua bellezza lo rende estremamente narcisista. Quando ha sentito la notizia della morte di altri dèi greci nel Ragnarok, la sua prima reazione non è stata quella di piangerli ma piuttosto di desiderare di poter essere lì per vedere le loro morti perché dovevano essere bellissime. Disprezza gli esseri umani al punto da considerarli animali. Non gli importa nulla del Ragnarok e non ha assistito a nessun incontro, infatti quando Zeus gli chiede di partecipare al nono round in un primo momento rifiuta ma dopo aver appreso la morte di Poseidone, Eracle e Ade decide di accettare per vendicare i suoi compagni caduti. Combatte con fili dorati che trasforma in ciò che vuole ed è abile nella boxe. All'inizio dello scontro considera Leonida un essere inferiore che deve solamente inginocchiarsi a lui ma man mano che combatte riconosce le abilità dello spartano fino a rispettarlo. Apollo alla fine sconfigge Leonida e decide di tenere le cicatrici inferte da Leonida in segno di rispetto per l'avversario.
Susano'o no Mikoto (須佐之男命?, Susanoo no Mikoto)
Dio delle tempeste e del mare del pantheon shintoista e uno dei Tre preziosi figli del dio della creazione Izanagi insieme ai fratelli Amaterasu Okami e Tsukuyomi no Mikoto. È un uomo imponente dai lunghi capelli blu con qualche ciocca bianca e folte sopracciglia simili a nuvole. Susano'o dà l'impressione di essere una persona molto seria e potente, la cui sola presenza quando entra nella sala degli dèi è sufficiente a far sentire Ares come se venisse schiacciato, ma è anche molto spensierato e testardo. È noto per aver ucciso il serpente Yamata no Orochi dal cui cadavere ottenne la spada Ame-no-Murakumo no Tsurugi, e con essa scacciò tutti gli dèi malvagi dal Takamagahara facendosi temere sia come il più forte "Ammazzadèi" che come "Aragami" (荒神, lett. "Dio feroce"). Fu incaricato dal padre di governare le terre del Giappone antico, finché non rinunciò alla sua posizione per imparare l'arte della spada dall'Umanità, divenendo noto come il Dio delle spade, verso cui nutre un amore molto profondo, tanto da rimanere colpito dagli umani che sono stati in grado di coltivarla ed evolverla nel corso della loro lunga storia. Tra tutti gli spadaccini prova grande rispetto per quelli vissuti nell'era Bakumatsu poiché furono in grado di affinare l'arte della spada al suo apice e creare l'arte dell'"ammazzauomini". Quando scopre che il più forte in tale pratica, Souji Okita, sarebbe sceso in campo al decimo round, decide di combatterlo sostituendo Anubi; oltre a ciò, decide di fondere e rielaborare la propria arma grazie agli sforzi congiunti dei fabbri di spade umani (Yasutsuna Hoki, Munechika Sanjo e Kunitsuna Awataguchi) e i fabbri degli dèi (Kanayagoshin ed Efesto) nella katana Onikiri Ame-no-Murakumo, affermando che non esiste lama migliore ed è la più adatta contro il suo avversario.
Odino (オーディン?, Ōdin)
Doppiato da: Shō Hayami[4] (ed. giapponese), Roberto Fidecaro (ed. italiana)
Re degli dèi nordici e padre di Thor. Si mostra come un uomo di mezza età molto alto, robusto e con barba, capelli e vesti bianche (nere nell'anime). È sempre in compagnia dei suoi due corvi Huginn e Muninn che parlano al suo posto. Si presenta sugli spalti degli altri dèi superiori assistendo al Ragnarok. Dopo la fine del sesto incontro, Odino sorprende Belzebù nella sua stanza in quanto ha capito che c'è lui dietro l'apparizione di Hajun, affermando che stava aspettando da molto tempo la preparazione del Ragnarok e non permetterà a nessuno di interromperlo.
Loki (ロキ?, Roki)
Doppiato da: Yoshitsugu Matsuoka[4] (ed. giapponese), Mirko Cannella (ed. italiana)
Dio norreno degli inganni e nipote di Odino, contraddistinto da un comportamento molto ambiguo e ama prendersi gioco di tutti. Trova divertente il piano di Brunilde nel far combattere gli dèi contro gli umani, convinto che non ci sia possibilità per i mortali di sconfiggere una divinità. La caduta di Poseidone stravolge le sue convinzioni, ma il dio continua a divertirsi dietro le quinte, per vedere chi sarà il prossimo a essere sconfitto. Intuisce la vera natura dei völundr e per questo si confronta con Buddha, la cui filosofia rispecchia il concetto delle armi delle Valchirie, e lo accusa di tradimento, tentando di linciarlo con l'aiuto di Bishamonten. I suoi poteri comprendono il mutare forma, la levitazione e la creazione di portali, con cui può teletrasportarsi e anche evocare dal palmo delle mani due uncini legati a una catena.
Anubis (アヌビス?, Anubisu)
Dio egizio dei riti funerari, protettore delle tombe e guida degli inferi. Ha l'aspetto di un ragazzo dalla pelle scura con i capelli raccolti in una treccia e porta un copricapo che raffigura il volto di uno sciacallo, oltre ad avere unghie e canini lunghi. Come lascia trasparire il suo aspetto Anubis è estremamente energico e infantile, incline a correre a quattro zampe e a ripetere brevi frasi quando si sente particolarmente felice o irritato, rispettivamente festeggiando o arrabbiandosi immediatamente. Sceglie di combattere nel decimo round ma viene fatto desistere da Susano'o.
Hermes (ヘルメス?, Herumesu)
Doppiato da: Jun'ichi Suwabe[4] (ed. giapponese), Massimo Triggiani (ed. italiana)
È il decimo delle dodici divinità greche e assistente personale di Zeus (tant'è vero che è vestito da maggiordomo). È estremamente intelligente ed è un esperto tattico, spiegando alle volte tecniche e mosse che nemmeno il fratello Ares riesce a comprendere. Intuisce per primo la vera natura dei völundr, che confida a Zeus.
Huginn e Muninn (フギン ムニン?)
Doppiati da: Taisuke Nakano e Tomohiro Yamaguchi (ed. giapponese), Raffaele Proietti e Alessio Cerchi (ed. italiana)
Sono i due corvi di Odino, rispettivamente di colore bianco e nero, posti sulle sue spalle e fungono come suoi intermediari. All'inizio del Ragnarok rimangono sbalorditi per come un umano come Lü Bu riesca a tenere testa a Thor, per poi rimanere ammutoliti, come gli altri dèi, davanti alla sconfitta di Poseidone.
Ares (アレス?, Aresu)
Doppiato da: Hinata Tadakoro[4] (ed. giapponese), Raffaele Carpentieri (ed. italiana)
È il dio della guerra, il sesto delle dodici divinità greche, figlio di Zeus, e assiste agli scontri dagli spalti insieme a Hermes. Risulta essere particolarmente ottuso, spesso incapace di comprendere le dinamiche degli scontri se non dopo le spiegazioni di altri dei presenti con lui, come Hermes o Loki. È un caro amico di Eracle, da lui affrontato quando cercò di sterminare la città di Tebe come monito all'umanità quattromila anni prima. Come molti altri piange la morte dell'amico quando questi muore per mano di Jack, ma raccogliendone l'eredità sceglie di affrontare a viso aperto gli ostacoli.
Afrodite (アフロディテ?, Afurodite)
Doppiata da: Rie Tanaka[4] (ed. giapponese), Monica Volpe (ed. italiana)
Dea greca dell'amore e della bellezza, si mostra al consiglio degli dèi votando per l'estinzione del genere umano osservando come essi hanno rovinato il pianeta, per poi assistere ai vari incontri del Ragnarok. Si mostra come una donna molto attraente, con capelli corti, ricci e biondi adornati con alcuni fiori e un seno molto grande.
Incubus (インキュバス?, Inkyubasu)
Demone dei sogni e della lussuria, è attratto in modo ossessivo da Brunilde, tanto che tenta di farla sua salvo poi venire sconfitto da Thor sotto lo sguardo indifferente della Valchiria. Disprezza gli dèi, considerandoli egoisti e crudeli. È assente nell'anime.
Heimdall (ヘイムダル?, Heimudaru)
Doppiato da: Yukihiro Nozuyama[4] (ed. giapponese), Stefano Macchi (ed. italiana)
Guardiano dell'apocalisse, è l'arbitro che commenta gli esiti dello scontro tra umani e dèi attraverso il suo corno Gjallarhorn. Assiste fin dal primo incontro alle capacità degli umani, e ben presto inizia anche a stupirsi delle loro prime vittorie. Si comporta come un presentatore televisivo e gli piace apparire in modi diversi.
Adamas (アダマス?, Adamasu) / Adamantine (アダマンティン?, Adamantin)
Dio greco della conquista, contraddistinto da diverse linee che ne ricoprono il corpo e armato di una falce. Dopo la vittoria di Zeus nella Titanomachia ed essere stato riconosciuto come re del cosmo, Adamas decise di spodestarlo dato che, in quanto fratello maggiore, quel posto sarebbe dovuto spettare a lui, e nonostante avesse un carattere egocentrico e violento era anche molto carismatico, riuscendo a portare dalla sua parte 49 membri del consiglio di Zeus e i loro vecchi nemici come i Titani, i Giganti e il mostro Tifone. Venne, tuttavia, fermato da Poseidone, che lo ferì mortalmente e ordinò che venisse cancellato dalla storia, portando il numero delle maggiori divinità greche da tredici a dodici. All'insaputa della maggior parte delle divinità, però, Adamas riuscì a sopravvivere quando Ade lo portò da Belzebù che lo rese un cyborg, dandogli il nome Adamantine e restando con lui nell'Helheim. Ricompare durante il settimo round sugli spalti degli dèi, ma la sconfitta di Ade, che amava incondizionatamente, lo porta a voler uccidere Qin Shi Huang. Si imbatte in Brunilde e Göll, e al rifiuto di quest'ultime di dirgli dove si trova l'imperatore cinese le minaccia prima di essere fermato in tempo da Belzebù, dicendogli che Ade non avrebbe mai approvato una cosa del genere. Pur convinto a fermarsi, Adamantine promette che si sarebbe vendicato alla fine del Ragnarok.

Record of Ragnarok è scritto da Shinya Umemura e Takumi Fukui e illustrato da Chika Aji. Viene serializzato dal 25 novembre 2017 sulla rivista mensile Zenon edita da Coamix (precedentemente pubblicata da Tokuma Shoten). I capitoli vengono raccolti in volumi tankōbon dal 19 maggio 2018[5]. Al 20 luglio 2024 sono stati distribuiti ventidue volumi[6].

Uno spin-off intitolato Record of Ragnarok: The Legend of Lu Bu Fengxiang (終末のワルキューレ異聞 呂布奉先飛将伝?, Shūmatsu no Valkyrie: Ryo Fu hō sen hishōden) è stato serializzato dal 25 ottobre 2019[7] al 25 novembre 2022[8] sempre su Zenon. I capitoli sono stati raccolti in sette volumi tankōbon pubblicati dal 20 aprile 2020[9] al 20 dicembre 2022[10].

Un altro spin-off intitolato Record of Ragnarok - Lo strano caso di Jack lo squartatore (終末のワルキューレ奇譚 ジャック・ザ・リッパーの事件簿?, Shūmatsu no Warukyūre kitan - Jakku za Rippā no jikenbo) e incentrato sul personaggio di Jack lo squartatore, viene serializzato dal 25 ottobre 2022 su Monthly Comic Zenon[11]. I capitoli sono stati raccolti in cinque volumi tankōbon pubblicati dal 20 marzo 2023[12] al 20 luglio 2024[6].

Un ulteriore spin-off dal titolo Shūmatsu no Walküre kinden: Kamigami no Apocalypse (終末のワルキューレ禁伝神々の黙示録(アポカリプス)?, Shūmatsu no Warukyūre kinden kamigami no Apokaripusu) che vede il punto di vista degli dei, viene serializzato dal 25 giugno 2024 su Monthly Comic Zenon[13].

In Italia la serie principale viene pubblicata da Star Comics nella collana Action dal 21 ottobre 2020[14]. La stessa casa editrice pubblica lo spin-off dedicato a Jack lo squartatore sempre nella collana Action dal 14 maggio 2024[15].

Record of Ragnarok
[modifica | modifica wikitesto]
Data di prima pubblicazione
GiapponeseItaliano
119 maggio 2018[5][16]ISBN 978-4-19-980495-3 21 ottobre 2020[14]ISBN 978-88-226-1995-2
Capitoli
  • Capitoli 1-4
220 settembre 2018[17][18]ISBN 978-4-19-980517-2 16 dicembre 2020[19]ISBN 978-88-226-2042-2
Capitoli
  • Capitoli 5-9
320 marzo 2019[20][21]ISBN 978-4-19-980557-8 17 febbraio 2021[22]ISBN 978-88-226-2102-3
Capitoli
  • Capitoli 10-14
420 luglio 2019[23][24]ISBN 978-4-19-980581-3 14 aprile 2021[25]ISBN 978-88-226-2215-0
Capitoli
  • Capitoli 15-18
520 novembre 2019[26][27]ISBN 978-4-19-980603-2 16 giugno 2021[28]ISBN 978-88-226-2291-4
Capitoli
  • Capitoli 19-21
620 aprile 2020[29]ISBN 978-4-86720-119-0 15 settembre 2021[30]ISBN 978-88-226-2554-0
Capitoli
  • Capitoli 22-25
719 giugno 2020[31]ISBN 978-4-86720-155-8 17 novembre 2021[32]ISBN 978-88-226-2742-1
Capitoli
  • Capitoli 26-29
819 settembre 2020[33]ISBN 978-4-86720-168-8 16 febbraio 2022[34]ISBN 978-88-226-2970-8
Capitoli
  • Capitoli 30-33
919 dicembre 2020[35]ISBN 978-4-86720-187-9 13 aprile 2022[36]ISBN 978-88-226-3036-0
Capitoli
  • Capitoli 34-37
1018 marzo 2021[37]ISBN 978-4-86720-204-3 15 giugno 2022[38]ISBN 978-88-226-3266-1
Capitoli
  • Capitoli 38-41
1118 giugno 2021[39]ISBN 978-4-86720-240-1 14 settembre 2022[40]ISBN 978-88-226-3400-9
Capitoli
  • Capitoli 42-45
1218 settembre 2021[41]ISBN 978-4-86720-263-0 16 novembre 2022[42]ISBN 978-88-226-3625-6
Capitoli
  • Capitoli 46-49
1320 dicembre 2021[43]ISBN 978-4-86720-285-2 18 gennaio 2023[44]ISBN 978-88-226-3765-9
Capitoli
  • Capitoli 50-53
1419 marzo 2022[45]ISBN 978-4-86720-316-3 15 marzo 2023[46]ISBN 978-88-226-3883-0
Capitoli
  • Capitoli 54-57
1520 giugno 2022[47]ISBN 978-4-86720-389-7 (ed. regolare)
ISBN 978-4-86720-390-3 (ed. limitata)
17 maggio 2023[48][49]ISBN 978-88-226-4058-1 (ed. regolare)
ISBN 978-88-226-4123-6 (ed. limitata)
Capitoli
  • Capitoli 58-61
1620 settembre 2022[50]ISBN 978-4-86720-415-3 (ed. regolare)
ISBN 978-4-86720-416-0 (ed. limitata)
16 agosto 2023[51]ISBN 978-88-226-4195-3
Capitoli
  • Capitoli 62-66
1720 dicembre 2022[10]ISBN 978-4-86720-446-7 (ed. regolare)
ISBN 978-4-86720-447-4 (ed. limitata)
18 ottobre 2023[52]ISBN 978-88-226-4272-1
Capitoli
  • Capitoli 67-70
1820 marzo 2023[53]ISBN 978-4-86720-480-1 (ed. regolare)
ISBN 978-4-86720-481-8 (ed. limitata)
23 gennaio 2024[54]ISBN 978-88-226-4466-4
Capitoli
  • Capitoli 71-74
1920 luglio 2023[55]ISBN 978-4-86720-522-8 (ed. regolare)
ISBN 978-4-86720-523-5 (ed. limitata)
7 maggio 2024[56]ISBN 978-88-226-4902-7 (ed. regolare)
ISBN 978-88-226-4933-1 (ed. limitata)
Capitoli
  • Capitoli 75-78
2020 novembre 2023[57]ISBN 978-4-86720-585-3 (ed. regolare)
ISBN 978-4-86720-586-0 (ed. limitata)
9 luglio 2024[58]ISBN 978-88-226-5009-2
Capitoli
  • Capitoli 79-82
2119 marzo 2024[59]ISBN 978-4-86720-626-3
Capitoli
  • Capitoli 83-86
2220 luglio 2024[6]ISBN 978-4-86720-671-3
Capitoli
  • Capitoli 87-90
Record of Ragnarok: The Legend of Lu Bu Fengxiang
[modifica | modifica wikitesto]
Data di prima pubblicazione
Giapponese
120 aprile 2020[9]ISBN 978-4-86-720120-6
219 settembre 2020[60]ISBN 978-4-86-720169-5
319 dicembre 2020[61]ISBN 978-4-86-720188-6
418 giugno 2021[62]ISBN 978-4-86-720243-2
520 dicembre 2021[43]ISBN 978-4-86-720286-9
620 giugno 2022[47]ISBN 978-4-86-720391-0
720 dicembre 2022[10]ISBN 978-4-86-720448-1
Record of Ragnarok - Lo strano caso di Jack lo squartatore
[modifica | modifica wikitesto]
Data di prima pubblicazione
GiapponeseItaliano
120 marzo 2023[12]ISBN 978-4-86720-482-5 14 maggio 2024[15]ISBN 978-88-226-4922-5
Capitoli
  • Capitoli 1-4
220 luglio 2023[63]ISBN 978-4-86720-524-2 3 settembre 2024[64]ISBN 978-88-226-4929-4
Capitoli
  • Capitoli 5-11
320 novembre 2023[65]ISBN 978-4-86720-587-7
Capitoli
  • Capitoli 12-18
419 marzo 2024[66]ISBN 978-4-86720-627-0
Capitoli
  • Capitoli 19-24
520 luglio 2024[6]ISBN 978-4-86720-666-9
Capitoli
  • Capitoli 25-30
Logo originale della serie

A dicembre 2020, è stato annunciato che la serie riceverà un adattamento anime prodotto dalla Warner Bros. Japan e animata da Graphinica. È stato diretto da Masao Ōkubo, con la sceneggiatura scritta da Kazuyuki Fudeyasu, il character design di Masaki Saito e la musica composta da Yasuharu Takanashi. Concessa in licenza da Netflix, la serie è stato pubblicata globalmente il 17 giugno 2021 sul servizio di streaming[3][67][68][69][70]. La sigla d'apertura è Kamigami (KAMIGAMI-神噛? lett. "Dei/Dio mordente") cantata dal gruppo Maximum the Hormone[67] mentre quella di chiusura è Fukashi (不可避? lett. "Inevitabile") cantata da SymaG[4].

Una seconda stagione è stata annunciata nel corso dell'agosto 2021[71][72]. I membri principali dello staff della prima stagione sono tornati a ricoprire i medesimi ruoli, con Yumeta Company che produce la serie insieme a Graphinica e Yuka Yamada che scrive le sceneggiature insieme a Fudeyasu[73]. La stagione è composta da 15 episodi, con i primi 10 usciti il 26 gennaio 2023, mentre i restanti 5 verranno resi disponibili nel corso dello stesso anno[74]. La sigla d'apertura è Rude, Loose Dance (ルードルーズダンス?, Rūdo Rūzu Dansu) di Minami mentre quella di chiusura è Inori (? lett. "Preghiera") di Masatoshi Ono[75].

Prima stagione
[modifica | modifica wikitesto]
Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
In onda
Giapponese[76]Italiano
1Il Ragnarok
「ラグナロク」 - Ragunaroku
17 giugno 2021
17 giugno 2021
2Un valente avversario
「好敵手」 - Kōtekishu
17 giugno 2021
17 giugno 2021
3Mossa letale
「必殺技」 - Hissatsu waza
17 giugno 2021
17 giugno 2021
4È stato un piacere
「歓喜」 - Kanki
17 giugno 2021
17 giugno 2021
5FILE N. 00000000001
「File No.00000000001」
17 giugno 2021
17 giugno 2021
6Il grande imitatore
「華麗なる模倣」 - Karei naru mohō
17 giugno 2021
17 giugno 2021
7La cacciata del Paradiso
「楽園追放」 - Rakuen tsuihō
17 giugno 2021
17 giugno 2021
8Grazia che abbonda
「あふれる愛」 - Afureru ai
17 giugno 2021
17 giugno 2021
9Il tiranno dei mari
「大海の暴君」 - Taikai no bōkun
17 giugno 2021
17 giugno 2021
10Il perdente più forte
「最強の敗者」 - Saikyō no haisha
17 giugno 2021
17 giugno 2021
11Lo sguardo della rondine verso l'abisso
「燕が見た深淵」 - Tsubame ga mita shin'en
17 giugno 2021
17 giugno 2021
12E il Ragnarok continua
「そしてラグナロクはつづく」 - Soshite Ragunaroku wa tsuzuku
17 giugno 2021
17 giugno 2021
Seconda stagione
[modifica | modifica wikitesto]
Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
In onda
Giapponese[77]Italiano
1La battaglia tra il bene e il male
「正義VS悪!」 - Seigi vs. aku
26 gennaio 2023
26 gennaio 2023
2L'indomabile dio della guerra
「不屈の闘神」 - Fukutsu no tōshin
26 gennaio 2023
26 gennaio 2023
3Il ponte di Londra
「怪物の誕生」 - Kaibutsu no tanjō
26 gennaio 2023
26 gennaio 2023
4L'ultima fatica
「最後の御業」 - Saigo no miwaza
26 gennaio 2023
26 gennaio 2023
5Requiem
「鎮魂」 - Chinkon
26 gennaio 2023
26 gennaio 2023
6Conflitti
「それぞれの思惑」 - Sorezore no omowaku
26 gennaio 2023
26 gennaio 2023
7I 100 blocchi
「百閉」 - Hyakuhei
26 gennaio 2023
26 gennaio 2023
8La vetta dei 1116
「1116の天辺」 - Senhyakujūroku no teppen
26 gennaio 2023
26 gennaio 2023
9Risonanza
「共鳴」 - Kyōmei
26 gennaio 2023
26 gennaio 2023
10L'orlo del baratro
「崖っぷち」 - Gakeppuchi
26 gennaio 2023
26 gennaio 2023
11Sesto incontro12 luglio 2023
12 luglio 2023
12Zero12 luglio 2023
12 luglio 2023
13La pubertà più forte della storia12 luglio 2023
12 luglio 2023
14La leggenda degli inferi12 luglio 2023
12 luglio 2023
15La via della luce12 luglio 2023
12 luglio 2023

Record of Ragnarok si è classificato quinto nella guida Kono manga ga sugoi! 2019 di Takarajimasha nella categoria delle venti migliori serie manga per lettori di sesso maschile[78]. La serie si è classificata al quinto posto nella classifica "Fumetti consigliati dai dipendenti della libreria nazionale del 2018"[79]. Si è classificato al dodicesimo posto nella classifica "Fumetti consigliati dagli impiegati della libreria nazionale del 2020"[80]. Nel 2019, il manga si è classificato ventesimo al 5° Tsugi ni Kuru Manga Awards nella categoria Stampa[81]. A marzo 2021, il manga aveva oltre 6 milioni di copie in circolazione[82].

Nell'ottobre 2020, Rajan Zed, il presidente della Universal Society of Hinduism Rajan, ha rilasciato una dichiarazione indirizzata a Coamix, criticando la raffigurazione delle divinità indù nei manga e ha esortato la compagnia "a non banalizzare Siva e altri dei e dee indù altamente venerati nelle sue pubblicazioni manga"[83].

  1. ^ (JA) 偉人13名が人類存亡を懸けて神と闘う「終末のワルキューレ」ゼノン新連載, su natalie.mu, Natalie, 25 novembre 2017. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  2. ^ Record of Ragnarok: rivelato il numero totale degli episodi dell'anime, su anime.everyeye.it, Anime Everyeye, 30 dicembre 2020.
  3. ^ a b c d (EN) Adriana Hazra, Record of Ragnarok Manga Gets Anime in 2021, in Anime News Network, 18 dicembre 2020. URL consultato il 16 maggio 2021.
  4. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Alex Mateo, Record of Ragnarok Anime Reveals 12 Cast Members, Visual, Ending Theme Artist, in Anime News Network, 15 marzo 2021. URL consultato il 16 maggio 2021.
  5. ^ a b (JA) 終末のワルキューレ ①, su tokuma.jp, Tokuma Shoten. URL consultato il 18 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2020).
  6. ^ a b c d (JA) 【7月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 luglio 2024. URL consultato il 20 luglio 2024.
  7. ^ (EN) Alex Mateo, Shūmatsu no Walküre Gets Spinoff Manga in October, in Anime News Network, 24 settembre 2019. URL consultato il 28 dicembre 2022.
  8. ^ (EN) Alex Mateo, Record of Ragnarok's Lu Bu Spinoff Manga Ends in 7th Volume in December (Updated), in Anime News Network, 20 giugno 2022. URL consultato il 28 dicembre 2022.
  9. ^ a b (JA) 【4月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 aprile 2020. URL consultato il 16 maggio 2021.
  10. ^ a b c (JA) 【12月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 dicembre 2022. URL consultato il 28 dicembre 2022.
  11. ^ (EN) Rafael Antonio Pineda, Record of Ragnarok Manga Gets New Spinoff About Jack the Ripper, in Anime News Network, 27 settembre 2022. URL consultato il 15 giugno 2024.
  12. ^ a b (JA) 【3月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 marzo 2023. URL consultato il 15 giugno 2024.
  13. ^ (EN) Anita Tai, Record of Ragnarok Manga Gets New Spinoff From Gods' Perspective, in Anime News Network, 26 maggio 2024. URL consultato il 15 giugno 2024.
  14. ^ a b Record of Ragnarok n.1, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 7 novembre 2020.
  15. ^ a b Record of Ragnarok - Lo strano caso di Jack lo squartatore 1, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 15 giugno 2024.
  16. ^ (JA) 【5月19日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 19 maggio 2018. URL consultato il 18 novembre 2021.
  17. ^ (JA) 終末のワルキューレ ②, su tokuma.jp, Tokuma Shoten. URL consultato il 18 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2020).
  18. ^ (JA) 【9月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 settembre 2018. URL consultato il 18 novembre 2021.
  19. ^ Record of Ragnarok n.2, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 7 novembre 2020.
  20. ^ (JA) 終末のワルキューレ ③, su tokuma.jp, Tokuma Shoten. URL consultato il 18 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2020).
  21. ^ (JA) 【3月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 marzo 2019. URL consultato il 18 novembre 2021.
  22. ^ Record of Ragnarok n.3, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 16 maggio 2021.
  23. ^ (JA) 終末のワルキューレ ④, su tokuma.jp, Tokuma Shoten. URL consultato il 18 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2020).
  24. ^ (JA) 【7月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 luglio 2019. URL consultato il 18 novembre 2021.
  25. ^ Record of Ragnarok n.4, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 16 maggio 2021.
  26. ^ (JA) 終末のワルキューレ ⑤, su tokuma.jp, Tokuma Shoten. URL consultato il 18 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2020).
  27. ^ (JA) 【11月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 novembre 2019. URL consultato il 18 novembre 2021.
  28. ^ Record of Ragnarok n.5, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 16 maggio 2021.
  29. ^ (JA) 【4月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 aprile 2020. URL consultato il 18 novembre 2021.
  30. ^ Record of Ragnarok n.6, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 15 luglio 2021.
  31. ^ (JA) 【6月19日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 19 giugno 2020. URL consultato il 18 novembre 2021.
  32. ^ Record of Ragnarok n.7, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 14 settembre 2021.
  33. ^ (JA) 【9月19日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 19 settembre 2020. URL consultato il 18 novembre 2021.
  34. ^ Record of Ragnarok n.8, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 9 dicembre 2021.
  35. ^ (JA) 【12月19日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 19 dicembre 2020. URL consultato il 18 novembre 2021.
  36. ^ Record of Ragnarok n.9, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 20 febbraio 2022.
  37. ^ (JA) 【3月18日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 18 marzo 2021. URL consultato il 18 novembre 2021.
  38. ^ Record of Ragnarok n.10, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato l'8 aprile 2022.
  39. ^ (JA) 【6月18日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 18 giugno 2021. URL consultato il 18 novembre 2021.
  40. ^ Record of Ragnarok n.11, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 9 luglio 2022.
  41. ^ (JA) 【9月18日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 18 settembre 2021. URL consultato il 18 novembre 2021.
  42. ^ Record of Ragnarok n.12, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 9 settembre 2022.
  43. ^ a b (JA) 【12月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 dicembre 2021. URL consultato il 20 dicembre 2021.
  44. ^ Record of Ragnarok n.13, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 17 novembre 2022.
  45. ^ (JA) 【3月19日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 19 marzo 2022. URL consultato il 19 marzo 2022.
  46. ^ Record of Ragnarok n.14, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 10 gennaio 2023.
  47. ^ a b (JA) 【6月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 giugno 2022. URL consultato il 9 luglio 2022.
  48. ^ Record of Ragnarok n.15, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato l'11 marzo 2023.
  49. ^ Record of Ragnarok n.15 Limited Edition con 3 set di sticker, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato l'11 marzo 2023.
  50. ^ (JA) 【9月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 settembre 2022. URL consultato il 28 dicembre 2022.
  51. ^ Record of Ragnarok n.16, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 13 giugno 2023.
  52. ^ Record of Ragnarok n.17, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 2 agosto 2023.
  53. ^ (JA) 【3月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 marzo 2023. URL consultato il 28 marzo 2023.
  54. ^ Record of Ragnarok n.18, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 14 novembre 2023.
  55. ^ (JA) 【7月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 luglio 2023. URL consultato il 24 luglio 2023.
  56. ^ Bundle Record of Ragnarok n.19 + Record of Ragnarok - Lo strano caso di Jack lo squaratore n.1, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 10 marzo 2024.
  57. ^ (JA) 【11月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 novembre 2023. URL consultato il 3 febbraio 2024.
  58. ^ Record of Ragnarok n.20, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 12 maggio 2024.
  59. ^ (JA) 【3月19日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 19 marzo 2024. URL consultato il 26 aprile 2024.
  60. ^ (JA) 【9月19日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 19 settembre 2020. URL consultato il 16 maggio 2021.
  61. ^ (JA) 【12月19日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 19 dicembre 2020. URL consultato il 16 maggio 2021.
  62. ^ (JA) 【6月18日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 18 giugno 2021. URL consultato il 17 novembre 2021.
  63. ^ (JA) 【7月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 luglio 2023. URL consultato il 15 giugno 2024.
  64. ^ Record of Ragnarok - Lo strano caso di Jack lo squartatore 2, su starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 15 giugno 2024.
  65. ^ (JA) 【11月20日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 20 novembre 2023. URL consultato il 15 giugno 2024.
  66. ^ (JA) 【3月19日付】本日発売の単行本リスト, in Natalie, 19 marzo 2024. URL consultato il 15 giugno 2024.
  67. ^ a b (JA) 神VS人間のタイマン勝負「終末のワルキューレ」アニメ化!キャスト、PVなど一挙解禁, in Natalie, 19 dicembre 2020. URL consultato il 16 maggio 2021.
  68. ^ (EN) Alex Mateo, Record of Ragnarok Anime's Promo Video Unveils Worldwide June Debut on Netflix, in Anime News Network, 26 marzo 2021. URL consultato il 16 maggio 2021.
  69. ^ (EN) Alex Mateo, Record of Ragnarok Anime Unveils Trailer, Cast, Visual, June 17 Global Debut on Netflix, in Anime News Network, 24 maggio 2021. URL consultato il 26 maggio 2021.
  70. ^ Roberto Addari, Record of Ragnarok – nuovi trailer, visual e data di uscita su Netflix, in MangaForever, 25 maggio 2021. URL consultato il 25 maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2021).
  71. ^ (EN) Rafael Antonio Pineda, Record of Ragnarok Anime Gets 2nd Season, in Anime News Network, 17 agosto 2021. URL consultato il 18 agosto 2021.
  72. ^ Roberto Addari, Record of Ragnarok – annunciata la stagione 2, in MangaForever, 18 agosto 2021. URL consultato il 18 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2021).
  73. ^ (EN) Adriana Hazra, Record of Ragnarok Anime's 2nd Season Reveals New Trailer, Staff, in Anime News Network, 2 luglio 2022. URL consultato il 27 gennaio 2023.
  74. ^ (EN) Rafael Antonio Pineda, Record of Ragnarok Anime's 2nd Season Reveals 2023 Netflix Debut, in Anime News Network, 19 giugno 2022. URL consultato il 27 gennaio 2023.
  75. ^ (EN) Egan Loo, Record of Ragnarok Season II's New Video Reveals Song Artists, 15-Episode Length, January 26 Debut, in Anime News Network, 24 novembre 2022. URL consultato il 27 gennaio 2023.
  76. ^ (JA) ONAIR, su ragnarok-official.com. URL consultato il 27 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2021).
  77. ^ (JA) 第2弾PVを公開!, 24 gennaio 2023. URL consultato il 27 gennaio 2023.
  78. ^ (EN) Rafael Antonio Pineda, Kono Manga ga Sugoi! Reveals 2019's Series Ranking for Male Readers, in Anime News Network, 10 dicembre 2018. URL consultato il 16 maggio 2021.
  79. ^ (EN) Karen Ressler, Japan's Bookstore Employees Rank Top Manga of 2018, in Anime News Network, 4 febbraio 2019. URL consultato il 16 maggio 2021.
  80. ^ (EN) Alex Mateo, Japanese Bookstores Recommend 15 Top Manga for 2020, in Anime News Network, 1º febbraio 2020. URL consultato il 16 maggio 2021.
  81. ^ (EN) Lynzee Loveridge, SPY × FAMILY, Kusuriya no Hitorigoto Win Tsugi ni Kuru Manga Award 2019, in Anime News Network, 22 agosto 2019. URL consultato il 16 maggio 2021.
  82. ^ (JA) アニメ『終末のワルキューレ』斉藤壮馬、田中理恵ら12名のキャスト発表, in Dengeki Online, 15 marzo 2021. URL consultato il 16 maggio 2021.
  83. ^ (EN) Adriana Hazra, Hindu U.S. Statesman Objects to Depiction of Deities in Manga, in Anime News Network, 15 ottobre 2020. URL consultato il 16 maggio 2021.

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
Manga
Anime
  Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga