Euridice Axen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Euridice Axen nel 2006

Euridice Evita Axen (Roma, 20 settembre 1980) è un'attrice e doppiatrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È figlia dell'attrice svedese Eva Axén e dell'attore, regista e doppiatore italiano Adalberto Maria Merli; Euridice porta il cognome della madre, poiché il padre biologico non l'ha mai riconosciuta legalmente.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Attrice di teatro, radio e televisione nonché doppiatrice, debutta sul palcoscenico nel 2003, interpretando il ruolo di Fedra ne Il Minotauro, diretta da F. Bianconi. Nel 2006 è protagonista in Memorie dal sottosuolo di Fedor Dostoevskij, regia di e con Gabriele Lavia. Nel 2007 è protagonista del Matrimonio di Anton Čechov, diretto e interpretato da Fabio Poggiali. Tra il 2005 e il 2006 appare su Canale 5 nel ruolo di Monica Graziosi nella soap opera CentoVetrine; quindi entra nel cast di un'altra soap, Vivere, in cui riveste fino al 2007 il ruolo di Valeria Castri. Nel 2009 è tra i protagonisti della serie televisiva di Rai 1 Medicina generale nel ruolo di Letizia Conti.

Dal 2010 al 2012 è protagonista, nel ruolo del capitano dei Carabinieri Lucia Brancato, nella serie di Canale 5 R.I.S. Roma - Delitti imperfetti; nel frattempo, nel 2011 è anche nel cast principale della serie di Rai 1 Cugino & cugino, al fianco di Giulio Scarpati e Nino Frassica, ricevendo inoltre il Premio Margutta.[2] Dal 2013 è nella serie TV Le tre rose di Eva con il ruolo di Veronica Torre, e nello stesso anno prende parte al videoclip Alla fine di Renato Zero, diretto da Alessandro D'Alatri. A teatro, sempre nel 2014 è insieme a Simone Montedoro nella commedia Se tornassi indietro, mentre l'anno seguente, ancora con Montedoro e Stefano Fresi, recita nella commedia Zio Pino; è inoltre al cinema con Crushed Lives - Il sesso dopo i figli di Alessandro Colizzi.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

  • Madame BonaparteRai Radio 2
  • Rasputin – Rai Radio 2

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dipiù, settembre 2013.
  2. ^ Premio Margutta 2011 a Fiorello su tgcom24.mediaset.it, 10 giugno 2011. URL consultato il 27 febbraio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]