Femme Fatale Tour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Femme Fatale Tour
Femme Fatale Vancouver 13.jpg
Britney Spears durante l'esibizione di ...Baby One More Time a Vancouver
Tour di Britney Spears
Album Femme Fatale
Inizio Stati Uniti Sacramento
16 giugno 2011
Fine Porto Rico San Juan
10 dicembre 2011
Tappe 5
Spettacoli
Cronologia dei tour di Britney Spears
The Circus: Starring Britney Spears
(2009)
Britney: Piece of Me
(2013-2017)

The Femme Fatale Tour è il sesto tour della cantante statunitense Britney Spears a supporto del suo settimo album in studio Femme Fatale. Il tour è iniziato il 16 giugno 2011 a Sacramento per proseguire in Europa e nel Sudamerica.

Durante un'intervista con Ryan Seacrest nel suo programma On Air with Ryan Seacrest avvenuta il 4 marzo 2011, Britney Spears ha affermato che avrebbe fatto un tour nell'estate 2011 in Nordamerica per la promozione di Femme Fatale.[1] Il 29 marzo 2011, dopo la sua esibizione a Good Morning America, ha annunciato che sarebbe stata in tour con Enrique Iglesias a partire da giugno. Poche ore dopo l'annuncio, la rivista musicale Billboard ha confermato che Enrique Iglesias si era ritirato dal tour. Ray Wedell, un giornalista di Billboard, ha spiegato le ragioni di questa scelta del cantante, ossia il fatto che Britney sarebbe stata subito annunciata da tutti i giornali e le riviste come la star, mentre lui semplicemente come colui che avrebbe aperto i concerti.[2] Lo stesso giorno, furono annunciate le prime ventisei date.[3] Il 12 aprile 2011 furono annunciati i nomi degli artisti che avrebbero aperto i concerti. La stessa Spears ha affermato: "Questo è il Femme Fatale Tour e sono entusiasta che Nicki Minaj, Jessie and the Toy Boys e i The Nervo Twins si aggreghino a me e portino tutti sulla pista da ballo. Non vedo l'ora di portare le femme fatale on the road." I biglietti sono stati messi in vendita a partire dal 30 aprile sui siti Ticketmaster e Live Nation riscuotendo un grande successo.[4] A marzo 2011, il manager di Britney Spears, Larry Rudolph, ha definito a MTV News il tour come "una sensazione post-apocalittica", aggiungendo che "Till The World Ends continua ad essere una colonna sonora per noi." Ha inoltre confermato il nome del direttore del tour: Jamie King.[5]

Il tour è stato diretto da Jamie King che ha ingaggiato nuovi coreografi per il tour, ma per le performance di Hold It Against Me, Till the World Ends e I'm a Slave 4 U sono rimaste le coreografie originali fatte dal coreografo Brian Friedman. Il palco ha una forma triangolare ed una grande fascia verticale all'estremo collegata ad un secondo palco di forma circolare per permettere alla Spears di avvicinarisi ai fan. Sul palco ci sono dei grandi schermi nei quali vengono trasmesse le immagini dei Video Interlude e le riprese in diretta del tour e davanti è posizionata una grande scritta con il titolo Femme Fatale. Per alcune performance sono stati usati diversi oggetti scenografici come una sedia elettrica, delle gabbie in metallo, una piattaforma volante, una gigantesca altalena, un'automobile, delle barche ispirate all'Egitto, degli amplificatori giganti e un'enorme chitarra elettrica argentata sulla quale la Spears si esibiva in una cover di Madonna, un paio di ali bianche di due metri ciascuna, le quali venivano utilizzate alla fine del concerto mentre Britney si alzava in volo verso il pubblico, sono stati usati giochi pirotecnici e fuochi d'artificio durante alcune canzoni del concerto. La scaletta è composta da ventidue canzoni, fra cui 9 tracce estratte da Femme Fatale e altri grandi successi passati della cantante. In America gli show sono stati aperti dalla rapper Nicki Minaj che ha cantato anche la versione remix di Till the World Ends nella tappa a Los Angeles e da DJ Pauly D, mentre le tappe in New Jersey saranno aperte da Joe Jonas e in Europa ad aprire gli show saranno Jessie and The Toy Boys e Nervo. Nella tappa di Los Angeles, oltre a Nicki Minaj, si è esibita live insieme a Britney la rapper Sabi. In Argentina, a La Plata ad aprire il suo concerto è stato il gruppo pop argentino TeenAngels. In Europa ad aprire il concerto è stato il duo femminile delle "Destinee & Paris", invece negli show inglesi il cantante Joe Jonas.

Il Femme Fatale Tour è uno dei tour più lunghi della carriera di Britney Spears, questo è dovuto al fatto che la Spears dichiarò in un'intervista che le sarebbe piaciuto visitare parti del mondo a lei ancora sconosciute ed incontrare i fan di tutto il mondo affermando: "È incredibile l'energia dei miei fans, sono così tanti e così accoglienti che volevo dare l'opportunità di vedermi a tutti anche al di f uori dell Europa e degli U.S.A., ho un contatto molto stretto con loro sono la mia fonte d' ispirazione per tutto, fanno parte di me e quindi della mia quotidianità!"

Nelle date del 13 e 14 agosto all'Air Canada Centre di Toronto l'emittente televisiva Epix HD ha ripreso l'intero show in alta qualità 1080p full HD e verrà pubblicata a novembre.

Il giorno successivo Britney Spears stessa annunciò tramite Twitter che lo show ripreso la notte precedente sarebbe stato distribuito in DVD sia in 3D che in 2D. Tale DVD è stato pubblicato dalla Epix il 21 novembre 2011, ma lo spettacolo è stato mandato in onda su Epix HD il 12 novembre 2011, nove giorni prima dell'effettiva pubblicazione del DVD.

Il Tour è riuscito ad incassare oltre 70 milioni di dollari, nonostante le molte critiche rivolte alla cantante per la sua presenza scenica visibilmente sbiadita e stanca rispetto a tutti i tour precedenti.

Artisti d'apertura[modifica | modifica wikitesto]

Nicki Minaj in apertura del concerto
  1. "Roman's Revenge"
  2. "Did It On'em"
  3. "Up All Night"
  4. Bottoms Up"
  5. "My Chick Bad"
  6. "Your Love" (Interlude)
  7. "Fly"
  8. "Raining Men"
  9. "Muny"
  10. "Monster"
  11. "Save Me"
  12. "Anywhere Is"
  13. "BedRock"
  14. "Check It Out"
  15. "Letting Go (Dutty Love)"
  16. "Where Them Girls At"
  17. "Raggae Medley"
  18. "Book of Days" (Interlude)
  19. "Moment 4 Life"
  20. "Super Bass"

Scaletta[modifica | modifica wikitesto]

  • 1 ACT
  1. "Hold It Against Me"
  2. "Up N' Down"
  3. "3"
  4. "Piece of Me"
  • 2 ACT
  1. "Big Fat Bass"
  2. "How I Roll"
  3. "Lace and Leather"
  4. "If U Seek Amy" (Versione Cabaret)
  • 3 ACT
  1. "Gimme More"
  2. "(Drop Dead) Beautiful" (cantata con Sabi in alcune date del Nord America)
  3. "He About to Lose Me" (cantata in alcune date del Nord America a partire dall'11 luglio 2011)
  4. "Don't Let Me Be the Last to Know"
  5. "Boys" (The Co-Ed Remix)
  • 4 ACT
  1. "...Baby One More Time/ "S&M"
  2. "Trouble For Me"
  3. "I'm a Slave 4 U"
  4. "Burning Up" (Cover di Madonna, cantata in poche date del tour a partire dall'11 luglio 2011)
  5. "I Wanna Go"
  6. "Womanizer" (Trance Remix)
  • 5 ACT
  1. "Toxic"
  2. "Till the World Ends (contiene elementi del "The Femme Fatale Remix", in alcune date del Nord America eseguita con Nicki Minaj)

Date[modifica | modifica wikitesto]

femme fatale tour.
Data Città Paese Luogo Biglietti venduti/ disponibili
Nord America
16 giugno 2011 Sacramento Stati Uniti Stati Uniti Power Balance Pavilion 20,000 / 20,000
19 giugno 2011 San Jose HP Pavilion 15,000 / 17,000
20 giugno 2011 Los Angeles Staples Center 15,000 / 15,000
22 giugno 2011 Phoenix Jobing.com Arena 17,000 / 17,000
24 giugno 2011 Anaheim Honda Center 18,000 / 18,000
25 giugno 2011 Las Vegas MGM Grand Garden Arena 11,000 / 11,000
28 giugno 2011 Portland Rose Garden 20,000 / 20,000
29 giugno 2011 Tacoma Tacoma Dome 19,000 / 20,000
1º luglio 2011 Vancouver Canada Canada Rogers Arena 17,000 / 17,000
4 luglio 2011 Winnipeg MTS Centre 15,000 / 15,000
6 luglio 2011 Saint Paul Stati Uniti Stati Uniti Xcel Energy Center 18,000 / 18,000
8 luglio 2011 Chicago United Center 21,000 / 21,000
9 luglio 2011 Milwaukee Marcus Amphitheater
12 luglio 2011 Dallas American Airlines Center 21,000 / 21,000
13 luglio 2011 Houston Toyota Center 20,000 / 20,000
15 luglio 2011 New Orleans New Orleans Arena 15,000 / 16,485
17 luglio 2011 Atlanta Philips Arena 18,000 / 18,000
18 luglio 2011 Nashville Bridgestone Arena 17,000 / 17,000
20 luglio 2011 Orlando Amway Center 18,500 / 18,500
22 luglio 2011 Miami American Airlines Arena 21,000 / 21,000
23 luglio 2011 Jacksonville Veterans Memorial Arena 14,141 / 14,141
26 luglio 2011 Cleveland Quicken Loans Arena 20,562 / 22,000
28 luglio 2011 Detroit The Palace of Auburn Hills 22,000 / 22,000
30 luglio 2011 Filadelfia Wells Fargo Center 21,600 / 21,600
31 luglio 2011 Washington Verizon Center 20,173 / 20,173
2 agosto 2011 Uniondale Nassau Coliseum 16,234 /16,234
3 agosto 2011 New York Madison Square Garden 40,000 / 40,000
4 agosto 2011
5 agosto 2011 East Rutherford Izod Center 20,000 / 20,000
6 agosto 2011 Atlantic City Boardwalk Hall 14,770 / 14,770
8 agosto 2011 Boston TD Garden 17,560 /17,560
9 agosto 2011 Hartford XL Center
11 agosto 2011 Montréal Canada Canada Bell Centre 25,500 / 25,500
13 agosto 2011 Toronto Air Canada Centre 39,600 / 39,600
14 agosto 2011
17 agosto 2011 Grand Rapids Stati Uniti Stati Uniti Van Andel Arena 10,686 / 11,000
19 agosto 2011 Pittsburgh Consol Energy Center 19,000 / 19,000
22 agosto 2011 Indianapolis Conseco Fieldhouse 14,400 / 14,400
24 agosto 2011 Raleigh RBC Center 19,600 / 19,600
25 agosto 2011 Charlotte Time Warner Cable Arena
Europa
22 settembre 2011 San Pietroburgo Russia Russia Palazzo del ghiaccio 12,300 / 12,300
24 settembre 2011 Mosca Olimpiysky 35,000 / 36,687
27 settembre 2011 Kiev Ucraina Ucraina Palazzo dello Sport di Kiev 12,000 / 12,000
30 settembre 2011 Budapest Ungheria Ungheria Budapest Sports Arena 12,500 / 12,500
1º ottobre 2011 Zagabria Croazia Croazia Arena Zagreb 24,000 / 24,000
3 ottobre 2011 Zurigo Svizzera Svizzera Hallenstadion 11,200 / 11,200
5 ottobre 2011 Amnéville Francia Francia Galaxie Amnéville
6 ottobre 2011 Parigi Palais Omnisports de Paris-Bercy 20,300 / 20,300
8 ottobre 2011 Anversa Belgio Belgio Sportpaleis 23,001 / 23,001
10 ottobre 2011 Herning Danimarca Danimarca Boxen 20,000 / 20,000
11 ottobre 2011 Malmö Svezia Svezia Malmö Arena 13,700 / 13,700
14 ottobre 2011 Helsinki Finlandia Finlandia Hartwall Areena 13,506 / 13,506
16 ottobre 2011 Stoccolma Svezia Svezia Globen 14,119 / 14,119
18 ottobre 2011 Colonia Portogallo Portogallo Lanxess Arena 19,500 / 19,500
19 ottobre 2011 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi Ahoy Rotterdam 15,818 / 15,818
21 ottobre 2011 Montpellier Francia Francia Park&Suites Arena 10,700 / 10,700
24 ottobre 2011 Dublino Irlanda Irlanda The O2 9,300 / 9,300
25 ottobre 2011 Belfast Regno Unito Regno Unito Odyssey Arena 11,000 / 11,000
27 ottobre 2011 Londra The O2 Arena 40,000 / 40,000
28 ottobre 2011
30 ottobre 2011 Birmingham LG Arena 11,000 / 11,000
31 ottobre 2011 Londra Wembley Arena 12,300 / 12,300
3 novembre 2011 Newcastle Metro Radio Arena 22,000 / 22,000
5 novembre 2011
6 novembre 2011 Manchester Manchester Evening News Arena 21,000 / 21,000
9 novembre 2011 Lisbona Portogallo Portogallo Pavilhão Atlântico 12,500 / 12,500
Asia
11 novembre 2011 Abu Dhabi Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti Yas Arena 100,000 / 110,000
Sud America
15 novembre 2011 Rio de Janeiro Brasile Brasile Praça da Apoteose 24,000 / 24,000
18 novembre 2011 San Paolo Arena Anhembi 35,000 / 35,000
20 novembre 2011 La Plata Argentina Argentina Stadio Ciudad de La Plata 53,000 / 53,000
22 novembre 2011 Santiago Cile Cile Estadio Nacional de Chile 56,000 / 56,000
24 novembre 2011 Lima Perù Perù Estadio Monumental "U" 80,093 / 80,093
26 novembre 2011 Bogotá Colombia Colombia Simón Bolívar Metropolitan Park 50,00 / 50,000
28 novembre 2011 Caracas Venezuela Venezuela Estadio de Fútbol Universidad Simón Bolívar 12,000 / 12,000
Nord America
1º dicembre 2011 Guadalajara Messico Messico Estadio Tres de Marzo 30,015 / 30,015
3 dicembre 2011 Città del Messico Foro Sol 26,000 / 26,000
4 dicembre 2011 Monumento a la Revolución 80,000 / 80,000
6 dicembre 2011 Monterrey Auditorio Banamex 23,122 / 23,122
8 dicembre 2011 Santo Domingo Rep. Dominicana Rep. Dominicana Estadio Olímpico Félix Sánchez 27,000 / 27,000
10 dicembre 2011 San Juan Porto Rico Porto Rico José Miguel Agrelot Coliseum 18,163 / 20,000

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Britney Spears Portale Britney Spears: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Britney Spears